Ciro Palumbo. El ingenioso Don Quijote

  • Quando:   03/09/2023 - 30/09/2023
  • evento concluso

Arte contemporaneaMostre a Venezia


Ciro Palumbo. El ingenioso Don Quijote
Ciro Palumbo - Scelgo quella gran luce - 2023 - olio su tela - 140x160 cm

Fondazione Giorgio e Armanda Marchesani, Bellati Editore, ARCHEION - Archivio Ciro Palumbo presentano "El ingenioso Don Quijote", dipinti, sculture e disegni di Ciro Palumbo a cura di Anna Caterina Bellati.

Performance teatrale ore 18.00 / 6pm

“Io, Don Chisciotte. Storia quasi eterna di un cavaliere errante”
Screenplay by Anna Marchitelli, played by Ettore Nigro, music by Mario Autore

PRESENTAZIONE

El ingenioso hidalgo don Quijote de la Mancha nella lettura poetica di un artista in bilico tra Terra e Infinito

di Anna Caterina Bellati... leggi il resto dell'articolo»

“Lettore mio, che non hai nulla di meglio da fare, senza che io te lo giuri puoi credermi che questo libro, come figlio dell’intelletto, avrei voluto che fosse il più bello, il più robusto e il più intelligente che si potesse immaginare”. (Don Chisciotte della Mancia, Prologo)

Questa narrazione non illustra la saga di Don Chisciotte accompagnandolo nelle sue molte prove mai risolte, se non con la morte dell’eroe/antieroe. Davanti agli occhi dell’osservatore sciorina semmai un duplice registro, sotto traccia quello della Storia (che nel romanzo gira in tondo a volte [s]perdendosi); in evidenza quello di una sana follia che accomuna molti di noi, chi più chi meno. E questo accade con l’introduzione di elementi simbolici trasfigurati, ricorrenti nell’opera di Palumbo, a corroborare l’idea che il protagonista sia una figura eterna, disponibile a reincarnarsi in qualunque tempo, in qualunque mondo.
L’artista di origini napoletane, nato a Zurigo e cresciuto a Torino, invita dunque a una decifrazione accreditabile al contemporaneo del capolavoro di Cervantes. (Prologo)

Da un lato c’è l’inquietudine di un cavaliere armato solo dell’illusione di riuscire a trasformare la realtà in sogno, quando la sorte ingrata di Sancio impone allo scudiero di alimentare la certezza del quotidiano, quella pacata corrosiva inerzia che alla fine sconfigge la purezza della follia. Il loro continuo scambio di esperienze, quasi un travaso di pensieri tra i due protagonisti, induce nello svolgersi del romanzo dubbi, abitudini mentali, corroboranti speranze e ancora paure, o catastrofici dilemmi che trascorrono dall’uno all’altro in un gioco di rimandi senza soluzione di continuità.
Dall’altro c’è la tensione emotiva, lo sforzo di un pittore-scultore che si cimenta nell’impresa di riuscire a combinare i temi dell’opera di Cervantes con gli elementi fondamentali di cui sono intessuti i cicli pittorici che hanno scandito il suo percorso artistico. Non dunque rilettura o illustrazione ma una analisi comparata, a distanza di secoli, per verificare quanto di quella Storia sia ancora coniugabile con il presente e accertare se lo sguardo contemporaneo verso se stessi e verso il cielo fosse già in nuce nel lavoro del grande spagnolo.

Aggiungo che il poeta naturale e spontaneo che si aiuta coll’arte sarà migliore e superiore a colui che, soltanto perché conosce l’arte, vuol essere poeta. E la ragione è questa: che l’arte non può superar la natura, ma soltanto perfezionarla, e quindi soltanto dall’unione dell’arte con la natura e della natura con l’arte può uscire un perfetto poeta. (Don Chisciotte della Mancia, Tomo 2: Capitolo XVI)

Il Don Chisciotte è un’opera monumentale nella quale i personaggi sfuggono persino al loro autore, fatto che li espone a una imprecisabile congerie di interpretazioni.
Il medesimo accade all’indagine immersiva condotta per realizzare questo gruppo di opere che hanno determinato Palumbo a una lotta furibonda contro il tempo, generando il bisogno di fermare su carta o tela o nel gesso le idee affollate nel cuore e nelle mani.
Di fronte a uno dei classici della cultura mondiale il nostro artista si lascia sorprendere e catturare dalla curiosità e dalla magia del narrato; così la materia poetica conquista una propria identità tracimando dai percorsi metodologici preferenziali già collaudati. Nel decifrare i mille rivoli in cui si dispiegano le vicende dell’hidalgo, Palumbo affronta i contenuti di ogni tela disegno preparatorio scultura lasciando molte più variabili alla passione e alla sorte di quanto non gli sia mai accaduto in precedenza. E scoprendo nel fare arte un nuovo linguaggio che non modifica né la sua tavolozza né i suoi archetipi, ma conferisce a questo corpus di opere la volontà di confrontarsi con l’altro, capirne a fondo l’anima per diventare in certa misura “quel” cavaliere.
Il modo di esprimersi di Don Chisciotte dice di un personaggio colto e articolato che vive spera duella e sogna dentro una sintassi precisa e pulitissima, riuscendo a mantenersi elegante in qualunque situazione; Palumbo a sua volta piega i propri codici espressivi a quella figura malinconica e preromantica regalandole persino soddisfazioni inattese. Come il fidato Ronzinante che addirittura acquisisce l’aspetto di un animale superbo in grado persino di volare. Imboccata la strada di questo dialogo serrato, bisognerà quindi verificarne la tenuta.

Anna Caterina Bellati
Curator of El ingenioso Don Quijote

Direzione Artistica Fondazione Giorgio e Armanda Marchesani
Venezia

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso

Mostra: Ciro Palumbo. El ingenioso Don Quijote

Venezia - Fondazione Marchesani

Apertura: 03/09/2023

Conclusione: 30/09/2023

Organizzazione: Fondazione Giorgio e Armanda Marchesani, Bellati Editore, ARCHEION - Archivio Ciro Palumbo

Curatore: Anna Caterina Bellati

Indirizzo: Dorsoduro 2525 - Venezia

Inaugurazione: Sabato 2 Settembre 2023 ore 17

Orari
da Martedì a Giovedì 15 > 19
da Venerdì a Domenica 11 > 19

Come raggiungerci: in vaporetto linea 2 – da Tronchetto, fermata San Basilio
a piedi da Piazzale Roma - 5min.; da Gallerie Accademia - 10min.

Per info: info@fondazionemarchesani.org - phone + 39 041 308 4944

Sito web per approfondire: https://fondazionemarchesani.org/



Altre mostre a Venezia e provincia

Arte contemporaneamostre Venezia

Georges Noël a Venezia: Palinsesti e paesaggi notturni, 1961 - 2000

"Georges Noël a Venezia. Palinsesti e Paesaggi notturni, 1961 - 2000", è la mostra di opere pittoriche su carta e tela a Venezia dal 31 maggio al 30 giugno 2024 presso lo Spazio Artenetwork Orler. leggi»

31/05/2024 - 30/06/2024

Veneto

Venezia

Arte contemporaneamostre Venezia

Carla Tolomeo. L'albero della vita

Fino al 24 novembre 2024, il Museo di Palazzo Mocenigo - Centro Studi di Storia del Tessuto, del Costume e del Profumo, a Venezia, ospita L'Albero della Vita, la grande installazione che Carla Tolomeo. leggi»

25/05/2024 - 24/11/2024

Veneto

Venezia

Arte contemporaneamostre Venezia

Robert Indiana: The Sweet Mystery

"Robert Indiana: The Sweet Mystery" alle Procuratie Vecchie, Evento collaterale della 60. Esposizione Internazionale d'Arte-La Biennale di Venezia presenta oltre 40 opere dell'artista americano. leggi»

17/04/2024 - 24/11/2024

Veneto

Venezia

Fotografiamostre Venezia

Monique Jacot. La figura e i suoi doppi

Nell'ambito del suo programma di sostegno alla Fotografia, la Fondation Bru ha il piacere di presentare con Photo Elysée, La figura e i suoi doppi, mostra della fotografa svizzera Monique Jacot. leggi»

25/05/2024 - 14/09/2024

Veneto

Venezia

Ingresso libero

Arte contemporaneamostre Venezia

Amanda Panezo. Corone Nomate

"Corone Nomate" è il nome della mostra di Amanda Panezo che sarà presentata a Murano presso Ingalleria Art Gallery il 1° giugno 2024 e che espone 16 tele in lino. leggi»

01/06/2024 - 30/08/2024

Veneto

Venezia

Arte del vetromostre Venezia

Federica Marangoni. On the road 1970-2024

Dal 19 maggio al 24 novembre 2024 a Murano il Museo del Vetro, Spazio Ex Conterie ospita la mostra di Federica Marangoni "On the road 1970-2024". leggi»

19/05/2024 - 24/11/2024

Veneto

Venezia

Arte contemporaneamostre Venezia

Omaggio a Ennio Finzi

Ca' Pesaro prosegue la sua attività di valorizzazione degli artisti della collezione permanente con un autore tra i più radicali del Novecento italiano: Ennio Finzi. leggi»

17/05/2024 - 06/10/2024

Veneto

Venezia

Arte contemporaneamostre Venezia

Obey. Art will save the world

MV Arte presenta la mostra dedicata ad Obey dal titolo "Art will save the world" presso il Museo nazionale di Archeologia del Mare di Caorle (VE). leggi»

26/05/2024 - 29/09/2024

Veneto

Venezia

Arte contemporaneamostre Venezia

Cen Long. Seminare speranza

Crux Art Foundation presenta la mostra "Seminare speranza" con opere dell'artista Cen Long in occasione della 60. Esposizione Internazionale d'Arte La Biennale di Venezia. leggi»

20/04/2024 - 24/11/2024

Veneto

Venezia