Max Cavallari. Acquaintance

  • Quando:   29/09/2023 - 01/10/2023
  • evento concluso

FotografiaVideo artMostre a FerraraFerrara


Max Cavallari. Acquaintance

Acquaintance di Max Cavallari giunge a Ferrara in una trasposizione video installativa del progetto fotografico ed editoriale che ha portato il fotografo e documentarista a narrare 40 giorni sulla nave Humanity 1 della ong Sos Humanity nel Mediterraneo. L'installazione prende forma negli spazi di Laboratorio Aperto trasformandosi in una sorta di 'scatola nera' da cui emergono informazioni spesso ignote e che riguardano la vita a bordo dell'equipaggio addetto al salvataggio dei migranti in mare in pericolo di vita. Il progetto di Max Cavallari, già pubblicato in un volume editoriale (seipersei edizioni) e presentato in mostre e festival negli scorsi mesi, qui muta e si traduce in un narrazione percettiva di visione e ascolto. Protagonisti sono l'umanità oltre il visibile, al di là del pregiudizio, il tragitto di un viaggio sostanziato dalla dignità spesso violata delle grandi migrazioni. L'obiettivo di Cavallari ha colto istanti di una quotidianità sospesa, non spettacolarizzata, che sembra non interessare l'opinione pubblica.
La video installazione Acquaintance a cura di Riaperture Aps, con un contributo critico di Azzurra Immediato ed è visibile al pubblico nelle giornate del Festival Internazionale Ferrare 2023, quale evento del programma partecipato.

Cenni biografici
Max Cavallari, 1989, è un fotografo documentarista che vive e lavora a Bologna. Collabora con l'agenzia Getty Images e l'agenzia ANSA in Emilia-Romagna. Attualmente collabora con testate giornalistiche e riviste, italiane e internazionali. È focalizzato su tematiche che mettono l'essere umano a confronto con ciò che gli sta intorno e con i suoi simili, tratta di immigrazione, tecnologia e ambiente.

Acquaintance, Contributo critico di Azzurra Immediato
Così dicevano, e il cattivo consiglio dei compagni prevalse. Aprirono l'otre, tutti i venti ne uscirono, e il turbine li afferrò all'improvviso e li riportò al largo, piangenti, lontani dalla patria terra. Mi risvegliai, incerto nel cuore se gettarmi giù dalla nave e morire nel mare o sopportare in silenzio e restare ancora fra i vivi. Sopportai e rimasi: avvolto nel mantello, giacqui sulla mia nave.
Odissea, Libro X
Nell'immaginario collettivo il viaggio, quello di formazione, di scoperta, avventura, è spesso segnato da dinamiche complesse, talvolta drammatiche, talaltra affascinanti ed immaginifiche. Senza dubbio, il viaggio è anche riscrittura della mappa interiore del viaggiatore, capace persino di gemmare nuove ed inusitate direzioni, sognate, desiderate. Ogni itinerario è costruito nei suoi più sensibili dettagli affinché resti un indelebile ricordo nel bagaglio della propria memoria. La letteratura sul viaggio è assai più sconfinata dell'Universo probabilmente e, entro tale confini, certamente, il viaggio in mare è tra quelli maggiormente epici, eroici e amati, come il mito classico insegna e come, invero, interiormente appartiene a quella che è sempre stata denominata 'civiltà mediterranea'. Cosa accade, davvero, tra i flutti del Mediterraneo? Laddove terre meravigliose sono bagnate dalle sue onde, dove isole costellano quello che pare un cielo capovolto, dove popoli, lingue, culture si sono incontrati, mescolati, combattuti, alleati? Il Mediterraneo è forse il luogo dove amore e odio convivono in quell'eterno ondeggiare delle sue acque, da una sponda all'altra, da una profondità all'altra.
Nel sempiterno esistere come nelle parole scritte per Ulisse, il mare è teatro d'umanità, è palcoscenico molteplice di ruoli, poteri, forza e debolezze, storiche, politiche, umane, militari. Ed in quanti modi il Mediterraneo può esser raccontato? Innumerevoli sono i punti di vista, solo che alcuni hanno avuto, nei secoli, molta più fortuna, altri, al contrario, sono stati inabissati. Le cronache degli ultimi anni agguantano le onde perdendole subito dopo, generano profondità drammatiche, oscure, inaccessibili. E se, invece, provassimo a porre il nostro sguardo laddove nessuno osa guardare? Max Cavallari, fotografo e documentarista, ha posto più d'una volta il proprio obiettivo al servizio delle onde mediterranee e di ciò che esse svelano ma che, altrettanto subitamente, trasformano in impercettibile.
Acquaintance è – anche – questo: il racconto di una umanità oltre il visibile, al di là del pregiudizio. Ogni scatto di questo progetto racconta il tragitto di un viaggio, sostanziato dalla dignità, spesso violata, delle grandi migrazioni. Il suo obiettivo ha colto istanti di una quotidianità sospesa, non spettacolarizzata, che sembra non interessare l'opinione pubblica e che pone in primo piano le vite di chi vive, come equipaggio, sulle navi delle ONG, come la Humanity 1, che ha ospitato il fotografo, sancendo la visione di una limbica prospettiva. Chi sono le persone, i giovani che scelgono la via del mare per salvare vite? Cosa accade lontano dai riflettori? Cosa succede nei medesimi istanti in cui altre vite chiedono aiuto, spossate dall'incubo della morte, della fine? Cosa significa ricevere una richiesta d'aiuto nel Mediterraneo? Cosa vuol dire far sì che persone provenienti da altrove anche lontani dal Mediterraneo uniscano le proprie forze per gettare una speranza tra i rabbiosi flutti che portano alla deriva esistenze disperate?
Acquaintance di_mostra il significato più recondito dell'umanità, ricongiunge la vita con l'elemento vitale per eccellenza, l'acqua. E no, non è solo una storia di lieti fini, tutt'altro: è un punto panoramico scomodo e pericoloso dal quale osservare il mare nostrum. Perché riguarda tutti noi.
L'opera installativa alla quale state per accedere vi permetterà di comprendere da vicino ciò che Max Cavallari ha visto e vissuto sulla Humanity 1 e di essere osservatori privilegiati laddove nessun privilegio è contemplato.

