Mostre tematicheMostre a Pisa

1984-2024 - Cercare l'Alabastro. L'Alabastro Ritrovato

  • Quando:   23/03/2024 - 09/05/2024
1984-2024 - Cercare l'Alabastro. L'Alabastro Ritrovato

Tra il 1984 e il 1988 il Comune di Volterra e la Comunità Montana della Val di Cecina dettero vita a una serie di iniziative volte a riqualificare la produzione dell'alabastro all'interno di Corsi di formazione professionale. Da ciascuna di esse scaturì un numero significativo di oggetti che furono esposti in mostre pubbliche documentate in altrettanti cataloghi.

Quella che viene presentata oggi si riferisce alla prima edizione, "Cercare l'Alabastro", e a una selezione di opere della seconda (Manola Del Testa, Alessandra Lucque, Mino Trafeli, Kenichi Usami).

1984 Cercare l'Alabastro

Dal 19 maggio al 25 giugno 1984 si teneva nel cortile di Palazzo Minucci Solaini la mostra CERCARE L'ALABASTRO: "una verifica", più che una mostra (come si legge nella presentazione del catalogo di allora), del lavoro finanziato dall'Amministrazione Comunale di Volterra e dalla Comunità Montana della Val di Cecina e condotto da un team di architetti, artisti e designers in concorso con gli artigiani dell'alabastro.
Il progetto si svolse presso i laboratori dell'Istituto d'Arte all'interno di un Corso di formazione per giovani artigiani dell'alabastro disoccupati, guidato dai maestri Giuliano Mannucci e Mino Scarselli.

A dirigere l'iniziativa erano stati chiamati i designers Carlo Bimbi e Nilo Gioacchini i quali, a loro volta, coinvolsero nel progetto i colleghi Cecilia Bonisoli, designer, Isanna Generali, artista e performer, lo "Studio Arcanto" (oggi sciolto), avvalendosi del prezioso contributo operativo della Cooperativa Artieri. Dal punto di vista tecnico si presero in considerazione le varie lavorazioni in uso presso le botteghe volterrane: la scultura, l'intarsio, la tornitura, la squadratura, l'ornato.

A fianco di questa iniziativa lo storico dell'architettura e del design Mauro Cozzi fu incaricato di condurre un'ampia e dettagliata ricerca storica su Volterra e l'alabastro, che dette vita alla pubblicazione "Alabastro. Volterra dal Settecento all'Art Deco" pubblicata nel 1986.... leggi il resto dell'articolo»

2024 L'Alabastro Ritrovato

Dopo quarant'anni L'Alabastro Ritrovato si propone di riportare all'attenzione di Volterra e del pubblico oggetti che rappresentano il primo, importante incontro tra artigianato e design. Il progetto nel suo complesso fu premiato nel 1987 con la segnalazione al "Compasso d'Oro" (della giuria faceva parte Philippe Starck) e ottenne numerose recensioni positive sulle riviste specializzate.

Il gruppo di lavoro dette vita a una collezione di oggetti in alabastro il cui intento era quello di esplorare le possibilità espressive e culturali di questo materiale. Si tratto' di una felice esperienza collettiva realizzatasi in un periodo lungo, in un clima di grande libertà espressiva, in un costante confronto e con la preziosa collaborazione dei maestri artigiani.

Negli anni '80 del post-modern e del ritorno a un percorso estetico attento al decoro e ai valori della storia, c'era l'idea di fondo che fosse possibile incidere sulla produzione delle botteghe artigiane, dotate di grandissima sapienza manuale, rileggendo le splendide collezioni del Museo Guarnacci, così ricche di fonti di ispirazione, o prestando attenzione alle storiche raccolte di disegni della Cooperativa Artieri dell'Alabastro, o ancora attingendo al patrimonio comune di studi sull'arte e la geometria.

Così sono nati i piccoli totem in alabastro e bronzo e le elegantissime forme tornite di Carlo Bimbi, i piccoli e preziosi profumatori di "Studio Arcanto", il mito classico nel panneggio di "Ester", la Grande Madre di Isanna Generali, opera impegnativa e rara per le grandi dimensioni della scultura. La stessa città di Volterra è stata fonte d'ispirazione per la realizzazione di souvenir fragili e struggenti nel progetto di Cecilia Bonisoli e le molteplici "A" di Alabastro, un caleidoscopio di idee e possibilità nel meta-progetto di Nilo Gioacchini.

La mostra è dunque un invito a considerare il valore del passato anche recente, così vivo, ricco, fertile e vibrante in una città speciale come Volterra. Ancora una volta la città di Volterra, depositaria della pregiata e preziosa produzione alabastrina, scommette che nel suo futuro l'alabastro continuerà a vivere e ad avere il posto che si merita nella grande storia dell'artigianato artistico italiano.

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso

Mostra: 1984-2024 - Cercare l'Alabastro. L'Alabastro Ritrovato

Volterra, Palazzo dei Priori, nella Sala del Giudice Conciliatore

Apertura: 23/03/2024

Conclusione: 09/05/2024

Curatore: M. Lisa Guarducci e di Carlo Bimbi

Indirizzo: Piazza dei Priori, 20 - 56048 Volterra (PI)



Altre mostre a Pisa e provincia

Arte contemporaneamostre Pisa

Anna Paglia. L'altro lato del sogno / Abitare una poesia

E' stata prorogata fino al 24 Aprile 2024 presso presso il GAMeC CentroArteModerna di Pisa la mostra personale "L'altro lato del sogno / Abitare una poesia". leggi»

06/04/2024 - 24/04/2024

Toscana

Pisa

Ingresso libero