Peter Paul Rubens

Nonostante sia ricordato come il pittore di Anversa, Peter Paul Rubens (Siegen 1577 - Anversa 1640) nacque a Siegen, nell'attuale Germania, dall'esiliato avvocato Jan, accusato di calvinismo, e dalla figlia di un com- merciante di arazzi, Maria Pypelinckx. Nel 1589 la famiglia Rubens fece ritorno ad Anversa, dove Peter Paul e suo fratello frequentarono la scuola del letterato Romuldus Verdonk, apprendendo i classici latini e greci. Intorno al 1591 Peter Paul cominciò a frequentare la bottega d'arte di un lontano parente della madre, Tobias Verhaecht. Successivamente, e per quasi un triennio, fu allievo del pittore di figura Adam van Noort, per finire l'apprendistato presso il romanista Otto van Veen.
Nel 1598, Peter Paul venne accolto come maestro di pittura nella gilda cittadina di San Luca.
Il 9 maggio 1600 partì per l'Italia, dove, nell'estate dello stesso anno, il giovane pittore venne ingaggiato da Vincenzo I Gonzaga, duca di Mantova, che rimarrà suo mecenate per gli otto anni di soggiorno italiano. Il 5 settembre 1600 fu testimone di un importante evento storico: in qualità di pittore di corte assistette a Firenze al matrimonio per procura tra la cugina e cognata del duca Vincenzo, Maria de' Medici, ed Enrico IV di Francia. Partito alla volta di Roma per studiare le antichità, con in mano una lettera di raccomandazione da parte del duca di Mantova indirizzata al cardinal Montalto, nel giugno del 1601 ricevette il primo incarico di prestigio destinato a un luogo pubblico: le tre pale d'altare per la cappella di Sant'Elena presso S. Croce in Gerusalem- me, commissionate dall'Arciduca Alberto VII d'Asburgo, sovrano delle Fiandre Meridionali, che era stato, in gioventù, cardinale titolare della basilica.
Lasciata Roma il 20 aprile del 1602, il 5 marzo dell'anno successivo Rubens ricevette il primo incarico di- plomatico della propria carriera: Vincenzo Gonzaga gli affidò regali da portare alla corte spagnola e alcuni dipinti da donare al duca di Lerma, potentissimo favorito del Re. All'inizio del 1604 Rubens tornò a Mantova passando per Genova, dove riscosse il compenso per la missione appena compiuta dal banchiere del duca Vincenzo, Nicolò Pallavicino, del quale eseguì un ritratto a mezzo busto. Grazie all'amicizia con la famiglia Pallavicino, ricevette la committenza per la Circoncisione nella chiesa dei Gesuiti di Genova. Nella corte dei Gonzaga rimase fino a novembre dell'anno successivo, eseguendo le tele per la cappella maggiore della chiesa dei Gesuiti, tra cui la celebre pala d'altare che raffigura la famiglia dei duchi in adorazione della Trinità.
Alla fine del 1605, Rubens si trasferì di nuovo a Roma dove, il 25 settembre del 1606, firmò la sua seconda committenza romana con i Padri Oratoriani di S. Filippo Neri: la decorazione dell'altare maggiore di Santa Maria della Vallicella. Il lungo soggiorno italiano di Rubens si concluse frettolosamente: il 28 ottobre del 1608 lasciò Roma per raggiungere la madre morente.
Stabilitosi definitivamente ad Anversa, il 23 settembre 1609, già membro della gilda dei romanisti, venne nominato pittore della corte di Bruxelles. Il 3 ottobre sposò Isabella Brant, figlia del cancelliere della città. All'inizio del 1611 acquistò un terreno dove fece costruire la propria casa, abitata già dal 1615 ma terminata solo tre anni più tardi. Annessa alla casa, organizzò la propria bottega, frequentata da molti allievi e collaboratori per far fronte al numero sempre crescente di commissioni.

