FotografiaMostre a Belluno

Buona notte, ghiacciai. Ice Memory

  • Quando:   23/12/2023 - 31/03/2024
Buona notte, ghiacciai. Ice Memory

"Buona notte, ghiacciai": in mostra il progetto Ice Memory, riconosciuto dall'UNESCO, al Lagazuoi EXPO Dolomiti.

Lagazuoi EXPO Dolomiti apre la stagione invernale con la mostra sul progetto Ice Memory, in collaborazione con Fondazione Università Ca' Foscari Venezia e Istituto Scienze Polari del Consiglio Nazionale delle Ricerche CNR. Protagonisti di "Buona notte, ghiacciai" sono i ricercatori internazionali che dal 2015 prelevano "carote" dalle profondità dei ghiacciai, salvandole dagli effetti del riscaldamento climatico, per custodirle in Antartide, preservando un archivio di dati unico sul passato del pianeta.

La nostra storia è scritta nel ghiaccio. Nel cuore delle Dolomiti, Lagazuoi EXPO Dolomiti porta i visitatori direttamente in un contesto estremo, ai confini del mondo: "dentro" i ghiacciai. A partire dal prossimo 23 dicembre, nel polo espositivo che sorge nella stazione di arrivo della funivia Lagazuoi, a quota 2.732 metri, apre la mostra dedicata ad Ice Memory, progetto riconosciuto dall'UNESCO. "Buona notte, ghiacciai" è un racconto che affonda nel passato più remoto e ci spinge ad immaginare come sarà il futuro.

Ice Memory: una corsa internazionale contro il tempo

Il riscaldamento globale sta mettendo in pericolo i ghiacciai, che custodiscono informazioni climatiche insostituibili riguardanti la storia del clima e dell'ambiente. Un patrimonio che ci permette da un lato di indagare sul passato - prossimo e remoto – del nostro pianeta, e dall'altro di migliorare la nostra capacità di prevedere le conseguenze future del cambiamento climatico, orientando così le nostre scelte. Perciò a partire dal 2015 è nato il progetto Ice Memory, che vede affiancarsi varie equipe internazionali – tra le quali il team italiano guidato da Carlo Barbante, direttore dell'Istituto di Scienze Polari del CNR e professore all'Università Ca' Foscari_Venezia. Gli scienziati stanno prelevando, sulle Alpi e in altri punti del pianeta, delle carote di ghiaccio, dei cilindri di 10 centimetri di diametro e profondi come il ghiacciaio. È grazie a campioni come questi che è possibile ricostruire la variabilità naturale del clima prima che le emissioni industriali e il gas serra inneschino un innalzamento accelerato delle temperature globali. Analizzando le carote è possibile comprendere come il pianeta reagisca a questi fenomeni: un'informazione di fondamentale importanza nel momento in cui occorre decidere quali azioni intraprendere per mitigare i danni causati dal cambiamento climatico. Questi campioni di ghiaccio verranno poi trasferiti in una remota area dell'Antartide utilizzata come "frigorifero" naturale. Qui nascerà un archivio che nei decenni a venire potrà essere analizzato senza limiti di tempo dalle future generazioni di scienziati, con strumenti che ancora non conosciamo. È un dono dei ricercatori di oggi a quelli del futuro.... leggi il resto dell'articolo»

Buona notte, ghiacciai: l'allestimento al Lagazuoi EXPO Dolomiti

Chi sale a Lagazuoi è invitato ad entrare in punta di piedi in un ambiente affascinante quanto poco conosciuto. La mostra, curata da Erica Villa e Enrico Costa, è abbinata a un catalogo online in italiano, inglese e tedesco – scaricabile con QR Code – che permette di approfondire i temi trattati.

Nella prima sala si proiettano i video dedicati alle missioni scientifiche di Ice Memory, girati sul campo dal fotografo e videomaker Riccardo Selvatico: la luce è ovattata, la scenografia è immersiva, e sulle quattro pareti compaiono panorami sconfinati e distese di ghiaccio visivamente di grande impatto, abbinati a un breve testo poetico. Si ascoltano i suoni che emettono i ghiacciai in fase di fusione: sussurri, gorgoglii, scrosci e ticchettii registrati con microfoni speciali direttamente dal ghiacciaio Morteratsch, in Svizzera, rielaborati dall'artista Ludwig Berger. Un tappeto sonoro avvolgente, che suggerisce un'intima connessione con l'ambiente.

