Arte contemporanea‎Mostre a Palermo

Dario Schelfi. Crazy Raffaello

  • Quando:   03/02/2024 - 24/02/2024
  • evento concluso
Dario Schelfi. Crazy Raffaello

Il 2024 si apre, per il Centro d'arte Raffaello, con la personale pittorica di Dario Schelfi, in programma dal 3 al 24 febbraio 2024.

"Crazy Raffaello" è l'omaggio di Dario Schelfi all'omonima galleria palermitana nella sede di via Emanuele Notarbartolo 9/E. Trenta opere inedite che raccontano l'evoluzione stilistica dell'artista protagoniste della personale curata da Massimiliano Reggiani.

Come suggerisce lo stesso titolo "Crazy Raffaello", la mostra è un omaggio alla galleria da parte dell'artista, in occasione del quinto anno di attività della sede di via Emanuele Notarbartolo 9/E a Palermo.

Ma anche un'occasione per celebrare il cammino intrapreso insieme da Dario Schelfi e dal "Centro d'arte Raffaello" che vede alla guida il direttore artistico Sabrina Di Gesaro, e alla sinergia instaurata nel corso degli ultimi anni.

Protagonista di uno degli incontri della fortunata rassegna "Aperitivo con l'artista" nel febbraio dello scorso anno, Dario Schelfi ha preso parte, sempre nel 2023, all'apprezzata collettiva dal titolo "Identità - Connessione singolare" e ha donato alcune sue opere all'Ospedale Policlinico "Paolo Giaccone" di Palermo dove, insieme a Roberto Fontana, altro nome contemporaneo della scuderia del "Centro d'arte Raffaello", ha tenuto la bipersonale dal titolo "Qui nascono fiori".... leggi il resto dell'articolo»

L'artista palermitano torna ora a esporre le sue creazioni più recenti: trenta opere inedite, esito finale di un'evoluzione stilistica in cui l'esplorazione incessante di suggestioni e la ricerca inesausta trovano espressione dinamica, fluida, libera da qualsiasi condizionamento.

Un'arte, la sua, che supera il relativismo culturale, ovvero l'universalità apparente generata dai singoli sistemi sociali, rincorrendo con successo l'unità del consorzio umano.

La sua cifra stilistica, il colore, si alleggerisce di una vocazione rappresentativa e tende a una elaborazione essenziale, che si esprime attraverso un processo di progressiva astrazione.

"Dario Schelfi, come ogni uomo del terzo millennio – spiega Massimiliano Reggiani – appagato il bisogno di sicurezza, comfort e mobilità, ha sete di tornare alle origini e di immergersi nell'emozione del colore, prescindendo dal reticolo di significati culturali, simboli e messaggi che caratterizzano e strutturano la vita collettiva".

"L'artista – aggiunge il curatore – esprime questo desiderio e lo soddisfa attraverso la completa rinuncia alla tradizione, alle tecniche consolidate e alla trasmissione del mestiere maturata attraverso il fluire delle generazioni".

"Comprendere la sua pittura – osserva – diventa intuitivo, spontaneo: è connaturata e travalica lingue, valori e consuetudini".

"Le opere di Dario Schelfi – sottolinea il direttore artistico del "Centro d'arte Raffaello" Sabrina Di Gesaro – sono un inno alla vita che si manifesta attraverso i colori vividi accostati senza esitazioni: in un intreccio di emozioni e luci, fluidificano passioni e plasmano con la materia un mondo intimo che, lentamente, l'artista svela al suo pubblico".

"Siamo felici – commenta – di presentare l'ultima produzione artistica di Dario Schelfi, che ha mosso i primi passi all'interno della galleria in una crescente e continua evoluzione".

"Un artista per passione, vero – conclude la dottoressa Sabrina Di Gesaro – totalmente speso nella sua pittura a cui il pubblico, attento osservatore, conferisce un consenso sempre più favorevole e intenso".

Il vernissage della mostra si terrà sabato 3 febbraio dalle 17:30 alle 20:30; ad allietare l'evento, l'esibizione di Marco Evangelista al sax, che proporrà un variegato repertorio di musica bossanova, pop e deep house, con brani di interpreti, nazionali e internazionali, dagli anni ottanta fino ai successi contemporanei.

