Arte contemporaneaMostre a Mantova

Georg Baselitz. Belle Haleine

  • Quando:   27/04/2024 - 24/11/2024
Georg Baselitz. Belle Haleine
Donna Via Venezia, 2004 - 2006 Bronze patiniert und Ölfarbe 263,5 x 86,5 x 93,5 cm

Dal 27 aprile al 24 novembre 2024 la suggestiva architettura rinascimentale della Galleria degli Antichi di Palazzo Giardino di Sabbioneta (Mantova) ospiterà la mostra Belle Haleine di Georg Baselitz, figura di spicco nel mondo dell'arte contemporanea e unanimemente considerato quale uno dei più grandi artisti viventi. Con questa mostra di carattere internazionale la Fondazione Sabbioneta Heritage, dopo un anno di attività, entra nel vivo delle proprie attività di gestione e valorizzazione del patrimonio artistico e monumentale del sito Unesco di Sabbioneta, la Città Ideale fondata da Vespasiano Gonzaga Colonna nella seconda metà del '500.

Sotto i soffitti lignei e lungo le ventisei arcate della Galleria degli Antichi di Palazzo Giardino, la seconda più lunga galleria affrescata d'Italia dopo quella degli Uffizi, saranno esposti imponenti sculture, grandi dipinti su tela e, per la prima volta tutte insieme, dieci provocatorie incisioni di Georg Baselitz, artista che il pubblico di tutto il mondo ha imparato a conoscere e apprezzare per il proprio tratto vigoroso e spietato e per la consuetudine di rappresentare le figure capovolte, vero e proprio cantore dello struggimento e delle angosce del '900.

Galleria degli Antichi

Galleria degli Antichi Interno 2 Crediti Gian Maria Pontiroli

Mario Codognato, curatore della mostra: "Questa mostra segna, in particolare, la prima volta che le dieci colossali e provocatorie linoleografie stampate a mano e intitolate collettivamente Belle Haleine vengono esposte insieme da quando furono realizzate e presentate oltre 20 anni fa. Il nome è tratto da un'opera d'arte di Marcel Duchamp, artista a cui Baselitz fa spesso riferimento, con risentimento per la tesi da questi proposta, all'inizio del XX secolo: la pittura è morta. Baselitz continua a minare questa affermazione attraverso pastiche dipinti delle parole e delle opere di Duchamp, in una sorta di "elaborazione attraverso un avversario".... leggi il resto dell'articolo»

Ezio Zani, Direttore della Fondazione Sabbioneta Heritage (già Direttore di Parma Capitale Italiana della Cultura 2020+21) prosegue: "Per quanto possa sembrare antitetica e dissonante la figura di Vespasiano Gonzaga, duca, condottiero e fondatore di città, con quella di Georg Baselitz, figlio del popolo e artista dal tratto sincero fino ad essere spietato, al centro del pensiero di entrambi vi è sempre l'uomo: l'uomo di Vespasiano che posto al centro della sua città ideale nel coltiva il mito e l'uomo di Baselitz, eroe sconfitto ma non rassegnato, che assiste alla caduta delle ideologie. Prospettive diverse ma, alla fine di tutto, sempre e pur sempre un uomo. Portare la grande pittura di Georg Baselitz nella galleria del Duca potrebbe apparire, superficialmente, quasi dissacrante; al contrario, a ben vedere, si tratta di una consacrazione e l'atto di restituzione di questi ambienti alla loro vocazione di conservare la bellezza".

La mostra

La mostra "Belle Haleine" esporrà alcune delle opere più significative del percorso artistico di Baselitz e mostrerà la poliedricità del pioniere dell'arte neo-espressionista.
Di fondamentale importanza per capire l'opera di Georg Baselitz, come accennato, è la forte connessione che lo lega all'arte di Marcel Duchamp: il titolo stesso della mostra, infatti, è un riferimento diretto all'opera omonima Belle Haleine, Eau de Voilette (Bel respiro, acqua di velo), realizzata da Marcel Duchamp e Man Ray nel 1920.
Insieme con sculture mastodontiche e grandi dipinti su tela, saranno esposte in mostra dieci incisioni, linoleografie stampate a mano di grandi dimensioni, ognuna di oltre due metri di altezza, che raffigurano scene tratte da litografie erotiche del XIX secolo, in cui compaiono coppie amoreggianti parzialmente vestite.

