fotografia

Fotografia. Tutti a Brescia per il Festival

Diciamolo francamente. Checché se ne dica la fotografia in Italia non ha sfondato come prodotto artistico, se non in rare eccezioni. Sono nate gallerie ad hoc, mostre dedicate, festival e concorsi ma finora non si è riuscite a bissare l’interesse e i successi del nord Europa.

La prossima settimana, il nuovo Brescia Photo Festival – a Brescia, dal 7 al 12 marzo – ha l’ambizione di porsi come evento annuale di livello internazionale dedicato appunto alla fotografia.
“Brescia Photo Festival 2017” sarà connotato da un tema di carattere generale – quest’anno individuato in People – che muterà anno dopo anno.
Il Festival è promosso e organizzato da Fondazione Brescia Musei e dal Macof-Centro della fotografia italiana – con il sostegno di Comune di Brescia, MO.CA. e della Fondazione ASM – e la collaborazione di Silvana Editoriale e LABA, alla cui creatività si deve il logo e l’immagine coordinata del festival.
Le iniziative che dovrebbero portare più pubblico andranno comunque più avanti rispetto al 12 marzo. Ma perché Brescia? Risponde Luigi Maria Di Corato, Direttore di Bresci Musei, secondo il quale Brescia  ha sempre avuto un forte legame con la fotografia, prova ne sono le molteplici iniziative pubbliche e private in atto, oltre che una concentrazione di centri di alta formazione, associazioni, spazi espositivi, gallerie, collezionisti e professionisti di valore nazionale ed internazionale. Basti pensare che per un decennio si è tenuta a Brescia, su iniziativa privata, una biennale internazionale di fotografia che ha portato in città alcune dei principali fotografi da tutto il mondo”. Sarà probabilmente così, ma l’impatto in un contesto generale di crisi deve ancora essere verificato.
Il festival prevede due sedi principali, il Museo di Santa Giulia e il MA.CO, dove saranno radunate le principali esposizioni. Un ruolo importante avrà anche “Il Festival in città” con un ampio programma di mostre nelle gallerie e in altri spazi privati della città, mentre al Cinema Eden sarà proietto un ciclo di film documentari con le biografie dei grandi fotografi.“People”, il tema di questa prima edizione, permetterà un focus sulla rappresentazione della comunità umana in ogni sua forma e in un momento di particolare complessità come quello che stiamo vivendo. Dato il tema, grande spazio sarà dedicato al fotogiornalismo.

Per la prima di Brescia Photo Festiva si aprirà la prima mondiale di “Leggere”, inedita produzione made in Brescia, del mitico fotografo statunitense Steve McCurry.
Ma a connotare l’edizione 2017 sarà anche la concomitanza con un anniversario di rilievo nella storia della fotografia. Il riferimento è ai 70 anni della agenzia internazionale di fotogiornalismo Magnum Photo, che vede al suo interno alcuni tra i più grandi fotografi del mondo.

Pubblicato il

Itinerarinellarte.it