Niko Pirosmani

  • Quando:   17/09/2023 - 28/01/2024
  • evento concluso

Arte moderna Pittura del '800Mostre a Basilea


Niko Pirosmani
Niko Pirosmani, Orso in una notte di luna, Olio su cartone, 99,9 x 80 cm, The Collection of Shalva, Amiranashvili Museum of Fine Arts of Georgia, © Infinitart Foundation

A conclusione e culmine dell'anno espositivo la Fondation Beyeler propone una mostra dedicata al leggendario pittore georgiano Niko Pirosmani (1862–1918), artista enigmatico e solitario ma allo stesso tempo influente precursore dell'arte moderna. Aperta al pubblico fino al 28 gennaio 2024.

Sebbene sia quasi idolatrato dagli appassionati d'arte e celebrato in patria come un eroe nazionale, Pirosmani attende ancora di essere conosciuto dal grande pubblico dell'Europa occidentale. L'esposizione, forte di circa cinquanta opere maestre, è la più importante mai realizzata su Pirosmani a livello internazionale. È organizzata dalla Fondation Beyeler in collaborazione con il Museo Nazionale Georgiano di Tbilisi e il Louisiana Museum of Modern Art di Humlebæk. I rinomati artisti contemporanei Thea Djordjadze e Andro Wekua sono stati invitati ad accompagnare con propri contributi la presentazione dell'arte di Pirosmani.

I quadri di Pirosmani riescono a trasformare il quotidiano in straordinario. Le immagini, dirette quanto affascinanti e misteriose, sono di solito realizzate con precise e dinamiche pennellate di colore acceso su tela cerata nera. Nel loro combinarsi insieme la tecnica e lo stile pittorico di Pirosmani, come anche la sua tavolozza e i suoi soggetti, risultano unici nel panorama dell'arte moderna. Pirosmani dipingeva per lo più animali o persone del popolo, spesso figure archetipiche quali una madre con bambini, un pescatore, un cuoco o un postino. Alle volte ritraeva personaggi concreti, come nel caso dell'attrice Marguerite de Sèvres o dell'artista d'avanguardia Ilia Zdanevich. Eseguiva però anche paesaggi epici, multiprospettici, con rappresentazioni simultanee di fatti distanti fra loro nel tempo, ad esempio libagioni, battute di caccia e processioni. Le nature morte con prelibatezze culinarie erano spesso opere su commissione, tra l'altro per bettole e osterie. Vi sono poi dipinti raffiguranti celebrazioni e feste che nella cultura georgiana rivestono un'importanza particolare. Nonostante tutta la loro quotidianità, molte delle opere si caricano di un significato allusivo, in quanto rimandano a una condizione fondamentale e primordiale. Se da un lato l'arte di Pirosmani emana spiritualità, dall'altro offre una testimonianza documentaria di un Paese al crocevia tra Occidente e Oriente e di una città – Tbilisi – in passato chiamata la «Parigi dell'Est».

I soggetti sia umani sia animali sono raffigurati con amore e dignità – e non senza umorismo. Una spiccata sensibilità consentì a Pirosmani di creare dipinti iconici di singolare forza espressiva. Inoltre l'artista si dimostrò un maestro della riduzione all'essenziale, il che trova corrispondenza nella sua pittura di fulgida semplicità ed elegante schiettezza. Spesso le persone e gli animali guardano l'osservatore in modo penetrante e distaccato insieme. Le figure riempiono la superficie pittorica e con intensità ardente si stagliano contro lo sfondo nero, restando tuttavia ancorate ad esso fino a divenire presenze suggestive in uno spazio senza tempo. Quasi tutti i lavori di Pirosmani sono accomunati da un armonioso senso di quiete che ne sottolinea la dimensione spirituale. In tempi moderni caratterizzati dal cambiamento Pirosmani ha creato opere nelle quali i suoi connazionali riconoscevano il proprio ambiente di vita tradizionale, mentre l'avanguardia scopriva in esse una pittura radicale.

A dispetto di numerose ricerche approfondite e leggende tramandate, poco o nulla si sa dei dipinti di Pirosmani, del loro significato, dei loro referenti, modelli, committenti e acquirenti, né è noto dove e quando esattamente furono realizzati. Anche se le opere di Pirosmani parlano di un'umanità dell'esistenza tanto universale quanto soprannaturale, le sue visioni e intenzioni artistiche sono rimaste segrete in una misura non riscontrabile in altri artisti reputati del Novecento.... leggi il resto dell'articolo»

