BIG. Biennale Internazionale Grafica: mostre e incontri

  • Quando:   24/05/2024 - 13/07/2024

Arte graficaMostre a Milano


BIG. Biennale Internazionale Grafica: mostre e incontri
Mostra Bob Noorda. Grafico metropolitano. Milano Certosa District

Dal 23 al 26 maggio 2024 a Milano prende il via la prima edizione di "BIG, Biennale Internazionale Grafica", festival diffuso dedicato al design della comunicazione e alle culture visive, ideato e curato da Francesco Dondina. 

Quattro giorni di mostre, installazioni, talk, workshop, progetti sociali ed eventi serali diffusi in tutta la città a partire dall'hub principale del Milano Certosa District e nella sede istituzionale dell'ADI Design Museum. Di seguito degli highlights su mostre ed incontri organizzati nell'ambito della biennale e che proseguono anche oltre il 26 maggio 2024. 

BIG, Biennale Internazionale Grafica Highlights mostre

Milano Certosa District
SIGNS Grafica Italiana Contemporanea – Terza edizione A cura di Francesco Dondina
Signs - Grafica Italiana Contemporanea è una mostra autoriale che propone di volta in volta una selezione di progettisti e studi della grafica italiana, diversi per anagrafe, cultura, formazione, linguaggi. Un dialogo tra mondi diversi che riflettono sulle tante anime del mestiere di grafico, dove le differenze sono da considerarsi un valore culturale.
Gli autori e gli studi selezionati per questa edizione 2024 sono: Laura Bortoloni / Ida Studio, Cappelli Identity Design, Fabrizio Falcone, Federica Fragapane, Francesco Franchi, Alice Guarnieri, jekyll & hyde, LS Graphic Design, Quattrolinee, Susanna Vallebona / Esseblu, Multiplo, VZN Studio. Ad ogni autore o autrice / studio verrà destinato un tavolo sul quale esporre una selezione dei loro lavori più recenti.

A Visual Sound. A journey through sound libraries LP cover design A cura di Luca Barcellona
I dischi di library music sono perlopiù sconosciuti al grande pubblico, eppure esistono dalla fine degli anni '30 e hanno visto cimentarsi fra i loro solchi compositori e musicisti di eccellenza; parliamo di musica tematica prodotta per la tv e la radio, in modo che fossero disponibili commenti sonori di ogni tipo per più svariati scopi, dal musicare un documentario, uno sceneggiato o uno spot pubblicitario, senza dover necessariamente produrre una colonna sonora ad hoc. La loro irreperibilità data dal fatto che non fossero in commercio, ha reso i vinili originali fra gli oggetti più ricordati dai collezionisti. Ma l'altro aspetto più oscuro ed interessante, sono le grafiche delle copertine: non esiste un immaginario specifico per la musica che viene composta, lo si deve immaginare da zero. In questi dischi c'è quindi la libertà massima compositiva sia dal punto di vista musicale, spesso guidato solo da un tema deciso a priori, ma anche dal punto di vista grafico: alcune serie presentano grafiche molto basiche, dove cambia solo il titolo o il colore, altre presentano soluzioni incredibilmente estrose e creative, al limite dell'immaginabile. Luca Barcellona, artista calligrafo ma anche accanito collezionista, seleziona e mette in mostra 100 delle migliori e più rappresentative cover di library direttamente dalla sua collezione personale, per riportare alla luce questi capolavori dal forte impatto grafico e visivo.

Bob Noorda, Grafico metropolitano 
A cura di Francesco Dondina e Catharin Noorda
La mostra è realizzata grazie al supporto di Grafiche Milani che, in occasione del suo centenario nel 2006, ha ricevuto un importante contributo grafico da parte del celebre designer, autore del logo dell'azienda.... leggi il resto dell'articolo»

La linea 1 della metropolitana milanese, progettata alla fine degli anni '50 da Franco Albini e Franca Helg con la grafica di Bob Noorda, rimane a distanza di oltre sessant'anni un esempio magistrale di architettura funzionale e di grafica direzionale. La mostra-installazione vuole rappresentare un omaggio al grande maestro olandese e a uno dei più importanti interventi di segnaletica urbana di tutti i tempi.

