M(a)y Fiber. Percorsi di arte e tessile tra tradizione e sostenibilità

  • Quando:   04/05/2024 - 02/06/2024
  • ultimi giorni

Fiber artMostre a Varese


M(a)y Fiber. Percorsi di arte e tessile tra tradizione e sostenibilità

Un mese di maggio all'insegna della fiber art e della sostenibilità con "M(A)Y FIBER – Percorsi di arte e tessile tra tradizione e sostenibilità", evento diffuso in programma da sabato 4 maggio a domenica 2 giugno, promosso dall'Amministrazione comunale in collaborazione con l'associazione Arte & Arte e Fondazione Pistoletto Cittadellarte e il sostegno di numerosi sponsor e partner tecnici. Una serie di proposte per gli appassionati di questa declinazione dell'arte contemporanea e appaganti per chi è in cerca di nuovi stimoli.

La rassegna approfondisce il tema del tessile, settore economico da sempre nel dna della città, nei suoi molteplici rapporti con l'arte, tecnica e la sostenibilità ambientale attraverso diverse proposte:

Michelangelo Pistoletto

Due opere iconiche del Maestro biellese: la "Venere degli stracci" è esposta a Palazzo Marliani Cicogna e il "Terzo Paradiso" esposto nel Giardino quadrato del Museo del Tessile. Creata nel 1967, la Venere, opera che ha avuto diverse repliche, nella versione allestita a Busto Arsizio è realizzata con tessuti di aziende del territorio impegnate nell'ambito della sostenibilità tessile.

Il Terzo Paradiso, opera del 2003, deriva dal simbolo dell'infinito come ricerca di una nuova sintesi fra natura e società, sviluppata dal maestro con diversi materiali e in differenti contesti, fino alla creazione del Terzo Paradiso in grès porcellanato che riporta i 17 obiettivi per lo sviluppo sostenibile dell'agenda 2030. Già esposta all'ONU, questa versione dell'opera è in città proprio in occasione di M(A)Y FIBER.... leggi il resto dell'articolo»

Grazie alla presenza delle due opere del Maestro, inoltre, prenderà avvio un tavolo di lavoro sulla sostenibilità, che vedrà coinvolti la Fondazione Cittadellarte Onlus, artisti e aziende locali.

Quinta edizione di Miniartextil 2024 - Museo del Tessile e della Tradizione Industriale

Presso le sale gemelle del Museo del Tessile e della Tradizione Industriale, collocato in un importante edificio storico di archeologia industriale (fino alla seconda metà del secolo scorso sede del Cotonificio Bustese), si svolge la rassegna Miniartextil 2024, promossa dall'Associazione culturale Arte&Arte di Como, che porta una selezione di installazioni e di opere di piccole dimensioni, i cosiddetti minitessili.

Studi professionali e sedi di aziende della città ne ospitano una parte, accogliendo il pubblico anche in occasione di vernissage e finissage.
In particolare, A&A Studio Legale è la location della mostra personale di Kato Kimiyasu "Anima sottile", con sculture cinetiche; presso De Piante Editore si terrà "Contemporanea tradizione", con due opere di Valeria Scuteri; nello Studio Legale Puce & Partners verrà allestita "L'essenziale è invisibile agli occhi", esposizione personale del co-fondatore di Miniartextil Mimmo Totaro con alcune opere dello storico della rassegna stessa; da Boardwalk srl sarà visitabile la mostra personale di Antonio Bernardo, dal titolo "Annotazioni".

"I segreti del Blu" - Museo del Tessile e della Tradizione Industriale

Il Museo (negli spazi del secondo piano) è inoltre teatro di I segreti del Blu, una mostra tecnica sul colore blu in ambito tessile e tintorio: accanto a campionari, etichette e riviste d'epoca, tessuti, filati e prove di tintura verranno presentate opere tessili contemporanee, alcune appositamente realizzate o rielaborate.

Il Servizio di Didattica Museale e Territoriale proporrà visite guidate per adulti e - in occasione del 18 maggio, International Museum Day - un laboratorio per famiglie con bambini. 

