Arte contemporanea‎Mostre a Prato

Eccentrica. Le collezioni del Centro Pecci

  • Quando:   06/05/2023 - 31/12/2023
  • evento concluso
Eccentrica. Le collezioni del Centro Pecci
Foto: Installation view Eccentrica: Le collezioni del Centro Pecci di Marco Cappelletti

Il Centro per l'arte contemporanea Luigi Pecci di Prato presenta Eccentrica. Le collezioni del Centro Pecci: un percorso spiazzante, aperto al pubblico fino al 31 dicembre che rilegge le opere raccolte dal Centro, selezionandone oltre 50 tra le circa 1200 acquisite o donate dal 1988 a oggi. Fontana, Boetti, Warhol, Richter, Kounellis, Bonvicini, Schnabel e Fumai, questi alcuni dei grandi artisti presenti nella collezione.

Per la prima volta un'ala degli spazi espositivi viene dedicata in modo permanente alla presentazione delle collezioni. Firma il progetto del display lo studio Formafantasma secondo criteri di sostenibilità e accessibilità, tematiche che ispirano l'azione di direzione artistica nella proposta del Centro. L'Ala grande Nio (dall'architettura realizzata nel 2016 da Maurice Nio) si trasforma così in un luogo ancora più inedito per vivere il Centro Pecci, raccontare Prato e conoscere l'arte contemporanea dal dopoguerra a oggi.

"Per il Centro Pecci si apre oggi una nuova era, all'insegna della inclusione e dell'accessibilità. Riportare al centro del museo la collezione significa restituire valore ad un luogo che vuol essere, in prima istanza, uno spazio aperto alla comunità nonché un punto di riferimento del contemporaneo per l'intero Paese oltre che a livello internazionale. Una collezione che continuerà ad arricchirsi e che, da oggi, contribuisce a valorizzare la grande offerta artistico-culturale del Centro" afferma Lorenzo Bini Smaghi, Presidente della Fondazione per le Arti Contemporanee in Toscana.

"Eccentrica. Le collezioni del Centro Pecci è l'allestimento permanente delle collezioni in un'ala del Centro che restituisce alla collettività la storia e il patrimonio di una delle istituzioni più importanti del Paese.

Con Eccentrica, la museografia italiana torna protagonista con un esempio formidabile di 'arte del porgere' le opere al pubblico. Lo studio di design Formafantasma firma il progetto di allestimento della collezione del Centro, riattivando una tradizione prestigiosa di architetti e designer che si sono dedicati agli interni dei musei. Rispetto al passato, però, è un museo d'arte contemporanea ad avere, per la prima volta, un progetto di allestimento firmato. Eccentrica è, dunque, un viaggio straordinario e inaspettato, pensato in un'ottica di sostenibilità, accessibilità e formazione" dichiara Stefano Collicelli Cagol, Direttore del Centro per l'arte contemporanea Luigi Pecci.... leggi il resto dell'articolo»

Perché Eccentrica?

È una parola che rimanda al porsi fuori dal centro. Vicino al casello autostradale, la posizione del Centro Pecci è in un punto di snodo e di passaggio. Le sue collezioni restituiscono una varietà di produzioni artistiche che aprono percorsi eccentrici tra le discipline, contaminando i discorsi e le pratiche. Eccentrica vuole celebrare questo potenziale attraverso un allestimento che trae la sua forza dai cortocircuiti temporali e spaziali tra opere e materiali d'archivio.

Sin dagli inizi, l'attività di collezionismo del Centro ha voluto testimoniare la storia dell'istituzione e il suo impegno a promuovere e diffondere la cultura contemporanea. Con il sostegno dell'imprenditoria, le collezioni si sono formate in risposta alle esposizioni, ai lasciti di privati e alle scelte di direttrici e direttori. Questa eterogeneità costitutiva definisce la natura eccentrica del Centro Pecci e rivela, oggi, tutta la sua forza, esautorando il museo dall'impresa impossibile di rappresentare in modo onnicomprensivo la storia dell'arte contemporanea o di confinarla nella rappresentazione di singoli movimenti. Ne rivela però anche i limiti, come la predilezione per una specifica zona geografica (Europa, Stati Uniti, Ex Unione Sovietica) e per una linea perlopiù "maschile" della creazione artistica, una consuetudine che chiede un cambio di passo.

Quattro le sezioni espositive in cui si articola il percorso di Eccentrica:

Il Centro in una stanza, composta da una serie di opere di grandi dimensioni raccolte nel corso degli anni di attività del Centro Pecci a testimonianza della sperimentazione con vari materiali messa in atto da artiste e artisti.

Il taglio è una macchina del tempo che attraverso l'opera di Lucio Fontana, come una macchina del tempo, ci catapulta verso il passato, dal trauma collettivo della Seconda Guerra Mondiale fino alle lotte femministe degli anni Settanta.

