La storia non si ripete ma fa rima

  • Quando:   24/09/2023 - 11/11/2023
  • evento concluso

Arte contemporaneaMostre a Verona


La storia non si ripete ma fa rima

La storia non si ripete ma fa rima è il titolo della mostra a cura di Hélène de Franchis (Studio la Città, Verona) e Giorgia Lucchi Boccanera (Boccanera Gallery Trento/Milano) inaugurata sabato 23 settembre negli spazi di Lungadige Galtarossa 21 a Verona. Un progetto espositivo nato da due gallerie che condividono la stessa visione e lo stesso interesse nel promuovere l'arte contemporanea.

La storia non si ripete ma fa rima, è probabilmente la frase più conosciuta e citata dello scrittore americano Mark Twain. Questa celebre citazione bene rappresenta il ruolo della storia stessa: un divenire costante di trasmutazioni e progressi, e allo stesso tempo di modelli che si ripetono, schemi che replicano paradigmi uguali a sé stessi.

Questo a volte accade anche quando due storie personali si incontrano. L'una rivive i meccanismi del proprio passato nell'altra, l'altra costruisce una proiezione del suo possibile domani.

"Rivedo in Giorgia quello che anch'io facevo 40 anni fa – dice Hélène de Franchis. Ho una bella fotografia incorniciata in magazzino che mi rappresenta appoggiata a un furgone con alle spalle la cattedrale di Colonia. Il furgone l'avevo guidato personalmente da Verona a Colonia per partecipare alla fiera dell'arte. Esattamente quello che Giorgia fa ancora oggi. Abbiamo lo stesso modo di considerare l'arte e lo stesso approccio.

In un'intervista definivo il lavoro nel mondo dell'arte come un modo di vivere: una scelta di vita non comune che Giorgia e io condividiamo appieno".... leggi il resto dell'articolo»

Giorgia Lucchi ha colto invece in Hélène il ruolo, involontario da parte sua, di mentore: "Da sempre ammiro Hélène per la sua professionalità, per l'attenzione ai dettagli e per la sua grande tenacia e forza. Ho sempre gioito dei suoi successi e del grande team che ha creato. Credo che il sentimento di profonda ammirazione e stima nei confronti di chi ottiene notorietà nel proprio lavoro, ti crea quella tensione interiore e quella forza in più per credere ancora più fermamente in quello che fai. Guardando Hélène mi proietto nel futuro, do forma alla mia visionarietà e affronto le difficoltà di tutti i giorni con quella leggerezza d'animo che rende tutto fattibile."

Questa affinità fra le due galleriste è venuta da sé dopo tanti incontri nei vari luoghi dell'arte contemporanea e continui saluti di Giorgia Lucchi Boccanera che si rivolgeva a Hélène definendola "il suo mito personale". Fino a quando un giorno, ad Artissima a Torino, Hélène ha anticipato Giorgia, chiedendole di non chiamarla più il suo mito. Da quel momento una decisa stretta di mano ha sancito la profonda intesa fra colleghe che condividono la stessa professione nello stesso modo.

Il risultato di questa intesa è una mostra che negli spazi di Lungadige Galtarossa 21 a Verona presenterà le opere degli artisti Cristian Avram, Linda Carrara, Andrea Fontanari, Veronica de Giovanelli, Gabriele Grones, Debora Hirsch e Federico Seppi rappresentati da Boccanera Gallery, insieme a Vincenzo Castella e Giulio Paolini, due artisti particolarmente rappresentativi della storia di Studio la Città. Vincenzo Castella è stato scelto da Giorgia Lucchi Boccanera perché rimanda alla grande passione di Hélène per la fotografia come straordinario medium artistico. L'opera di Castella stampata su carta giapponese di gelso da 70 grammi, restituisce una visione quasi pittorica che avvicina la pittura di Gabriele Grones. La scelta dell'opera di Giulio Paolini è invece legata alla storia della galleria, ai primi anni della sua attività quando le scelte di grande contemporaneità hanno avvicinato Hélène al lavoro di artisti particolarmente innovativi come appunto Paolini.

Artisti in mostra

Cristian Avram (Alba-Julia Romania, 1994. Vive e lavora a Cluj Napoca) descrive momenti fondati sulla forza immersiva delle emozioni. La sua pittura è caratterizzata da un approccio molto vicino all'impostazione classica. Estraendo i suoi soggetti dal mondo che lo circonda, si serve della rappresentazione della realtà come mezzo di indagine delle possibilità che il colore offre nella creazione del suo immaginario.

Linda Carrara (Bergamo, 1984. Vive e lavora tra Milano e Bruxelles) approfondisce, con una forte attitudine filosofica, la rappresentazione paesaggistica e della natura.
Attraverso la meticolosità tecnica, l'artista dialoga con la realtà e rielabora i soggetti proposti nelle sue opere, spaziando dall'uso del frottage a pennellate maggiormente dinamiche e immersive.

