Mostre tematicheMostre a Torino

AB OVO. Luci, Misteri e Alchimie

  • Quando:   13/04/2024 - 02/06/2024
AB OVO. Luci, Misteri e Alchimie

"Tutto nasce da un uovo"... Da questa semplice considerazione è nata l'idea di una mostra che è più di una mostra. "AB OVO. Luci, Misteri e Alchimie" è una vera e propria immersione nella dimensione mitica, magica, religiosa e favolosa dell'uovo, dall'antichità a oggi. Il porgetto scientifico è di Giordano Berti, storico dell'esoterismo nell'arte, mentre l'allestimento scenografico è firmato dalla designer Letizia Rivetti.

Sede dell'esposizione è il Castello Della Rovere di Vinovo (Torino), dove un allievo del Pinturicchio dipinse, intorno al 1520, una cornice a grottesca con una scena alchemica: una Fenice esce da un uovo che arde su un fuoco.
Ma questo castello nasconde un altro segreto alchemico. Qui, alla fine del Settecento, lavorava un "arcanista", Vittorio Amedeo Gioanetti che aveva ottenuto dal duca di Savoia l'incarico di riattivare la fabbrica di porcellane. Gioanetti era un alchimista legato a una fratellanza paramassonica, come dimostrano alcuni carteggi ritrovati dal dottor Massimiliano Brunetto. È noto che scoprì la tecnica per ottenere una porcellana finissima, ma la sua tecnica scomparve assieme a lui, nel 1815.

Il percorso espositivo della mostra AB OVO è suddiviso in otto sezioni.

Sezione 1: Antiche mitologie
La mostra si apre con "La nascita di Aion", videoinstallazione che dà vita a un rilievo marmoreo di epoca imperiale romana conservato alla Galleria Estense di Modena, che sintetizza il mito orfico della creazione.
Altra installazione di forte impatto scenico è ispirata al mito di Leda. Passando attraverso un uovo, ci si trova di fronte a un ologramma in 3D con "Le uova di Leda"; opera ispirata a un meraviglioso dipinto di scuola leonardesca.... leggi il resto dell'articolo»

A questo mito fanno da contrappunto una rarissima incisione di Giovan Battista Palumba, Leda e i suoi figli, (1520 ca), un bronzetto con Cupido sveglia gli amorini di Renato Barcaglia (1900 ca.) e una litografia di Salvador Dalì: Leda Atomica (1970).
Il percorso mitologico prosegue con manufatti etnici, disegni e incisioni che evidenziano varie tradizioni: dalla Cina, all'India fino alla Finlandia e all'Africa.

Sezione 2: Uova, alchimia e magia
Gli alchimisti vedono da sempre l'uovo come la matrice di tutte le trasformazioni materiali e spirituali, a motivo dell'analogia con il ventre materno. Questo concetto è evidenziato, nella mostra AB OVO, tramite libri illustrati, incisioni settecentesche e strumenti alchemici dei secoli XVI–XVIII.
Questa sezione contiene anche manufatti che evidenziano l'uso delle uova nella tradizione magica, nonché il famoso trattato "Disquisitionum magicarum" (1633) dell'inquisitore Martin Del Rio.

Un'altra installazione, "L'uovo della fenice", mette in movimento una scena dipinta agl'inizi del Cinquecento nella stessa sala. Consiste in un gigantesco atanòr, il forno alchemico, nella cui bocca brucia la fenice, per tornare in vita in seguito alla poggia dei sette metalli.

Sezione 3: L'arcanista di Vinovo
Uno spazio particolare della mostra è dedicato a Vittorio Amedeo Gioanetti, l'arcanista vissuto a Vinovo alla fine del Settecento. Una sua lettera autografa, ornata di simboli esoterici, dimostra i legami con una fratellanza del suo tempo, mentre alcune porcellane evidenziano la qualità della sua produzione.

Sezione 4: L'uovo nel cristianesimo
In questo ambito spicca un dipinto seicentesco che ritrae le offerte di uova a Gesù Bambino da parte dei pastori, opera di Cesare Gennari (1633-1688), nipote del Guercino e suo fedele emulo. In esposizione anche una rara icona bulgara che ritrae Maria Maddalena con l'uovo rosso.

Sezione 5: L'uovo come emblema morale
Una lunga tradizione iconografica vede le uova come emblemi morali che rimandano alla fecondità e alla sessualità. In esposizione, i trattati di iconologia di Cesare Ripa (1618) e Andrea Alciati (1621), una Allegoria dell'adulterio di Cornelis Massys (1549), la Danza delle Uova di Maarten de Vos (1532-1603), una ceramica di Urbano Lucchesi (1844-1906), Coppia di giovinetti con uova.

Sezione 6: Pulcinella e altre favole
Nella sala dedicata alle tradizioni popolari spicca uno spazio dedicato a Pulcinella che nasce da un uovo: leggenda napoletana poco nota che ha dato vita a numerose interpretazioni.
Alcune vetrine raccolgono numerose favole illustrate ispirate alle uova, da Esopo a La Fontaine fino ai nostri giorni.

Sezione 7: Uova di Pasqua, pisanka e Fabergé
In esposizione, oltre ad alcuni stampi ottocenteschi in metalli per fabbricare uova di cioccolato, e a uova di latta litografate, ci sono splendidi esemplari di pysanka, le uova pasquali decorate tipiche dell'Europa orientale. Ci sono poi alcune delle famose uova di Fabergé, fedeli repliche di quelle, preziosissime e inamovibili, conservate in musei russi e collezioni private.

