Pittura del '600Mostre a Roma

Il tocco di Pigmalione. Rubens e la scultura a Roma

  • Quando:   14/11/2023 - 18/02/2024
  • evento concluso
Il tocco di Pigmalione. Rubens e la scultura a Roma
Il Tocco di Pigmalione. Rubens e la scultura a Roma. Installation view. Galleria Borghese. Ph A. Novelli © Galleria Borghese

Fino al 18 febbraio 2024 la Galleria Borghese ospita la mostra Il tocco di Pigmalione. Rubens e la scultura a Roma, a cura di Francesca Cappelletti e Lucia Simonato, seconda tappa di RUBENS! La nascita di una pittura europea, un grande progetto realizzato in collaborazione con Fondazione Palazzo Te e Palazzo Ducale di Mantova che racconta i rapporti tra la cultura italiana e l'Europa attraverso gli occhi del Maestro della pittura barocca, e si inserisce anche in una più ampia ricerca della Galleria dedicata ai momenti in cui Roma è stata, all'inizio del Seicento, una città cosmopolita.

Con oltre 50 opere provenienti dai più importanti musei al mondo - tra cui il British Museum, il Louvre, il Met, la Morgan Library, la National Gallery di Londra, la National Gallery di Washington, il Prado, il Rijksmusem di Amsterdam, solo per citare alcuni - la mostra è divisa in 8 sezioni: Il tocco di Pigmalione sottolinea il contributo straordinario di Rubens, alle soglie del Barocco, a una nuova concezione dell'antico e dei concetti di naturale e di imitazione, mettendo a fuoco la novità dirompente del suo stile e come lo studio dei modelli costituisca un'ulteriore possibilità per un nuovo mondo di immagini. Per questo la mostra tiene conto non solo delle opere italiane che documentano lo studio appassionato e libero dagli esempi antichi, ma anche della sua capacità di rileggere esempi rinascimentali e confrontarsi con i contemporanei, approfondendo aspetti e generi nuovi.

"Calamita per gli artisti del Nord Europa fin dal Cinquecento, la Roma di Rubens, fra i pontificati Aldobrandini e Borghese, è il luogo dove studiare ancora l'antico, di cui si cominciano a conoscere i capolavori della pittura, con il ritrovamento nel 1601 delle Nozze Aldobrandini – sottolinea Francesca Cappelletti, Direttrice della Galleria Borghese e curatrice della mostra. È il momento della Galleria Farnese di Annibale Carracci e della cappella Contarelli di Caravaggio, di cui si stordisce una generazione. Attraverso gli occhi di un giovane pittore straniero come Peter Paul Rubens guardiamo ancora una volta all'esperienza dell'altrove, cerchiamo di ricostruire il ruolo del collezionismo, e della collezione Borghese in particolare, come motore del nuovo linguaggio del naturalismo europeo, che unisce le ricerche di pittori e scultori nei primi decenni del secolo".

Nel corso del Seicento Peter Paul Rubens viene considerato dai contemporanei, l'erudito francese Claude Fabri de Peiresc e altri letterati della République de Lettres, uno dei più grandi conoscitori di antichità romane: nulla sembra sfuggire alla sua capacità di osservazione e al suo desiderio di interpretare gli antichi maestri, e i suoi disegni rendono vibranti le opere che studia, aggiungendo movimento e sentimento ai gesti e alle espressioni.

Rubens mette in atto nelle storie quel processo di vivificazione del soggetto che utilizza nel ritratto. In questo modo marmi, rilievi ed esempi celebri di pittura rinascimentale escono ravvivati dal suo pennello, come anche le vestigia del mondo antico. Un caso esemplare è quello della famosa statua dello Spinario che Rubens disegna, a sanguigna, e poi con carboncino rosso, riprendendo la posa da due punti di vista diversi. In questo modo il disegno sembra eseguito da un modello vivente invece che da una statua, tanto da far immaginare ad alcuni studiosi che il pittore abbia utilizzato un ragazzo atteggiato come la scultura. Questo processo di animazione dell'antico, per quanto eseguito nel primo decennio del secolo, sembra anticipare le mosse di artisti che, nei decenni successivi al suo passaggio romano, verranno definiti barocchi.... leggi il resto dell'articolo»

Come le intuizioni formali e iconografiche di Rubens filtrino nel ricco e variegato mondo romano degli anni Venti del Seicento è un problema che non è stato ancora affrontato in modo sistematico dagli studi.