Il mare artigiano. Dal mare a Helmut Newton (e ritorno) in sedici tappeti illustrati
Scriveva Bruno Munari in "Il mare come artigiano: "Tu butti qualcosa al mare, e il mare (dopo un tempo imprecisato e imprecisabile) te lo restituisce lavorato, finito, levigato, lucido o opaco secondo il materiale, e anche bagnato perché i colori sono più vivaci. (...) Lui fa solo pezzi unici e irripetibili, come le opere d'arte".
Luca Barcellona, Francesca Bazzurro con Luciana Meazza, Beppe Giacobbe, Valentina Grilli, Guido Scarabottolo, Carlo Stanga, Michele Tranquillini e Francesca Zoboli hanno realizzato opere di grandi dimensioni su ritagli della moquette impiegata per la mostra Helmut Newton Legacy (Palazzo Reale, Milano, 2023). Una moquette ottenuta dal riciclo di rifiuti in plastica recuperati nel mar Mediterraneo: di quei 1800 mq utilizzati per l'allestimento della mostra, 1600 sono stati recuperati e immessi sul mercato mentre 200 mq sono stati consegnati agli artisti.

La vendita delle opere raccoglierà nuovi fondi destinati a Healthy Seas Foundation, un'iniziativa che diffonde consapevolezza sulla prevenzione dei rifiuti marini e organizza pulizie con subacquei volontari con lo scopo di raccogliere da mari e oceani le reti da pesca abbandonate, responsabili della morte inutile della fauna marina.
Dal mare si ritorna al mare, in un ideale modello di economia circolare.

AWDA 5. Aiap Women in Design Award
In mostra i lavori selezionati e premiati nella quinta edizione del premio internazionale Aiap Women in Design Award con un focus su AWDA for Rights! incentrato su progetti che affrontano temi sociali come diritti, lavoro femminile, disparità, che esplorano il potere politico del design. In uno spazio dedicato le curatrici incontreranno ogni giorno designer, ricercatrici, attiviste per ampliare il network.

ADI Design Museum
Il Cava - Antropologia di un personaggio A cura di Anna Dusi
Tralasciando volutamente le pur inevitabili tentazioni di 'suggestione nostalgica', lo scopo di questo evento è di far esplorare il lavoro di Osvaldo Cavandoli, una risorsa inesauribile uno stimolo per le nuove generazioni di creatori di immagini, una fonte di ispirazione soprattutto per la sua magistrale invenzione del personaggio "La linea", creatura ingenua e irascibile diventata di fatto una figura dell'immaginario collettivo. La mostra si pone quale invito non solo a riconoscere la vita e la storia di uno dei grandi "Artigiani" della tradizione artistica e culturale italiana ma anche, e soprattutto, a testimoniare la transizione di Osvaldo dagli accurati e pazienti arrangiamenti tecnici e stilistici dell'esperienza di Pupilandia fino a quel perfetto connubio di energia picto-fono-cinetica che si incarnerà in uno dei personaggi più iconici, universali e popolari dell'universo grafico globale: la Linea.

Libri dentro come fuori - A cura di Silvana Amato
Un percorso espositivo che mette in luce come nasce e si sviluppa il disegno dei libri, che nel caso specifico di Silvana Amato si centra su un processo creativo che unisce idea e materialità su uno stesso piano, recuperando così un principio di artigianalità raffinata affiancato a una costante ricerca culturale. Una progettualità attenta alla situazione specifica ma anche creatrice di piccole grandi opere fantastiche di notevole poesia e sensibilità. In mostra una cinquantina di stampe di copertine delle collane di libri da lei curate per varie case editrici o istituti culturali (Laterza, 66thand2nd, Nuova consonanza, e così via) sono accompagnate dalle relative didascalie visive che le descrivono dal punto di vista della grafica. Sono inoltre esposti altri progetti editoriali in cui si esprimono le potenzialità della sperimentazione intorno alla forma della scrittura, oggetti che offrono uno sguardo a tutto tondo sulla ricerca grafica sempre curiosa e attenta della designer.

