Appuntamenti

Paradisoterrestre con Roberto Matta a MULTIPLI di ARTEFIERA 2023

Paradisoterrestre partecipa per la prima volta ad ARTEFIERA 2023 nella sezione MULTIPLI con uno stand monografico dedicato all’artista Roberto Matta (1911-2002), figura seminale del movimento surrealista e mentore di diversi esponenti dell’espressionismo astratto, una delle personalità più interessanti del XX secolo, con la sua produzione fra arte e design.
Alidor armchair by Roberto Matta - ph.Mattia Tonelli

Saranno esposte ceramiche realizzate nella Bottega Gatti di Faenza negli anni ’90, rarissime cartelle e quattro sedute in edizione limitata: dall’archivio Matta le poltrone in resina Alidor e Amatta e dal catalogo Paradisoterrestre le riedizioni delle opere d’arte funzionali in bronzo Margarita e Sacco Alato, parte della collezione Ultramobile pensata da Dino Gavina nel 1971.


Roberto Sebastián Antonio Matta Echaurren (1911 – 2002) nasce a Santiago del Cile dove studia architettura. Nel 1934 si reca a Parigi per lavorare come apprendista nello studio dell’architetto Le Corbusier. Incontra Salvador Dalí e André Breton e abbandona l’atelier di Le Corbusier per aderire al movimento surrealista. Nel 1939 si ritrova a New York con André Breton, Max Ernst, Yves Tanguy e tutto il gruppo surrealista. Durante gli anni ’40 la pittura di Matta anticipa molte innovazioni dell’Espressionismo astratto, influenzando diversi artisti della cosiddetta Scuola di New York, in particolare Gorky e Motherwell. Nel 1948 rompe con i surrealisti e ritorna in Europa, stabilendosi a Roma nel 1953. Alla fine degli anni ’50 Matta è un artista di fama internazionale, con opere esposte in importanti musei di Londra, New York, Venezia, Chicago, Roma, Washington e Parigi. A metà degli anni ’60 inizia una collaborazione con Dino Gavina che porterà alla realizzazione di pezzi diventati iconici nel mondo del design quali Malitte (1966) e per la collezione Ultramobile (1971) Margarita, Sacco Alato e MAgriTTA. Tra le sue mostre più importanti le retrospettive tenute al Museum of Modern Art di New York nel 1957 e al Centre Pompidou a Parigi nel 1985.

Comunicato stampa

Pubblicato il

Itinerarinellarte.it

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso