Padiglione dell’Albania
alla 60. Esposizione Internazionale d'Arte - La Biennale di Venezia

  • Quando:   20/04/2024 - 24/11/2024

Arte contemporaneaMostre a Venezia


Padiglione dell’Albania
alla 60. Esposizione Internazionale d'Arte - La Biennale di Venezia
Iva Lulashi. Love as a Glass of Water. Padiglione dell’Albania alla 60. Esposizione Internazionale d’Arte – La Biennale di Venezia. Foto Andrea Rossetti

E' stata inaugurata Love as a Glass of Water, la mostra di Iva Lulashi curata da Antonio Grulli che rappresenta il Padiglione dell'Albania alla 60. Biennale di Venezia. La cerimonia di apertura si è svolta alla presenza delle autorità albanesi, del commissario Blendi Gonxhja, Ministro dell'Economia, Cultura e Innovazione, del sindaco di Tirana Erion Veliaj, del curatore Antonio Grulli e dell'artista Iva Lulashi.

Love as a Glass of Water si ispira alla "teoria del bicchiere d'acqua" che risale al periodo pre-rivoluzionario russo ed è legata alla pensatrice radicale e femminista Alexandra Kollontai (San Pietroburgo, 1872 – Mosca, 1952). Si tratta di una teoria basata sull'idea di una rivoluzione sessuale in cui gli impulsi vengono visti come una semplice necessità umana che deve essere soddisfatta con la leggerezza e spensieratezza con cui siamo soliti bere un bicchiere d'acqua. Ebbe una grande influenza sui circoli artistici e letterari di quegli anni, ma venne da subito osteggiata dagli apparati politici rivoluzionari.

La metafora del bicchiere d'acqua può sembrare a prima vista riferita solo alla semplicità con cui si beve. Ma non bisogna dimenticare che l'acqua è alla base della vita, esattamente come l'amore. Amore, sesso e desiderio sono ancora oggi l'ultima grande forza eternamente rivoluzionaria per sua costituzione, sulla quale il potere, sia esso politico, economico o ideologico, non riesce a imporre in maniera ferma il proprio controllo. È una forza sovrapolitica e esistenziale, simile a quella dell'acqua: inafferrabile, talvolta pacifica, ma in grado di abbattere qualsiasi ostacolo.

L'amore, il desiderio - soprattutto femminile - la pulsione e la sessualità sono al centro del lavoro di Iva Lulashi: soggetti universali in grado di trascendere le differenze e di superare i confini, non solo geografici. Le immagini dei suoi dipinti sono generalmente tratte da fotogrammi di film e video erotici e pornografici, solitamente poco noti, che fungono da detonatore iniziale del dipinto. Sono popolate soprattutto da corpi femminili e suggeriscono situazioni potenzialmente legate all'atto erotico - quasi fossero un "subito prima" o un "subito dopo" - senza mostrarlo esplicitamente. L'abilità nel trovare e ricreare immagini è uno dei punti di forza dell'artista. I dipinti emergono per la loro attitudine "fotografica", ma ad uno sguardo più attento si manifestano come fortemente pittorici, fatti di una liquidità livida, di pennellate sintetiche e prive di ogni leziosità, che lasciano molte parti del quadro volutamente non risolte e quasi astratte. Sono un canto al desiderio femminile, con tutto quello che ancora si porta dietro in termini di forza, paura, speranza, voglia di libertà, lati oscuri, vitalità: tematiche inscindibili da un passato non ancora passato, carico di problemi e di questioni politiche globali, con cui dovere fare i conti ogni giorno e ogni notte.

Il concetto stesso del Padiglione nella sua fisicità è semplicissimo e radicale: abbiamo portato la casa/studio della pittrice all'interno dell'Arsenale di Venezia, proiettando la planimetria nell'area del Padiglione Albanese. Il pubblico può in questo modo vedere i dipinti nel luogo in cui nascono e vivono prima di "uscire nel mondo". È un padiglione che diventa a sua volta un'opera d'arte, una gigantesca scultura in grado di farsi display per i dipinti, tra intimità, voyeurismo, e sensualità. La planimetria e alcuni dettagli comunicano immediatamente il tipo di luogo in cui ci si trova, sebbene l'abitazione sia stata stilizzata e tutto sia stato ridotto al minimo, senza mobilio e senza finestre. La casa/studio di Iva a Milano è stata negli ultimi anni un luogo di ritrovo fondamentale per amici e colleghi. Iva ha organizzato al suo interno diverse mostre con l'aiuto di amici curatori; si tratta quindi anche di uno spazio curatoriale, di un luogo simbolico per Milano e per la nuova generazione di pittori.... leggi il resto dell'articolo»

Iva Lulashi incarna pienamente il tema della Biennale Arte 2024, Stranieri Ovunque – Foreigners Everywhere. Nata in Albania nel 1988, si trasferisce a dieci anni con la famiglia in Italia e oggi vive a Milano. Il suo stile mescola la tradizione pittorica albanese al percorso italiano e veneziano. Si è formata infatti come pittrice proprio a Venezia, città cosmopolita per eccellenza. Il Padiglione Albanese di questa edizione sarà dunque strettamente legato a Venezia, la città dell'acqua e del vetro (molti direbbero anche dell'amore...), da sempre simbiotica con l'estraneo e con lo straniero, dove tutti possono sentirsi cittadini. In questa città l'artista ha frequentato l'Accademia di Belle arti, divenuta negli ultimi vent'anni un luogo di ritrovo di giovani da tutto il mondo e uno dei più interessanti laboratori di nuova pittura in Italia.

