mostre

L'Afrique des routes: millenni di storia e arte nel continente nero

E’ difficile parlare di arte africana se non si fa riferimento alla sua storia. Una storia ancora tutta da ricostruire e metterla in relazione a quanto è arrivarto in vario modo fino a noi nel corso dei secoli. La sensibilità dei francesi nei confronti del continente nero è stata sempre elevata e questo spiega la mostra “L’Afrique des routes” (l’Africa delle strade) che aprirà i battenti a Parigi al Musée du Quai Branly-Jacques Chirac dal 31 gennaio fino al prossimo mese di novembre. Una mostra i cui connotati sono molteplici ma che, secondo gli organizzatori, tende a sensibilizzare l’opinione pubblica per il riconoscimento dell'Africa come continente coinvolto nella storia del mondo . Qui, le "strade" d'Africa, che sono fluviale, terrestre, marittima, commerciale, di migrazione, coloniale e a volte spirituali; hanno contribuito al movimento e ai contatti di uomini, materiali e opere.
Dalla preistoria ai tempi moderni, l'Africa ha dato e ricevuto dall'esterno. La selezione delle opere basate sull'estetica e l'istruzione, mette in evidenza la ricchezza di questi scambi, che hanno sempre alimentato le culture e le arti dell'Africa e dei suoi vicini che hanno iniziato qui migliaia di anni prima dell'arrivo delle prime navi portoghesi alla fine del XV secolo. Lo testimonia le sculture, i lavori in metallo e avorio, dipinti e altre opere presentate in questa mostra.

Molti gli oggetti esposti provenienti da tutto il mondo oltre ai 220 che fanno parte della collezione di proprietà del Museo. Una collezione che parte da una pietra proveniente dal deserto del Sahara su cui è incisa l’immagine di una giraffa. Da quest’arte rupestre del quinto millennio avanti Cristo fino ai nostri giorni e a tutte le influenze, dalla porcellana cinese in Madagascar ai culti e rituali del Candomblé del Sud America alle opere contemporanee più significative come quelle del nigeriano Yinka Shonibare.

Una sezione della mostra è dedicata ad opere d’arte che circolavano in Africa prima del colonialismo e provenienti da varie località, da perle indiane fino a monete d’oro islamiche.

Pubblicato il

Itinerarinellarte.it