Guido Airoldi. Anatomie Manifeste

  • Quando:   21/10/2023 - 07/01/2024
  • evento concluso

Arte contemporaneaMostre a Brescia


Guido Airoldi. Anatomie Manifeste

Mentre prosegue il successo della mostra La passeggiata della linea. 100 protagonisti del disegno contemporaneo (aperta fino al 7 gennaio 2023), allestita in occasione dei 40 anni della Civica Raccolta del Disegno di Salò, si conferma presso il MuSa di Salò l'interesse per l'arte contemporanea e le opere su carta.

La personale Anatomie manifeste di Guido Airoldi, a cura di Anna Lisa Ghirardi, conservatrice e curatrice della Civica Raccolta del Disegno, è ospitata nella sezione della Collezione anatomica di Giovan Battista Rini (1795 - 1856), un luogo raccolto, al secondo piano del museo, atto a custodire preziosi reperti anatomici. Qui sono conservati corpi "pietrificati" dal dottor Rini, il quale inventò una particolare tecnica per conservare corpi umani, con l'intento di avere materiale per effettuare studi anatomici.
Airoldi non si avvicina a questi reperti con intento scientifico, lo hanno già fatto alcuni studiosi che hanno cercato di comprendere la tecnica, rimasta misteriosa nella sua precisa formula chimica, ipotizzando l'uso di sostanze conservative a base di una miscela di metalli pesanti, e nemmeno indaga da storico l'identità di tali individui, probabilmente briganti e carbonari, per lui è piuttosto un ulteriore appuntamento con la riflessione sull'esistenza, di cui l'arte è una sorta di diario.

Nel concetto di anatomia, intesa come scienza che studia la forma e la struttura degli esseri viventi, si cela per l'artista l'intenzione di indagare e comprendere il funzionamento della vita stessa. Si passa pertanto da uno studio fisiologico ad una ricerca escatologica.
L'immediata attrazione da parte di Airoldi per gli studi del chirurgo-imbalsamatore, considerando la sua ricerca artistica, è intuibile. È nato così il desiderio di porre in dialogo il suo lavoro con le mummie salodiane. Vicino ai corpi sezionati sono presentati collage con vanitas e anatomie, pseudo crani e ossa umani, rami reimpiegati per simulare un apparato circolatorio, campeggia inoltre la figura di un grande equino scheletrito che evoca il Trionfo della morte.
Spesso nel repertorio dell'artista sono presenti immagini di memento mori, oltre a vanitas e a reperti anatomici.
L'iconografia della morte di Airoldi, inoltre, fortemente ancorata alla tradizione artistica del passato, non è assolutamente fuori dal nostro tempo, anzi, è perfettamente coerente con l'attuale popolare ripresa, spesso non consapevole, di tali tematiche; basti osservare i tattoo che rivestono i corpi di molte persone, in cui appaiono in gran numero teschi, sovente accompagnati da fiori. E la vita si avvinghia alla morte, in una danza che pare eterna.

Airoldi afferma la sua intenzione di "creare il mondo con il mondo", tanto che le carte con le quali realizza le sue opere sono ricavate da manifesti circensi. Questi, spesso scoloriti, consunti e sgualciti, ci parlano di spettacoli che sempre meno divertono la folla e di una realtà che si sta esaurendo. Tra le numerose affiche che ha strappato nel corso degli anni non mancano quelle che riportano scritte, appunti vari o timbri di luoghi e giorni, che raccontano una storia sociale, ma invero il circo è per l'artista un pretesto per parlare d'altro.

La precarietà della carta è metafora dell'umana fragilità. I manifesti, oggetto di sfregio e intemperie, evocano il senso di abbandono. L'artista è affascinato dalle cromie, ma anche dalle cicatrici che li percorrono e non di meno lo attirano le muffe e le ruggini che con il tempo si sono depositate sulle superfici cartacee. In particolare modo, egli osserva, con attenta sensibilità, le macchie che hanno dato nuova veste alle carte, trasformandole in sorta di livree.
Le carte recuperate, sezionate e ripulite, si trasformano in nuove epidermidi, confini con il resto del mondo. I manifesti, sminuzzati, sono infatti trasformati in materia, assumendo nuove forme, nuove apparizioni. L'artista ridà vita a ciò che sembra svanire. La morte, del resto, è trasformazione.... leggi il resto dell'articolo»

Si realizzerà un fantastico bestiario con la carta dei manifesti circensi, materia prima dell'attività dell'artista, lavorando sul tema del recupero dei materiali e del loro riciclo.