La Fiber Art, il ritmo dei telai e Busto 

"Fiber art" viene comunemente reso in italiano con "arte tessile": una dicitura che rischia di essere fuorviante, dato che gli artisti non si limitano alla tessitura ma plasmano le "materie prime" – fibre sintetiche e naturali di origine vegetale e animale, filati e tessuti – in opere tridimensionali attraverso, per esempio, l'annodatura, l'attorcigliamento, l'infeltrimento, l'intreccio, il lavoro con aghi, ferri e uncinetti.

Il legame di Busto Arsizio con questa arte non è affatto nuovo: la prima edizione di Miniartextil in città risale al 2018 e da allora si sta costituendo una piccola collezione civica proprio di opere tessili. Per comprendere sia le ragioni della connessione sia la portata di "M(A)Y FIBER" è però necessario fare un passo indietro, molto indietro.

Se si venisse catapultati nel borgo di Busto Arsizio di epoca medievale, ci si ritroverebbe in una quotidianità scandita dal rumore ritmico dei telai installati nelle case degli agricoltori, per i quali la produzione di tessuti costituiva una preziosa entrata alternativa. Gli stabilimenti e le relative ciminiere (ben cento!) che avrebbero realizzato chilometri e chilometri di tarlisu e bombasina – tipiche tele di cotone robusto, oggi celebrate nelle maschere del Carnevale cittadino - sarebbero sorti solo verso la fine dell'Ottocento. Grazie agli illuminati imprenditori che ne furono alla guida, il borgo operoso si trasformò in città prospera e all'avanguardia, in cui l'industria cotoniera andava a braccetto con quella meccanica. Nel secondo Dopoguerra l'economia tessile bustocca raggiunse l'apogeo e la città poté fregiarsi del soprannome di "Manchester d'Italia".

Il tessile e lo spirito imprenditoriale, dunque, sono nel DNA di Busto Arsizio, nel senso che ne hanno tradizionalmente permeato la socialità e la cultura.
Ecco perché M(A)Y FIBER non avrebbe potuto vedere la luce altrove.
Ed ecco perché oggi Busto può essere di nuovo definita, senza temere smentite, una "capitale" del tessile.

La rassegna ha il patrocinio della Regione Lombardia e della Provincia di Varese e può contare sul sostegno di numerosi sponsor e partner tecnici (vedi scheda a parte).

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso

M(a)y Fiber. Percorsi di arte e tessile tra tradizione e sostenibilità

Busto Arsizio - Palazzo Marliani Cicogna, evento diffuso

Apertura: 04/05/2024

Conclusione: 02/06/2024

Organizzazione: Comune di Busto Arsizio, Arte & Arte, Fondazione Pistoletto Cittadellarte

Indirizzo: Piazza Vittorio Emanuele II, 2 - 21052 Busto Arsizio

Inaugurazione: sabato 4 maggio dalle ore 16.30 – sala conferenze Museo del Tessile

Venere degli Stracci - Civiche Raccolte d'Arte Palazzo Marliani Cicogna | Piazza Vittorio Emanuele II, 3

Orario: martedì - giovedì 14.30-18.00 | venerdì 9.30-13.00 e 14.30-18.00 | sabato 14.30-18.30 | domenica 15.00-18.30 | lunedì chiuso

Miniartextil 2024 - Terzo Paradiso - Sale Gemelle del Museo del Tessile | Via Galvani
Orario: martedì - mercoledì 14.30-18.00 | giovedì 14.30-21.00 | venerdì 9.30-13.00 e 14.30-18.00 | sabato 11.00-18.30 | domenica 11.00-18.30 | lunedì chiuso

I Segreti del Blu - Museo del Tessile e della Tradizione Industriale | Via Alessandro Volta, 6/8 secondo piano

Orario: martedì - giovedì 14.30-18.00 | venerdì 9.30-13.00 e 14.30-18.00 | sabato 14.30-18.30 | domenica 15.00-18.30 | lunedì chiuso

Biglietto unico: 10 euro + diritti di prevendita | gratuito fino a 25 anni compresi e dai 65 anni compresi | gratuito tutti i giovedì dalle 16.00 alle 18.00