Le incisioni furono esposte da Baselitz per la prima volta nel 1963, durante la sua prima mostra personale a Berlino Ovest. Sebbene oggi scene erotiche e allusioni sessuali non provochino più uno shock nello spettatore, quando le opere furono mostrate per la prima volta, due dei suoi dipinti furono sequestrati dai pubblici ministeri e tacciati di oscenità e immoralità.
La successiva aggiunta di buchi bianchi a coprire i genitali di ogni coppia di amanti può essere quindi interpretata come un atto di autocensura, ma sarebbe una spiegazione solo parziale: "un buco nel quadro permette all'immaginazione di girare intorno, come il buco in un disco, attorno al quale suona la musica".

Tutte le incisioni sono state realizzate utilizzando il linoleum, un materiale malleabile che ha permesso all'artista di lavorare con facilità su scala monumentale nel quale si può intravedere anche l'influenza del pittore cinese del XVII secolo Bada Shenren, specialmente per quanto riguarda l'uso dello spazio negativo, la leggerezza della linea di taglio e l'eleganza dei tratti ripetuti, brevi e dinamici.

L'allestimento della mostra è realizzato con il Pannello Ecologico® realizzato al 100% da legno-post consumo da Gruppo Saviola, azienda leader a livello internazionale di Economia circolare, e risponde alla volontà di Fondazione Sabbioneta Heritage di perseguire una sempre più accentuata sostenibilità nella gestione del patrimonio così come nell'organizzazione degli eventi culturali.

La mostra si realizza con il contributo di Gruppo Tea e BCC Banca Rurale Artigiana di Rivarolo Mantovano.

Note biografiche

Georg Baselitz
Hans-Georg Kern, questo il nome di battesimo dell'artista, nasce nel 1938 in Sassonia, zona che diventerà in seguito parte della Germania Est. Studia pittura all'Accademia d'Arte di Berlino Est, da cui viene espulso nel 1956 per "immaturità politica", per non essersi conformato agli standard artistici della DDR. Si iscrive quindi all'Accademia di Berlino Ovest e termina gli studi nel 1962. In questo periodo adotta il cognome Baselitz, che riflette il luogo di nascita, cioè Deutschbaselitz. La sua prima mostra personale ha luogo nel 1963 a Berlino, con notevoli polemiche e la confisca di alcuni suoi dipinti da parte delle autorità tedesche per indecenza pubblica. A metà degli anni Sessanta, Baselitz compone una serie di dipinti raffiguranti figure maschili monumentali che compongono la serie degli Eroi ("Helden") e sono stati influenzati dalle stampe manieriste italiane che ha potuto vedere a Firenze nel 1965 durante una borsa di studio. Quattro anni più tardi, nel 1969, introduce nella propria arte quello che è divenuto il tratto distintivo per i successivi 50 anni: le immagini capovolte, tecnica che utilizza per allenare lo sguardo dello spettatore a resistere a un'interpretazione descrittiva dell'opera e stimolarlo a concentrarsi puramente sul segno, che diventa in questo modo il vero soggetto delle opere. Negli anni Ottanta e nei primi anni Novanta, il suo lavoro diventa più denso e lavorato, affermandosi a livello internazionale con le mostre alla Biennale di Venezia del 1980 e a Documenta del 1983. Nel 2021 è stato eletto membro associato straniero della prestigiosa Académie des Beaux-Arts, una delle cinque istituzioni che compongono l'Institut de France. Il 2023 ha segnato il suo 85° compleanno, celebrato con mostre in tutta Europa e negli Stati Uniti.

Prolifico incisore, Baselitz si cimenta in vari processi tecnici, lavorando molto con la xilografia, la linoleografia e l'acquaforte. Descrive le qualità di resistenza delle lastre di rame, dei blocchi di legno e dei blocchi di linoleum come forze creative nella sua arte e ha definito le stampe come dotate di un "potere simbolico che non ha nulla a che vedere con un dipinto". Oltre a possedere una propria incisorìa, Baselitz preferisce collaborare con una selezione di importanti studi e maestri stampatori per realizzare le sue opere grafiche. I suoi dipinti, le sue sculture e le sue incisioni sono presenti nelle collezioni permanenti dei principali musei e nelle più accreditate gallerie e collezioni private del mondo: è unanimemente considerato come uno dei maggiori artisti viventi.