Andrea Fontanari (Trento, 1996. Vive e lavora tra Trento e Venezia), attraverso una pennellata dinamica che dalla vivezza del colore indaga la fisicità del bianco e nero, propone un'inedita narrazione attraverso la rappresentazione di attimi privati, domestici e familiari. Una giovane e vivace prospettiva sulla quotidianità raccontata attraverso l'attitudine a tratti onirica e anche sagacemente realistica delle sue opere, cristallizzazione di emozioni, momenti condivisi e oggetti comuni.

Veronica de Giovanelli (Trento, 1989. Vive e lavora a Bruxelles) attraverso una pittura stratificata, la sua ricerca artistica indaga la complessità del paesaggio e i processi che lo costituiscono, lo modificano o lo distruggono. Considera il paesaggio come una stratificazione di materia, memorie, accadimenti. Spesso lo paragona ad un antico palinsesto: una pagina manoscritta, rotolo di pergamena o libro, che è stata scritta, cancellata e riscritta nuovamente.

Gabriele Grones, (Belluno, 1983. Vive e lavora a New York). Le sue opere realizzate con grande maestria tecnica sono elementi di interconnessione tra natura e cultura umana, caratterizzate da dirette correlazioni simboliche e iconografiche tra artificiale e naturale. I due dipinti esposti nascono da un dialogo concettuale con la poetica dei Maestri Umberto Moggioli e di Felice Casorati.

Debora Hirsch (San Paolo del Brasile, 1967. Vive e lavora tra Milano e San Paolo). Attualmente si dedica al progetto digitale "Plant". È il risultato dell'interconnessione tra la pittura tradizionale, il disegno, l'intelligenza artificiale e l'animazione per generare opere d'arte. Seguendo i protocolli della blockchain che definiscono uno spazio protetto dalla distruzione, dalla manipolazione e dal passare del tempo, l'artista ha deciso di riportare in vita e preservare piante quasi estinte all'interno del regno dell'IA e della pittura fisica.

Federico Seppi (Trento, 1990, dove vive e lavora) con le sue opere ridefinisce l'universo naturale attraverso una costante riappropriazione fisica degli elementi originari: attribuendo a ciascun elemento una valenza simbolica e un significato spirituale.
I suoi lavori nascono dal dialogo tra spiritualità e scienza, dalle relazioni tra oriente e occidente, dalla trasformazione tra natura e artificio.

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso

Mostra: La storia non si ripete ma fa rima

Verona - Studio la Città, Boccanera Gallery

Apertura: 24/09/2023

Conclusione: 11/11/2023

Organizzazione: Studio la Città e Boccanera gallery

Curatore: Hélène de Franchis e Giorgia Lucchi

Indirizzo: Lungadige Galtarossa 21 - 37133 Verona

Opening: sabato 23 settembre 2023, ore 11

Sede espositiva: Studio la Città, Lungadige Galtarossa 21, 37133 Verona

Orari: lunedì 14 - 18 da martedì a venerdì 9 - 13 e 14 – 18 | sabato 9 - 13 (su prenotazione entro il giovedì della stessa settimana)

Informazioni: Boccanera Gallery Trento +39 0461 984206 | Boccanera Gallery Milano +39 340 5747013 | info@boccaneragallery.com

Sito web per approfondire: https://boccaneragallery.com/



Altre mostre a Verona e provincia

Arte contemporaneamostre Verona

Newsha Tavakolian. And They Laughed At Me

Eataly Art House – E.ART.H. presenta, in collaborazione con Fondazione Deloitte e Deloitte Italia "And They Laughed At Me", personale dell'artista iraniana Newsha Tavakolian. leggi»

10/04/2024 - 31/08/2024

Veneto

Verona

Ingresso gratuito

Arte contemporaneamostre Verona

Stanze. Gallo, Gastini, Ontani, Sassolino

Le Stanze della Galleria dello Scudo si aprono ora a un nuovo allestimento che presenta, in successione, quattro autori scelti fra gli artisti contemporanei trattati direttamente dalla galleria. leggi»

20/05/2024 - 27/07/2024

Veneto

Verona

Arte visivamostre Verona

"Ospiti in Galleria" al Museo di Castelvecchio

Natura morta tra moderno e contemporaneo. Dal 27 marzo al 30 giugno 2024 nelle sale del Museo di Castelvecchio due "Ospiti in Galleria". leggi»

27/03/2024 - 30/06/2024

Veneto

Verona

Arte visivamostre Verona

La Collezione Luigi Carlon alla Casa Museo Palazzo Maffei

La Collezione Luigi Carlon, allestita nelle sale della Casa Museo Palazzo Maffei, è ricca di opere straordinarie dall'antichità ai giorni nostri, in dialogo con rari manufatti artistici. leggi»

20/05/2024 - 31/07/2024

Veneto

Verona