Arte contemporanea‎Mostre a Brescia

Finché non saremo libere

  • Quando:   11/11/2023 - 28/01/2024
  • evento concluso
Finché non saremo libere

Fino al 28 gennaio 2024 il Museo di Santa Giulia di Brescia ospita una mostra dedicata alla condizione femminile nel mondo con un focus inedito sull'Iran, promossa dal Comune di Brescia e la Fondazione Brescia Musei, in collaborazione con l'Associazione Genesi e il Festival della Pace.

Attraverso le opere di artiste provenienti da differenti parti del mondo e delle artiste iraniane Sonia Balassanian, Farideh Lashai, Shirin Neshat, Soudeh Davoud
fino a Zoya Shokoohi, l'esposizione declina al femminile il titolo del famoso libro dell'avvocatessa dei diritti civili iraniana Shirin Ebadi, prima donna musulmana a ricevere il Premio Nobel nel 2003, "Finché non saremo liberi".

Un'esposizione con un significato ancora più importante dopo la proclamazione del Premio Nobel per la Pace 2023, che il prossimo dicembre verrà conferito a Narges Mohammadi – attivista iraniana, vice-presidente del Centro per la difesa dei Diritti Umani, imprigionata dalle autorità iraniane nel maggio 2016 e ancora in carcere – "per la sua battaglia contro l'oppressione delle donne in Iran e per promuovere diritti umani e libertà per tutti" e l'assegnazione del Premio Sacharov 2023 per la libertà di pensiero a Jina Mahsa Amini e al movimento di protesta iraniano "Donne Vita Libertà" annunciato lo scorso 19 ottobre a Strasburgo dalla presidente del Parlamento europeo Roberta Metsola.

La mostra Finché non saremo libere prosegue ed espande un filone di ricerca e approfondimento promosso dal 2019 da Fondazione Brescia Musei, che ha scelto di indagare contesti geo-politici di stringente attualità attraverso la prospettiva e la produzione di artisti contemporanei. Capitoli precedenti di questo filone sono state le mostre dedicate al rapporto tra arte e diritti che hanno visto protagonisti l'artista e attivista turca Zehra Doğan (Avremo anche giorni migliori. Opere dalle carceri turche, 2019), che proprio grazie a questa sua esposizione personale fu inserita da The Art Newspaper tra le 100 persone più influenti nel mondo dell'arte contemporanea; l'artista e attivista cinese Badiucao (La Cina non è vicina, 2021) – protagonista nel 2022, grazie al successo della mostra bresciana, di una travelling exhibition al Dox Center for Contemporary Art di Praga, MADe IN CHINA - e l'artista e attivista russa Victoria Lomasko (The Last Soviet Artist, 2022).

È davvero una grande emozione per il quarto anno consecutivo consacrare i nostri importanti spazi del Museo di Santa Giulia, da sempre ospitale nei confronti dei progetti scientifico culturali di rottura, questa importantissima mostra dedicata a tutte le donne iraniane che combattono per i loro diritti. Il progetto costruito insieme all'associazione Genesi ci vede impegnati su uno dei temi di massima attualità nell'agenda sociale politica culturale globale di questi mesi di cui il recente Nobel e il recente Sacharov sono l'evidente prova benché il progetto fosse partito un apio di anni fa secondo un'intuizione vincente: identificare palinsesti artistico narrativi da contesti geopolitici in cui i diritti sono violati e affondare su di essi con delle esposizioni dedicate all'arte contemporanea. Anche quest'anno il pubblico non rimarrà deluso per la qualità della proposta costruita e i tantissimi rivoli di riflessione che essa genera, vero obiettivo di una completa Istituzione culturale legata all'antico, ma arroccata all'attualità.... leggi il resto dell'articolo»

LA MOSTRA

Finché non saremo libere proietta Fondazione Brescia Musei verso un nuovo trattamento per le esposizioni del ciclo "arte e diritti" rispetto a quanto proposto nell'ultimo triennio. Non più una monografica "verticale" dedicata ad artisti dissidenti ma una collettiva inedita con portfolio originali per l'Italia, di altissimo spessore, di artiste mai esposte nel nostro paese. Un progetto di alto impianto curatoriale, con un importante supporto editoriale nella forma del catalogo e delle tantissime iniziative collaterali, utili ad approfondire un tema che partendo dalle sale espositive riverbera nella nostra quotidianità attraverso performance artistiche e dibattiti. La mia gratitudine all'artista Zoya Shokoohi per aver accolto il nostro invito, confermando la fervida tradizione delle residenze artistiche di Brescia Musei.

