10×10 Ballocco / Grignani / Veronesi. Dieci anni della galleria 10 A.M. ART

  • Quando:   30/11/2023 - 24/02/2024
  • evento concluso

Arte contemporaneaMostre a Milano


10×10 Ballocco / Grignani / Veronesi. Dieci anni della galleria 10 A.M. ART

Dal 30 novembre 2023 al 23 febbraio 2024 la galleria 10 A.M. ART di Milano, nella sua sede di corso San Gottardo 5, organizza la mostra 10×10 Ballocco / Grignani / Veronesi. Dieci anni della galleria 10 A.M. ART.

Così scrive il curatore Paolo Bolpagni:

Nel gennaio del 2024, 10 A.M. ART festeggerà i propri primi dieci anni di attività. Nell'occasione, oltre all'elaborazione di un nuovo logo che accompagnerà d'ora in poi l'immagine della galleria, condensando graficamente l'idea della coerenza della ricerca, dell'immediatezza e della semplificazione formale, è stata concepita una mostra che pone a confronto tre artisti storicizzati e della stessa generazione, accomunati dall'aver gravitato su Milano e dall'esser stati sperimentatori, precursori nei rispettivi campi e fautori di un legame fra la pittura e il design: Mario Ballocco (1913-2008), Franco Grignani (1908-1999) e Luigi Veronesi (1908-1998).

Peraltro si tratta di figure su cui si è concentrato precocemente il lavoro di promozione e valorizzazione storico-critica portato avanti dalla galleria 10 A.M. ART, definendone la linea, oggi ben riconoscibile.
Esponenti dell'aniconismo, ma ognuno in chiave innovativa, Ballocco, Grignani e Veronesi approdano in momenti differenti a questo linguaggio. Dobbiamo considerare che in Italia l'astrattismo, che pure aveva conosciuto le precoci sperimentazioni di Romolo Romani, Giacomo Balla e Alberto Magnelli, si era manifestato piuttosto in ritardo rispetto ad altri Paesi europei: durante gli anni Venti soltanto alcuni Futuristi (penso a Prampolini e a Fillia) avevano tentato - in parallelo, comunque, a soluzioni meno radicali - la via della non-figurazione. Nel decennio successivo, invece, si radunano in Lombardia due importanti nuclei di elaborazione di un idioma pittorico compiutamente astratto-concreto, allineato alle coeve esperienze straniere (soprattutto francesi): uno raccolto a Milano intorno alla Galleria Il Milione, gestita dai fratelli Peppino, Livio e Gino Ghiringhelli; l'altro sviluppatosi nella vicina Como (patria, si ricordi, di Antonio Sant'Elia) grazie all'opera di artisti quali Manlio Rho, Mario Radice, Aldo Galli e Carla Badiali (ma pure con il significativo contributo indiretto degli architetti Giuseppe Terragni, Cesare Cattaneo e Alberto Sartoris).
Dei tre, però, soltanto Veronesi è in contatto, e da "marginale", se così si può dire, con il gruppo del Milione; Ballocco, allievo di Aldo Carpi, è ancora attestato su posizioni diverse, figurative, mentre Grignani approda a un personale astrattismo di sapore costruttivista per via sperimentale, quasi da isolato.
Nel dopoguerra i rispettivi cammini si avvicineranno: da un lato l'aniconismo "originario" sviluppato dal 1948 - al rientro dall'Argentina - da Ballocco e l'accostamento di Veronesi al M.A.C. e poi a una sensibilità vagamente informalista; dall'altro, già a partire dal 1949, le indagini di Grignani intorno ad aspetti tissurali di subpercezione, distorsione e induzione. Lui e Ballocco, in questo, negli anni Cinquanta saranno i due grandi precursori italiani (e non soltanto) delle ricerche cinetiche e optical che sarebbero in seguito esplose, quasi come una moda, con la nascita dei vari gruppi e collettivi che aderiranno alla "Nuova Tendenza".
Veronesi, dal canto suo, tornerà al nitore delle proprie composizioni geometriche, ma senza tentare l'indagine dei fenomeni percettivi analizzati invece dai due colleghi. Ad accomunare tutti e tre, al di là di un eventuale fascino esercitato su di loro dall'esthétique du nombre e dalla possibilità di basare certi equilibri formali su determinate proporzioni, sta l'amore per il numero e per la razionalità strutturale, derivante dalla profonda consapevolezza del caos e del mistero del mondo "apparente", fenomenico, rispetto a un'altra realtà - quella astratta, cioè dell'arte - che la mente riesce a inventare, costruire e proporre secondo infinite armonie, e nella quale, davvero, è possibile trovare un ordine universale, quello stesso che i Greci avevano individuato nella sezione aurea, e i maestri del Quattrocento toscano nella "divina proporzione".
L'idea di una pittura basata sull'espressione numerica, che ha avuto il suo padre moderno in Seurat, e che nel Novecento è stata incarnata soprattutto da alcune declinazioni dell'astrattismo, in Ballocco, Grignani e Veronesi si configura dunque alla stregua di un "antidoto", di una certezza da opporre all'inconoscibilità del reale. Perciò l'armonia instabile e "cinetica" delle loro opere, se da una parte è il riflesso di una fiducia cartesiana nel raziocinio scientifico, dall'altra comunica un'immagine della vita in quanto enigma: se mi si passa la metafora, è come se nei lavori dei tre artisti le forme - proprio alla pari di noi esseri umani - vivessero nello spazio senza conoscere da dove vengono e in quale direzione vanno.
Un ulteriore fattore di collegamento tra Ballocco, Grignani e Veronesi è costituito, lo si anticipava, dal loro essere pittori e insieme designers e grafici, senza distinzioni gerarchiche tra i diversi rami d'attività. L'aspirazione a non lasciar spazio all'espressività soggettiva, alla spontaneità e all'intuizione arbitraria li accomuna: ogni opera è un oggetto, spesso dotato di facoltà analitiche, costruito sulla base di norme precise, di un sistema prestabilito, meditato e calibrato con esattezza e consequenzialità scientifica; e non significa nient'altro che se stesso. L'elemento più importante è che si attenga alla regola individuata, secondo un'originale applicazione del motto kepleriano «ubi materia ibi geometria», alludente all'intima misteriosa struttura che innerva la natura e il cosmo.

