Leoncillo. Ritorno a Gubbio

  • Quando:   21/10/2023 - 07/01/2024
  • evento concluso

Arte contemporaneaSculturaMostre a PerugiaGubbio


Leoncillo. Ritorno a Gubbio

È dedicata a Leoncillo Leonardi la mostra che la città di Gubbio ospita dal 21 ottobre 2023 fino al 7 gennaio 2024 presso le Logge dei Tiratori. "Leoncillo. Ritorno a Gubbio", è curata da Enrico Mascelloni, con il coordinamento di Francesco Balsamo ed Elisa Polidori e la collaborazione di Maurizio Stazi. La mostra coinvolge nel suo itinerario di visita anche altre tre sedi della città eugubina: il Palazzo Ducale, il Museo Diocesano e il Park Hotel ai Cappuccini.

Palazzo Ducale ospita due grandi sculture di Leoncillo, tra gli esiti più spettacolari e importanti della sua fase finale, acquisite negli anni '60 attraverso il Premio Gubbio di scultura. Il Museo Diocesano ospita un'opera di collezione privata, il Park Hotel ai Cappuccini presenta alcuni lavori, prevalentemente del suo noviziato romano e della stagione neocubista, incentrati sul rinnovamento della cosiddetta "arte applicata", al punto di anticipare i successivi risultati dell'"antidesign". Nelle Logge dei Tiratori sono presentate alcune tra le sue opere più note, accompagnate da bozzetti preparatori tanto in ceramica che su carta.

La mostra è promossa dall'Associazione Culturale La Medusa con il patrocinio del Polo Museale dell'Umbria, del Comune di Gubbio, il sostegno della Fondazione Perugia ed il contributo della Regione Umbria, in collaborazione con la Diocesi di Gubbio, Palazzo Ducale di Gubbio, l'Associazione Host e il Park Hotel ai Cappuccini. Main sponsor è Colacem.
Di tutte le fasi della sua attività artistica, la mostra presenta oltre 30 opere significative, sculture e varie opere su carta, realizzate tra il 1934 e il 1968 e raccontano il percorso artistico di Leoncillo, considerato tra i maggiori artisti del XX secolo e tra i massimi rappresentanti dell'Informale internazionale. Importanti sculture come la Cariatide del 1945, il Tempo ferito del 1963, alcune grandi opere della sua ultima produzione, come il San Sebastiano Bianco del 1962, già acquisito dall'Azienda di Soggiorno di Gubbio attraverso il Premio Gubbio di scultura. Nutrita e rigorosa la selezione di opere su carta, scelte per venire messe in relazione con le sculture esposte, cogliendone dunque la natura non solo di bozzetti preparatori ma anche di vere e proprie varianti. L'originalità di un linguaggio artistico assai articolato, diventato modello e fonte di ispirazione per le successive generazioni.

Il percorso artistico di Leoncillo (nato nel 1915 a Spoleto, scomparso prematuramente a Roma nel 1968) attraversa le fasi cruciali dell'arte del suo tempo: l'esordio nell'ambito delle scuole romane, dove porta all'estreme conseguenze, sino alle soglie dell'informale, la lezione espressionista di Scipione; il neocubismo del secondo dopoguerra, in cui la violenta perifrasi materica si placa, senza tuttavia estinguersi, in una più ordinata organizzazione spaziale; l'ultimo e celebrato decennio di attività, in cui la riconquista di una forma perduta avviene attraverso atti radicali come il "taglio".
La mostra di Gubbio affronta il lavoro di Leoncillo nel contesto del "paesaggio" morfologico e sociale umbro in cui nacque e che sempre resterà determinante per un'opera che pur si apre alle temperature più torride dell'avanguardia novecentesca. Dai primi disegni con "Ulivi" ai grandi "Tagli" e ai "San Sebastiano" della stagione finale, quel "palinsesto di pietre della città in cui nacqui" è presente come un'ossessione che non si consuma.