Antonio Grulli

Love as a Glass of Water è accompagnata da un catalogo pubblicato da Bruno, casa editrice con sede a Venezia distribuita internazionalmente da Les Presses Du Réel. All'interno del volume, oltre alle immagini delle opere, sono presenti contributi critici di Antonio Grulli, Edi Muka, Tea Paci, Jennifer Higgie, una poesia di Luna Miguel e una conversazione con l'artista a cura di Carlo Sala.

Padiglione dell'Albania alla 60. Esposizione Internazionale d'Arte – La Biennale di Venezia

Commissario: Blendi Gonxhja, Ministro dell'Economia, Cultura e Innovazione

Curatore: Antonio Grulli

Espositore: Iva Lulashi

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso

Mostra: Padiglione dell’Albania
alla 60. Esposizione Internazionale d'Arte - La Biennale di Venezia

Venezia - Arsenale

Apertura: 20/04/2024

Conclusione: 24/11/2024

Organizzazione: La Biennale di Venezia

Curatore: Antonio Grulli

Indirizzo: Venezia

Giorni e orari di apertura

L'esposizione sarà aperta al pubblico dal 20 aprile al 24 novembre 2024

Orario estivo: 11 - 19 (dal 20 aprile al 30 settembre - ultimo ingresso 18.45). Fino al 30 settembre, solo sede Arsenale: venerdì e sabato apertura prolungata fino alle ore 20 (ultimo ingresso ore 19.45)

Orario autunnale: 10 - 18 (dall'1 ottobre al 24 novembre - ultimo ingresso 17.45)

Chiuso il lunedì (tranne i lunedì 22 aprile, 17 giugno, 22 luglio, 2 e 30 settembre, 18 novembre)

Sito web per approfondire: https://labiennale.org



Altre mostre a Venezia e provincia

Arte contemporaneamostre Venezia

Carla Tolomeo. L'albero della vita

Fino al 24 novembre 2024, il Museo di Palazzo Mocenigo - Centro Studi di Storia del Tessuto, del Costume e del Profumo, a Venezia, ospita L'Albero della Vita, la grande installazione che Carla Tolomeo. leggi»

25/05/2024 - 24/11/2024

Veneto

Venezia

Arte contemporaneamostre Venezia

Robert Indiana: The Sweet Mystery

"Robert Indiana: The Sweet Mystery" alle Procuratie Vecchie, Evento collaterale della 60. Esposizione Internazionale d'Arte-La Biennale di Venezia presenta oltre 40 opere dell'artista americano. leggi»

17/04/2024 - 24/11/2024

Veneto

Venezia

Fotografiamostre Venezia

Monique Jacot. La figura e i suoi doppi

Nell'ambito del suo programma di sostegno alla Fotografia, la Fondation Bru ha il piacere di presentare con Photo Elysée, La figura e i suoi doppi, mostra della fotografa svizzera Monique Jacot. leggi»

25/05/2024 - 14/09/2024

Veneto

Venezia

Ingresso libero

Arte contemporaneamostre Venezia

Amanda Panezo. Corone Nomate

"Corone Nomate" è il nome della mostra di Amanda Panezo che sarà presentata a Murano presso Ingalleria Art Gallery il 1° giugno 2024 e che espone 16 tele in lino. leggi»

01/06/2024 - 30/08/2024

Veneto

Venezia

Arte del vetromostre Venezia

Federica Marangoni. On the road 1970-2024

Dal 19 maggio al 24 novembre 2024 a Murano il Museo del Vetro, Spazio Ex Conterie ospita la mostra di Federica Marangoni "On the road 1970-2024". leggi»

19/05/2024 - 24/11/2024

Veneto

Venezia

Arte contemporaneamostre Venezia

Omaggio a Ennio Finzi

Ca' Pesaro prosegue la sua attività di valorizzazione degli artisti della collezione permanente con un autore tra i più radicali del Novecento italiano: Ennio Finzi. leggi»

17/05/2024 - 06/10/2024

Veneto

Venezia

Arte contemporaneamostre Venezia

Obey. Art will save the world

MV Arte presenta la mostra dedicata ad Obey dal titolo "Art will save the world" presso il Museo nazionale di Archeologia del Mare di Caorle (VE). leggi»

26/05/2024 - 29/09/2024

Veneto

Venezia

Arte contemporaneamostre Venezia

Cen Long. Seminare speranza

Crux Art Foundation presenta la mostra "Seminare speranza" con opere dell'artista Cen Long in occasione della 60. Esposizione Internazionale d'Arte La Biennale di Venezia. leggi»

20/04/2024 - 24/11/2024

Veneto

Venezia

Arte contemporaneamostre Venezia

Harold Stevenson

Prosegue fino al 27 luglio 2024 presso la galleria Tommaso Calabro a Venezia la prima monografica in Italia dedicata ad "Harold Stevenson", esponenti della cultura d’avanguardia del 2° dopoguerra. leggi»

17/04/2024 - 27/07/2024

Veneto

Venezia