Corporate Identity – Visual design tra la cultura di progetto e la cultura d'impresa - A cura di Gaetano Grizzanti
L'evento – un talk e una selezione di progetti in mostra, svolti da studi/designer italiani – è esclusivamente dedicato all'identità visiva per il mondo dell'industria e dell'impresa dei servizi. L'obiettivo è duplice: da un lato illustrare il rapporto virtuoso possibile tra la cultura di progetto e le esigenze del committente, dall'altro testimoniare l'operato italiano contemporaneo rispetto al passato periodo aureo – quello tra gli anni '50 e '90 del secolo scorso – che ha formato in gran parte la tradizione della grafica del nostro Paese, storicamente riconosciuto in tutto il mondo.
Le aziende coinvolte sono: Angelini Industries; Brembo; Breton; Elica; Kerakoll; Meccanotecnica; Mezzaroma; Rudolf; Seco; Skémata. I progetti esposti sono stati sviluppati da: Bcpt Associati; Carmi & Ubertis; Futurebrand; Inarea; Interbrand; Landor; Milani Design; Robilant & Associati; Studio FM; Univisual. La mostra proseguirà fino al 13 giugno.

Palinsesto diffuso

Galleria Sozzani - A cura di Lorenzo Petrantoni
Ed è subito ieri: conflitto tra cleptomania d'artifizi ed esplosione di graficismi innescato da Monsieur
Petrantoni intento a conferire show figurati, intuizioni visive, passati contemporanei.

Folon over the rainbow - Galleria Nuages
A cura di Cristina Taverna
L'esposizione Folon over the rainbow comprende tutti gli acquarelli originali realizzati per il volume L'uomo invisibile di H.G.Wells, Nuages 1992, alcuni acquarelli del volume Favole di La Fontaine, Nuages, 1996, una serie di acqueforti-acquetinte, una scelta di manifesti, una sezione dedicata alle lettere e alle cartoline che Folon inviava all'amica Cristina e alcune sculture. La mostra è realizzata in
armonia con il libro e segue quindi vari periodi dell'opera dell'Autore.

Il Giorgio
Kasa dei Libri | largo de Benedetti 4 -  A cura di Andrea Kerbaker
D/STANZE - Forme, relazioni, approssimazioni
A cura di Sergio Menichelli con Università di San Marino
La mostra intende indagare il tema della distanza: un concetto fluido e dinamico che si configura in molteplici forme, relazioni e approssimazioni. Empatia, rapporti sociali, iper-connessione, visioni microscopiche o macroscopiche sono solo alcune delle declinazioni su cui i docenti e gli studenti di comunicazione visiva di Unirsm Design hanno lavorato, interrogandosi sulla natura delle relazioni interpersonali e interspecie. In un dialogo tra l'artefatto visivo e lo spettatore, si apre un universo di riflessioni e interrogativi sulla società contemporanea e sulla sua capacità di connettersi veramente, al di là delle distanze che ci separano.

DISTRAZIONI. Illustrazioni di Beppe Giacobbe Bonvini1909
Sulla base della sua più che ventennale amicizia con Giorgio Lucini, uno dei maestri della tipografia del Novecento, Andrea Kerbaker organizza alla Kasa Dei Libri un'antologica di tanti suoi lavori, sempre caratterizzati dall'altissima qualità unita a una sana voglia di cogliere gli aspetti ironici e gioiosi della vita.