La seconda sala è dedicata a due progetti paralleli e uniti da una forte affinità tematica, Ice Memory e Memoria dei Ghiacci: quest'ultima è un'iniziativa di divulgazione cofinanziata dal Ministero dell'Università e della Ricerca, guidata dalla Fondazione Università Ca' Foscari Venezia. Da un lato scopriamo, attraverso video e interviste, come lavorano i ricercatori di Ice Memory, ascoltando il racconto delle loro missioni su ghiacciai alpini e alle Svalbard, in Artico (missioni che hanno ottenuto un finanziamento del Ministero dell'Università e della Ricerca). Dall'altro, grazie a Memoria dei Ghiacci, osserviamo una delle conseguenze più evidenti del riscaldamento climatico: il ritiro dei ghiacciai, che sta avvenendo a ritmo impressionante. Una serie di proiezioni mostra il "prima" e il "dopo". Questo confronto diventa possibile anche grazie al sito web e alla app Memoria dei Ghiacci, che presentano dati e immagini sui principali ghiacciai alpini e offrono a tutti la possibilità di contribuire al monitoraggio inviando al team di ricerca le proprie foto.

Protagonista assoluta della terza sala – e simbolo dell'intera mostra – è un'autentica carota di ghiaccio prelevata in uno dei siti del progetto, già pronta per essere trasportata in Antartide. Custodita dentro un freezer, rivela al pubblico i suoi segreti come un libro, strato dopo strato. In questo ambiente trova posto anche un manichino vestito con abiti originali del progetto Ice Memory, specialmente adatti a climi estremi, realizzati da Karpos e Aku per i ricercatori. Infine, spazio ai dati – rielaborati in una veste grafica d'impatto – legati alla Marmolada, una delle montagne simbolo delle Dolomiti, visibile direttamente dal Lagazuoi. Il suo ghiacciaio, meta turistica in estate e in inverno, si è dimezzato in appena 25 anni, e pare destinato a scomparire in poco tempo.

L'intero percorso espositivo è un invito ad esplorare un ambiente insolito ma estremamente prezioso per il nostro futuro, sostenendo la ricerca scientifica. Una maggiore consapevolezza collettiva è il punto di partenza necessario per provare ad invertire la rotta.

Lagazuoi EXPO Dolomiti_Nel 2018 la stazione di arrivo della Funivia Lagazuoi, a quota 2732 metri, si è trasformata in una galleria d'arte, un polo espositivo altamente tecnologico e un laboratorio di idee sulla montagna e sui modelli di turismo slow e sostenibile. Lagazuoi EXPO Dolomiti è un luogo di rielaborazione culturale che genera veri e propri contenuti curatoriali, come Lagazuoi Winning Ideas Mountain Awards, un concorso che punta i riflettori su materiali, tecnologie, applicazioni, soluzioni high tech legati alle terre alte, e Lagazuoi Photo Award, che punta a sviluppare un linguaggio visivo originale sulla montagna. In questa struttura accessibile e autosufficiente sul piano energetico trovano posto sale espositive, una sala per manifestazioni e meeting e un terrace bar, che rendono il complesso un luogo perfetto per ospitare eventi. Tutto questo in una posizione strategica, tra Cortina d'Ampezzo e l'Alta Badia, nel cuore delle Dolomiti Patrimonio Unesco.

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso

Buona notte, ghiacciai. Ice Memory

Apertura: 23/12/2023

Conclusione: 31/03/2024

Organizzazione: Lagazuoi EXPO Dolomiti, Ca' Foscari Venezia, Istituto Scienze Polari del CNR

Curatore: Erica Villa e Enrico Costa

Luogo: Cortina d'Ampezzo, arrivo della funivia Lagazuoi

Indirizzo: Passo Falzarego - 32043 Cortina d'Ampezzo (BL)

Per info: lagazuoi@lagazuoi.it | +39 0436 5921

Sito web per approfondire: https://lagazuoi.it/