Arte contemporanea‎Mostre a Prato

Diego Marcon. Glassa

  • Quando:   30/09/2023 - 04/02/2024
Diego Marcon. Glassa

Il Centro per l'arte contemporanea Luigi Pecci presenta Diego Marcon. Glassa, il più ampio progetto espositivo realizzato ad oggi da Diego Marcon in un'istituzione italiana, con apertura al pubblico dal prossimo 30 settembre fino al 4 febbraio 2024.

Invitato nel gennaio 2022 dal direttore Stefano Collicelli Cagol, l'artista, fra i più interessanti del panorama contemporaneo internazionale, ha fatto sue le dieci sale dell'ala Gamberini trasformandole in un'esperienza immersiva attraverso opere nuove o esistenti arrangiate in un unico allestimento pensato ad hoc per il Centro Pecci.

"Celebriamo i 35 anni di apertura del Centro Pecci con un grande progetto di Diego Marcon, appositamente pensato per il museo. Marcon è, senz'altro, l'artista italiano del momento nonché fra i più interessanti del panorama contemporaneo internazionale. Questa mostra è l'inizio di un percorso espositivo internazionale che vedrà l'artista esporre questo autunno a Basilea, Londra e Berlino; siamo, dunque, orgogliosi di aver riservato a "Glassa" oltre 1000 metri quadri con cui confrontarsi e far conoscere, al meglio, la sua ricerca al grande pubblico. La mostra arricchirà la collezione grazie all'opera Dolle, prodotta nel 2023 in Toscana, andando ad aggiungersi ai capolavori finalmente esposti in modo permanente grazie a Eccentrica. La mostra Glassa è finanziata da contributi privati, frutto del lavoro di fundraising fatto negli ultimi anni, in particolare grazie al partner Intesa Sanpaolo, allo sponsor Cellerese e ai nostri member", dichiara Lorenzo Bini Smaghi, Presidente della Fondazione per le Arti Contemporanee in Toscana.

Curato da Stefano Collicelli Cagol e da Elena Magini e sostenuto da Intesa Sanpaolo, Glassa è ad oggi il più ambizioso progetto espositivo pensato da Diego Marcon per un'istituzione italiana e realizzato insieme all'architetto Andrea Faraguna.
Attraverso film, video, animazioni, sculture, pubblicazioni, Marcon indaga temi universali come il senso della vita e della morte, utilizzando spesso l'ambiguità innocente tipica dell'infanzia o dei cagnetti come chiave di lettura utile a ripensare la vita quotidiana.

"La visionarietà di Marcon conquisterà bambini e adulti per la sua capacità di toccare temi universali, quali la vita e la morte ma anche il senso dell'arte. Marcon utilizza elementi che si connettono immediatamente al nostro vissuto, l'infanzia o i piccoli cagnetti, generando emozioni contrastanti e un senso di vertigine che sfrutta le potenzialità dell'architettura creata nel 1988 da Italo Gamberini al Centro Pecci. Siamo convinti che la mostra conquisterà tutte le tipologie di pubblico, all'insegna di quella particolare attenzione nei confronti della comunità che, da sempre, rappresenta la cifra distintiva della nostra istituzione museale, punto di riferimento del contemporaneo per l'intero Paese oltre che a livello internazionale", spiega Stefano Collicelli Cagol, Direttore del Centro per l'arte contemporanea Luigi Pecci.

La parola 'glassa' deriva etimologicamente dal francese 'glace'; e si riferisce, nel contesto della pasticceria, al rivestimento di zucchero e altri liquidi utilizzato a caldo per ricoprire o decorare le torte: così dolce da diventare quasi nauseante, così liscia e spessa da nascondere qualsiasi asperità sottostante. Inoltre, la parola richiama il ghiaccio, qualcosa di freddo come solo la morte può essere e in grado di preservare le salme.
Circa 1000 metri quadrati di spazio vengono, quindi, trasformati da Marcon in un apparato cinematografico; grazie ad una mirata illuminazione con lucernari a soffitto il pubblico è immerso in un'esperienza unica, bilanciata sul dialogo tra il trattamento del vuoto, della luce e delle ombre.
Coreografando il movimento dei visitatori nello spazio, considerato l'uso del vuoto, dello scorrere del tempo, dei cambiamenti di luce e della potenza delle immagini in movimento, Diego Marcon allestisce una macchina esperienziale dove tutto è sotto il suo meticoloso controllo.

"Le sale Gamberini del Centro Pecci sono sempre state una delle mie architetture museali preferite. Forse anche per questo la progettazione della mostra ha preso forma con estrema naturalezza. Ho lavorato a Glassa in maniera molto libera, divertendomi molto", dichiara l'artista Diego Marcon... leggi tutto»

Due serie di cani morti in ceramica punteggiano il percorso della mostra, affissi contro le pareti in un atto estremo di pudore e stupore. TINPO, 2006, è il primo film realizzato da Marcon: in un tipico interno italiano durante un pranzo di famiglia, due bambini giocano alla guerra.

Untitled, 2017, è un brevissimo corto animato in cui una ragazzina balla freneticamente, mentre il rumore del proiettore 16 mm scandisce il tempo che passa.
L'ultima sala ospita il film Dolle, 2023, papà e mamma talpa, due sculture animatronic, sbagliano continuamente i conti mentre i figli dormono. Questa complessa macchina espositiva, una metafora del cinema dove la luce crea continuamente nuove immagini, ospita un viaggio di ricerca sul senso dell'arte, della sua perfezione maniacale e della morte. Dolle (2023) è, inoltre, il progetto vincitore del "PAC2021 - Piano per l'Arte Contemporanea" promosso dalla Direzione Generale Creatività Contemporanea del Ministero della Cultura e destinato alle collezioni del Centro Pecci.

"Glassa è una mostra che possiamo percepire come un intero: un insieme di lavori che si legano l'uno con l'altro e a loro volta con l'architettura del museo, generando un'esperienza sensoriale e visiva inedita. È stato davvero interessante per me confrontarmi con un artista che ha un così forte senso dello spazio e del display, un così sostanzioso senso delle leggi che sottostanno al lavoro artistico" afferma Elena Magini, curatrice

In Glassa, ciascuno è chiamato a trovare una propria risposta confrontandosi con piaceri intensi, senso di vuoto e un precipizio vertiginoso, proprio come la vita.
Un lavoro, quello di Marcon, al confine tra cinema ed arti visive volto ad indagare il rapporto fra realtà e rappresentazione e ad individuare nell'immagine in movimento uno strumento di ricerca della realtà stessa.

La mostra è promossa e organizzata da Fondazione per le arti contemporanee in Toscana - Centro per l'arte contemporanea Luigi Pecci. Istituzione fondata dal Comune di Prato e sostenuta dalla Regione Toscana.

Sponsor: Cellerese

Sul progetto espositivo

Glassa è un progetto espositivo ambizioso che segue la vittoria al MAXXI BVLGARI Prize nel 2018, l'acclamata partecipazione di Marcon alla Biennale di Venezia del 2022, la prima mostra a Londra presso Sadie Coles HQ, a gennaio 2023, nonché le due recenti iniziative a Milano: la mostra "Dramoletti", presso il Teatro Gerolamo, promossa dalla Fondazione Trussardi ed il ciclo. di film e video diretti dall'artista stesso e presentate nell'ambito di "Studio", la rassegna di Fondazione Prada dedicata a opere a cavallo tra cinema e arti visive.
Il progetto espositivo ideato per il Centro Pecci conferma Marcon come uno degli artisti più talentuosi e rilevanti della sua generazione, in grado di utilizzare e ribaltare la logica dell'industria dell'intrattenimento per affrontare domande sull'arte, la vita e la morte.
La mostra è accompagnata dalla pubblicazione di un volume e di un vinile con le musiche del compositore Federico Chiari scritte per i film dell'artista editi da Lenz, Milano. La mostra al Centro Pecci è idealmente in dialogo con l'esposizione alla Kunsthalle Basel, Basilea. I progetti espositivi "Glassa" al Centro Pecci di Prato (29 settembre 2023 - 4 febbraio 2024), a cura di Stefano Collicelli Cagol ed Elena Magini, e "Have You Checked The Children" alla Kunsthalle di Basilea (27 ottobre 2023 – 21 gennaio 2024), a cura di Elena Filipovic, costituiscono due mostre distinte che presentano opere recenti e inedite di Diego Marcon.
Il loro punto di intersezione è la presentazione comune del nuovo film Dolle, 2023, la cui premiere sarà al Centro Pecci, che ha prodotto il film grazie al contributo del "PAC-2021 - Piano per l'Arte Contemporanea" promosso dalla Direzione Generale Creatività Contemporanea del Ministero della Cultura.

