Claudia Converso. Torino non è un luogo che si abbandona. Heroes for ever and ever

  • Quando:   17/05/2024 - 20/06/2024

Arte contemporaneaMostre a Torino


Claudia Converso. Torino non è un luogo che si abbandona. Heroes for ever and ever
Claudia Converso, Paperone

La Galleria d'arte SPAZIO44 di Torino presenta la mostra personale di Claudia Converso "Torino non è un luogo che si abbandona. Heroes for ever and ever". L'inaugurazione è prevista per il 17 maggio 2024 alle 18:30 e la mostra resterà allestita fino al 20 giugno.

Le opere di Claudia Converso, come ho avuto di recente modo di sottolineare presentando, sempre a Spazio 44, una mostra molto ben riuscita dove le sue tele si accostavano a quelle del compianto Bruno Zanichelli in un progetto artistico-letterario realizzato a quattro mani, sono coerenti con la sua ricerca artistica, sempre fondata su un uso nitido e vivificante del colore, principale medium espressivo, e sull'immagine calata all'interno di un ironico linguaggio pop.

La pittura, così come tecniche di riproduzione affini sul piano della bidimensionalità e della "bassa definizione" quali grafica, fumetto, immagini pubblicitarie, è, dopo gli esordi negli irrequieti e creativi anni Ottanta, divenuta strumento privilegiato per una buona parte della scena contemporanea.

Questo "ritorno alla pittura", che ha perpetuato e trasmesso i valori degli anni Ottanta, è figlio più che altro della stanchezza intollerabile prodotta dagli anni '90, in parte perpetuatasi anche nel decennio successivo, con la loro ininterrotta sequela di trovate neo-concettuali banalmente citazioniste e sterili dal punto di vista linguistico, e di artisti, così come anche di critici, "usa e getta".... leggi il resto dell'articolo»

In realtà la pittura, dopo un'evidente assenza dalla scena durata alcuni anni, dovuta alla fenomenologia di un'arte che aveva imposto gli ardori minimalisti ed analitici del Concettuale storico, è ritornata in forze sulla scena dopo la metà degli anni '70, dapprima in solitaria, dagli anni '80 in poi, fino ad oggi, in compagnia di altre modalità espressive che danno corpo all'eclettismo artistico contemporaneo

Quanto oggi appare parzialmente inedito e stimolante è l'attitudine a mescolare con disinvoltura tracce e visioni appartenenti di pari alla cultura "alta" ed a quella "bassa".

Brani di storia si mescolano a visioni psichedeliche e metropolitane, insieme a simboli appartenenti al repertorio tradizionale della pop art, così come alla moda, all'illustrazione, al fumetto, creando una equilibrata miscellanea che sembra rinverdire i fasti dei migliori anni Ottanta, quando si manifestò la riscoperta dell'individualismo e la ricerca di un'estetica appagante in grado di contaminare i generi.

Il rapporto tra "arte pura" ed "arte applicata", nel corso del Novecento spesso sbilanciato a favore della seconda, pronta a carpire dalla prima le innovazioni linguistiche per adattarle alla cultura di massa, adesso pare posizionato su di un livello di perfetto equilibrio, con i due ambiti ad assumere la funzione di vasi comunicanti.

Il lavoro di Claudia Converso, dagli anni Ottanta fino agli esiti attuali, è perfettamente sintonico alle linee guida stilistiche e storiche prima tracciate.

L'artista esordisce giovanissima, come è noto, nel clima irrequieto ed effervescente della Torino anni Ottanta, dove la gioventù che visse, in presa diretta o di riflesso, i moti del Settantasette, tende a convertire la carica di eversione politica e sociale nella cornice, ampia ed allargata, della creatività.

Pittura, installazione, moda, night clubbing, nuove sonorità punk e new wave, sono lo sfondo di una città che inizia lentamente a scrollarsi di dosso la nomea di metropoli industriale.

Tra gli artisti vige una comunione di intenti ed una complicità esistenziale che inizia però a sgretolarsi alla fine del decennio, e nella prima metà di quello successivo, causa soprattutto la competitività istigata dal sistema dell'arte.

Claudia Converso in quella fase è già impegnata in una ricerca basata sugli stereotipi dell'immaginario collettivo, soprattutto legato alla dimensione dell'infanzia e dell'adolescenza, fino alle soglie della gioventù.

In seguito, la scomparsa di Bruno Zanichelli, cui era molto legata, ed altre vicende private la portano ad abbondonare temporaneamente la scena artistica, nella quale rientra con grande energia da alcuni anni.

Senza mai abbandonare Torino, che è città spesso matrigna, ma da cui non è facile, per motivi probabilmente irrazionali, staccarsi definitivamente.

Infatti, il titolo della mostra è proprio "Torino non è un luogo che si abbandona. Heroes for Ever and Never", con la prima che è una citazione del filosofo Friedrich Nietzsche il quale, nel breve e tormentato soggiorno torinese, comprese fino in fondo l'anima nascosta della città.

