Sabino de Nichilo. Estinzione

  • Quando:   16/09/2023 - 14/10/2023
  • evento concluso

Arte contemporaneaMostre a PescaraPescara


Sabino de Nichilo. Estinzione
Sabino de Nichilo, Estinzione - Esperimento n. 5 (particolare), 2023, grès smaltato e invetriato, materiali refrattari

Estinzione di Sabino de Nichilo. Un climax incalzante, schietto e anti-utopico accoglie radicalmente il groviglio di distruzione e creazione proprio del farsi del mondo, come condizione immanente, irreversibile quanto inquieta, metamorfica e mutante.

Sabino de Nichilo, in un progetto site specific che unisce opere ceramiche e dipinti, ci trasporta in trasformazioni ibride, nate oltre lo scenario della sesta estinzione di massa, dove la materialità di corpi compositi si staglia nei luoghi del quotidiano: in un passato abitativo che appare superstite e lascia emergere il passaggio del tempo, la genesi di nuove forme in materia duttile e lucida, tentacolare, affiorata e assommata in superfetazioni verticali promiscue o alterità parassitali, invade e si appropria degli spazi, ripopolando un habitat di rovine e macerie, lungo i resti di un collasso antropico, sovrascrivendo entità ecologiche tra simbiogenesi pluralistiche.

Come scrive la curatrice: «Le sculture ceramiche, articolate come vite silenti e rizomorfe appartenenti alle zone d'ombra, alle profondità dell'humus, si evidenziano come conformazioni intricate e sinuose che dominano e colonizzano prepotentemente anche lo sguardo in diramazioni anarchiche, ma ritmiche, trattenendo il loro enigma, la loro mutualistica esistenza unita al dissimile, formante un ecosistema autonomo e dinamico. L'artista, nella sapienza e padronanza tecnica, approda ad una libertà formale virtuosa e intrigante, esteticamente barocca, che coglie le fragilità e caducità della physis insieme all'audacia e determinazione concreta con cui si violano i confini dell'equilibrio, dove la distruzione della simmetria e proporzione armonica conduce a nuove cognizioni e congiunzioni d'insieme, tra mirabilia e dramma. Le opere pittoriche nel turbine di cromie e nel tratto fluido di viluppi miceliari appaiono come sistemi radicanti vegetativi trasposti dall'universo ctonio in esuberanze coloristiche vivide, un ordine nascosto di fitte reti intercomunicanti che procedono e prolificano rimescolandosi in turbolenze e connessioni vivifiche imprevedibili. Sabino de Nichilo porta in luce un mondo ignoto e stupefacente in espansioni cromatiche veloci, interludi alla pratica scultorea che raggiungono un'acme linguistica fantasmagorica intrinseca alla ricerca».

La mostra Estinzione si situa nel processo dell'esistere e del divenire, senza soccombere all'astrazione futuribile, ma percorrendo l'inarrestabile continuità della vita, di una natura in perpetua evoluzione.