All'attività di pittore, Rubens alternò anche un'intensa carriera diplomatica: il 13 ottobre 1624 venne delegato a negoziare la pace con Maurizio d'Orange, a capo dell'esercito della Repubblica delle Province Unite che aveva attaccato Anversa, incarico che gli fruttò il titolo del cavalierato. Nel 1628, il re di Spagna lo chiamò presso la propria corte come ambasciatore e inviato della corona iberica in Inghilterra. Nel luglio 1631, infine, condusse a Bruxelles l'esiliata Maria de' Medici, Regina Madre di Francia: nove anni prima la sovrana gli aveva commissionato un grandioso ciclo di tele sulla propria vita per decorare il palazzo del Lussemburgo a Parigi (oggi presso il Louvre).
Rimasto vedovo, nel 1630 il cinquantatreenne Rubens sposò la sedicenne Hélène Fourment. Tra il 1636 e il 1638, il re Filippo IV di Spagna commissionò la decorazione della Torre de Parada, un padiglione di caccia co- struito sulla collina del Pardo, vicino Madrid: l'infaticabile pittore eseguì cinquantanove bozzetti raffiguranti tematiche mitologiche ispirate alle Metamorfosi di Ovidio.
Già dal gennaio del 1640 Rubens non era più in grado di dipingere; la gotta, per cui soffriva da anni, gli aveva immobilizzato la mano destra: la vita del celebre maestro fiammingo terminò il 30 maggio di quell'anno.

Ultimo aggiornamento: 14/11/2023

Mostre ed eventi pubblicati su Itinerarinellarte.it

Pittura del '600 Pittura del '500

Rubens! La nascita di una pittura europea

Rubens! La nascita di una pittura europea

"Rubens! La nascita di una pittura europea" fino al 18 febbraio 2024. Tre eventi espositivi sul grande artista fiammingo: Palazzo te, Palazzo Ducale di Mantova, Galleria Borghese di Roma.

evento concluso
07/10/2023 - 18/02/2024

Lombardia

Mantova

Pittura del '600

Il tocco di Pigmalione. Rubens e la scultura a Roma

Il tocco di Pigmalione. Rubens e la scultura a Roma

Fino al 18 febbraio 2024 la Galleria Borghese ospita la mostra Il tocco di Pigmalione. Rubens e la scultura a Roma, a cura di Francesca Cappelletti e Lucia Simonato.

evento concluso
14/11/2023 - 18/02/2024

Lazio

Roma

Arte antica

Genova al tempo di Rubens: uno sguardo ad oriente. Figure persiane. Rubens, i genovesi e l’arte safavide

Genova al tempo di Rubens: uno sguardo ad oriente. Figure persiane. Rubens, i genovesi e l’arte safavide

Oggetto dell’itinerario espositivo sono una serie di preziose opere persiane di epoca Safavide, databili al XVI e agli inizi del XVII secolo, per la prima volta offerte all’ammirazione del pubblico italiano.

evento concluso
11/11/2022 - 12/02/2023

Liguria

Genova

Pittura del '600

Rubens e Genova

Rubens e Genova

Palazzo Ducale di Genova ospita, dal 6 ottobre 2022 al 22 gennaio 2023, una straordinaria esposizione per raccontare la grandezza del massimo pittore barocco di sempre: Peter Paul Rubens e il suo rapporto con la città.

evento concluso
06/10/2022 - 22/01/2023

Liguria

Genova

Pittura del '500

Da Tiziano a Rubens. Capolavori da Anversa e da altre collezioni fiamminghe

Da Tiziano a Rubens. Capolavori da Anversa e da altre collezioni fiamminghe

Dal 5 settembre 2019 fino al 1 marzo 2020 Palazzo Ducale di Venezia espone esclusivi capolavori provenienti dai principali musei fiamminghi. La mostra Da Tiziano a Rubens. Capolavori da Anversa ed altre collezioni fiamminghe...

evento concluso
05/09/2019 - 01/03/2020

Veneto

Venezia

Pittura del '500

Rubens, Van Dyck, Ribera

Rubens, Van Dyck, Ribera

Dal 6 dicembre 2018 al 7 aprile 2019 la mostra Rubens, Van Dyck, Ribera. La collezione di un principe sarà allestita a Palazzo Zevallos Stigliano, Napoli. L'esposizione presenta la prestigiosa collezione appartenuta, prima...

evento concluso
05/12/2018 - 07/04/2019

Campania

Napoli

Pittura del '600

Pietro Paolo Rubens e la nascita del Barocco

Pietro Paolo Rubens e la nascita del Barocco

A Palazzo Reale 40 opere del fiammingo vissuto fra il 1577 e il 1640, divenuto grande esponente del Barocco europeo, insieme a quelle di una trentina di artisti italiani dello stesso periodo, che trovarono in lui un riferimento. Per...

evento concluso
27/10/2016 - 26/02/2017

Lombardia

Milano

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso