Autoarchitettura. Pensieri/Disegni di Architettura di Ugo La Pietra 1963-1990

  • Quando:   20/04/2024 - 25/05/2024
  • ultimi giorni

Arte contemporaneaMostre a Bologna


Autoarchitettura. Pensieri/Disegni di Architettura di Ugo La Pietra 1963-1990

La mostra "Autoarchiterapia. Pensieri/Disegni di Architettura" di Ugo La Pietra 1963 - 1990, a cura di Matteo Giacomelli, presenta, nello studio galleria Spazio e Immagini di Bologna, 22 disegni di architettura dell'autore che coprono un arco temporale di circa 30 anni e che ne rispecchiano la pratica in atto fino ad oggi.

Si tratta di un'indagine approfondita sul disegno di Ugo La Pietra, artista e architetto radicale, partendo dagli esordi nei primi anni sessanta per giungere fino alla maturità degli anni novanta del XX secolo.

In questo ampio arco temporale il disegno, vissuto dall'autore come atto imprescindibile del fare architettura, procede senza soluzione di continuità con il pensiero, confrontandosi in una continua progressioni di temi attraverso i decenni. Si tratta di disegni, schizzi, bozzetti, che sarebbe giusto definire croquis, cioè modelli eseguiti in scala più piccola dell'opera con numero minimo dei tratti lasciati a inchiostro o a china su carta.

Si parte nei primi anni sessanta dall'analisi del segno informale e brutalista Progetto Ristrutturazione Museo Città di Milano (1963), per passare poi all'analisi degli agglomerati urbani o meglio Nodi Urbani dei primi anni sessanta Dalla serie "Tuberie "(1965).

Nei disegni Edificio Pubblico (1970) e 4 Studi per Monumento Funebre (1978) vengono indagati alcuni temi cardine dell'Architettura Radicale, della quale La Pietra è stato fondatore e promotore dalle pagine delle riviste In e In Più, quali il significato simbolico dell'architettura e l'antropologia ad essi sottesa.... leggi il resto dell'articolo»

La fine degli anni settanta e i primi anni ottanta aprono al confronto con tematiche squisitamente Post Modern dall'oggetto al paesaggio come in Case Mediterranee (1978) e Villa Mediterranea (1980).

La volontà di comprensione del mondo in punta di penna di La Pietra attraversa così anche gli anni novanta come nel disegno Villa al Mare (1990) per continuare fino ad oggi dove egli, con la medesima attitudine propria dell'architetto radicale di sempre, si cimenta in nuove esplorazioni extraurbane Territori (2023).

Elenco delle opere in mostra:

Progetto Ristrutturazione Museo Città di Milano (1963), Centro Direzionale (1965),
Dalla serie "Tuberie "(1965), Dalla serie "Tuberie" (1965), Architettura per Collocazione Opere Scultoree di Marchese, Benevelli e Azuma (1965), Studio di edificio residenziale (1965), Dalla serie "Tuberie": Planimetria e Assonometria (1965), Struttura Alberghiera (1965), Struttura Alberghiera (1966), Edificio Pubblico (1970), 4 Studi per Monumento Funebre (1978), Villa (1978), Case Mediterranee (1978), Centro di Ricerca (1978), Villa Mediterranea (1980), Albergo (1980), Architettura/Scultura (1980), Grande
Stabilimento Marino, (1984), Centro Fieristico (1985), Due Grattacieli, (1988), Villa al Mare (1990), Territori (2023)

Note biografiche

Ugo La Pietra (1938), vive e lavora a Milano.
Architetto, artista, cineasta, editor, musicista, fumettista, docente, dal 1960 si definisce ricercatore nel sistema della comunicazione e delle arti visive, muovendosi nei territori dell'arte e del progetto. Instancabile sperimentatore, ha attraversato diverse correnti (dalla Pittura Segnica all'Arte Concettuale, dalla Narrative Art al Cinema d'Artista) e utilizzato molteplici medium, conducendo ricerche che si sono concretizzate nella
teoria del "Sistema disequilibrante" - espressione autonoma all'interno dell'Architettura Radicale- e in importanti tematiche sociologiche come "La casa telematica" (MoMA di NewYork, 1972 - Fiera di Milano, 1983), "Rapporto tra Spazio reale e Spazio virtuale" (Triennale di Milano 1979, 1992), "La casa neoeclettica"(Abitare il tempo, 1990), "Cultura Balneare"(Centro Culturale Cattolica, 1985/95). Ha comunicato il suo lavoro attraverso mostre in Italia e all'estero, e in diverse esposizioni alla Triennale di Milano, Biennale di Venezia, Museo d'Arte Contemporanea di Lione, Museo FRAC, etc. Da sempre sostiene la componente umanistica, significante e territoriale del design in modo critico, con opere e oggetti, con l'attività teorica, didattica ed editoriale.
Le sue opere sono presenti nelle collezioni permanenti del Centre Georges Pompidou (Parigi), FRAC d'Orleans, MoMA (New York), SF MOMA (San Francisco), Beinecke Rare Books and Manuscript Library (Yale University),etc.