A cura di Bonvini1909 | 8 maggio – 13 luglio 2024
In mostra più di 60 opere di Beppe Giacobbe, molte inedite. Alla serie dei "Ritratti accidentali", commentata da Edgardo Franzosini, si aggiungono le collaborazioni per la Lettura dal 2012 ad oggi e altre immagini realizzate per mostre e copertine editoriali.
Un lavoro "sottrattivo ed essenziale" (Franco Achilli dal catalogo della Mostra) che interpretando e traducendo, genera sempre nuove domande e nuove metafore.
"Un'illustrazione c'è anche quando non c'è. Fa sentire la sua necessità, prepara la sua apparizione" (Marco Del Corona dal catalogo della Mostra).

BIG, Biennale Internazionale Grafica Highlights incontri, talk, workshop
Milano Certosa District
AWDA 5. Aiap Women in Design Award
Incontro
Incontro sulla quinta edizione del premio internazionale Aiap Women in Design Award con un focus su AWDA for Rights! incentrato su progetti della mostra che affrontano temi sociali come diritti, lavoro
femminile, disparità, che esplorano il potere politico del design.
Vive e politiche — parole della data visualization

Federica Fragapane - Talk
Il talk racconterà il processo progettuale e le ragioni dietro a progetti di data visualization con diverse motivazioni e caratteristiche. Il focus sarà sui linguaggi visivi utilizzati per dare forma a informazioni e storie, con alcune riflessioni su come le parole visive usate nella data visualization possano essere vive e – in alcuni casi – politiche.

Library Music: viaggio nella musica oscura e sconosciuta - Luca Barcellona, Andrea Fabrizii - Incontro
Con il nome "library music" si intendono tutti quei dischi creati appositamente per tv e per le radio, destinata alla sincronizzazione e al commento di documentari, pubblicità e programmi di tutti i tipi. Musica dei generi più disparati, dal jazz al funk più spinto, spesso composto da musicisti di alta caratura che operavano sotto pseudonimi, e terreno ideale per i musicisti, dare sfogo alle più incredibili e libere sperimentazioni. Non essendo dischi destinati al commercio, i vinili originali del periodo '70-'80 sono oggi rari oggetti ricercati dai collezionisti, ma vengono anche ristampate e ascoltate dalle nuove generazioni. Luca Barcellona e Andrea Fabrizii, entrambi appassionati conoscitori di questo genere, ci accompagnano alla scoperta del meraviglioso mondo delle library, che oltre ad essere protagoniste della mostra dedicata alla grafica delle copertine, ci sveleranno segreti e retroscena di questo mondo sommerso e affascinante, seguito da un Dj Set in vinile in cui selezioneranno i pezzi migliori direttamente dalle loro collezioni personali. Da non perdere!

Type trends report 2024 SINA OTTO – MONOTYPE - Talk
I caratteri tipografici ci dicono sempre qualcosa. Questa è un'opportunità per avere una visione globale delle tendenze del tipo e del design. Cosa ci dirà il carattere tipografico nel 2024? Il rapporto Type Trends di Monotype di quest'anno è uno sguardo celebrativo sull'universalità dei caratteri tipografici, una raccolta di progetti innovativi che riflette il nostro mondo in continua evoluzione. Sina Otto presenta i progetti presentati nel rapporto da agenzie, designer e fonderie di tutto il mondo.

FORMAT FONTSTAND CONFERENCE. A cura di Andrej Krátky - Talk
Fontstand è un servizio di scoperta e streaming di font che consente agli utenti di provare e utilizzare font di alta qualità su tutte le piattaforme e incoraggia un dibattito approfondito sulla tipografia. Di recente abbiamo lanciato una nuova opzione: l'abbonamento a una specifica fonderia di font. Parleremo del futuro della distribuzione dei font e del perché crediamo nel potere della connessione
che i creatori creano con il loro pubblico.

Breaking boundaries: A journey through Barnbrook's iconic works and collaborations Jonathan Barnbrook. A cura dell'Area Comunicazione e Graphic Design di NABA, Nuova Accademia di Belle Arti - Talk
La conferenza di Barnbrook abbraccerà più di 35 anni di lavoro, con particolare attenzione alle sue collaborazioni con David Bowie per le copertine di album come "The Next Day" e "Blackstar". Esplorerà anche la questione se i designer possano influenzare il cambiamento della società attraverso il loro
lavoro, evidenziando i suoi contributi al collettivo anti-pubblicità Adbusters.
Inoltre, approfondirà le sue prime incursioni nel design dei caratteri digitali, parlando della sua creazione del carattere "Mason", pubblicato da Emigre e diventato uno dei font più utilizzati dell'epoca.