La presenza in città di pittori e scultori che si erano formati con lui ad Anversa, come Van Dyck e Georg Petel, o che erano entrati in contatto con le sue opere nel corso della formazione, come Duquesnoy e Sandrart, garantì di certo l'accessibilità dei suoi modelli a una generazione di artisti italiani ormai abituati a confrontarsi con l'Antico alla luce dei contemporanei esempi pittorici e sulla base di un rinnovato studio della Natura. Tra tutti, Bernini: i suoi gruppi borghesiani, realizzati negli anni Venti, rileggono celebri statue antiche, come l'Apollo del Belvedere, per donare loro movimento e traducono in carne il marmo, come avviene nel Ratto di Proserpina.

"In questa sfida tra le due arti, Rubens dovette apparire a Bernini come il campione di un linguaggio pittorico estremo, con cui confrontarsi: per lo studio intenso della natura e per la raffigurazione del moto e dei 'cavalli in levade' suggeriti dalla grafica vinciana, che sarebbero stati affrontati anche dallo scultore napoletano nei suoi marmi senili con la stessa leonardesca "furia del pennello" riconosciuta da Bellori al maestro di Anversa; infine anche per i suoi ritratti, dove l'ef- figiato cerca il dialogo con lo spettatore, proprio come accadrà nei busti di Bernini per i quali è stata coniata la felice espressione di speaking likeness", afferma Lucia Simonato, curatrice della mostra.

La mostra Il tocco di Pigmalione cerca di illuminare il controverso rapporto fra i capolavori berniniani e il naturalismo rubensiano, così come lo furono altre sculture giovanili dell'artista, come la Carità vaticana nella Tomba di Urbano VIII, già giudicata dai viaggiatori europei del tardo Settecento 'una balia fiamminga'.

In questo contesto figurativo, la tempestiva circolazione di stampe, tratte da prove grafiche rubensiane, accelerò il dialogo per tutti gli anni Trenta del Seicento sollecitando operazioni editoriali come la Galleria Giustiniana, dove le statue antiche prendono ormai definitivamente vita, secondo un effetto già definito Pigmalione dalla critica.

La Galleria Borghese custodisce ed espone una collezione di sculture, bassorilievi e mosaici antichi, nonché dipinti e sculture dal XV al XIX secolo. Tra i capolavori della raccolta, il cui primo e più importante nucleo risale al collezionismo del cardinale Scipione (1579-1633), nipote di Papa Paolo V, ci sono opere di Caravaggio, Raffaello, Tiziano, Correggio, Antonello da Messina, Giovanni Bellini e le sculture di Gian Lorenzo Bernini e del Canova.

La Villa Borghese, all'interno della quale è situata la Galleria, sorse all'inizio del sec. XVII intorno a un iniziale possedimento della famiglia, a cui furono progressivamente annessi altri terreni fino alla costituzione di un immenso parco. La rapida ascesa dei Borghese, di origine senese, nel contesto romano, culminò nell'elezione a pontefice di Camillo (1605-1621) che, col nome di Paolo V, avviò la grande stagione di interventi urbanistici e di straordinarie imprese collezionistiche grazie anche al nipote prediletto, protagonista assoluto di questo scenario, nonché della rappresentanza diplomatica e cerimoniale della corte pontificia: il cardinale Scipione Caffarelli Borghese.
A partire dal 1770 la Villa fu sottoposta a un radicale rinnovamento dell'apparato decorativo, promosso da Marcantonio IV Borghese (1730-1800) e condotto sotto la direzione dell'architetto Antonio Asprucci. La Villa Pinciana divenne un modello di rinnovamento stilistico di portata europea, a ridosso del definitivo affermarsi del Neoclassicismo.

Nel nuovo allestimento Asprucci dispose i maggiori capolavori della scultura antica, oltre all'Apollo e Dafne di Bernini, secondo un nuovo criterio espositivo, ponendoli al centro di ogni sala e raccordando l'intero tema decorativo al nucleo iconografico del gruppo scultoreo. Nonostante la rimozione delle sculture archeologiche dell'antica collezione del cardinale Scipione - conseguente alla vendita imposta nel 1807 da Napoleone a Camillo Borghese (1775-1832) - e le successive integrazioni ottocentesche, ancora oggi, la magnificenza delle decorazioni e l'ordinamento espositivo rispecchiano i criteri dell'allestimento voluto da Antonio Asprucci.