Matteo Giacomelli (1975), storico dell'arte e filmmaker, propone un approccio che combina il film, l'architettura e il design. Nel 2005, dopo esperienze di intervistatore nel campo dell'arte contemporanea (Biennale di Venezia 2003), fonda Emmegiprod, uno studio di produzione di documentari di Architettura e Arte creando una serie di biografie ufficiali denominate "Percorsi di Architettura" sul movimento italiano dell'Architettura Radicale e l'Arte a Partecipazione Sociale (Ugo La Pietra, Superstudio, Riccardo Dalisi, Franco Summa, Adolfo Natalini). Questi film sono stati presentati in vari Film Festival del documentario e Musei, tra i quali il il Premio Libero Bizzarri, il Festival dei Popoli di Firenze, Cinéma du Réel, Napoli Film Festival, MAXXI, la Triennale di Milano, La Casa dell'Architettura, la Fondazione Cineteca Italiana di Milano, Stedelijk Museum's Hertogenbosch (NL), etc.
Nel 2015 l'approccio critico sotteso alla serie di Percorsi di Architettura è stato preso in esame presso l'Aarhus School of Architecture (DK), nell'ambito delle Lecture Series In-Between critic[RE]alities/architecture Manifestos dedicato al "post critically" cioè alla riconsiderazione del concetto
del "fare Architettura" come categoria fondamentale nell'architettura contemporanea e luogo della critica esso stesso.
Nel 2017 Matteo Giacomelli apre a Bologna la galleria Spazio e Immagini.

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso

Mostra: Autoarchitettura. Pensieri/Disegni di Architettura di Ugo La Pietra 1963-1990

Bologna - galleria Spazio e Immagini

Apertura: 20/04/2024

Conclusione: 25/05/2024

Organizzazione: galleria Spazio e Immagini

Curatore: Matteo Giacomelli

Indirizzo: Via Solferino 6/a - 40124 Bologna

Inaugurazione: sabato 20 aprile h.16.00

Orario: martedì-mercoledì h. 16.00-19.00 | giovedì-venerdì-sabato h. 10.00-12.30 e 16.00 -19.00 | Oppure su appuntamento

Sito web per approfondire: https://www.spazioeimmagini.com/



Altre mostre a Bologna e provincia

Arte moderna Arte contemporanea Fotografiamostre Bologna

I preferiti di Marino. Capitolo I

"I Preferiti di Marino. Capitolo I" è la nuova mostra di Fondazione Golinelli, visitabile al Centro Arti e Scienze Golinelli di Bologna, dal 2 febbraio al 30 giugno 2024. leggi»

02/02/2024 - 30/06/2024

Emilia Romagna

Bologna

Ingresso libero

Pittura del '500mostre Bologna

Ludovico e Annibale Carracci | Storie antiche per due camini bolognesi nella collezione Michelangelo Poletti

Dal 18 maggio al 22 settembre 2024 i Musei Civici di Bologna ospitano la mostra-dossier "Ludovico e Annibale Carracci. Storie antiche per due camini bolognesi nella collezione Michelangelo Poletti". leggi»

18/05/2024 - 22/09/2024

Emilia Romagna

Bologna

Illustrazionemostre Bologna

Anna Paolini. Indomite

Sino alla chiusura dell'esposizione principale, il 16 giugno 2024, una delle sale del palazzo accoglierà infatti "Indomite", una personale dell'illustratrice bolognese Anna Paolini. leggi»

15/05/2024 - 16/06/2024

Emilia Romagna

Bologna

Arte modernamostre Bologna

Antonio Ligabue

Dal 3 ottobre 2024 al 28 febbraio 2025, le sale di Palazzo Pallavicini ospitano per la prima volta a Bologna una mostra dedicata al genio visionario Antonio Ligabue. leggi»

03/10/2024 - 28/02/2025

Emilia Romagna

Bologna

Arte contemporaneamostre Bologna

Serena Piccinini. Beati come rane su una foglia di ninfea

Maison laviniaturra presenta la mostra "Beati come rane su una foglia di ninfea" di Serena Piccinini. Opening giovedì 16 maggio 2024 dalle 18.00, visitabile su appuntamento fino al 16 luglio. leggi»

16/05/2024 - 16/07/2024

Emilia Romagna

Bologna

Arte contemporaneamostre Bologna

Eccentriche Nature. Dieci artiste bolognesi su natura e vegetazione

Cubo, il Museo del Gruppo Unipol, presenta dal 5 giugno al 5 ottobre 2024 a Bologna "Eccentriche Nature", le opere di dieci artiste bolognesi su natura e vegetazione. leggi»

05/06/2024 - 05/10/2024

Emilia Romagna

Bologna

Ingresso libero

Fotografiamostre Bologna

Afrikaans. Sguardi dal Kenya

Caterina Romeo presenta la mostra fotografica "Afrikaans. Sguardi dal Kenya" che si svolgera' a Bologna, presso la Fotogalleria Paoletti dal 24 al 26 Maggio 2024. leggi»

24/05/2024 - 26/05/2024

Emilia Romagna

Bologna

Ingresso libero

Designmostre Bologna

Carlton, 1981. Ettore Sottsass

Dal 2 al 25 maggio 2024 a Bologna, garage Bentivoglio presenta "Carlton, 1981. Ettore Sottsass", la miniatura da collezione di uno dei pezzi più iconici di Ettore Sottsass. leggi»

02/05/2024 - 25/05/2024

Emilia Romagna

Bologna

Fotografiamostre Bologna

Luigi Ghirri. Atelier Morandi

Dal 24 aprile al 30 giugno 2024, "Luigi Ghirri. Atelier Morandi" rende omaggio al maestro della pittura Giorgio Morandi a 60 anni dalla morte attraverso lo sguardo Luigi Ghirri, maestro della fotografia. leggi»

24/04/2024 - 30/06/2024

Emilia Romagna

Bologna