Type Design for Non-Type Designer. A cura di Matteo Bologna e Rainer Scheichelbauer - Workshop
In questo corso di due giorni, imparerete le basi della progettazione e della generazione di un font variabile con il software di progettazione di font Glyphs (solo per Mac). Andate oltre la scelta degli stessi caratteri dal menu dei tipi e create i vostri! Il primo giorno impareremo le basi per disegnare un font, generare il font e utilizzarlo in un'applicazione Adobe o in un browser web. Nel pomeriggio, aggiungeremo altre lettere al font, imparando come spaziarle, aggiungere diacritici e punteggiatura. (È possibile acquistare un biglietto giornaliero solo per questa giornata). Il secondo giorno aggiungeremo altre lettere, progetteremo una versione in grassetto dello stesso carattere, creeremo un font variabile e lo animeremo in un browser web. Alla fine del corso, probabilmente non avrete un font finito, ma un inizio rispettabile e una profonda comprensione di come vengono creati i font. E forse diventerete dipendenti dal type design. Siete stati avvertiti.

ADI Design Museum
Studio òbelo/ Hoepli - Talk
Lectio promossa da Hoepli in occasione di Biennale Internazionale Grafica. Attraverso una selezione di progetti e workshop, le fondatrici di studio òbelo Claude Marzotto e Maia Sambonet esplorano le diverse forme di relazione tra immagini e parole nella tessitura di un discorso visivo che tiene insieme luoghi e tempi eterogenei – partendo dal libro per arrivare a parlare anche di spazi espositivi, laboratori, mostre. òbelo è uno studio di graphic design attivo nel campo editoriale, della comunicazione culturale e della formazione. A Milano dal 1870, la Casa Editrice Libraria Ulrico Hoepli ancora oggi accompagna con i suoi volumi la formazione di professionisti in varie aree, compresa quella di architettura e design. La Libreria Hoepli, situata nell'iconico edificio progettato da Figini e Pollini, è un punto di riferimento per la città e si distingue per l'ampia disponibilità di volumi, anche in lingue straniere.

People's graphic design?
Conversazione sulla storia sociale e pubblica della grafica con Michele Galluzzo (Università Iuav di Venezia), Carlo Vinti (Università di Camerino)
Talk
Come rintracciare e fare emergere nella storia della grafica la voce di utenti, fruitori e consumatori? Quali artefatti, quali racconti e memorie vengono alla luce quando la ricostruzione storica del design diventa pubblica o sociale? Negli ultimi decenni, anche grazie alle possibilità offerte dal digitale e dalla rete, è cresciuta l'attenzione verso approcci storici più inclusivi, verso pratiche partecipative di archiviazione, verso piattaforme di divulgazione capaci di raggiungere un pubblico più ampio. In questa conversazione, promossa da AIS/Design per il ciclo Dentro le storie del design, Michele Galluzzo e Carlo Vinti, storici della grafica, si confrontano sui rischi e sulle opportunità di queste nuove prospettive,
presentando e discutendo alcune esperienze già compiute in tal senso.