Ad aprire il percorso espositivo di Finché non saremo libere sarà la video installazione Becoming (2015) dell'iraniano Morteza Ahmadvand, che con questa opera riflette sulla possibile convivenza tra culture e sulla necessità di abolire distinzioni e gerarchie tra popoli e individui. Tre video proiettati su altrettanti schermi, a ciascuno dei quali corrisponde uno dei simboli delle tre principali religioni abramitiche: la croce cristiana, una stella di David e un cubo raffigurante la Kaaba islamica, qui idealmente uniti in una sfera che rimanda alla Terra, proposta come spazio in cui non ci sono differenze ma spazio uguale per tutti e tutte. Becoming, come l'intera mostra a Brescia, promuove la convivenza tra esseri umani e il raggiungimento di un'unità pacifica nel tumulto socio-politico e culturale attuale.

L'opera dell'unico artista uomo esposto in mostra cede immediatamente il passo a una esposizione interamente dedicata ad artiste donne, divisa in tre sezioni.
La prima sezione presenta un importante nucleo di opere di artiste donne provenienti da varie aree geografiche del pianeta. Queste opere sono prestiti dalla collezione d'arte contemporanea dell'Associazione Genesi e approfondiscono nell'insieme sei complesse e spesso drammatiche questioni culturali, ambientali, sociali e politiche dei nostri tempi.
Il primo tema, affrontato dalle opere di Leila Alaoui – artista franco-marocchina precocemente scomparsa per le gravi ferite riportate durante gli attacchi terroristici a Ouagadougou mentre lavorava per una commissione di Amnesty International –, di Hangama Amiri – artista originaria del Pakistan -, Zhanna Kadyrova – artista ucraina –, Iva Lulashi – artista di origini albanesi – è il diritto alla memoria e all'identità di ogni popolo e come le tradizioni e la storia di ogni comunità siano da considerarsi memoria collettiva da preservare, proteggere, custodire, tramandare.
La seconda questione di attualità, affrontata da Mequitta Ahuja – pittrice figurativa con radici afro-americane e indiane, dalla brasiliana Sonia Gomes e da Otobong Nkanga – artista nigeriana che vive e lavora in Europa –, è l'identità multiculturale e l'importanza del dialogo, dell'interscambio e del rispetto reciproco tra culture.
La violenza del Potere, i soprusi perpetrati e a volte anche tollerati in alcune aree e Paesi del mondo, le guerre, i genocidi, lo sfruttamento sono i temi del terzo sviluppo tematico, sottesi nei lavori di Leila Alaoui, dell'artista sino-americana Hung Liu, che ha vissuto da giovane e in prima persona gli orrori della Rivoluzione culturale di Mao, dell'indiana Shilpa Gupta e di Toyin Ojih Odutola, artista americana di origini nigeriane.

La questione ambientale, l'autodistruzione da parte dell'essere umano del nostro pianeta è testimoniata nell'opera dell'artista franco-americana Anne de Carbuccia, mentre l'artista nigeriana Marcellina Akpojotor, Zehra Doğan – artista e giornalista curda con cittadinanza turca, protagonista della prima edizione del ciclo di esposizioni di Fondazione Brescia Musei dedicate all'arte e ai diritti umani, nota per essere stata arrestata e condannata per aver pubblicato sui social media un suo dipinto in cui raffigura la distruzione di Nusaybin dopo gli scontri tra le forze di sicurezza e gli insorti curdi –, Zanele Muholi – fotografa sudafricana che con la sua arte indaga instancabilmente temi come razzismo, eurocentrismo, femminismo e politiche sessuali – e Billie Zangewa – artista nata in Malawi e poi trasferitasi in Sudafrica – ci parlano più specificatamente della condizione femminile all'interno di contesti, privati o pubblici, in cui la supremazia maschile è ancora molto radicata.
La riflessione sulla questione di genere termina con le opere di due affermate artiste iraniane, in qualche modo collegate tra loro. Si tratta di Soudeh Davoud e Shirin Neshat, proposte da Finché non saremo libere come tramite per la seconda e la terza sezione della mostra.

La seconda sezione di mostra presenta due omaggi dedicati a due artiste storiche iraniane che, seppur molto note a livello internazionale, non sono mai state protagoniste di mostre personali in Italia: Sonia Balassanian e Farideh Lashai, entrambe nate negli anni Quaranta, e dunque formatesi prima della Rivoluzione Islamica del 1979.
Sonia Balassanian, nata nel 1942 ad Arak, oggi vive e lavora tra New York e l'Armenia. Ha iniziato come pittrice astratta, ma la sua ricerca ha avuto una svolta dopo il 1979 quando, in Iran, diventa attivista, concentrando il suo lavoro sulle urgenze sociali e politiche legate alle atrocità di quella drammatica situazione, tra cui i diritti umani e l'emancipazione femminile. Le sue opere, esposte in prestigiosi spazi espositivi internazionali tra cui il MoMA di New York e il Padiglione Armeno della Biennale di Venezia del 2007, sottendono spesso una catena infinita di sofferenza, resistenza, trauma. In mostra a Brescia sono presenti tre cicli di opere su carta degli anni Ottanta e un'installazione degli anni Duemila.

