Mostre

Arte al femminile: tre mostre da vedere a Genova

Per chi vive o si trova a Genova in questi ultimi giorni di festa, un'occasione per scoprire tre protagonisti dell'arte molto distanti, ma accomunati dalla centralità dell'elemento femminile.
Le sculture di Anne Claire van den Elshout in "My Collection of Souls I".

Partiamo in ordine cronologico, dal punto di vista della storia dell'arte, dalla mostra Artemisia Gentileschi. Coraggio e Passione, allestita nei saloni dell'Appartamento del Doge di Palazzo Ducale di Genova fino al 1°aprile 2024. Si trovano in mostra circa 50 capolavori di Artemisia Gentileschi, una delle artiste più amate di sempre. Com'è ormai ben noto, nella prima metà del Seicento, quando il mondo dell'arte è ancora dominato dagli uomini, Artemisia Gentileschi è stata la protagonista di una carriera eccezionale, che l'ha portata a lavorare per alcune delle corti più prestigiose d'Europa.

Artemisia Gentileschi fu la prima donna ad essere ammessa in un'Accademia d'arte, la prima ad essere riconosciuta come artista, la pittrice che scelse di fare della sua passione per l'arte la sua ragione di vita è al centro della mostra di Palazzo Ducale. Fu omaggiata da medaglie, ritratti dipinti da pittori illustri, poemi e incisioni.

La mostra è visitabile coi seguenti orari: lunedì 14.00-19.00 | martedì mercoledì giovedì 9.00-19.00 | venerdì 9.00-20.00 | sabato 10.00-20.00 | domenica 10.00-19.00 | la biglietteria chiude sempre un'ora prima.

Scopri di più sulla mostra



Ancora pochi giorni a disposizione, fino al 12 gennaio, per visitare la mostra Dialogo tra due "divine" di Giovanni Boldini. Questa volta la donna è protagonista come soggetto. Amato per i suoi ritratti "à la mode", Boldini raffigura personaggi della sua epoca appartenenti all'alta borghesia e all'aristocrazia, con ritratti di grande formato, in maggioranza dedicati alla celebrazione delle donne, che rivelano un'attenzione per la modernità e per la moda che fa di lui un punto di riferimento per il pubblico femminile della sua epoca.

La mostra è allestita nelle sale del Museo delle Raccolte Frugone di Nervi ed è dedicata alle tele di grande formato conosciute come i ritratti delle 'divine', dove Giovanni Boldini ha ritratto protagoniste dell'alta società parigina della Belle Époque, Miss Bell e La contessa De Leusse.... leggi il resto dell'articolo»

Per info rivolgersi a: Accoglienza e biglietteria tel. 0105576900 / biglietteriafrugone@comune.genova.it

Orario invernale:
da martedì a venerdì 9 - 18.30
sabato e domenica 9.30 - 18.30
Ultimo ingresso mezz'ora prima della chiusura



Chiudiamo questo trittico di mostre, tornando a rivolgere l'attenzione ad un'artista donna, in questo caso contemporaneaAnne-Claire van den Elshout. Si tratta di un'artista e scultrice Olandese che vive e lavora a l'Aja, Paesi Bassi, ed a Pietrasanta. Nel 2002 decise di abbandonare una fiorente carriera nel mondo legale ad Amsterdam e diventare un'artista. Dopo gli studi in Belle Arti ad Amsterdam, Pietrasanta e Londra, è divenuta scultrice.

La mostra My Collection of Souls I è visitabile presso la Biblioteca Universitaria di Genova (via Balbin 40) fino al 16 gennaio 2024. In mostra le sculture dell'artista olandese realizzate con la tecnica 3D e l'ausilio di strumentazioni avanzate, un chiaro esempio di fusione tra arte e tecnologia. Una collezione di anime, la definisce. Quelle che si celano nei simulacri che Anne-Claire van den Elschout ha pensato e realizzato come rappresentazione fisica di un concetto interiore.

Per info sulle modalità di accesso: +39 0102546431 - email: bu-ge.eventiculturali@cultura.gov.it.


La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso

Pubblicato il

Itinerarinellarte.it