Note biografiche

Dario Schelfi è nato a Palermo nel 1965.
La passione per l'arte non nasce a un tratto, ma prosegue parallelamente ai suoi studi di giurisprudenza.
Inizia così una brillante carriera di avvocato vivendo, per molti anni, la propria vocazione artistica come un momento intimo da custodire segretamente.
Con il tempo, il piacere si trasforma in necessità e nel desiderio di confrontarsi con il pubblico. 
Di carattere piuttosto espansivo ed estroverso, l'artista vive attualmente a Palermo, dividendosi tra il lavoro e il raccoglimento nel suo studio, caratterizzato da una feconda vena pittorica in continua metamorfosi.
Dario Schelfi non frequenta accademie o corsi di pittura ma, da sempre, avverte una particolare attrazione per l'arte in genere e, nello specifico, per la pittura.
La sua avventura nel mondo dell'arte nasce grazie a un amico che, notando le sue grandi capacità, lo stimola a dipingere su tela.
Inizia così il suo approccio alla pittura e nel 2021 espone nella Galleria Margutta a Roma.
Ogni momento libero, per lui, diventa un'ottima occasione per immergersi totalmente nel proprio mondo, solo con la sua tela e la natura che si trova di fronte.
Ed è proprio nel paesaggio siciliano che Dario Schelfi riesce a confrontarsi con un mondo ricco di
stimoli infiniti riprodotti su tela, dove nulla è dato al caso e dove spessi grumi di colore ridistribuiscono ordine nel caos degli eventi.
L'artista conduce davanti a una panoramica dove colori caldi e freddi si compenetrano, dove prevalgono idilliache sfumature di giallo e azzurro e dove il filo conduttore è il rosso, come una fiamma perpetua della passione, una scintilla itinerante della vita e dell'amore.
Con la sua pittura Dario Schelfi riesce a tirare fuori sia le emozioni belle che quelle brutte e a esprimersi in modo totalmente libero.
Le sue tele, infatti, nutrono una forte carica cromatica e materica.
L'artista è proteso alla ricerca costante di nuovi spunti e sollecitazioni visive attraverso la sua pennellata "stracciata", intensa, materica che lo porta all'astratto.
Emergono i segni essenziali di una matura astrazione, piena di memorie, riflessi, ritmi, che entrano in piena sinergia solo con i colori e la luce, unici protagonisti dell'opera che vanno a identificare la personalità dell'autore.
Dario Schelfi si distingue dai classici pittori.
Nelle sue opere usa resina, cartoni, sacchetti di plastica, stoffa e stracci mettendoci la propria anima e creando così nuovi mondi con sfondi potenti e lavorati.
Non tralascia la sua "firma" cromatica anzi la enfatizza con rinnovato vigore attraverso l'action painting. 
Per le sue tele predilige un formato grande che gli consente di spaziare, perché lui ha bisogno di spazi.
Il suo atto creativo avviene nel momento in cui ne sente il bisogno: dipinge quando avverte la necessità, senza progettarlo.
Nella tela butta istinto e colori.
Dario Schelfi non è un pittore descrittivo, ma un pittore istintivo.
Scherza molto con la sua pittura e gli piace giocare con essa, come con il quadro "Fiori Pazzi" o la serie dei "Monocromo".
Lo spettatore è chiamato a percepire lo stato d'animo dell'artista, poiché un suo quadro non serve ad abbellire la casa ma è, piuttosto, qualcosa di emozionale.

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso

Dario Schelfi. Crazy Raffaello

Apertura: 03/02/2024

Conclusione: 24/02/2024

Organizzazione: Centro d'arte Raffaello

Curatore: Massimiliano Reggiani

Luogo: Palermo, Galleria Centro d'arte Raffaello

Indirizzo: via Emanuele Notarbartolo 9/E - 90141 Palermo

Orario: tutti i giorni 10:00-13:00 e 16:30 -19:30 | domenica, lunedi mattina e festivi chiuso | fruibile anche sezione "Mostra in corso" del sito della galleria 

Per info: +39 091 7574592

Sito web per approfondire: https://www.raffaellogalleria.com/



Altre mostre a Palermo e provincia

Pittura del '600

Le estasi di Santa Rosalia. Antoon van Dyck, Pietro Novelli, Mattia Preti, Luca Giordano

La Fondazione Sicilia inaugura venerdì 23 febbraio alle 18 la mostra "Le estasi di Santa Rosalia. Antoon van Dyck, Pietro Novelli, Mattia Preti, Luca Giordano". leggi»

24/02/2024 - 19/05/2024

Sicilia

Palermo

Arte contemporanea‎ Scultura

Francesco Diluca. Rarica

Dal 20 aprile al 30 settembre 2024 le sculture di Francesco Diluca rendono omaggio alla Sicilia dal mare del Castello Maniace di Ortigia e tra la natura dell'Orto Botanico dell'Università di Palermo. leggi»

20/04/2024 - 30/09/2024

Sicilia

Palermo

Mostre Immersive

Il mondo di Klimt

Dal 3 febbraio al 5 maggio 2024 a Palermo, Palazzo Mazzarino ospita Il mondo di Klimt un percorso multimediale e virtuale dove la cultura incontra la tecnologia. leggi»

03/02/2024 - 05/05/2024

Sicilia

Palermo

Arte contemporanea‎

Rosa Mundi. Il Giardino delle Vergini

Dal 3 febbraio al 10 marzo 2024 Palazzo Branciforte a Palermo ospita l'artista internazionale Rosa Mundi con la mostra antologica "Il Giardino delle Vergini". leggi»

03/02/2024 - 10/03/2024

Sicilia

Palermo

Arte contemporanea‎

Fresh Engine. Veniero Project Room

Dal 27 gennaio al 2 marzo 2024 La Giuseppe Veniero Project ospita la mostra "Fresh Engine. Veniero Project Room" di Alice Chisari, Salvatore Alessandro Ficano e Anastasia Slavinski. leggi»

27/01/2024 - 02/03/2024

Sicilia

Palermo

Fotografia

La Sicilia di Melo Minnella. Paesaggi, memorie e astrazioni

Sabato 7 ottobre il Museo Civico di Castelbuono inaugura la mostra, Paesaggi, memorie e astrazioni. La Sicilia di Melo Minnella, a cura di Valentina Bruschi, progetto vincitore di Strategia Fotografia 2022 leggi»

07/10/2023 - 07/04/2024

Sicilia

Palermo