Raccontami il 900

  • Quando:   21/04/2024 - 16/06/2024

Incontri e culturaEventi e spettacoli a Milano


Raccontami il 900

In occasione della mostra "L'arte della ricostruzione" a cura di Melina Scalise, un ciclo di conferenze per confrontarsi tra ieri e oggi: uno stimolo per costruire domani. I primi appuntamenti con Fabiola Giancotti, curatore, scrittrice e film maker d'arte. 

Presso la Casa Museo Spazio Tadini, dove ha sede l'Archivio Emilio Tadini è in corso una mostra sull'Arte della ricostruzione a cura di Melina Scalise, responsabile dell'archivio. Tra documenti d'epoca e opere di artisti importanti del Novecento, amici di Emilio Tadini, si racconta un periodo storico denso di eventi e spunti di riflessione.

Con l'occasione sono in programma un ciclo di incontri sull'arte del Novecento che si svolgeranno di domenica, una volta al mese, alle ore 11.00

I primi appuntamenti saranno svolti da Fabiola Giancotti, curatore, scrittrice e produttrice di documentari sull'arte.

L' ingresso è ad offerta libera. il 21 aprile, il 26 maggio e il 16 giugno 2024 e sviluppando approfondimenti su alcune correnti artistiche (Land Art, Pop Art e Futurismo) con un focus su alcuni dei protagonisti più rilevanti: Cristo e Jeanne-Claude, Andy Warhol e Valerie Solanas, Alberto Bragaglia. ... leggi il resto dell'articolo»

Il calendario

domenica 21 aprile | ore 11 offerta libera

L'arte del Novecento, Land art
CHRISTO E JEANNE- CLAUDE
L'ARTE, I SOLDI, LA RIUSCITA. NON C'È PIÙ BUROCRAZIA
Il 13 giugno 1935, nasce a Gabrovo, in Bulgaria Christo. Lo stesso giorno, a Casablanca, in Marocco, nasce Jeanne-Claude. Si incontrano nel 1958. Dal 1963, "Le opere destinate al pubblico sono firmate da Christo e Jeanne-Claude, i disegni da Christo". Hanno "impacchettato" monumenti dell'intero pianeta riscontrando enorme interesse. Di questi lavori, oltre ai resoconti sulla stampa, restano i disegni di Christo, la cui vendita ha finanziato le varie performance. Hanno lavorato insieme fino alla morte di lei, nel 2009. Christo è morto nel 2020.

domenica 26 maggio | ore 11 offerta libera

L'arte del Novecento, La pop art
ANDY WARHOL E VALERIE SOLANAS
LA FACTORY, LA PELLICOLA E LO SQUARCIO
Tra il 1962 2 il 1968, Andy Warhol apre il suo studio di New York City al quinto piano della 231 East 47th Street a Midtown Manhattan e lo chiama THE FACTORY. Qui si incontrano, scrivono, producono e vivono, di giorno e di notte, tutti quegli artisti che Warhol accoglie nella sua bottega: pittori, registi, commediografi, scrittori, fotografi... La Factory è l'esperienza di vita che nessuno può mancare. Chi non è accolto si preclude la conversazione e lo scambio, e la reazione è sempre traumatica. Quando Valerie Solanas capisce che l'incontro è impossibile spara un colpo di pistola a Andy Warhol.

domenica 16 giugno | ore 11 offerta libera

L'arte del Novecento, Il Futurismo
ALBERTO BRAGAGLIA, IL FUTURISMO E L'AVVENIRE DELLA CITTÀ
Alberto Bragaglia (Frosinone 1896-Anzio 1985) eredita la tradizione, i miti, le arti e i mestieri della sua famiglia, sia da parte della madre, la nobildonna Maria Tassi Visconti, sia da parte del padre, l'ingegnere Francesco Bragaglia. I fratelli Anton Giulio, Carlo Ludovico e Arturo sono protagonisti dell'arte, del teatro, del cinema e della fotografia italiana a partire dagli anni Venti. Fondatori e promotori del Teatro degli Indipendenti e della Casa d'arte Bragaglia a Roma, hanno contribuito alla cultura italiana del Novecento e alla diffusione del futurismo in Europa.
Laureato in filosofia e in giurisprudenza, frequentatore degli atelier di via Margutta e di villa Strohl Fern, amico di Umberto Boccioni e Giacomo Balla, Alberto espone, dal 1927, a Parigi, a Roma, a Salonicco. Insegna fino al 1985. Il fratello Anton Giulio definisce Alberto Bragaglia pictor-philosophus. Egli risulta, infatti, il teorico più acuto del futurismo. Autore della Panplastica e della Policromia Spaziale Astratta, elabora elabora con la pittura queste teorie scandendo, del moto di forme e colori, un ritmo differente dall'"eterna velocità onnipresente" e dalla "violenza travolgente e incendiaria" del Futurismo di Marinetti. Il clamore e il chiasso tacciono dinanzi alla grazia lirica della danza e della musica che l'arte di Alberto Bragaglia restituisce.

In autunno con date ancora da concordare altri incontri tra cui 

TUTTE LE GUERRE DEL MONDO NELLA GUERNICA DI PICASSO offerta libera
Il racconto in forma di teatro su testo di
FABIOLA GIANCOTTI con GUALTIERO SCOLA chitarrista e con le testimonianze di: Pablo Picasso, George Steer, Dora Maar, Paul Éluard, Leonardo da Vinci, Niccolò Machiavelli e molti altri con immagini, documenti, film e musica dal vivo.

Nel 1937, Picasso riesce a imprimere sulla tela, in modo incancellabile, l'inaudita violenza di quel bombardamento che distrusse Guernica, durante la cruenta guerra civile spagnola. Rimase in piedi solo l'albero — l'albero della libertà — nel centro della città. GUERNICA. A ottantasette anni dalla prima esposizione e a più di cinquanta dalla morte di Picasso, la questione della guerra si pone in tutto il mondo.

PICASSO, BEUYS E GUTTUSO. TRE ARTISTI A CONFRONTO offerta libera
a cura di Chiara Materazzo

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso

Raccontami il 900

Milano - Casa Museo Spazio Tadini

Apertura: 21/04/2024

Conclusione: 16/06/2024

Organizzazione: Archivio Emilio Tadini

Indirizzo: via Jommelli, 24 20213 Milano

Ingresso: ad offerta libera. Si consiglia la prenotazione, consente la visita del museo

Visita guidata alla mostra "L'arte della ricostruzione": ore 10.00 | 10 euro, prenotazione obbligatoria

Per info e prenotazioni: melina@spaziotadini.com

Sito web per approfondire: https://spaziotadini.com/