Presentazione del libro "Segni migranti", Mario Cresci - Presentazione
Segni migranti è la traccia grafica del segno-disegno, che convive con la realtà storica della condizione umana, ma anche con quella del migrante contemporaneo. Lasciare il Segno indica la potenza di un'azione e di un'idea convincente e forte.
Il libro di Mario Cresci contiene storie in forma di segni significanti e si presenta come un archivio di immagini personali e collettive che sono la cartina di tornasole, che vogliono funzionare come specchio che rifletta le ricerche di senso che seguono i tempi e le esperienze vissute nei singoli contesti sociali, dentro la comunità e dentro alle cose.
James Clough, Alessandro Colizzi

Talk
La Società Nebiolo di Torino è stata la più importante fonderia italiana di caratteri da stampa. Fra gli anni Trenta e Settanta del Novecento, il suo Studio artistico – guidato da Giulio Da Milano, Alessandro Butti e Aldo Novarese – ha progettato caratteri che hanno segnato la storia della grafica italiana e non solo. Una prima valutazione critica del patrimonio storico aziendale, resa finora poco agevole dalla dispersione degli archivi, è stata affrontata nel convegno internazionale Fonderia Caratteri Nebiolo, 1878–1978. Nuovi studi critici tenuto nel settembre 2021 a Torino. A organizzare il convegno e curare la recente pubblicazione degli atti è stato il gruppo Nebiolo History Project (NHP)—composto da Alessandro Colizzi, Riccardo Olocco, James Clough, Riccardo De Franceschi, Marta Bernstein e Massimo Gonzato. La pubblicazione degli atti (Lazy Dog Press, 2023) rende finalmente disponibile un'ampia panoramica delle ricerche più aggiornate su aspetti finora poco indagati della storica azienda torinese. Rivolto a studiosi, grafici, type designer, tipografi e tipofili in genere, ricco di immagini e testimonianze ben documentate, il volume Fonderia Caratteri Nebiolo, 1878–1978. Nuovi studi critici raccolgono i contributi in lingua originale dei relatori italiani e stranieri intervenuti ed è destinato a dare
nuovo impulso alla ricerca storica sulla Nebiolo.

Presentazione del libro "Il filo nascosto. Gli abiti come parole del nostro discorso col mondo"- Emanuela Mancino - Presentazione
Esiste un profondo rapporto fra abito, corpo e memoria. Tale legame si intreccia al gesto di abitare lo spazio, di lasciar segni, di scrivere e comunicare, di dire e scomparire, tacere. L'abito è una traccia trasversale, raccontabile, cui dar parola e parole poetiche. Il testo riannoda, percorrendo il filo nascosto della poetica del quotidiano, i segni linguistici profondi delle cose ad una fenomenologia sensibile e condivisibile dell'abito come pratica dell'abitare e del vestire di e con valore d'intimità lo stare al mondo. Il filo nascosto che ci lega alla terra, ai nostri legami, permette di esplicitare e confermare una pratica di riflessione atta a svolgersi all'interno del concetto e nelle forme della trama, che diviene un'esperienza di apprendimento, di espressione estetica, ma soprattutto una possibilità di visione e di ri-significazione. Il filo nascosto tra gli abiti ci conduce attraverso trame di pensiero ed esperienza di un territorio del pedagogico che possiede la vocazione dell'orlo, la possibilità di dare voce, dimora e corpo ad un invisibile eppure sensibile (ed educabile) "senso del dar senso". Apparentemente muti, i tessuti del nostro vestire e svestirci, gli abiti e le abitudini dei nostri pensieri e delle nostre emozioni rivelano, ad un ascolto poetico e narrativo, lo sconfinato valore memoriale, progettuale e relazionale della materialità e dell'immaterialità pedagogica. Il libro parla a chi sia interessato a dare parole sensibili al visibile e all'invisibile pedagogico e permette, a chi voglia ascoltare la voce delle cose, di esperire, attraverso fili, trame e nessi, tutta la consistenza materica del fare, l'artigianalità di un'operatività
pedagogico-riflessiva che dia sostanza ad una filosofia dell'educazione come pratica di vita pensata.

Presentazione del libro "Cinquantacinque anni dli progetti grafici a Milano" (Nomos edizioni) Emilio Fioravanti - Presentazione
Il libro presenta, in 264 pagine, i progetti grafici realizzati dal 1968 al 2023 per il Piccolo Teatro e la Scala, le grandi mostre a Palazzo Reale, gli eventi culturali, i musei, le aziende dell'arredamento e importanti aziende nel settore privato. Ne risulta quindi una testimonianza visiva, attraverso gli strumenti di comunicazione, di un periodo, la seconda metà del secolo scorso fino ai primi decenni del 2000, molto importante per le attività di carattere culturale della città.

