turismo

Tra le bellezze del lago di Garda, la monografica di Luciano Ventrone

A un anno di distanza dalla scomparsa avvenuta il 13 aprile 2021, è stato il Museo di Riva del Garda-MAG Museo Alto Garda a voler ricordare Luciano Ventrone - l’artista romano divenuto famoso soprattutto per le sue iperrealistiche nature morte - con un’attenta mostra monografica realizzata in collaborazione con Il Cigno GG Edizioni-Roma e la Fondazione Luciano Ventrone-Miranda Gibilisco, in corso fino al 12 giugno 2022 negli ambienti della suggestiva Rocca che connota il borgo trentino.

Nel titolo dell'esposizione, nata da un’idea di Vittorio Sgarbi e Lorenzo Zichichi e curata da Marco di Capua - Luciano Ventrone. Kennst du das Land, wo die Citronen blühn?” “Conosci tu il paese dove fioriscono i limoni?" c'è il richiamo, nei versi della cosiddetta Canzone dell’Italia di Johann Wolfgang von Goethe, a uno dei soggetti maggiormente rappresentati e amati dal pittore e nel contempo così fortemente identificativo dei territori del Garda.

mostra Luciano Ventrone

Oltre 30 opere sono esposte in quest’occasione a ridisegnare il percorso compiuto da Ventrone a partire dagli anni Sessanta, ancora studente alla Facoltà di Architettura che lascerà poi per dedicarsi interamente alla pittura, fino agli ultimi lavori datati 2016 e 2018. Dagli esordi come artista figurativo classico dunque, alle sperimentazioni geometriche, passando per l’informale e l’arte programmata, fino a quando Ventrone trova la sua cifra e matura la sua ricerca estetica anche grazie all’interessamento di Federico Zeri che lo induce ad affrontare il tema delle nature morte.

Riva del Garda e le Limonaie del Lago

La mostra dedicata a Luciano Ventrone sarà per molti anche l’occasione per perdersi nel borgo di Riva del Garda - caratteristico con la sua fortezza medievale ora sede del MAG, la Chiesa di Santa Maria Inviolata, l’antico centro storico e la Torre Apponale - ma anche per godere della bellezza e dei profumi del limoni del Garda, con le antiche limonaie che si possono ammirare costeggiando la sponda occidentale del lago.

Furono i frati del convento di San Francesco di Gargnano, nel XIII secolo, a portare fin qui i limoni, dalla Riviera Ligure. Fiorirono così le limonaie, con la loro struttura a più ripiani collegati, chiusa da una massiccia muraglia; e grazie al clima mediterraneo, il lago di Garda rappresentò per diversi secoli la zona più settentrionale al mondo ove si coltivavano gli agrumi a scopo commerciale.

La costruzione della Gardesana Occidentale nel 1929, mettendo in comunicazione Limone sul Garda, Gragnano e Riva del Garda, riuscì a ridare fiato alla produzione di queste eccellenze dopo la crisi vissuta nel XIX secolo.

Il bellissimo panorama che offre il territorio che va da Riva del Garda a Gargnano, con le sue limonaie, oleandri e cipressi, ha del resto affascinato scrittori e artisti di tutte le epoche: da J. Wolfang Goethe a Gustav Klimt a David Herbert Lawrence. Oggi soprattutto le antiche limonaie sono una vera attrazione per quanti visitano il lago. Splendidi giardini-serra che arricchiscono questo già magnifico paesaggio.

museo Riva del Garda

Il Museo di Riva del Garda, una Rocca Medievale sul Garda tra Arte, Storia e Architettura

Affacciato sullo spettacolare lago di Garda, il Museo di Riva, che espone fino al 12 giugno 2022 oltre trenta opere del celebre pittore romano, presenta un itinerario espositivo strutturato in differenti sezioni: dalla storia contemporanea all’archeologia, dalla fotografia all’arte.

In un percorso espositivo che affianca le sezioni permanenti, si dispiegano durante l’anno mostre temporanee che propongono sia approfondimenti sulle collezioni che sguardi sulla visione del paesaggio e sulla cultura contemporanea.

INvento è invece uno spazio dedicato ai bambini e alle famiglie, concepito con l’ottica dell’imparare divertendosi. Consiste in un percorso-laboratorio permanente, attrezzato con isole didattiche e un angolo lettura ricco di albi illustrati, in cui prendersi una pausa dalla visita immergendosi nei racconti a tema arte, archeologia e storia.

Irrinunciabile, per chi visita il Museo, la salita al Mastio, ovvero la torre principale della Rocca da cui si apre una suggestiva immagine della città e del lago di Garda.

Nato come Museo Civico alla fine del XIX secolo, uno dei primi dell’intero territorio trentino, il Museo di Riva del Garda costituisce la sede principale del MAG Museo Alto Garda. Oltre a questo polo culturale, il MAG gestisce anche la Torre Apponale nel centro storico di Riva del Garda e Forte Garda sul monte Brione, agendo come museo territoriale in un’ottica di conservazione, ricerca e valorizzazione del patrimonio storico, archeologico, culturale e artistico altogardesano.

Il Museo di Riva del Garda presenta un itinerario espositivo articolato, strutturato in differenti sezioni, dalla storia contemporanea all’archeologia, dalla fotografia all’arte, ospitate nell’edificio medievale della Rocca affacciata sul lago.

Nella Pinacoteca del Museo di Riva del Garda si possono ammirare i paesaggi ritratti da quei pittori che nell’Ottocento rimasero affascinati dagli scorci del Garda e le opere di artisti come Pietro Ricchi, Vincenzo Vela e Francesco Hayez. Nella sezione dedicata all’Archeologia, si trovano le celebri statue stele, preziosi reperti di rilevanza internazionale risalenti all’età del Rame.
Percorrendo le sale dedicate alla Storia, emerge il passato di Riva e del Basso Sarca, caratterizzato da varie dominazioni fra cui quelle scaligera, viscontea e veneziana, fino al periodo d’oro in cui Riva divenne meta turistica di ospiti illustri come Thomas Mann e Franz Kafka.

Rocca Riva del Garda

La Rocca di Riva del Garda

La costruzione della Rocca di Riva del Garda fu autorizzata nel 1124 dal vescovo Altemanno; negli antichi documenti viene citata come castrum novum, per differenziarla dal castrum vetus che sorgeva in un’altra parte di Riva. Fu considerata di primaria importanza per la difesa della città e continuamente ristrutturata e modificata nel corso delle varie vicende storiche. Fu residenza del Vescovo e del Capitano, prima, caserma poi, durante la dominazione austriaca. Ignota ne è la forma originale a causa dei numerosi rifacimenti apportati dagli Austriaci che la adattarono a caserma. Al tempo degli Scaligeri doveva essere un perfetto modello di castello-fortezza medievale, tutto circondato dall’acqua, come quello di Sirmione. I lavori di restauro hanno portato alla luce, nel suo interno, pregevoli frammenti di affreschi risalenti al periodo clesiano (1514-1539).

Pubblicato il

Itinerarinellarte.it