Nata a Rasht nel 1944, Farideh Lashai ha tenuto mostre personali in importanti musei nel mondo, come il British Museum a Londra, il Prado Museum a Madrid, la Sharjah Art Foundation a Sharjah. Le sue opere sono state esposte in rassegne internazionali, come l'8th Biennale of Sydney, e ad oggi molte fanno parte di prestigiose collezioni d'arte contemporanea tra cui quelle del Centre Georges Pompidou a Parigi e della Sharjah Art Foundation. Come Balassanian, è stata un'attivista: nei primi anni Settanta fu imprigionata a causa della sua politica di sinistra e del suo coinvolgimento nel movimento studentesco negli anni precedenti la rivoluzione islamica. Scomparsa a Teheran nel 2013, per tutta la sua attività ha riflettuto sulla storia e le condizioni socio-politiche dell'Iran. Esposto a Brescia è il suo più importante ciclo di opere: Rabbit in Wonderland, ispirato in parte ad Alice nel Paese delle Meraviglie di Lewis Carroll e composto da sette opere.

Il percorso espositivo si conclude con due coinvolgenti interventi site-specific – Verbum e Respiro –realizzati dalla giovane artista iraniana, Zoya Shokoohi nel corso di una residenza a Brescia avviata dalla Fondazione Brescia Musei come parte della mostra stessa e come ideale apertura verso le future generazioni.
Finché non saremo libere non desidera soltanto approfondire la drammatica condizione femminile in Iran, ma porre anche l'accento sull'importanza delle ricerche di alcune artiste iraniane, selezionandole in base alle loro qualità che hanno permesso loro di imporsi all'interno del sistema artistico internazionale e di oltrepassare la drammatica situazione in cui verte il loro Paese. La mostra promuove così un messaggio di speranza universale e di empowerment per tutte le artiste donne, non solo iraniane.
L'arte ha il compito di partecipare alle vicende dell'umanità, riflettendovi e spesso anticipandone gli sviluppi. L'umanità oggi è a un punto di non ritorno, in quanto sono purtroppo continue le violazioni dei diritti umani. La mostra Finché non saremo libere sceglie di affrontare uno dei drammi più inaccettabili del nostro tempo: la violenza e la mancanza di libertà subite dalle donne, in particolare in Iran. Il percorso espositivo associa opere di artiste iraniane con opere di artiste provenienti da altri paesi del mondo e di differenti generazioni per rivendicare in primo luogo la libertà di espressione femminile come diritto inalienabile.

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso

Finché non saremo libere

Apertura: 11/11/2023

Conclusione: 28/01/2024

Organizzazione: Comune di Brescia e Fondazione Brescia Musei

Curatore: Ilaria Bernardi

Luogo: Brescia, Museo di Santa Giulia

Indirizzo: Via dei Musei 81 - Brescia

Sito web per approfondire: https://www.bresciamusei.com/



Altre mostre a Brescia e provincia

Arte contemporanea‎

Il Novecento di Catarsini. Dalla macchia alla macchina

Il pittore e scrittore Alfredo Catarsini (Viareggio 1899-1993) è protagonista di una nuova mostra antologica negli spazi di Villa Mirabella al Vittoriale degli Italiani. leggi»

09/03/2024 - 08/09/2024

Lombardia

Brescia

Arte contemporanea‎

Mario García Torres. Gettare la spugna

Dal 24 febbraio all'8 maggio 2024 Massimo Minini presenta la prima personale di Mario Garcia Torres, artista messicano appartenente alla tradizione concettuaei e neo-concettuale. leggi»

24/02/2024 - 08/05/2024

Lombardia

Brescia

Arte moderna

Il Surrealismo. The infinite madness of dreams

Nel centenario del "Manifesto del Surrealismo" dal 23 marzo al 2 giugno 2024 il Castello di Desenzano ospita la mostra "Il Surrealismo. The infinite madness of dreams". leggi»

23/03/2024 - 02/06/2024

Lombardia

Brescia

Arte contemporanea‎

Five at Five. Spazio15

Dal 17 febbraio al 16 marzo 2024 Spazio15 presenta "Five at five" la collettiva dedicata a cinque artisti emergenti: Bislacchi, Giorgio Mattia, Valentino Russo, Edoardo Sessa, Francesca Vanoli. leggi»

17/02/2024 - 16/03/2024

Lombardia

Brescia

Pittura del '800

I Macchiaioli

Dal 20 gennaio 2024 al 9 giugno la grande mostra sui macchiaioli a Brescia. Oltre 100 capolavori di Fattori, Lega, Signorini, Cabianca e altri ancora. leggi»

20/01/2024 - 09/06/2024

Lombardia

Brescia

Scultura Arte del gioiello

Umberto Mastroianni. Come un oro caldo e fluido

Fino all'8 marzo il Vittoriale degli Italiani ospita "Come un oro caldo e fluido. Gli ori di Umberto Mastroianni": dialogo intenso tra gioielli e sculture nelle creazioni del Maestro. leggi»

30/12/2023 - 08/03/2024

Lombardia

Brescia