Emergenza Coronavirus - Il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 3 novembre 2020 prevede la sospensione dal 5 novembre al 3 dicembre 2020 di mostre e servizi di apertura al pubblico dei musei, degli archivi, delle biblioteche, delle aree archeologiche e dei complessi monumentali di cui all'articolo 101 del Codice dei beni culturali e del paesaggio. Si prega di prenderne visione e comunque di contattare le istituzioni responsabili e gli enti organizzatori in caso di dubbio.

Lorenzo Pacini - "épater le bourgeois"

  • Quando:   dal  31/10/2020  al  22/11/2020

Arte contemporanea‎

Lorenzo Pacini - épater le bourgeois

Una mostra organizzata da Hangart studio e heart – PULSAZIONI CULTURALI
in collaborazione con Ponte43

a cura di

Simona Bartolena e Armando Fettolini
in collaborazione con Silvia Manazza

dal 31 ottobre al 22 novembre
Hangart studio - Via Bargiggia, 4 Pavia

Orari di apertura:

da lunedì a venerdì 10.00 – 12.00 / 15.00 – 18.00

sabato e domenica su appuntamento telefonando al 334 9625953 oppure 335 6718438

épater le bourgeois
locuz. fr. (propr. «sbalordire il borghese»). Meravigliare a buon mercato la gente, con parole e affermazioni paradossali, con atteggiamenti anticonformistici o spregiudicati, per il gusto di stupire e scandalizzare.

heart – PULSAZIONI CULTURALI e Hangart studio – due realtà distanti in termini geografici ma vicinissime nelle attitudini e nelle finalità e unite da una profonda affinità elettiva – hanno dato inizio a una collaborazione che prevede scambi e interazioni culturali e mostre organizzate a quattro mani. La prima proposta non poteva che riflettere lo spirito di ricerca che accomuna le due associazioni: una mostra personale di Lorenzo Pacini, artista fiorentino, abilissimo nello svelare con le sue opere i vizi, le debolezze, le ipocrisie della società contemporanea.

épater le bourgeois ragiona, fin dal titolo, sui meccanismi perversi della comunicazione di massa, tema particolarmente attuale in un periodo in cui false notizie, allarmismi, bugie, di ogni genere si mescolano, quando addirittura non si sovrappongono, alla verità, rendendola opaca, confusa, talvolta illeggibile.

Oggi per comunicare è necessario rendersi visibile: l’esagerazione, il tentativo di cavalcare le paure più profonde della gente, la strumentalizzazione dei dati sono ottimi alleati, strumenti preziosi per emergere, farsi notare, ritagliarsi il proprio spazio di notorietà. Da sempre ostile al chi-grida-più-forte ma anche alla passività delle masse che assorbono ogni impulso e lo seguono senza farsi domande, Lorenzo Pacini affida alla propria ricerca artistica il compito di metterci di fronte alla situazione con svelata ironia, strappandoci un sorriso molto amaro e invitandoci a ragionare e reagire.

La mostra riunisce una selezione di opere realizzate dall’artista negli ultimi anni. Lorenzo Pacini classe 1970 e un percorso sempre calibrato e credibile, è uscito e entrato dalla pittura, dalla scultura, dall’installazione senza sosta e senza limiti, giocando con le tecniche, gli stili, i linguaggi, con una sola e coerente intenzione: far pensare. Pacini usa l’immagine (resa opera d’arte con medium e tecniche diverse, secondo le necessità dei singoli casi) per svegliare le nostre coscienze e scuotere le nostre intelligenze. Ma Pacini non è né giudice né censore. Non c’è severità nel suo sguardo, né tanto meno rabbia. C’è piuttosto l’irriverenza di un bambino un po’ monello ma simpatico. C’è un’affilata ironia.

Spesso in questa carica di sarcasmo percepiamo una velata malinconia, una sorta di trattenuta e scoraggiato pietismo per questa società allo sbando, vittima ogni giorno di messaggi pericolosi quanto falsi e infondati e di occulti messaggeri.
Data la situazione contingente la mostra non potrà avere un'inaugurazione tradizionale. Nella giornata di sabato 31, dalle ore 15.00 alle ore 19.00, l'artista e i curatori della mostra saranno presenti in sede espositiva.

Informazioni

L'ingresso è limitato a 6 persone per volta. Obbligo della mascherina e misurazione della temperatura corporea prevista all'ingresso.

dal 31 ottobre al 22 novembre

Hangart studio Via Bargiggia , 4 - Pavia

Orari di apertura

da lunedì a venerdì 10.00 – 12.00 / 15.00 – 18.00

sabato e domenica su appuntamento telefonando al 334 9625953 oppure 335 6718438

Organizzazione: Hangart studio e heart - Pulsazioni culturali

Curatore: Simona Bartolena e Armando Fettolini

Luogo: Hangart studio - Pavia

Indirizzo: Via Bargiggia , 4 - Pavia