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso

Mostra: Max Cavallari. Acquaintance

Ferrara - Laboratorio Aperto (Ex Teatro Verdi)

Apertura: 29/09/2023

Conclusione: 01/10/2023

Curatore: Riaperture Aps

Indirizzo: via Castelnuovo 10 - 44121 Ferrara

Sito web per approfondire: https://www.maxcavallari.it/



Altre mostre a Ferrara e provincia

Arte del RinascimentoPittura del '500mostre Ferrara

Il Cinquecento a Ferrara. Mazzolino, Ortolano, Garofalo, Dosso

Palazzo dei Diamanti prosegue la sua indagine sul Rinascimento a Ferrara con la grande mostra "Il Cinquecento a Ferrara. Mazzolino, Ortolano, Garofalo, Dosso", dal 12 ottobre 2024 al 16 febbraio 2025. leggi»

12/10/2024 - 16/02/2025

Emilia Romagna

Ferrara

Illustrazionemostre Ferrara

Ferrara teatro della città nelle illustrazioni di Claudio Gualandi

Il Teatro Comunale Claudio Abbado di Ferrara celebra i sessant'anni dal restauro con una mostra che racconta la sua storia: "Ferrara teatro della città nelle illustrazioni di Claudio Gualandi". leggi»

18/04/2024 - 15/09/2024

Emilia Romagna

Ferrara

Mostra documentalemostre Ferrara

Ebrei nel Novecento italiano

Ebrei nel Novecento italiano, dal 29 marzo 2024, racconta cento anni di storia italiana, le sfide di un'epoca, le lacerazioni, la rinascita e l'evoluzione del concetto di cittadinanza. leggi»

29/03/2024 - 06/10/2024

Emilia Romagna

Ferrara

Arte modernamostre Ferrara

Escher a Palazzo dei Diamanti

Dal 23 marzo al 21 luglio 2024 Palazzo dei Diamanti di Ferrara ospita una grande mostra dedicata ad Escher, artista geniale e visionario. leggi»

23/03/2024 - 21/07/2024

Emilia Romagna

Ferrara

Pittura del '500mostre Ferrara

Il Cinquecento a Ferrara. Mazzolino, Ortolano, Garofalo, Dosso

Dal 12 ottobre 2024 al 16 febbraio 2025 Palazzo dei Diamanti a Ferrara ospita la mostra "Il Cinquecento a Ferrara. Mazzolino, Ortolano, Garofalo, Dosso" leggi»

12/10/2024 - 16/02/2025

Emilia Romagna

Ferrara