Frankenstein

  • Quando:   04/05/2024 - 05/05/2024
  • evento concluso

TeatroEventi e spettacoli a Milano


Frankenstein
© OHT. Frankenstein Ph Giacomo Bianco

OHT-Office for a Human Theatre presenta "Frankenstein", il 4 e 5 maggio 2024 alle 20.30 presso Assab One a Milano.

Scritto a soli diciannove anni da Mary Shelley, Frankenstein o il moderno Prometeo è non soltanto il capostipite dell'horror fantascientifico, ma anche una profetica anticipazione delle ansie contemporanee sul destino dell'ambiente: a questo classico della letteratura occidentale OHT – Office for a Human Theatre ha dedicato Frankenstein, l'ultima produzione della compagnia, che arriva a Milano con una versione site-specific, in collaborazione con Threes Productions negli spazi di Assab One, sabato 4 e domenica 5 maggio, all'interno del programma della seconda edizione del Festival internazionale di teatro Presente Indicativo | Milano Porta Europa organizzato dal Piccolo Teatro.

Con Frankenstein OHT si misura per la prima volta con un classico restituendo nella sua versione quello stesso corto-circuito che sta all'origine della creatura, invitandoci a fare i conti con quello che siamo soliti omettere alla vista e consideriamo mostruoso.

Nel 1816 l'eruzione del vulcano Tambora – la più potente mai registrata – generò la più grande anomalia climatica della storia, l'Anno-Senza-Estate, causato dalla nebbia sulfurea del vulcano che, offuscando la stratosfera, abbassò le temperature, provocò violenti temporali e carestie in Europa, Nord America e Asia. È questo il contesto in cui viene pubblicato Frankenstein, che dunque non è solo un'icona letteraria ma una reazione; in quel clima distopico, infatti, una compagnia di giovani intellettuali, rinchiusi a causa del maltempo a Villa Diodati sul lago di Ginevra, si cimenta nella stesura di un racconto del terrore su invito dell'ospite Lord Byron.

Filippo Andreatta, che dal 2008 con OHT si dedica all'esplorazione dei rapporti fra teatro, paesaggio, architettura e ambiente, parte da questa suggestione e, nella sua lettura scenica, fa muovere la creatura del dottor Frankenstein in un primordiale paesaggio da cui emerge la superbia dell'uomo nel voler manipolare il corpo, la vita e le leggi della Natura. Nella messa in scena, i paesaggi esteriori si confondono con quelli interiori, gli strapiombi del Monte Bianco diventano vertigini intime, e luoghi inaccessibili delle Alpi accolgono questa creatura inafferrabile che progressivamente impara a conoscersi. Il demone e il paesaggio diventano tutt'uno mentre Victor Frankenstein non sembra più in controllo di ciò che lo circonda.... leggi il resto dell'articolo»

Nello spettacolo di OHT, Frankenstein rivela il suo carattere di romanzo di formazione e, per la prima volta, il mostro parla come artefice del nostro immaginario, nostro concittadino, nostro pari mostruoso, rivelandosi come un bambino a cui appaiono i primi colori, le cui mani iniziano ad afferrare, le cui labbra articolano le prime parole.

Questa nuova produzione di OHT si muove dall'esperimento del dottor Frankenstein e opera affondi nel testo: il romanzo di Shelley diventa materiale da esaminare, sezionare, ricucire: un corpo disponibile per esperimenti scenici, nello stesso tempo spettacolo, reading session, installazione, radiodramma e album musicale, parti di un'unica sperimentazione che avanza nel romanzo e ne indaga le ramificazioni.

Sabato 4 maggio alle ore 22.00, dopo la rappresentazione, la serata prosegue con "Mixtape Silvestre" in cui l'attrice e regista Silvia Costa e Davide Tomat, e il compositore e sound-designer, daranno vita a un selvatico collage di ululati e atmosfere ispirate al mondo sonoro della parte mancante.

Domenica 5 maggio alle ore 18.00, prima dello spettacolo, Filippo Andreatta presenta il libro dedicato a Frankenstein in un dialogo con Francesca Rigato / ZERO: una pubblicazione che raccoglie la ricerca e i viaggi di Andreatta nei luoghi del mostro e che ha esso stesso un aspetto mostruoso.

Tra le pagine di Mary W. Shelley, infatti, appaiono le forme sceniche e i materiali prodotti dall'incontro tra OHT e il romanzo: lembi, frammenti, lacerti di opere la cui vita avviene altrove e che interagiscono con il testo dell'autrice facendolo esplodere in sovrapposizioni e assemblaggi attraverso cui leggere anche il nostro presente.

Fondato nel 2008, OHT [Office for a Human Theatre] è lo studio di ricerca del regista  teatrale e curatore Filippo Andreatta, il cui lavoro si occupa di paesaggio e di politica personale sottilmente affrontata nello spazio pubblico e privato. OHT ha collaborato a livello nazionale e internazionale con, tra gli altri, La Serre Arts Vivants (CA), la Biennale di Venezia, Fondazione Haydn Stiftung, fondazione i Teatri Reggio Emilia, Short Theatre festival, Romaeuropa festival, Triennale Teatro Milano, the Josef and Anni Albers Foundation (USA), Whitechapel Gallery Londra (UK), Istituto Italiano di Cultura di Vienna (AT) e MAXXI museo delle arti del XXI secolo Roma (IT). Infine, Centrale Fies è partner regolare di vari progetti. OHT è stata premiata per eccellenza artistica, con premi come Nuove Sensibilità per giovani registi teatrali (2008), premio Movin'Up per giovani artisti (2016 e 2017), OPER.A 20.21 Fringe (2017) e una nomina come Miglior Allestimento Scenico ai premi UBU (2018).

Frankenstein: performance di OHT Office for a Human Theatre | regia, scena e scrittura Filippo Andreatta | tratto da Mary W. Shelley, Clarice Lispector | suono e musica Davide Tomat | performer Silvia Costa, Stina Fors | assistente regia Veronica Franchi | luci Andrea Sanson | responsabile allestimento Cosimo Ferrigolo | costumi Lucia Gallone | sculture di scena e automazioni Plastikart Studio | busto di cera e maschere Nadia Simeonkova | fondale dipinto Paolino Libralato | tecnico Orlando Cainelli | stage tecnico Rebecca Quintavalle | amministrazione Lucrezia Stenico | sviluppo e comunicazione Anna Benazzoli | fotografie Giacomo Bianco | teaser Anouk Chambaz | produzione OHT | coproduzione TPE Teatro Piemonte Europa, Snaporazverein | residenza artistica Centrale Fies | con il contributo di MiC, Provincia Autonoma di Trento, Fondazione Caritro di Trento e Rovereto

Spettacolo in lingua italiana e inglese con sovratitoli in italiano e inglese

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso

Frankenstein

MIlano - Assab One

Apertura: 04/05/2024

Conclusione: 05/05/2024

Organizzazione: OHT-Office for a Human Theatre

Curatore: Filippo Andreatta

Indirizzo: via privata Assab 1 - 20132 Milano

Per info: info@assab-one.org

Sito web per approfondire: https://www.oht.art/it/