Grafica Magazine: perché abbiamo ancora bisogno della carta
Stefano Cipolla, Francesco Franchi, Tommaso Delmastro
Talk
Presentazione di Grafica Magazine, rivista cartacea trimestrale che ha come argomento il design grafico e le discipline che ruotano intorno al mondo della comunicazione visiva. Il primo numero uscirà a settembre 2024. Si parlerà del futuro dei giornali e di editoria indipendente.
DESIGN DELLA COMUNICAZIONE: UN CONFRONTO SULLA RICERCA Valeria Bucchetti, Cinzia Ferrara, Carlo Martino, Paolo Tamborrini

Talk

Venerdì 24 maggio | 14.00 – 15.30
Valeria Bucchetti, Cinzia Ferrara, Carlo Martino, Paolo Tamborrini, referenti del gruppo di ricerca "Design della comunicazione" di SID (Società Italiana di Design) dialogano sul tema insieme a giovani ricercatori e ricercatrici sulle forme di sperimentazione che l'università promuove a supporto delle linee evolutive della disciplina.

Palinsesto diffuso
Andare alle fonti: strumenti per il progetto e lo studio della grafica
Alessia Alberti, Marta Sironi, Manifesti ed ephemera della Raccolta di Stampe A. Bertarelli
Davide Fornari, Silvia Sfligiotti, Antologie e bibliografie. I testi come fonti primarie nella storia della grafica
Valentina Manchia, Silvia Sfligiotti, Marta Sironi e student* ISIA Urbino, IDA Investigating Digital
Archives: una ricerca sulle fonti digitali

Talk | Castello Sforzesco
L'incontro è sviluppato in tre momenti connessi che intendono condividere, soprattutto con i giovani professionisti e studenti, una metodologia di ricerca e di progetto che abbia come punto di partenza documenti grafici e fonti documentarie. L'incontro si svolge e prende avvio dalle collezioni della Civica Raccolta di Stampe A. Bertarelli per poi presentare recenti pubblicazioni, ricerche e mostre che affrontano la questione delle fonti con metodi e prospettive diverse: la collana Antologia di cultura grafica di Lazy Dog Press, il progetto The Sources of Jan Tschichold's "The New Typography" di ECAL, e IDA Investigating Digital Archives, un progetto di ISIA Urbino sulle fonti documentarie per la
comunicazione visiva disponibili in rete.

La cultura visiva dagli anni '30 al dopoguerra tra l'Italia e la Svizzera
La relazione tra Albe e Lica Steiner e Max Huber
Talk | Castello Sforzesco
Tra Huber e Steiner c'è stata una grande relazione professionale e una profonda amicizia, nata soprattutto durante gli anni della Resistenza partigiana. Sullo sfondo di queste vicende personali si ripercorre l'antica relazione tra le due nazioni che per molti anni hanno condiviso la stessa cultura e le stesse esperienze nell'ambito della progettazione grafica e più in generale delle culture visive.

L'eredità di Prometeo
A cura di Franco Achilli
Convegno | Università IULM
Dopo gli Stati generali "Il paradigma di Wassily", svoltosi nel 2022 con la partecipazione di ventuno istituzioni dell'alta formazione, BIG chiama le Università e le Scuole di Visual Design a confrontarsi sul tema dell'impatto dell'Intelligenza Artificiale nel percorso di formazione della prossima generazione di Visual designer. La penetrazione accelerata dell'Intelligenza Artificiale nelle pratiche umane come (s)travolgerà il bagaglio culturale, teorico e tecnico dei progettisti che opereranno nella società del
futuro? Prepararsi all'impatto...

