DesignMostre a Monza - Brianza

ISIA Academy 1922-1943. Quando I designer portavano la cravatta

  • Quando:   10/11/2023 - 25/02/2024
  • ultimi giorni
ISIA Academy 1922-1943. Quando I designer portavano la cravatta
ISIA Laboratorio di ebanisteria, metà anni Trenta_Il docente Angelo Assi in primo piano al centro_in alto a destra Bruno Protasoni con una lunga pialla tra le mani (Foto Archivio Protasoni_Samarate)

Fino al 25 febbraio 2024 i Musei Civici di Monza ospitano "Isia Academy1922-1943. Quando i Designer Portavano la Cravatta", una mostra che rievoca la breve ma cruciale vicenda dell'Istituto Superiore di Industrie Artistiche di Monza, tra le più importanti scuole di arte e design attive nell'Europa del primo Dopoguerra.

La mostra ai Musei Civici di Monza, in collaborazione con Vertigo Syndrome, è a cura di Alberto Crespi.

Attiva nel secondo ventennio del Novecento alla Villa Reale di Monza, l'ISIA è stata una parentesi innovativa nel panorama della formazione artistica italiana. Sulla scia del tedesco Bauhaus da cui trasse ispirazione, la scuola accolse come docenti artisti di fama internazionale e formò pittori, scultori e grafici. Dalle sue aule uscirono personalità come Costantino Nivola, che emigrò poi negli Stati Uniti dove divenne scultore affermato, e Giovanni Pintori, art director per Olivetti dal 1938 al 1968, che per la celebre azienda di Ivrea firmò materiale pubblicitario di ogni genere a livello internazionale: manifesti, pagine, insegne.

In occasione dei cento anni dalla prima Biennale Internazionale delle Arti Decorative, tenutasi nella Villa Reale di Monza nel 1923, come vetrina della creatività internazionale, e dalla quale ebbe origine la Triennale di Milano, una delle istituzioni culturali più importanti al mondo, l'esposizione monzese rievoca questa straordinaria vicenda e ne racconta i protagonisti e le opere, a partire da immagini d'epoca uniche, che fanno rivivere lo spirito propulsivo del '900.

La mostra propone alcuni capolavori che da questa fucina dell'arte uscirono, conservati proprio nelle raccolte dei Musei Civici di Monza, cui si affiancano pezzi inediti provenienti da collezioni private e dalla Società Umanitaria di Milano, l'ente di ispirazione socialista che si impegnava nell'educazione delle classi popolari, per volere della quale l'ISIA fu creata.... leggi il resto dell'articolo»

L'ISIA di Monza

La culla del design Italiano raccontata ai nostri figli

Pannelli didattici e installazioni audio e video, realizzati dall'influencer Rey Sciutto con un linguaggio che parla soprattutto ai giovani talenti creativi e che si ispira a quello dei social network, accompagnano il visitatore nel percorso espositivo, suddiviso in sezioni dedicate ai vari insegnamenti attivati negli anni dall'istituto: Disegno geometrico, Disegno del mobile, Ferro battuto, Plastica decorativa, Decorazione pittorica, Figura e Copia dal Vero, Ceramica, Tecnica dei metalli preziosi, Tessitura e Ricamo, Grafica pubblicitaria.

"ISIA Academy 1922-1943. Quando i Designer Portavano la Cravatta" è un'opportunità imperdibile per immergersi in un periodo straordinario dell'arte del Novecento italiano. Anche grazie alla cravatta personalizzata ISIA che tutti i visitatori riceveranno, sarà possibile rivivere lo spirito dell'epoca e calarsi nella parte degli studenti che ormai un secolo fa, proprio come i giovani artisti creativi che oggi, tatuati e colorati, affollano le aule e i cortili dei campus e degli istituti d'arte, di grafica e design – frequentavano in giacca e cravatta i corsi dell'ISIA, desiderosi di intraprendere il loro percorso nel mondo del lavoro, progettando e sperimentando con la stessa passione e dedizione degli aspiranti designer, modellatori 3D e illustratori digitali contemporanei, sebbene con strumenti, tecnologie e tecniche diverse.

La storia dell'ISIA 

Sulle spalle degli antichi maestri

L'Istituto Superiore di Industrie Artistiche di Monza nacque nel 1922 per volere di Augusto Osimo, segretario generale della Società Umanitaria di Milano. Dal 1929, con la direzione di Guido Balsamo Stella la scuola ebbe nuovi programmi e furono convocati ad insegnarvi artisti del calibro di Arturo Martini e Marino Marini, che si succedettero alla cattedra di Plastica Decorativa, il pittore Raffaele De Grada, cui fu affidato l'insegnamento di Copia dal vero, natura morta e paesaggio, il pittore Pio Semeghini, cui fu affidata la cattedra di Figura, gli artefici del ferro battuto Alessandro Mazzucotelli, Gino Manara e Nino Vergerio. E ancora il famoso Marcello Nizzoli che insegnava Grafica pubblicitaria, i docenti di tecniche grafiche Ugo Zovetti e di composizione Aldo Salvadori. Inoltre dagli anni Trenta insegnarono a Monza gli architetti razionalisti milanesi.