Sezione 8: Le uova di Vinovo
L'ultima sala si concentra su una tradizione tipica di Vinovo, oggi scomparsa: la produzione e la conservazione delle uova in acqua e calce, per la vendita sui mercati di Torino. Una tradizione che si è cristallizzata in due maschere locali: la Pulajera e il Cucaeuv. Attrezzi di vario genere, foto d'epoca, ex voto e un disegno originale di Lele Luzzati, La bela pulajera (2007), da lui stesso donato alla Biblioteca di Vinovo.

Alla mostra "AB OVO" si collega il Festival delle Magie 2024, che si svolge il 13 Aprile nel giardino del Castello Della Rovere di Vinovo e nella piazza antistante.

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso

Mostra: AB OVO. Luci, Misteri e Alchimie

Vinovo, Castello Della Rovere

Apertura: 13/04/2024

Conclusione: 02/06/2024

Organizzazione: Comune di Vinovo

Curatore: Giordano Berti e Letizia Rivetti

Indirizzo: Pazza Rey, 1 - Vinovo (TO)

Orari: Venerdì, Sabato e Domenica, 14.30-18.30

Apertura straordinaria: 13 Aprile, in occasione del Festival delle Magie, la mostra rimane aperta sino alle 23.

Biglietti: Intero € 10,00. Ridotto € 5,00 gruppi di minimo 15 persone, Over 65, possessori abbonamento musei, Under 18. Ingresso gratuito per under 14, persone disabili certificate, comitive scolastiche, giornalisti muniti di tesserino.

Per info: Comune di Vinovo, 011.9620413 - manifestazioni@comune.vinovo.to.it



Altre mostre a Torino e provincia

Fotografiamostre Torino

Guido io. Itinerari fotografici di una collezione

Dal 24 aprile al 14 giugno 2024 Ersel presenta "Guido io. Itinerari fotografici di una collezione", dalla raccolta di Guido Bertero, nell'ambito del Festival internazionale di fotografia Exposed Extended. leggi»

24/04/2024 - 14/06/2024

Piemonte

Torino

Ingresso libero

Mostra documentalemostre Torino

La fuga del tempo un ballo sia

La Biblioteca Nazionale Universitaria di Torino presenta in mostra alcuni tra i documenti più rilevanti e identitari delle sue raccolte. leggi»

11/04/2024 - 28/06/2024

Piemonte

Torino

Ingresso gratuito

Arte contemporaneamostre Torino

Italo Cremona. Tutto il resto è profonda notte

Dal 24 aprile al 15 settembre 2024 la GAM di Torino dedica all'opera e all'universo creativo di Italo Cremona una mostra antologica che ripercorre l'intera produzione dell'artista. leggi»

24/04/2024 - 15/09/2024

Piemonte

Torino

Arte modernamostre Torino

Berthe Morisot. Pittrice impressionista

Dal 16 ottobre 2025 al 9 marzo 2025 GAM di Torino In collaborazione con il Musée Marmottan Monet di Parigi presenta "Berthe Morisot. Pittrice impressionista". leggi»

16/10/2024 - 09/03/2025

Piemonte

Torino

Arte contemporanea Arte anticamostre Torino

Capodimonte da Reggia a Museo. Cinque secoli di capolavori da Masaccio a Andy Warhol

Oltre 80 capolavori sono allestiti fino al 15 settembre nella Reggia di Venaria in occasione della mostra «Capodimonte da Reggia a Museo. Cinque secoli di capolavori da Masaccio a Andy Warhol». leggi»

29/03/2024 - 15/09/2024

Piemonte

Torino

Arte contemporaneamostre Torino

Gianluca Nibbi. Oltre lo Sguardo

Dal 5 aprile al aprile 2024 Galleria Spazio 44 di Torino ospita la mostra "Oltre lo Sguardo" con opere di Gianluca Nibbi a cura di Edoardo di Mauro. leggi»

05/04/2024 - 24/04/2024

Piemonte

Torino

Pittura del '600mostre Torino

Guercino. Il Mestiere del pittore

A Torino dal 23 marzo 2024 i Musei Reali ospitano "Guercino. Il Mestiere del pittore", oltre 100 opere del grande pittore tra cui la monumentale pala della "Madonna del Rosario" finalmente ammirabile da vicino. leggi»

23/03/2024 - 28/07/2024

Piemonte

Torino

Arte contemporaneamostre Torino

David Reimondo. Cromofonetica

Dal 21 marzo al 31 maggio 2024, Mazzoleni presenta "Cromofonetica" la seconda personale dell'artista David Reimondo in galleria. leggi»

21/03/2024 - 31/05/2024

Piemonte

Torino

Fotografiamostre Torino

Non ha l'età. Il Festival di Sanremo in bianco e nero 1951-1976

Intesa Sanpaolo apre al pubblico dal 1° febbraio al 12 maggio 2024 alle Gallerie d'Italia di Torino la mostra "Non ha l'età. Il Festival di Sanremo in bianco e nero 1951-1976" a cura di Aldo Grasso. leggi»

01/02/2024 - 12/05/2024

Piemonte

Torino