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso

Mostra: 10×10 Ballocco / Grignani / Veronesi. Dieci anni della galleria 10 A.M. ART

Milano - Galleria 10 A.M. ART

Apertura: 30/11/2023

Conclusione: 24/02/2024

Organizzazione: Galleria 10 A.M. ART

Curatore: Paolo Bolpagn

Indirizzo: Corso San Gottardo, 5 - 20136 Milano

Orari: Dal martedì al venerdì, dalle 10:00 alle 12:30 e dalle 14:30 alle 18:00

Info: Tel. 02.92889164 - info@10amart.it

Sito web per approfondire: https://www.10amart.it/

Facebook: https://www.facebook.com/10AMART/



Altre mostre a Milano e provincia

Fotografiamostre Milano

AIPAI. Photo Exhibition 23|24

AIPAI Photo Exhibition 23|24 è la rassegna fotografica promossa e organizzata dall'Associazione Italiana per il Patrimonio Archeologico Industriale. leggi»

19/09/2024 - 04/10/2024

Lombardia

Milano

Fotografiamostre Milano

Mimmo Verduci. Humani Florescere

Gilda Contemporary Art presenta la personale del fotografo Mimmo Verduci dal titolo "Humani Florescere" a cura del direttore artistico della galleria Cristina Gilda Artese. leggi»

27/06/2024 - 31/07/2024

Lombardia

Milano

Arte contemporaneamostre Milano

Sidsel Meineche Hansen. Metal Works

Ordet è lieta di presentare Metal Works, la prima mostra dedicata esclusivamente alla produzione in metallo di Sidsel Meineche Hansen. leggi»

25/06/2024 - 28/09/2024

Lombardia

Milano

Arte contemporaneamostre Milano

Emilio Tadini. Tra archeologia e metafisica

Galleria Gracis è lieta di presentare la prossima mostra allestita negli spazi di Piazza Castello 16 dedicata al lavoro dell'artista milanese Emilio Tadini. leggi»

09/05/2024 - 09/07/2024

Lombardia

Milano

Arte contemporaneamostre Milano

Emanuele Scilleri. Overlays

Dal 27 giugno al 15 luglio 2024, la Fabbrica del Vapore di Milano (Spazio Alveare Culturale) ospita la personale del fotografo e artista Emanuele Scilleri, con il progetto inedito "Overlays". leggi»

27/06/2024 - 15/07/2024

Lombardia

Milano

Ingresso gratuito

Fotografiamostre Milano

Martin Parr. Short & Sweet

E' stata prorogata al 28 luglio 2024 la grande mostra fotografica "Martin Parr. Short and Sweet" al Mudec di Milano. leggi»

10/02/2024 - 28/07/2024

Lombardia

Milano

DesignFotografiamostre Milano

Ballo&Ballo. Fotografia e design a Milano, 1956-2005

Dal 14 giugno al 3 novembre 2024 il Castello Sforzesco ospita una grande mostra sullo Studio Ballo+Ballo, centro della spinta culturale che portò il design italiano sulla scena internazionale. leggi»

14/06/2024 - 03/11/2024

Lombardia

Milano

Arte contemporaneamostre Milano

Valerio Adami. Pittore di Idee

Palazzo Reale celebra i sessantacinque anni di carriera di Valerio Adami, tra i maggiori artisti italiani del Dopoguerra, con un'antologica, dal 17 luglio al 22 settembre 2024 a Milano. leggi»

17/07/2024 - 22/09/2024

Lombardia

Milano

Ingresso libero

Arte contemporaneamostre Milano

Aldo Sergio. Guardare negli occhi un coniglio

"Guardare negli occhi un coniglio" è la prima mostra personale di Aldo Sergio, presso la galleria Tommaso Calabro a Milano dal 27 giugno al 14 settembre 2024. leggi»

28/06/2024 - 14/09/2024

Lombardia

Milano