Italia Novanta, un decennio che è da decifrare non solo attraverso gli avvenimenti di quel periodo ma anche con le opere delle artiste e degli artisti che abitano questa sezione.

Futuro Radicale accoglie invece opere dell'architettura radicale, un ambito di ricerca collezionato e studiato al Centro Pecci sin dai suoi inizi, un trampolino per lo sviluppo futuro nel mondo digitale dell'istituzione e della sua collezione.

Un sistema d'illuminazione elegante, studiato appositamente per l'allestimento permanente, rende più leggibili le opere. Il percorso costituisce una nuova possibilità di esperienza artistica, oltre che uno spazio architettonico iconico. Eccentrica è anche uno strumento di formazione attraverso percorsi tra le diverse discipline pensati per scuole, università, imprese, per persone appassionate o anche semplicemente curiose di arte. Il nuovo allestimento offre un'area dedicata agli eventi, immersa tra i capolavori delle collezioni nella prima sezione e una serie di ripiani lungo tutto il percorso per accogliere materiali, che renderanno inclusiva l'esperienza della fruizione delle opere e dei documenti. Un intervento significativo - nell'ambito di un progetto finanziato con i fondi del Pnrr – reso possibile grazie a una co-progettazione con la ASL e altre associazioni del territorio, come l'Unione Italiana Ciechi e l'Ente Nazionale Sordi.

Caratterizza, infine, l'allestimento un sistema di pareti in tessuto che testimonia la presenza del settore tessile come tradizionale cultura industriale del distretto pratese.

Artisti in esposizione: Vito Acconci, Archizoom, Stefano Arienti, Massimo Bartolini, Mirella Bentivoglio, Edo Bertoglio, Alighiero Boetti, Monica Bonvicini, Giulia Cenci, Daniela De Lorenzo, Sylvie Fleury, Lucio Fontana, Chiara Fumai, Marco Gastini, Nan Goldin, Dmitri Gutov, Ilya Kabakov, Anish Kapoor, Kinkaleri, Jannis Kounellis, Ketty La Rocca, Nanda Lanfranco, Paul Etienne Lincoln, Jacques Lipchitz, Francesco Lo Savio, Lucia Marcucci, Silvia Mejía, Verita Monselles, Liliana Moro, Robert Morris, Mimmo Paladino, Gianni Pettena, Gerhard Richter, Julian Schnabel, Superstudio, Francesco Torrini, UFO, VALIE EXPORT, Andy Warhol.

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso

Eccentrica. Le collezioni del Centro Pecci

Apertura: 06/05/2023

Conclusione: 31/12/2023

Organizzazione: Centro Pecci

Curatore: Stefano Collicelli Cagol

Luogo: Prato, Centro Pecci

Indirizzo: viale della Repubblica 277 - 59100 Prato

Orario: da giovedì a domenica 10.00–19.00 | Lunedì, martedì, mercoledì chiuso

Per info: +39 0574 5317 | info@centropecci.it

Sito web per approfondire: https://centropecci.it/



Altre mostre a Prato e provincia

Arte contemporanea‎

Women (every)day

Dall'8 al 10 marzo 2024 Ora Lab ospita una tre giorni dedicata al tema della donna e alle questioni di genere. Il progetto espositivo è ideato da Beatrice Bozza. leggi»

08/03/2024 - 10/03/2024

Toscana

Prato

Arte contemporanea‎

Franco Menicagli. Ogni riferimento a persone o cose è puramente casuale

Dal 21 gennaio al 10 marzo 2024 Villa Rospigliosi ospita la mostra "Ogni riferimento a persone o cose è puramente casuale" di Franco Menicagli. leggi»

21/01/2024 - 10/03/2024

Toscana

Prato

Moda

Walter Albini. Il talento, lo stilista

Dal 23 marzo al 22 settembre 2024, la Fondazione Museo del Tessuto celebra lo stilista Walter Albini con una grande mostra curata da Daniela Degl'Innocenti ed Enrica Morini. leggi»

23/03/2024 - 22/09/2024

Toscana

Prato

Arte contemporanea‎

Franco Menicagli. Ogni riferimento a persone o cose è puramente casuale

"Ogni riferimento a persone o cose è puramente casuale" è la mostra di Franco Menicagli dal 21 gennaio al 10 marzo 2024 a Prato presso Villa Rospiglosi. leggi»

21/01/2024 - 10/03/2024

Toscana

Prato

Arte contemporanea‎

Lara-Vinca Masini. La memoria del futuro

Il Centro Pecci di Prato celebra quest'anno il centenario della nascita di Lara-Vinca Masini con la mostra "Lara-Vinca Masini. La memoria del futuro". leggi»

10/11/2023 - 03/03/2024

Toscana

Prato