Achille Funi. Un maestro del Novecento tra storia e mito

  • Quando:   28/10/2023 - 25/02/2024
  • evento concluso

Arte contemporaneaMostre a FerraraAchille FuniRealismo MagicoRitorno all'ordine


Achille Funi. Un maestro del Novecento tra storia e mito
Maternità, 1921, Achille Funi. Collezione privata courtesy Galleria Berman, Torino

La città di Ferrara rende omaggio ad Achille Funi con una vasta mostra antologica a Palazzo dei Diamanti fino al 25 febbraio 2024.

Virgilio Socrate Achille Funi (Ferrara, 1890 – Appiano Gentile, 1972) ha attraversato da protagonista i principali movimenti che hanno caratterizzato la cultura italiana della prima metà del Novecento. Dopo essersi distinto nell'ala moderata del Futurismo, si è affermato come uno tra i grandi interpreti del Realismo magico, del moderno classicismo di "Novecento" e del muralismo degli anni Trenta, pur mantenendo sempre una spiccata autonomia.

Innamorato dei miti classici al punto da essere considerato un moderno umanista, l'artista ha assimilato dai maestri dell'Officina ferrarese uno sguardo visionario che riveste la realtà di un'aura di magica sospensione. Nel suo «costante andare verso la bellezza», ha attinto alla tradizione figurativa antica come al linguaggio più attuale di Cézanne, Picasso, Derain, de Chirico.

La sua città natale gli rende omaggio con la più vasta rassegna antologica realizzata negli ultimi cinquant'anni, organizzata dalla Fondazione Ferrara Arte e dal Servizio Musei d'Arte del Comune di Ferrara, con il patrocinio di Regione Emilia-RomagnaLa mostra, a cura di Nicoletta Colombo, Serena Redaelli e Chiara Vorrasi, ripercorre l'iter artistico del pittore attraverso più di centotrenta opere, provenienti da prestigiose collezioni pubbliche e private, italiane e straniere, tra cui figurano i suoi massimi capolavori. Dipinti a olio e a tempera, acquerelli e disegni a carboncino e a sanguigna, nonché cartoni preparatori per i grandi affreschi e mosaici, che offrono al pubblico l'occasione unica di riscoprire lo straordinario talento di uno dei più grandi maestri del Novecento.

L'esposizione prende avvio dalle prime prove accademiche del giovane Funi, per poi lasciare spazio ai capolavori futuristi, come Uomo che scende dal tram e Il motociclista del 1914, che hanno suscitato l'ammirazione dell'amico Umberto Boccioni per la capacità di esprimere «attraverso pure forme e puri colori, una emozione plastica». Dopo le toccanti testimonianze della prima guerra mondiale, il percorso mette in luce il cruciale apporto dell'artista alla stagione del Ritorno all'ordine e alla restaurazione delle forme classiche. La fase del dopoguerra è rappresentata da opere di transizione, realizzate nel segno di Cézanne, della pittura metafisica e dell'adorato Leonardo, come Genealogia (La mia famiglia) del Mart di Rovereto o Il bel cadavere (Le villeggianti) del Museo del Novecento di Milano; seguono i capolavori del Realismo magico, la cui atmosfera di incantato stupore attinge alla cultura figurativa quattro-cinquecentesca: oltre a Maternità e La terra, anche L'acqua, presentata in questa occasione per la prima volta dopo oltre un secolo. Sono inoltre esposte alcune pietre miliari di "Novecento", il movimento coordinato da Margherita Sarfatti, che raduna i più autorevoli esponenti di un moderno e maestoso classicismo: ne sono un esempio il leonardesco Autoritratto da giovane del Museo d'arte della Svizzera Italiana di Lugano, la picassiana Saffo, la raffaellesca Lettura domenicale della GNAM di Roma o l'androgina Venere del Musée cantonal des Beaux-Arts di Losanna.... leggi il resto dell'articolo»

Negli anni Trenta e Quaranta Funi ha continuato a ricercare i segreti perduti dei maestri antichi rileggendo i generi della storia dell'arte in una chiave allo tempo stesso moderna e nostalgica: dal ritratto alla pittura storico-mitologica, testimoniata da Publio Orazio uccide la sorella della Nationalgalerie di Berlino, dalla natura morta al paesaggio (Il Foro romano delle GAMC di Ferrara).

