archeologia

Sul Golan, in Israele, trovato un nuovo teatro romano

Un grande teatro romano è stato scoperto in uno scavo archeologico condotto dall'Università di Haifa nella città di Sussita (Hippos) sulle alture del Golan.

Il teatro si trova al di fuori delle mura della città vecchia, cosa che ha portato  ricercatori ed archeologi a credere che è stato utilizzato principalmente per riti religiosi, piuttosto che come un luogo di intrattenimento. Nuovi scavi archeologici  si stanno moltiplicando in tutto Israele soprattutto in prossimità delle città romane, che a loro volta seguivano le costruzioni lasciate soprattutto da Alessandro Magno, e si vengono a scoprire nuove verità storiche che arricchiscono la cultura del paese e creano nuovi siti da visitare.

Gli scavi al di fuori della città di Hippos (che vuol dire cavallo) negli ultimi anni sono diventati "un giallo", come ha affermato Michael Eisenberg dell'Università di Haifa, che è responsabile del gruppo di lavoro presente sul Golan, e che ha presentato la nuova scoperta alla conferenza annuale dei ricercatori presso l'Istituto Zinman di Archeologia. 

"In primo luogo abbiamo trovato una maschera del dio Pan, poi la porta monumentale che conduce a quello che abbiamo iniziato a considerare che fosse un grande complesso pubblico, probabilmente  un santuario. E ora, quest'anno, abbiamo trovato un bagno pubblico e  un teatro nello stesso luogo, entrambe le strutture del periodo romano potrebbero essere associate con la medicina del dio Asclepio o agli  dei della natura come Dioniso e Pan. Tutti questi ritrovamenti suggeriscono che un grande santuario era al di fuori delle mura della città”, una struttura che cambia tutto ciò che i ricercatori sanno di Sussita.

E’ del tutto possibile che migliaia di visitatori vennero a teatro su queste colline non per vedere l'ultimo spettacolo in città, ma a partecipare a riti in onore di uno degli dei del pantheon greco-romano. A quei tempi Sussita o Hippos era una città di primo piano nella zona a est del Mar di Galilea e le alture del Golan. il ritrovamento del teatro testimonia l’importanza della città stessa, posta in una zona, il Golan,  ai confini con il Libano e la Siria, che anche in un recente passato, per altre ragioni, è stata strategica. Ora questa area di Sussita ( che è una parola ebraica) è diventata un parco nazionale tutta tesa allo sviluppo del turismo culturale.

 

Pubblicato il

Itinerarinellarte.it