Biografia di Guido Airoldi

Nato a Bergamo nel 1977.
Nel 2002 si laurea all'Accademia di Belle Arti di Brera di Milano.
È stato finalista del IV Premio Arte Laguna all'Arsenale di Venezia vincendo due premi speciali. Nel 2010 espone nella mostra Ex Circus da Anfiteatro Arte a Milano, che lo presenta nel 2011 ad Arte Fiera di Bologna mettendo a confronto il suo lavoro con l'opera storica di Mimmo Rotella. Nello stesso anno il Comune di Lecce e l'Università del Salento organizzano, al Castello di Carlo V, la sua personale Circus Lupiensis,. Espone in seguito Car On Air presso Superstudiopiù di Milano. Nel 2013 presenta la personale Silenzi Manifesti presso la Fabbrica Borroni di Bollate. Nel 2015 espone l'installazione Heimat presso la Galleria Toselli di Milano e Silenzi Manifesti da Isolo17 a Verona. Nel 2016 presenta la mostra Focus presso il Museo zoologico e paleontologico dell'Università Federico II di Napoli, nel medesimo anno, presso il Castello di Rivara - Museo d'arte contemporanea, la personale BesDiario, nell'ambito di Equinozio d'autunno 2016, e nel 2017, nella medesima sede, Circus Lupiensis, a cura di Franz Paludetto. È stato finalista del Premio Arteam Cup 2016. Nel marzo 2017 espone alla Fondazione Stelline di Milano. Nel 2018 è finalista a SmartUp Optima - Premio d'arte contemporanea e al Premio Arteam Cup 2018. Nel 2019 espone Heimat al Parlamento Europeo di Bruxelles, nuovamente al Castello di Rivara - Museo d'arte contemporanea, a cura di Franz Paludetto, e partecipa al progetto Specula presentato nelle sale del MANN Museo Archeologico Nazionale di Napoli. Nel 2020 è finalista al Premio Arteam. Il 2022 lo vede di nuovo al Castello di Rivara - Museo d'arte contemporanea con la personale Lèmene ed espone presso la Mole Vanvitelliana di Ancona, su invito di Flavio Arensi.
Nel 2021 è curatore, insieme a Matteo Vanzan, della mostra I piranha non sentono i sapori, allestita presso la Palazzina Storica di Peschiera del Garda (VR).
Nel 2022 partecipa, in qualità di Professore di Disegno ed Educazione artistica, alla trasmissione televisiva Il Collegio.
Vive e lavora a Verona.

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso

Mostra: Guido Airoldi. Anatomie Manifeste

Salò - MuSa Museo

Apertura: 21/10/2023

Conclusione: 07/01/2024

Curatore: Anna Lisa Ghirardi

Indirizzo: Via Brunati, 9 - 25087 Salò (BS)

Orari: da venerdì a domenica: 10.00 - 18.00

Per info: +39 0365 20553 | info@museodisalo.it

Sito web per approfondire: https://museodisalo.it/



Altre mostre a Brescia e provincia

Arte contemporaneamostre Brescia

Gustavo Florioli. Attimi come fogli al vento

Dal 15 giugno al 7 luglio 2024 il Museo ospiterà la mostra "Attimi come fogli al vento" di Gustavo Florioli. leggi»

15/06/2024 - 07/07/2024

Lombardia

Brescia

Arte contemporaneamostre Brescia

Adriano Gasparini. La magia di un attimo tra colori e bianco e nero

Dal 1° giugno al 30 giugno 2024 sarà possibile visitare la mostra "La magia di un attimo tra colori e bianco e nero" di Adriano Gasparini. leggi»

01/06/2024 - 30/06/2024

Lombardia

Brescia

Arte contemporaneamostre Brescia

Andy Warhol. The Age of Freedom

Dal 15 giugno 2024 oltre 70 opere del genio americano attraverso le sue più celebri ed iconiche opere al Castello di Desenzano del Garda. leggi»

15/06/2024 - 22/09/2024

Lombardia

Brescia

Fotografiamostre Brescia

Il Vittoriale delle Italiane

Una mostra fotografica tutta al femminile per raccontare il Vittoriale nell'ambito di Brescia Photo Festival 2024. leggi»

25/05/2024 - 30/09/2024

Lombardia

Brescia

Arte contemporaneamostre Brescia

Agostino De Romanis, nella natura la luce dell'anima

La mostra Agostino De Romanis, nella natura la luce dell'anima si compone di 30 opere che saranno esposte per la prima volta insieme al MAS fino al 26 giugno. leggi»

25/05/2024 - 26/06/2024

Lombardia

Brescia

Arte contemporaneamostre Brescia

D'Annunzio e la Cina

Del delicato rapporto tra Occidente e Oriente in relazione con il grande Poeta racconta la mostra D'Annunzio e la Cina. leggi»

25/05/2024 - 13/09/2024

Lombardia

Brescia

FotografiaArte graficamostre Brescia

Piranesi | Basilico. Vedute di Roma

Fino al 23 giugno 2024 "Piranesi | Basilico. Vedute di Roma" celebra il fascino della Città Eterna, mettendo a confronto le incisioni di Piranesi e la città contemporanea nelle foto di Gabriele Basilico. leggi»

23/03/2024 - 23/06/2024

Lombardia

Brescia

Arte contemporaneamostre Brescia

Haris Epaminonda. Vol. XXXII

Dal 25 maggio a fine luglio 2024 presso Galleria Massimo Minini di Brescia ospita "VOL. XXXII", di Haris Epaminonda, terza personale dell'artista cipriota in galleria. leggi»

25/05/2024 - 31/07/2024

Lombardia

Brescia

Sculturamostre Brescia

Giuseppe Rivadossi. Sculture recenti

Dal 18 maggio al 10 luglio 2024 la Galleria dell'Incisione a Brescia presenta una mostra dedicata alle sculture recenti di Giuseppe Rivadossi, figura di spicco della scultura contemporanea. leggi»

18/05/2024 - 10/07/2024

Lombardia

Brescia