Arte contemporanea‎Mostre a Verona

Bruno Munari. La leggerezza dell'arte

  • Quando:   13/10/2023 - 31/03/2024
Bruno Munari. La leggerezza dell'arte
Scimmietta Zizi, dida: Bruno Munari, Scimmietta Zizì, 1952, courtesy of Fondazione Pirelli

Eataly Art House – E.ART.H presenta Bruno Munari. La leggerezza dell'arte a cura di Alberto Salvadori e Luca Zaffarano fino al 31 marzo 2024.

Il progetto espositivo, dedicato a Bruno Munari (1907, Milano – 1998, Milano) tra i principali protagonisti della scena culturale italiana del Novecento, ripercorre le tappe fondamentali della carriera di Bruno Munari, artista che ha attraversato l'intero Novecento, e fornisce una chiara lettura dei processi creativi alla base della poetica di Munari e delle forme spettacolari e giocose.

Curata da Alberto Salvadori e Luca Zaffarano, con la collaborazione di Repetto Gallery di Lugano, la mostra rivela un artista votato alla sperimentazione che ha lasciato un corpus di opere quanto mai vario e innovativo e fornisce una chiara lettura dei processi creativi alla base della poetica di Munari e delle forme spettacolari e giocose con le quali l'artista si è sempre rivolto a un pubblico indifferenziato, grazie a una combinazione sapiente di arte, tecnica e spirito ludico.

Un catalogo, edito da Edizioni E.ART.H., ricco di apparati iconografici accompagnati da brevi testi dello stesso Bruno Munari, offre al lettore un utile strumento per proseguire la scoperta dell'opera e dell'attività teorica dell'artista. A questo nucleo centrale si aggiungono altre sezioni documentali: una parte dedicata alle ultime ricerche storico-critiche, una selezione di fonti storiche e un'appendice composta da sequenze fotografiche descrittive delle installazioni e degli ambienti luminosi.

La mostra prevede anche un ciclo di laboratori educativi dedicati al pensiero progettuale creativo dell'artista, sintetizzato nel celebre Metodo Munari, curati dall'Associazione Bruno Munari e progettati da Silvana Sperati, strutturati per fasce d'età e aperti alle scuole di ogni ordine e grado e alle famiglie. Inizialmente concepiti per la Pinacoteca di Brera a Milano nel 1977 con il titolo Giocare con l'arte, i laboratori sono per eccellenza i luoghi della sperimentazione, dell'autoapprendimento e della formulazione di processi creativi, per questo trovano grande attenzione nella produzione dell'artista. Le attività sono orientate a trasformare la conoscenza dei materiali e dei processi sperimentali in esperienza concreta, secondo il principio del "fare per capire", con l'obiettivo di fornire una maggiore capacità di lettura dell'arte nelle sue varie declinazioni. Le attività pensate per la mostra si sviluppano in dialogo con la specificità di Eataly Verona e trovano nel progetto culturale di Eataly Art House, incentrato sul cibo e sull'inclusività, un fondamentale filo conduttore.... leggi il resto dell'articolo»

Note biografiche

Bruno Munari (1907-1998), artista sperimentale e poliedrico, è una delle figure più interessanti del panorama culturale italiano del Novecento. Protagonista riconosciuto in molti settori, ha svolto attività di graphic designer, industrial designer, scrittore, docente, formatore. Esordisce partecipando, a partire dal 1927, alle mostre futuriste in Italia e all'estero. Nel 1930 realizza una "Macchina Aerea" e successivamente le sue famose "Macchine Inutili", composizioni di forme astratte fluttuanti nello spazio che costituiscono un esperimento di integrazione percettiva ed estetica, fra opera, movimento e spazio. Nel 1947 con l'opera "Concavo-convesso", una semplice rete metallica piegata e appesa, libera di muoversi nello spazio, illuminata da luci direzionali, l'artista estende la ricerca in una direzione più propriamente installativa. L'opera incorpora l'elemento della tempora
nel continuo. Nel 1948 inventa i "Libri Illeggibili": libri senza parole che raccontano storie per mezzo di immagini, linee, colori, pagine ritagliate, piegate, trasparenti, con fili di cotone e altri inserti. Nel 1955 espone con una mostra personale al MoMA di New York. Nel 1958 arricchisce il concetto di scultura planare realizzando le "Sculture da viaggio", opere portatili e pieghevoli che trasformano topologicamente il piano in uno spazio modulato attraverso delle pieghe geometricamente regolate. Nel 1963 inizia a sperimentare le possibilità creative delle macchine fotocopiatrici Rank Xerox e crea opere uniche, chiamate "Xerografie Originali", ottenute attraverso il movimento di immagini o pattern di vario tipo durante il processo di riproduzione. Nel 1977 progetta alla Pinacoteca di Brera a Milano i laboratori per bambini, focalizzati sulla sperimentazione e la formazione di processi creativi, un'attività che lo condurrà nel tempo alla formulazione teorica del "Metodo Bruno Munari. Laboratorio di educazione al pensiero progettuale creativo". La sua intensa e costante inventiva lo ha portato a realizzare molte opere iconiche come le "Forchette parlanti", i "Negativi-Positivi", i "Colori nella Curva di Peano", i "Fossili del 2000" ed una ricca produzione ibrida, tra arte e design, di oggetti a funzione estetica. Molte sue opere sono incluse nelle
collezioni dei principali musei del mondo.