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso

Il tocco di Pigmalione. Rubens e la scultura a Roma

Apertura: 14/11/2023

Conclusione: 18/02/2024

Organizzazione: Galleria Borghese

Curatore: Francesca Cappelletti e Lucia Simonato

Luogo: Roma, Galleria Borghese

Indirizzo: Piazzale Scipione Borghese, 5 - 00197 Roma

Orari: dal martedì alla domenica. Dalle 9.00 alle 19.00. Ultimo ingresso alle ore 17.45

Giorni di chiusura: 25 dicembre, 1 gennaio.

La biglietteria è aperta dalle ore 8.30 fino a 1 ora prima della chiusura del museo.

Sito web per approfondire: https://galleriaborghese.beniculturali.it/



Altre mostre a Roma e provincia

Arte contemporanea‎

Luana Perilli. Amata

Domenica 10 marzo 2024 alle ore 12.00, nelle sale espositive del Casale dei Cedrati, si inaugura la mostra Amata di Luana Perilli. leggi»

10/03/2024 - 15/04/2024

Lazio

Roma

Arte contemporanea‎

Cent'anni di Carla Accardi

A 10 anni dalla morte e a 100 dalla nascita, Roma dedica una grande mostra antologica a Carla Accardi, dal 6 marzo al 9 giugno. leggi»

06/03/2024 - 09/06/2024

Lazio

Roma

Arte contemporanea‎

Fluttuazioni del Visibile

Fino al 9 marzo 2024 la Galleria d'Arte Marchetti di Roma ospita "Fluttuazioni del Visibile – Artisti fra immagine e figura" 12 artisti di diverse generazioni fra gli anni '10 e gli anni '50 del Novecento. leggi»

25/01/2024 - 09/03/2024

Lazio

Roma

Ingresso libero

Fotografia

Luce, memoria, apparenze. L’Ara Pacis interpretata da sette giovani fotografi

Al Museo dell'Ara Pacis a Roma prosegue fino al 10 marzo 2024 la mostra "Luce, memoria, apparenze. L'Ara Pacis interpretata da sette giovani fotografi". leggi»

10/01/2024 - 10/03/2024

Lazio

Roma

Ingresso gratuito per la sola mostra

Arte contemporanea‎

Monica Giovinazzi. Into the Deep Blue

BLU Spazio delle Arti, via di Torpignattara 142, a Roma inaugura venerdì 15 marzo 2024, INTO THE DEEP BLUE, un progetto espositivo di Monica Giovinazzi, a cura di Barbara Pavan. leggi»

15/03/2024 - 24/03/2024

Lazio

Roma

Arte contemporanea‎

Elisabetta Diamanti. Impronte temporali

Elisabetta Diamanti protagonista con "Impronte temporali" a cura di Penelope Filacchione, dal 16 marzo al 6 aprile 2024. leggi»

16/03/2024 - 06/04/2024

Lazio

Roma

Fotografia

Mariangela Caturano. Miraggi

"Miraggi", con il sottotitolo la Strada dei Feudi, è la mostra fotografica di Mariangela Caturano che lo Studio Aperto della Fondazione Marco Besso ETS presenta dal 6 al 22 marzo a Roma. leggi»

06/03/2024 - 22/03/2024

Lazio

Roma

Arte contemporanea‎

Elvira Salonia. Vista Mare

Dal 4 Marzo al 18 marzo 2024, Galleria dei Miracoli a Roma ospita la prima mostra personale della pittrice ragusana Elvira Salonia dal titolo "Vista Mare". leggi»

04/03/2024 - 18/03/2024

Lazio

Roma

Ingresso libero

Fotografia

Antonio Romano e Simone Proietti Marcellini. In Ucraina

Fino al 5 Maggio Drugstore Museum di Roma ospita "In Ucraina. Irpin', storie di guerra e di resilienza", mostra sul reportage fotografico di Simone Proietti Marcellini e Antonio Romano. leggi»

23/02/2024 - 05/05/2024

Lazio

Roma

ingresso gratuito