L'esposizione si conclude con la stagione della pittura murale. Assieme a Sironi, Funi ha dato nuovo slancio alla tradizione italiana dell'affresco e del mosaico, impegnandosi nelle campagne decorative che proiettano i miti collettivi della nazione sulle pareti di edifici monumentali. Gli ideali civili che animano l'artista si riversano in questa forma d'arte di spiccata valenza sociale, incarnandosi in un'epica grandiosa in cui rivivono i venerati modelli di passate civiltà gloriose. La rassegna offre, inoltre, l'occasione per riscoprire Il Mito di Ferrara, imponente impresa decorativa che Funi ha realizzato per la Sala dell'Arengo del Palazzo Municipale della città estense. Il ciclo rappresenta la summa dei grandi progetti murali che il ferrarese ha affrescato negli anni Trenta e Quaranta a Milano, Trieste, Roma e Tripoli, di cui si può ammirare in mostra una superba selezione di cartoni preparatori.

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso

Mostra: Achille Funi. Un maestro del Novecento tra storia e mito

Ferrara - Palazzo dei Diamanti

Apertura: 28/10/2023

Conclusione: 25/02/2024

Organizzazione: Fondazione Ferrara Arte, Servizio Musei d'Arte del Comune di Ferrara, da un'idea di Vittorio Sgarbi

Curatore: Nicoletta Colombo, Serena Redaelli, Chiara Vorrasi

Indirizzo: corso Ercole I d'Este 21 - 44121 Ferrara

Vernice per la stampa: venerdì 27 ottobre, ore 12.00

Orario: tutti i giorni, dalle 9.30 alle 19.30 | aperto anche 1 novembre, 8, 25 e 26 dicembre, 1 e 6 gennaio

Sala dell'Arengo visitabile dal lunedì al venerdì (esclusi i festivi), dalle 9.00 alle 10.00 e dalle 14.00 alle 15.00

Catalogo: edito da Ferrara Arte, Silvana editoriale

Per info: +39 0532 244949 | diamanti@comune.fe.it

Sito web per approfondire: https://www.palazzodiamanti.it/



Altre mostre a Ferrara e provincia

Illustrazionemostre Ferrara

Ferrara teatro della città nelle illustrazioni di Claudio Gualandi

Il Teatro Comunale Claudio Abbado di Ferrara celebra i sessant'anni dal restauro con una mostra che racconta la sua storia: "Ferrara teatro della città nelle illustrazioni di Claudio Gualandi". leggi»

18/04/2024 - 15/09/2024

Emilia Romagna

Ferrara

Mostra documentalemostre Ferrara

Ebrei nel Novecento italiano

Ebrei nel Novecento italiano, dal 29 marzo 2024, racconta cento anni di storia italiana, le sfide di un'epoca, le lacerazioni, la rinascita e l'evoluzione del concetto di cittadinanza. leggi»

29/03/2024 - 06/10/2024

Emilia Romagna

Ferrara

Arte modernamostre Ferrara

Escher a Palazzo dei Diamanti

Dal 23 marzo al 21 luglio 2024 Palazzo dei Diamanti di Ferrara ospita una grande mostra dedicata ad Escher, artista geniale e visionario. leggi»

23/03/2024 - 21/07/2024

Emilia Romagna

Ferrara

Pittura del '500mostre Ferrara

Il Cinquecento a Ferrara. Mazzolino, Ortolano, Garofalo, Dosso

Dal 12 ottobre 2024 al 16 febbraio 2025 Palazzo dei Diamanti a Ferrara ospita la mostra "Il Cinquecento a Ferrara. Mazzolino, Ortolano, Garofalo, Dosso" leggi»

12/10/2024 - 16/02/2025

Emilia Romagna

Ferrara