A differenza del Bauhaus l'Istituto di Monza attraversò gli anni Venti e gli anni Trenta sostanzialmente indenne, se pur con ricorrenti crisi economiche, mentre l'estetica espressa dai docenti e dai manufatti virava dal tardo Liberty al Déco, al Razionalismo.

Nel 1943, con l'inasprirsi del secondo conflitto mondiale, l'ISIA fu costretta a chiudere i battenti a causa della chiamata alle armi di molti allievi e insegnanti, ma nei suoi venti anni di attività lasciò una traccia indelebile, dando impulso alla nascita del design in Italia.

La mostra nelle parole delle istituzioni

"Questa mostra – dice il Sindaco di Monza Paolo Pilotto – è un tributo all'"artigenialità" della nostra terra, dove è nato, anche in forma talvolta inconsapevole, quel connubio tra artigianato ed estro creativo che è il design, poi applicato all'arredo nelle sue diverse declinazioni. E' una storia affascinante che merita di essere raccontata poiché ha contribuito in modo significativo a marcare l'identità del tessuto produttivo della Brianza e a far emergere talenti e firme che hanno lasciato il segno".

"La mostra – aggiunge l'Assessora alla Cultura Arianna Bettin – nasce con l'intento primario di rivolgersi ai più giovani, a quella fascia d'età in cui rientravano gli studenti che cent'anni fa iniziavano il proprio percorso di formazione presso l'Università delle Arti Decorative di Monza. Ragazzi - e poi anche ragazze, seppur per breve tempo - nati e vissuti in un contesto storico profondamente diverso dal nostro, in un'Europa ancora traumatizzata dalla Prima Guerra Mondiale e in un'Italia ormai sotto il giogo Fascista, ma che erano animati, come tutti i giovani, da passioni dirompenti e da prolifico spirito creativo. Vogliamo portare i ragazzi a confrontarsi con i protagonisti dell'ISIA come se fossero loro coetanei o i loro professori, anche se ai tempi i designer ante litteram portavano la cravatta, mentre oggi ne fanno volentieri a meno, e le designer erano una importante eccezione, mentre ai giorni nostri sono finalmente presenza accettata e di primario rilievo. Senza dimenticare la dovuta contestualizzazione storica, ma con l'intenzione di rendere più umani e vicini a noi quegli adolescenti e giovani adulti, immortalati prima che si affermassero, segnando così una tappa storica del design italiano".

Gli eventi collaterali

"ISIA ACADEMY 1922-1943. Quando i Designer Portavano la Cravatta" è arricchita da numerosi eventi collaterali, conferenze e workshop artistici di fumetto, illustrazione, grafica pubblicitaria, scultura, design di oggetti e molte altre discipline, tenuti da docenti di varie accademie di arti visive, che faranno rivivere ai partecipanti l'emozione di essere guidati da affermati talenti artistici.

Calendario Eventi Collaterali

Giovedì 25 gennaio ore 18.00
La fotografia per l'arte. Il rapporto del fotografo con l'opera d'arte e l'artista. Dagli Alinari a Benjamin, a Ugo Mulas. Dalla storia delle riproduzioni d'arte alle riflessioni sul fare.
Una lezione teorica con indicazioni sulle tecniche di ripresa e l'uso della luce col professore Piero Pozzi

Domenica 28 gennaio ore 15.00
Illuminazione per i beni culturali e gli spazi espositivi
Workshop con la Light Designer Lisa Marchesi

Giovedi' 8 febbraio ore 18.00
Dall'Umanitaria all'ISIA di Monza
Conferenza con Claudio A. Colombo, responsabile Archivio Storico della Società Umanitaria Milano e Alberto Crespi, in collaborazione con Associazione Amici dei Musei di Monza e Brianza

Tutti gli eventi si svolgeranno in Sala conferenze

Info e prenotazioni su https://museicivicimonza.it/

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso

ISIA Academy 1922-1943. Quando I designer portavano la cravatta

Apertura: 10/11/2023

Conclusione: 25/02/2024

Organizzazione: Isia Academy con Vertigo Syndrome

Curatore: Isia Academy Alberto Crespi

Luogo: Monza, Musei Civici

Indirizzo: via Teodolinda 4 - 20900 Monza

Orario: mercoledì 10-13 | 15-18 | giovedì 15-18 | venerdì, sabato e domenica 10-13 | 15-18 | aperture straordinarie 8 dicembre,1 gennaio, 6 gennaio

Biglietti: intero € 6 | ridotto € 4 | under 18 gratuito

Per info:+39 039. 2307126 | info@museicivicimonza.it | Vertigo Syndrome + 39 351 6560343 | info@vertigosyndrome.it | 

Sito web per approfondire: https://museicivicimonza.it/



Altre mostre a Monza - Brianza e provincia

Arte contemporanea‎

Bum! Enrico Baj e l’Arte Nucleare

Fino al 5 maggio il Must di VImercate dedica una nuova grande a Enrico Baj e al movimento da lui fondato negli anni '50. leggi»

26/01/2024 - 05/05/2024

Lombardia

Monza - Brianza