Starting from context and non-knowledge, a design attitude Ruedi Baur
A cura dell'Area Comunicazione e Grafica di NABA, Nuova Accademia di Belle Arti
Talk | NABA – Nuova Accademia di Belle Arti
In questi tempi di crisi, guerra e incertezza ecologica, il design non può continuare a sostenere ciecamente la società dei consumi. Ruedi Baur, con l'aiuto di progetti realizzati in diverse strutture (Integral designers, 10 milliards humains, Civic city e École du non-savoir), presenterà questi interrogativi su atteggiamenti e metodi legati al design.

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso

Mostra: BIG. Biennale Internazionale Grafica: mostre e incontri

Milano - Certosa District

Apertura: 24/05/2024

Conclusione: 13/07/2024

Curatore: Francesco Dondina

Indirizzo: Via Varesina, 204 - 20156 Milano



Altre mostre a Milano e provincia

Arte contemporaneamostre Milano

"Lady Oscar" al Museo del Fumetto

Il Museo del Fumetto "Wow Spazio Fumetto" in viale Campania a Milano, in occasione dei 45 anni di uscita, in Italia, del cartone "Lady Oscar", espone due dipinti di Albert Edwin Flury. leggi»

25/05/2024 - 15/09/2024

Lombardia

Milano

Arte contemporaneamostre Milano

Paolo De Stefani. Sezione Aurea

Galleria Manifiesto Blanco presenta la mostra personale di Paolo De Stefani "Sezione Aurea - Luogo ancestrale. Forma architettonica. Spazio vuoto". leggi»

24/05/2024 - 22/06/2024

Lombardia

Milano

Arte contemporaneamostre Milano

Claudio Onorato. Semplici prodigi

Il prossimo mercoledì 29 maggio, presso ON HOUSE MILANO, sarà inaugurata la mostra dell'artista Claudio Onorato dal titolo "Semplici prodigi". leggi»

29/05/2024 - 12/07/2024

Lombardia

Milano

Architettura Designmostre Milano

Gae Aulenti (1927-2012)

Dal 22 maggio 2024 al 12 gennaio 2025 Triennale Milano presenta la mostra Gae Aulenti (1927-2012), realizzata in collaborazione con l'Archivio Gae Aulenti. leggi»

22/05/2024 - 12/01/2025

Lombardia

Milano

Arte contemporaneamostre Milano

L’arte di collezionare. Non si fa in tempo ad avere paura

Dal 29 al 31 maggio 2024, Deutsche Bank a Milano – Bicocca ospita "L'arte di collezionare. Non si fa in tempo ad avere paura", evento nell'ambito di MuseoCity Spin-off. leggi»

29/05/2024 - 31/05/2024

Lombardia

Milano

Ingresso libero

Arte contemporaneamostre Milano

Cesare Fullone. Per Aspera ad Astra

La serie Soldati di Cesare Fullone torna dal 29 maggio al 29 giugno 2024 a Milano da galleria Fabbrica Eos e al Comune di Milano. leggi»

29/05/2024 - 29/06/2024

Lombardia

Milano

Ingresso libero

Arte contemporaneamostre Milano

In Contemporanea

Dal 28 maggio al 27 giugno 2024, Spazio HUS accoglie la mostra collettiva "In Contemporanea", a cura di Denis Jovanovic Romagnoli. leggi»

28/05/2024 - 27/06/2024

Lombardia

Milano

Ingresso libero

Arte modernamostre Milano

Felice Carena

Intesa Sanpaolo apre al pubblico dal 17 maggio al 29 settembre 2024 nel suo museo di Milano delle Gallerie d'Italia, la mostra "Felice Carena". leggi»

17/05/2024 - 29/09/2024

Lombardia

Milano

Arte contemporaneamostre Milano

Steve Hubback. Metalkymist: Forged from Dreams

Per la mostra "Metalkymist: Forged from Dreams" presso ERRATUM di Milano, Steve Hubback presenta nuove creazioni in bronzo, alluminio e acciaio inossidabile. leggi»

04/06/2024 - 05/06/2024

Lombardia

Milano