Sabino de Nichilo nasce a Molfetta (BA) nel 1972. Si diploma in scultura all'Accademia di belle arti di Roma, la città in cui vive e lavora. Dopo un esordio espositivo nel 2009, si dedica all'organizzazione di mostre (è tra i fondatori nel 2017 del progetto curatoriale Casa Vuota) e si avvicina alla pratica scultorea, all'installazione, alla pittura e alla performance. Metabolizzando le istanze culturali del Post Umano, le sue ultime sperimentazioni sono Esperimenti di estinzione volti a osservare i limiti dei processi evolutivi. Per le sue sculture utilizza la ceramica, a volte assemblata con elementi naturali e sintetici, come medium principale di una ricerca che esplora il confine tra organico e inorganico. Privando l'umano della sua unità e degli attributi che lo definiscono e lo decodificano culturalmente, Sabino de Nichilo modella oggetti carnali che sembrano lacerti di una macellazione o di un'autopsia, osservati però con un distacco ironico e incruento. Attraverso essi, porta alla luce una visceralità sentimentale che addomestica l'alienità di un'anatomia mutante con le cromie spesso sgargianti degli smalti, su cui aggiunge accenti metallici, grazie alla cottura a terzo fuoco.
Nel 2018 nelle sale del Museo Archeologico Fondazione "De Palo-Ungaro" di Bitonto (Bari) viene allestita Viscere, la sua prima mostra personale. È del 2019 la sua seconda personale, Organi da asporto, ospitata da L29 Art Studio a Roma, con un testo critico di Lorenzo Madaro. Nel 2023 si tiene Innen und aussen, doppia personale di Sabino de Nichilo e Dario Molinaro alla MoMart Gallery di Matera a cura di Antonello Tolve.
Tra le mostre collettive più recenti si segnalano nel 2019 Miradas cruzadas alla Fondazione "Horcynus Orca" di Messina a cura di Andrea Iezzi, nell'ambito del progetto La Cultura è Capitale dell'Ambasciata di Spagna in Italia, e Mediterraneo Keramikòs 2020 al Museo Nazionale della Ceramica "Duca di Martina" in Villa Floridiana a Napoli a cura di Lorenzo Fiorucci, nel 2020 Basic Necessities, un progetto di SpazioY e ABC Collective, a Roma e Pezzi Unici alla Galleria Gallerati di Roma a cura di Noemi Pittaluga, nel 2021 40days a Quasi Quadro a Torino a cura di Mattia Lapperier e BACC. La forma del vino - Premio internazionale di Ceramica alle Scuderie Aldobrandini di Frascati (Roma), nel 2022 Points of departure alle Officine Brandimarte di Ascoli Piceno a cura di Linda Sironi e la mostra dei finalisti del Premio Arteam Cup nella Fortezza del Priammar di Savona a cura di Matteo Galbiati e Livia Savorelli, nel 2023 La potenza del pensiero alla Residenza delle arti dell'Ambasciata d'Italia a Berna a cura di Antonello Tolve e Silvio Mignano e Antropomachie al Palazzo dei Capitani del Popolo di Ascoli Piceno a cura di Ado Brandimarte. Nel 2021 riceve la Menzione d'onore al XXVIII Concorso di Ceramica Contemporanea di Grottaglie (Taranto). Nel 2023 vince come Migliore Artista il Premio Sparti 2023 ad Ascoli Piceno.

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso

Mostra: Sabino de Nichilo. Estinzione

Pescara - Spazio 16 Civico

Apertura: 16/09/2023

Conclusione: 14/10/2023

Organizzazione: Spazio 16 Civico

Curatore: Nicoletta Provenzano

Indirizzo: Strada Provinciale San Silvestro, 16 - 65129 Pescara

Inaugurazione: sabato 16 settembre, ore 18.30

Informazioni:16civico@gmail.com | tel 3402537653

Orari: Dalle 18 alle 20 | Nei giorni successivi l’inaugurazione è necessaria la prenotazione.



Altre mostre a Pescara e provincia

Arte contemporaneamostre Pescara

Eugenio Tibaldi. ET2020/24

Fondazione La Rocca presenta a Pescara e Chieti "ET2020/24", ampia personale dedicata ad Eugenio Tibaldi, dal 6 luglio 2024. leggi»

06/07/2024 - 12/10/2024

Abruzzo

Pescara

Arte contemporaneamostre Pescara

Ma.Co - Maratona del Contemporaneo: Stills of Peace and Everyday Life 2024

Prosegue fino all'8 settembre 2024 tra Pescara e Atri, "Stills of Peace and Everyday Life", rassegna in dialogo con il Messico sul tema della Global Humanity. leggi»

06/07/2024 - 08/09/2024

Abruzzo

Pescara

Ingresso libero

Arte contemporaneamostre Pescara

Luigi Fuschetto al Museo delle Genti d'Abruzzo

I paesaggi dolci di Luigi Fuschetto in mostra al Museo delle Genti d'Abruzzo a partire da sabato 13 fino al 27 luglio, nello Spazio Arte. leggi»

13/07/2024 - 27/07/2024

Abruzzo

Pescara

Arte contemporaneamostre Pescara

Alfredo Pirri. Luogo Pensiero Luce

Dal 21 giugno al 10 agosto 2024, il Museolaboratorio d'Arte Contemporanea di Città Sant'Angelo (Pe) presenta "Alfredo Pirri. Luogo Pensiero Luce". leggi»

21/06/2024 - 10/08/2024

Abruzzo

Pescara

Arte contemporaneamostre Pescara

Naturale Artificiale

Dal 24 maggio 2024 l'Aeroporto Internazionale d'Abruzzo ospita "Naturale Artificiale", mostra sull'avventura del viaggio, con l'installazione "Skateboarding is not a crime" di Alessandro Gabini. leggi»

24/05/2024 - 24/05/2025

Abruzzo

Pescara

Arte contemporaneamostre Pescara

Lorenzo Scotto di Luzio. Tout le monde se fout des fleurs

Per la sua prima personale nello spazio della galleria Vistamare a Pescara, Lorenzo Scotto di Luzio si concentra sulla pittura, che ha sempre avuto un ruolo centrale nella sua produzione. leggi»

13/05/2024 - 27/09/2024

Abruzzo

Pescara