Note biografiche

La ricerca di Diego Marcon, incentrata principalmente sull'immagine in movimento, costituisce un'indagine degli archetipi cinematografici attraverso un processo che combina un approccio analitico al filmmaking, proprio del cinema strutturale, con un'attitudine sentimentale tipica del cinema popolare e di genere. Le sue opere - che spaziano tra film, video e installazioni - utilizzano spesso la struttura del loop per articolare un display emotivo che flirta con gli aspetti patetici dello spettacolo. Nell'opera di Marcon, figure di empatia e vulnerabilità sono impiegate con ambiguità intenzionale, e costituiscono una dimensione opaca che è da intendersi anzitutto come strumento politico di difesa.
Diego Marcon (Italia, 1985) ha di recente tenuto mostre personali presso la Fondazione Nicola Trussardi, Teatro Gerolamo, Milano (2023); Sadie Coles HQ, Londra (2023); Museo Madre, Napoli (2021); Institute of Contemporary Art Singapore/LASALLE, Singapore (2019); La Triennale di Milano, Milano (2018) e Careof, Milano (2015). Il suo lavoro ha fatto anche parte di mostre collettive in spazi fra cui Galerie Buchholz, Colonia (2022); La 59. Esposizione Internazionale d'Arte, La Biennale di Venezia, Venezia (2022); Royal Academy – de Tempel, Anversa (2021); Museo MACTE, Termoli (2021); Istituto Italiano di Cultura, Parigi (2021); MACRO, Roma (2021); La Quadriennale d'arte 2020, Roma (2020); Fondazione Prada, Milano (2018) e MAXXI - Museo nazionale delle arti del XXI secolo, Roma (2018). Nell'autunno 2023, Marcon presenterà due importanti mostre personali, una al Centro per l'arte contemporanea Luigi Pecci, Prato, e una alla Kunsthalle Basel, Basilea.

Titolo: Diego Marcon. Glassa

Apertura: 30/09/2023

Conclusione: 04/02/2024

Organizzazione: Centro per l'arte contemporanea Luigi Pecci

Curatore: Stefano Collicelli Cagol, Elena Magini

Luogo: Prato, Centro Pecci

Indirizzo: Viale della Repubblica, 277 - 59100 Prato

Inaugurazione: 29–30 settembre 2023

Informazioni: t. +39 0574 5317 | info@centropecci.it



Altre mostre a Prato e provincia

Arte contemporanea‎

Roberto Barni. Opere 1978-1990

La Galleria Open Art di Prato presenta, dal 2 dicembre 2023 all'11 febbraio 2024, "Opere 1978-1990" di Roberto Barni. leggi tutto»

02/12/2023 - 11/02/2024

Toscana

Prato

Ingresso libero

Arte contemporanea‎

Stefano Giuri. La folla

Stefano Giuri con "La folla" esplora la connessione tra passato e presente produttivo di Prato, esplorandone il legame emotivo con i luoghi del lavoro. leggi tutto»

05/12/2023 - 30/12/2023

Toscana

Prato

ingresso libero

Arte contemporanea‎

Antonio Barbieri. Nascosta in Piena Vista

ChorAsis – Lo spazio della visione presenta "Nascosta in piena vista", mostra personale di Antonio Barbieri presso Villa Rospigliosi a Prato. leggi tutto»

21/10/2023 - 10/12/2023

Toscana

Prato

visite gratuite con prenotazione

Resta aggiornato
su eventi e mostre scaricando l'app di
Itinerari nell'Arte e Itinerari nel Gusto!

itinerApp - appuntaeventi

Disponibile su Google Play
Scarica da Apple Store
La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso