Arte contemporanea‎Mostre a Lecce

Orodeide

  • Quando:   15/12/2023 - 25/12/2023
  • evento concluso
Orodeide
Autoritratto. San Giorgio allo specchio. Cm 36x36. 2023

La galleria Must Off (Ex Convento di Santa Chiara) a Lecce ospita dal 15 al 25 dicembre la mostra Orodeide.  Vita, morte e miracoli di Orodè Deoro, a cura di Maria Agostinacchio e Andrea Novembre.

La mostra antologica racchiude le opere più significative dell'artista realizzate nell'atelier milanese dal 2015 al 2017 a cui fanno seguito quelle nate nello studio leccese dal 2019 ad oggi.

E' un viaggio alle radici della poetica dell'artista quando da giovanissimo intuì le potenzialità della parola e dell'immaginazione "Devo l'inizio della mia ricerca e della mia vita d'artista a Baudelaire e alla poesia francese- racconta Orodè- Una mattina, durante una lezione di fisica al liceo scientifico, avevo sedici anni, leggevo l'antologia di francese sottobanco e incontrai autori come Lamartine, De Vigny, ma soprattutto Baudelaire e Rimbaud. Fu una folgorazione. Capii che nella vita avrei voluto essere un poeta, trovai così una via di senso, una vera possibilità. Il mio viaggio nell'arte iniziò così".

Il primo approccio è dunque nella pittura, il linguaggio più immediato e spontaneo che Deoro pratica senza filtri e con vibrazioni cromatiche libere soprattutto nelle tante azioni performative che puntellano il suo percorso, ultima in ordine cronologico il 17 novembre nella sua casa atelier dal titolo "La mirabile visione" dedicata alla Vita Nova di Dante Alighieri, con il poeta Simone Giorgino e la musica di Gianluca Milanese.

"Ut pictura poësis- chiosa la curatrice Maria Agostinacchio- per citare l'Epistula ad Pisones di Orazio, nota come Ars Poetica, in un connubio che è al contempo topos letterario ma anche teleologico: entrambi infatti, sia la poesia che la pittura, pur con mezzi diversi, trasmutano il racconto, il fatto, la materia per elevarlo a valore universale, veicolo di emozioni, passioni, dolori. La pittura di Orodè lascia convivere tempere, cere, lacche, gesti. L'artista parte dall'osservazione diretta di un'immagine per poi procedere per sovrapposizioni materiche ed espressioniste, scevre da abbellimenti di maniera. Dalla bidimensionalità pittorica e grafica Orodè Deoro transita verso una bidimensionalità materica che si esprime attraverso il mosaico: una frammentazione scarnificante delle immagini operata con i mezzi classici della tecnica dell'opus sectile e del trencadìs di origine catalana".... leggi il resto dell'articolo»

Dalla pittura Orodè passa al mosaico da autodidatta. "Nel mio mosaico ho fatto confluire il me poeta, il primo amore, e il me pittore, il secondo amore, senza alcuna dottrina delle scuole del mosaico, da autodidatta – spiega l'artista- Tutti i miei miti sono poeti, scrittori, pittori, scultori, musicisti, ma nessun mosaicista, a parte le suggestioni del mosaico della Cattedrale di Otranto e dell'opera di Gaudì. Sulle tracce del grande catalano ho vissuto a Barcellona nel 2006 e sognavo di fare qualcosa nella Sagrada Familia. Credo solo per una questione di ego spropositato, di vanità, ero giovane, non sono entrato nella grazia dello spirito di Gaudì e delle sue opere ma avevo già iniziato il mio percorso di mosaicista in quella che fu la mia "bottega rinascimentale", Vincent City dove avevo già realizzato il ciclo dei mosaici permanenti tra il 2001 e il 2005".

Ma la ricerca di Orodè Deoro lo porta anche verso il tutto tondo "Diventa scultore, esplora forme e linguaggi della tridimensionalità – descrive il curatore Andrea Novembre- aggiungendo spessore e curve alle sue visioni oniriche, suadenti sirene nella sua ricerca di un linguaggio espressivo che evolve lungo sentieri poco battuti, al riparo dalle ovvietà del Mainstream."

Trenta circa le opere in mostra tra cui i due trittici, uno dedicato a San Giuseppe da Copertino e l'altro Autoritratto mentre creo realizzato per essere esposto in Triennale Design Museum a Milano, nel 2014; L'eternità l'opera che ha vinto la Targa d'oro del Premio Arte, nella sezione scultura, nel 2015; Mon coeur mis à nu, l'omaggio a Baudelaire e a Parigi, che insieme a Il profumo di Chartres e a Chant d'amour et mort du canard, sono state realizzate in residenza d'artista a Chartres nel 2017 e poi esposte a Ravenna a cura di Fabio Novembre.

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso

Orodeide

Apertura: 15/12/2023

Conclusione: 25/12/2023

Organizzazione: Must Off gallery

Curatore: Maria Agostinacchio e Andrea Novembre

Luogo: Lecce, Must Off Gallery

Indirizzo: Via degli Ammirati 11 - 73100 Lecce

Inaugurazione: venerdì 15 dicembre 2023 ore 17:30

Orario: dal martedì al giovedì, dalle 9.00 alle 19.00; dal venerdì alla domenica, dalle 9.00 alle 20.00. Chiuso il lunedì

Sito web per approfondire: http://www.mustlecce.it/



Altre mostre a Lecce e provincia

Arte contemporanea‎

The diary of a dreamer. Longitudini, Latitudini ed eredità delle donne

Primo Piano LivinGallery presenta "The diary of a dreamer. Longitudini, Latitudini ed eredità delle donne" dal 24 febbraio all'8 marzo 2024 presso Fondazione Palmieri a Lecce. leggi»

24/02/2024 - 08/03/2024

Puglia

Lecce

ingresso libero