Mostre al MAMbo

Bologna: Fotografia e Architettura per scoprire il territorio rurale

Prosegue al MAMbo di Bologna fino al 7 gennaio 2024 la mostra "Architettura e fotografia nelle campagne dell'Emilia-Romagna. Maura Savini, rilievi e progetti - Guido Guidi, fotografie".
Guido Guidi, Granarolo - in mostra al MAMbo

Il 5 dicembre si è celebrata la Giornata Mondiale del Suolo.

«Senza terra non c'è vita. Abbiamo bisogno di capire quanto sia fondamentale la terra in ogni nostra giornata di vita sul pianeta, quanto sia determinante per la sopravvivenza di ogni essere vivente. Dovremmo imparare a camminarci su con rispetto, a usarla con delicatezza e a respingere ogni abuso». ha affermato Francesco Sottile, membro del board di Slow Food.

Il territorio rurale e le campagne dell'Emilia-Romagna sono protagonisti al MAMbo di Bologna fino al 7 gennaio 2024 della mostra "Architettura e fotografia nelle campagne dell'Emilia-Romagna. Maura Savini, rilievi e progetti - Guido Guidi, fotografie".

Un architetto, Maura Savini, e un fotografo, Guido Guidi, sono protagonisti di una mostra a cura di Lorenzo Balbi, che è parte del progetto Architettura rurale in Emilia-Romagna, vincitore di Strategia Fotografia 2022.

In mostra anche sei nuove opere fotografiche di Guido Guidi, visibili per la prima volta al pubblico in questa occasione, che entreranno a far parte della collezione permanente del museo, oltre a 29 produzioni fotografiche inedite di Guidi riferibili ai territori di Granarolo, Minerbio e San Giorgio di Cesena.

Fanno da contrappunto alle fotografie di Guidi, disegni e i rilievi architettonici, oltre ai documenti storici (disegni, mappe, cabrei) e ai materiali fotografici, presentati per la prima volta al MAMbo, che documentano la ricerca condotta da Maura Savini sulle architetture, sull'organizzazione del suolo e sugli insediamenti dell'area padana, dei quali la logica funzionalista non sembra in grado di spiegare le forme.

Architettura e fotografia per delineare una condizione ancora possibile per la creazione di quella che Cattaneo chiama patria artificiale, cioè l'ambiente trasformato dall'opera umana che costituisce la scena fissa della nostra vita.

Scopri di più sulla mostra... leggi il resto dell'articolo»

Non perdere nessuna delle mostre in corso a Bologna e provincia.


La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso

Pubblicato il

Itinerarinellarte.it