La Mostra: Bruno Munari. La leggerezza dell'arte

La sua disposizione ambientale sfrutta l'elemento della casualità e, grazie all'uso della luce, si trasforma in un'esperienza di smaterializzazione percettiva attraverso i meccanismi di interferenza proiettiva, che scompongono e dilatano la forma dell'opera. La sperimentazione con la luce prosegue nel 1951 con le "Proiezioni dirette", composizioni pittoriche realizzate con vari materiali inseriti dentro i telai di una diapositiva e che, grazie alla proiezione e ad una variazione di scala, determinano ambienti immersivi di grandi dimensioni in cui la dinamicità delle forme è più cinematografica che pittorica. Questa ricerca, che anticipa di alcuni anni molte tendenze artistiche legate ai nuovi media, si sviluppa con la scomposizione della luce attraverso il filtro Polaroid e con la messa a punto delle "Proiezioni polarizzate" pitture cromo-cinetiche variabili

Eataly Art House - E.ART.H. è il progetto dedicato alle arti del nostro tempo fortemente voluto da Oscar Farinetti, fondatore di Eataly, Chiara Ventura, manager culturale, e Francesco Farinetti, Presidente di Green Pea, che ha sede presso Eataly Verona. Eataly Art House si caratterizza per una doppia anima, quella culturale che prevede progetti espositivi inediti appositamente concepiti per i propri spazi e momenti di approfondimento e divulgazione dedicati, e quella commerciale costruita secondo modalità innovative e il più possibile inclusive. Il primo piano dell'edificio è dedicato all'Art House e alla sua programmazione di mostre temporanee. Il piano terreno della Rotonda ospita invece, oltre a Eataly, anche i percorsi del progetto Art Market, con allestimenti temporanei realizzati in collaborazione con artisti e alcune tra le più importanti gallerie e istituzioni operanti sul territorio italiano e internazionale.

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso

Bruno Munari. La leggerezza dell'arte

Apertura: 13/10/2023

Conclusione: 31/03/2024

Organizzazione: E.ART.H

Curatore: Alberto Salvadori e Luca Zaffarano

Luogo: Verona, Eataly Art House

Indirizzo: Via Santa Teresa, 12 - 37135 Verona

Orario: mercoledì-domenica ore 12.00-20.00

Catalogo: edito da Edizioni E.ART.H

Per info: info@eatalyarthouse.it

Sito web per approfondire: https://eatalyarthouse.it/



Altre mostre a Verona e provincia

Arte contemporanea‎

Giulio Paolini. Et in Arcadia Ego

I Musei Civici di Verona Galleria d'Arte Moderna Achille Forti e Artverona presentano il progetto espositivo di Giulio Paolini Et in Arcadia Ego. leggi»

15/10/2023 - 03/03/2024

Veneto

Verona

Fotografia

Identità e Miti. Armida Gandini – Libero Collettivo di Fotografe

"Identità e Miti" di Armida Gandini e il Libero Collettivo di Fotografe è la doppia esposizione che si tiene a Spinea dall' 8 al 30 marzo 2024. leggi»

08/03/2024 - 30/03/2024

Veneto

Verona

Arte contemporanea‎

Première

Eataly Art House – E.ART.H. presenta "Première", dedicato alla scena emergente italiana, visitabile fino al 31 marzo 2024. leggi»

12/10/2023 - 31/03/2024

Veneto

Verona