Fondazione Sabbioneta Heritage
La Fondazione Sabbioneta Heritage nasce nel giugno 2022, come soggetto autonomo e indipendente, e rappresenta un progetto in linea con le più avanzate esperienze italiane e internazionali nella gestione e valorizzazione del patrimonio artistico e monumentale. La Fondazione gestisce un sistema patrimoniale unico, il sito Unesco di Sabbioneta, Città Ideale rinascimentale ideata da Vespasiano Gonzaga, affidatogli dal Comune, dalla Pro Loco e dalla Parrocchia di Sabbioneta. In aggiunta, ha ottenuto la concessione in uso dei complessi monumentali della cittadina gonzaghesca - Palazzo Giardino, Galleria degli Antichi, Teatro all'Antica, Palazzo Ducale, Palazzo del Cavalleggero, Sinagoga, Chiesa dell'Incoronata, Pinacoteca, Museo del Ducato - e di tutti i beni mobili di pertinenza.
Gli obiettivi della Fondazione sono la tutela, la gestione, la valorizzazione e la promozione del patrimonio monumentale della Città di Sabbioneta, sito Unesco insieme con la vicina Mantova. Con il fine di ottenere un progressivo posizionamento internazionale della Città Ideale di Vespasiano Gonzaga, come città produttrice di cultura, la Fondazione intende accrescere e tramandare il patrimonio storico, artistico e culturale del luogo su scala nazionale e internazionale. Il fine ultimo è quello di diffondere la conoscenza di Sabbioneta, del suo territorio, della sua storia e delle sue vestigia, attraverso iniziative di studio e approfondimento, ma anche promuovendo l'offerta turistico-ricettiva del territorio, per dare voce e veste alla straordinaria varietà della sua offerta culturale.

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso

Georg Baselitz. Belle Haleine

Apertura: 27/04/2024

Conclusione: 24/11/2024

Organizzazione: Fondazione Sabbioneta Heritage

Curatore: Mario Codognato

Luogo: Sabbioneta, Palazzo Giardino, Galleria degli Antichi

Indirizzo: Piazza D'Armi, 1 - 46018 Sabbioneta (MN)

Orari: da martedì a domenica, dalle ore 10.00 alle ore 19.00. L'ultimo ingresso è un'ora prima della chiusura

Biglietti. I biglietti hanno un costo intero di 10 euro, ridotto di 7 euro (Soci Touring, pernottamento in alberghi di Sabbioneta, convenzione con San Benedetto Po, giornalisti iscritti all'ordine, insegnanti di ogni ordine e grado, gruppi minimo di 20 persone, Supercard Cultura Mantova). Il prezzo per il biglietto famiglia è di 23 euro e deve comprendere cinque persone di cui al massimo tre a tariffa intera. L'ingresso è gratuito per membri e soci ICOMO-ICOMOS, bambini fino ai 12 anni se accompagnati da un familiare, portatori di handicap e un loro familiare o ad altro accompagnatore che dimostri la propria appartenenza a servizi di assistenza socio-sanitaria, capogruppo, docenti accompagnatori di scolaresche, sostenitori Fondazione Sabbioneta Heritage, cittadini di Sabbioneta. Il biglietto unico per tutti i musei, i monumenti e per la mostra costa 18 euro.
È consigliabile la prenotazione tramite l'app Visit Sabbioneta. È possibile organizzare visite serali alla mostra per gruppi e aziende e organizzare eventi privati con catering nelle sale e nel parco di Palazzo Giardino.

Ingresso scuole. Per le scuole il biglietto è di 3 euro e coinvolge studenti e studentesse delle scuole di qualsiasi ordine e grado (numero massimo di 25 persone per ogni gruppo). Per gli studenti, dai 13 anni senza limiti di età, il costo del biglietto è di 3 euro. Per i possessori della Mantova-Sabbioneta Card il prezzo è di 4,50 euro.

Sito web per approfondire: https://www.visitsabbioneta.it



Altre mostre a Mantova e provincia

Arte contemporanea

Cris Devil. L'improbabile

Zanini Arte presenta "L'improbabile" dell’artista Cris Devil dal 24 marzo presso il suggestivo scenario del Refettorio Monastico di San Benedetto Po. leggi»

24/03/2024 - 28/04/2024

Lombardia

Mantova