La mostra "Leoncillo. Ritorno a Gubbio" offre al visitatore l'occasione di scoprire e approfondire il percorso di Leoncillo, un artista ormai ritenuto unanimemente tra i maggiori protagonisti della scultura internazionale del secolo passato, sempre legato alle dinamiche (non solo linguistiche ma anche sociali e politiche) dei propri anni, ma al contempo capace di evadere da ogni incasellamento storiografico.
Un'arte potente e coraggiosa quella di Leoncillo, in quanto affidata a un materiale allora "precario" (anche in senso estetico) come la ceramica, tuttavia capace di liberare la creatività autonoma della materia, consentendole di dispiegare ritmi organici con un vitalismo ricco e corposo.

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso

Mostra: Leoncillo. Ritorno a Gubbio

Gubbio - Logge dei Tiratori

Apertura: 21/10/2023

Conclusione: 07/01/2024

Organizzazione: Comune di Gubbio

Curatore: Enrico Mascelloni

Indirizzo: via della Repubblica - 06024 Gubbio (PG)

Per info: +39 075 9220904 | info@leoncillogubbio.it

Sedi della mostra: Logge dei Tiratori | ingresso via della Repubblica lato orologio; Palazzo Ducale (esposizione delle due sculture vincitrici delle Biennali di Gubbio 1958 e 1962) | Museo Diocesano (esposizione opere "Cariatide" di collezione privata – Sala del Refettorio) | Park Hotel ai Cappuccini (esposizione della collezione privata)

Orario: ottobre da martedì a domenica e festivi 10.30-13.00 16-18.30.00 | novembre da martedì a giovedì ore 16.00-18.30, da venerdì a domenica e festivi ore10.30-13 16-18.30 | dicembre ore 10.30-13 16-18.30 e 16-18.30; 25 dicembre chiuso | 1 gennaio ore 16-18.30; dal 2 al 7 gennaio ore 10.30-13 16-18.30
Gli orari del Museo Diocesano di Gubbio saranno coordinati agli orari della sede Logge dei Tiratori. Per gli orari di Palazzo Ducale si rimanda al sito internet di riferimento.

Biglietto: intero 5,00 euro | ridotto 3 euro per ragazzi dai 12 ai 18 anni, studenti di ogni ordine e grado, studenti universitari, tesserati ICOM, Fai, Touring Club, provenienti da altra biglietteria Circuito Metu-Passaggio a Nord est, provenienti biglietteria Palazzo Ducale | gratuito bambini fino agli 11 anni, over 65, diversamente abili. Il biglietto comprende l'ingresso al Museo Diocesano di Gubbio.

Sito web per approfondire: https://www.leoncillogubbio.it/



Altre mostre a Perugia e provincia

Arte contemporaneamostre Perugia

Federica Bartoli, Affiorante

Le esplorazioni di Federica Bartoli in mostra da Indigo Art Gallery a Perugia. La mostra, curata da Chiara Guidoni, sarà inugurata giovedì 11 luglio, e visitabile fino al 21 settembre. leggi»

11/07/2024 - 21/09/2024

Umbria

Perugia

Arte modernamostre Perugia

Klimt, Le tre età

Dal 29 giugno al 15 settembre 2024 le "Tre età della donna", capolavoro di Klimt è ospitato alla Galleria Nazionale dell'Umbria. leggi»

29/06/2024 - 15/09/2024

Umbria

Perugia

Fotografiamostre Perugia

Legàmi. Luis Alberto Rodriguez / Afra Zamara

Mahler & LeWitt Studios e Fondazione Carla Fendi presentano Legàmi, lavoro del pluripremiato fotografo Luis Alberto Rodriguez, realizzato in collaborazione con Afra Zamara. leggi»

29/06/2024 - 15/09/2024

Umbria

Perugia

Arte contemporaneamostre Perugia

Vettor Pisani. Viaggio ai confini della mente

La mostra al CIAC celebra Vettor Pisani, uno degli artisti più rappresentativi della scena internazionale dell'arte contemporanea tra la fine del XX e l'inizio del XXI secolo. leggi»

08/06/2024 - 22/09/2024

Umbria

Perugia

Arte contemporaneamostre Perugia

Natura/Utopia. L’arte tra ecologia, riuso e futuro

"Natura/Utopia: l'arte tra ecologia, riuso e futuro", dal 23 aprile al 3 novembre 2024 a Perugia, tredici artisti, tra cui Ugo La Pietra e Pietro Gilardi, indagano il rapporto dell'uomo, natura e il suo futuro. leggi»

23/04/2024 - 03/11/2024

Umbria

Perugia