Niko Pirosmani è protagonista di innumerevoli storie fantastiche e di pochi fatti certi. Rimasto presto orfano, il figlio di contadini della Cachezia nel 1870 arriva nella capitale Tbilisi, dove vive presso una famiglia benestante e riceve un'istruzione. Impara da solo a dipingere, apprende il mestiere di tipografo, lavora per la Ferrovia Transcaucasica, gestisce una latteria ed esegue insegne e ritratti su commissione. Nel 1912 il poeta russo Mikhail Le-Dantju e gli artisti georgiani d'avanguardia Kirill e Ilia Zdanevich scoprono i dipinti di Pirosmani nelle osterie della fiorente Tbilisi, all'epoca veri e propri centri di vita culturale. I fratelli Zdanevich, entusiasti della sua arte, collezionano le opere del pittore autodidatta e iniziano a sostenerlo. Le-Dantju lo definisce il «Giotto georgiano». Già nel 1913 i dipinti di Pirosmani vengono esposti a Mosca nell'influente mostra «Bersaglio» insieme con opere di Marc Chagall, Natalja Gončarova e Casimir Malevič. Pur non essendosi diplomato in un'accademia d'arte, nel 1916 viene invitato a unirsi all'Associazione degli artisti georgiani, che però abbandona presto. Vive come un bohèmien vagabondo nelle taverne di Tbilisi, non portato o non disposto a inserirsi nella società. Niko Pirosmani muore in miseria nel 1918 circa. La sua tomba è sconosciuta. Molte opere vanno perse, altre sono nazionalizzate dopo l'annessione della Georgia all'Unione Sovietica. Già a pochi anni dalla sua morte artisti e autori d'avanguardia pubblicano scritti su Pirosmani, compiono ricerche sulla sua vita e analizzano la sua arte. Nei decenni successivi gli vengono dedicati libri, mostre e film. Un'esposizione di sue opere nella metropoli dell'arte Parigi rimane vittima dello scoppio della prima guerra mondiale e sarà riproposta soltanto nel 1969. Nel 1972 Pablo Picasso realizza un'incisione a corredo di una pubblicazione su Pirosmani. Non di rado il pittore georgiano è stato definito in modo improprio il «Rousseau dell'Est», talora lo si è discutibilmente celebrato come primitivista o – in linea con la narrazione di Van Gogh – giudicato un pazzo solitario oppure osannato come un genio incompreso. Oggi Pirosmani è l'artista più popolare della Georgia e negli ambienti artistici del mondo intero conta estimatori appassionati, tra cui Georg Baselitz, Peter Doig e altri maestri dell'arte.

In Svizzera l'opera di Pirosmani è stata esibita per la prima volta nel 1995 al Kunsthaus Zürich nella mostra «Zeichen & Wunder. Niko Pirosmani und die Gegenwartskunst». L'esposizione ideata dalla curatrice svizzera Bice Curiger affiancava Pirosmani ad artiste e artisti contemporanei. Curiger ha inoltre curato la mostra del 2019 «Niko Pirosmani – Wanderer between Worlds» presso la Fondation Vincent Van Gogh Arles, che in forma modificata è stata ospitata anche all'Albertina di Vienna.

La Fondation Beyeler pubblica con Hatje Cantz Verlag, Berlino, un catalogo esaustivo a cura di Daniel Baumann, curatore ospite della mostra. Il volume raccoglie testi delle esperte georgiane Mariam Dvali, Irine Jorjadze, Nana Kipiani e Ana Shanshiashvili, come pure due commenti degli artisti georgiani Thea Djordjadze e Andro Wekua nonché, per la prima volta in traduzione tedesca, fonti storiche degli scrittori e artisti georgiani Grigol Robakidze, Demna Shengelaia e Kirill Zdanevich. Mostra e catalogo hanno l'obiettivo di riunire quadri e fatti e di portare l'attenzione sull'opera di Pirosmani senza concessioni a interpretazioni speculative e mitizzanti. Allo stesso tempo viene messo in luce anche il contesto storico che ha visto la nascita delle opere nella prosperosa capitale caucasica di Tbilisi intorno al 1900. In preparazione a «Niko Pirosmani» tutti i dipinti in mostra sono stati sottoposti ad analisi e interventi di conservazione da parte di restauratrici e restauratori della Fondation Beyeler assieme alle loro colleghe georgiane.

La mostra su Pirosmani è organizzata dalla Fondation Beyeler e nasce in collaborazione con il Museo Nazionale Georgiano e il Louisiana Museum of Modern Art. La sua realizzazione è stata resa possibile dal sostegno del Ministero della Cultura, dello Sport e della Gioventù della Georgia. La Infiniart Foundation vi ha contribuito con personale impegno.

Il curatore ospite Daniel Baumann ha firmato la curatela della mostra, sviluppata congiuntamente con il Direttore Sam Keller e Irakliy Purtskhvanidze, consulente della Fondation Beyeler in Georgia, e coordinata da Regula Moser in qualità di Associate Curator e capoprogetto.

Fondation Beyeler

Il museo d'arte di Riehen presso Basilea è internazionalmente rinomato per le sue mostre di altissima levatura, per la sua importante collezione di arte moderna e contemporanea e per il suo ambizioso programma di eventi. L'edificio del museo nell'idilliaco parco punteggiato di alberi secolari e stagni di ninfee è opera dell'architetto Renzo Piano. La sua posizione nel mezzo di una zona ricreativa con vista su campi di grano, mucche al pascolo e vigneti ai piedi della Foresta Nera è unica. Nel parco adiacente la Fondation Beyeler sta realizzando un nuovo edificio museale con l'architetto svizzero Peter Zumthor, rafforzando così il legame armonioso tra arte, architettura e natura.

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso

Mostra: Niko Pirosmani

Basilea

Apertura: 17/09/2023

Conclusione: 28/01/2024

Organizzazione: Fondazione Beyeler

Curatore: Daniel Baumann, Sam Keller, Irakliy Purtskhvanidze

Indirizzo: Baselstrasse 77 - CH-4125 Riehen

Orario: tutti i giorni ore 10.00–18.00 | mercoledì fino alle ore 20.00 | venerdì fino alle ore 21.00

Catalogo: edito da Fondation Beyeler pubblica con Hatje Cantz Verlag a cura di Daniel Baumann 

Sito web per approfondire: https://www.fondationbeyeler.ch/startseite



Altre mostre a Basilea e provincia

Arte contemporanea Fotografiamostre Basilea

La mostra estiva della Fondation Beyeler

Per la prima volta negli oltre venticinque anni di storia della Fondation Beyeler l'intero museo e il parco circostante sono palcoscenico di una mostra sperimentale d'arte contemporanea. leggi»

19/05/2024 - 11/08/2024

Svizzera

Basilea