Nella mostra l'artista raffigura Torino in una dimensione di ludico simbolismo, in cui, racchiusi in cornici colorate che sono una vera e propria appendice delle opere, vengono rappresentati, con perizia tecnica e colori vivaci e squillanti, paesaggi cittadini che vanno dall'antichità ai giorni nostri.

Ma non basta, naturalmente.

Protagonisti della composizione e delle azioni narrate sono dei torinesi che potremmo definire nella circostanza, di "adozione".

Si tratta dei protagonisti del fumetto dagli anni Sessanta agli Ottanta, che hanno divertito, coinvolto, talvolta inquietato una precisa generazione, ed il cui elenco completo sarà leggibile nel testo dell'artista e nell'allestimento.

Un esempio di come si possa proporre una raffinata esposizione centrata sulla dimensione narrativa ed evocativa tramite l'uso della pittura e degli stereotipi mediali.

Edoardo Di Mauro, aprile 2024

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso

Mostra: Claudia Converso. Torino non è un luogo che si abbandona. Heroes for ever and ever

Torino - Spazio44

Apertura: 17/05/2024

Conclusione: 20/06/2024

Organizzazione: Spazio44

Curatore: Edoardo di Mauro

Indirizzo: via Maria Vittoria 44 - 10123 Torino

Vernissage: 17 maggio alle 18.30

Orario: dal lunedì al venerdì 13.00/18.00, sabato e domenica su appuntamento

Per info: +39 011 5690068 | 44@spazio-44.it 

Sito web per approfondire: https://www.spazio-44.it/



Altre mostre a Torino e provincia

Arte contemporaneamostre Torino

Mario Mei. Eterotopie - luoghi non luoghi

Venerdì 31 maggio, alle ore 18.00 il Comitato di Torino della Società Dante Alighieri inaugurererà la mostra di pittura "Eterotopie- luoghi non luoghi" di Mario Mei. leggi»

31/05/2024 - 10/06/2024

Piemonte

Torino

Arte contemporaneamostre Torino

Carlos Carlè. Fuoco Materia Forma

Prosegue fino al 30 giugno, presso il "Centro Ceramico Museo Fornace Pagliero 1814" a Castellamonte (TO), l'antologica dal titolo: "Carlos Carlè - Fuoco Materia Forma". leggi»

27/04/2024 - 30/06/2024

Piemonte

Torino

Fotografia Mail artmostre Torino

A Postcard for Floyd

Dal 22 al 28 maggio 2024 a Torino, "A Postcard for Floyd" di Giangiacomo Rocco di Torrepadula con i bambini della scuola dell'infanzia Violeta Parra e gli studenti di Scuola Internazionale di Comics. leggi»

21/05/2024 - 28/05/2024

Piemonte

Torino

ingresso libero

Pittura del '600mostre Torino

Guercino. Il Mestiere del pittore

A Torino dal 23 marzo 2024 i Musei Reali ospitano "Guercino. Il Mestiere del pittore", oltre 100 opere del grande pittore tra cui la monumentale pala della "Madonna del Rosario" finalmente ammirabile da vicino. leggi»

23/03/2024 - 28/07/2024

Piemonte

Torino

Fotografiamostre Torino

Cristina Mittermeier con National Geographic

"Cristina Mittermeier con National Geographic", a cura di Lauren Johnston, è la mostra che dal 13 marzo al 1° settembre 2024 potrete vedere nelle sale delle Gallerie d'Italia a Torino. leggi»

13/03/2024 - 01/09/2024

Piemonte

Torino

Arte contemporaneamostre Torino

Torino anni '50. La grande stagione dell'Informale

"Torino anni '50. La grande stagione dell'Informale" al Museo di Arti Decorative Accorsi-Ometto porta l'attenzione sulla scena artistica di Torino dal secondo dopoguerra fino agli inizi degli anni '60. leggi»

27/03/2024 - 01/09/2024

Piemonte

Torino

Arte modernamostre Torino

Berthe Morisot. Pittrice impressionista

Dal 16 ottobre 2024 al 9 marzo 2025 GAM di Torino In collaborazione con il Musée Marmottan Monet di Parigi presenta "Berthe Morisot. Pittrice impressionista". leggi»

16/10/2024 - 09/03/2025

Piemonte

Torino

Arte contemporaneamostre Torino

Gianluca Patti. Oltre la superficie

Dal 17 maggio al 29 giugno 2024, la Galleria Ferrero ospita la mostra personale di Gianluca Patti "Oltre la superficie". leggi»

17/05/2024 - 29/06/2024

Piemonte

Torino

Arte contemporaneamostre Torino

Isabella Mandelli. Viaggio nel mondo dei Barabubbles

La città di Torino si prepara a un'esplosione di colori, figure sognanti e mondi fantastici con la prima retrospettiva italiana dedicata all'artista Isabella Mandelli, dall'8 al 28 maggio 2024. leggi»

08/05/2024 - 28/05/2024

Piemonte

Torino

Ingresso gratuito