Arte contemporanea‎ Video artMostre a Roma

Nomeda & Gediminas Urbonas: Villa Lituania

  • Quando:   20/12/2023 - 04/02/2024
  • evento concluso
Nomeda & Gediminas Urbonas: Villa Lituania

Museo delle Civiltà - Palazzo delle Arti e Tradizioni Popolari in collaborazione con: Ambasciata della Repubblica di Lituania a Roma, Ambasciata della Repubblica di Lituania presso la Santa Sede. Sovrano Ordine di Malta, Lithuanian Culture Institute, Mo Museum of Modern Art, Vilnius presenta la mostra

"Nomeda & Gediminas Urbonas: Villa Lituania" dal 20 dicembre 2023 al 4 febbraio 2024

L'installazione Villa Lituania del duo Nomeda & Gediminas Urbonas è una testimonianza del potere diplomatico dell'arte all'interno di conflitti a eredità storiche complesse, attraverso la rievocazione di una gara di colombi viaggiatori per la pace come simbolo interspecie di riparazione culturale.

La mostra è a cura di Matteo Lucchetti, curatore per le arti e culture contemporanee presso il Museo. Il progetto Villa Lituania – evento di chiusura del programma annuale 2023 con la supervisione generale di Andrea Viliani, Direttore del Museo delle Civiltà – torna in Italia sedici anni dopo aver rappresentato la Lituania alla 52a Biennale di Venezia nel 2007, vincendo la Menzione d'Onore della Giuria, e viene presentato al Museo delle Civiltà in occasione dei quarant'anni dalla morte di Stasys Lozoraitis, diplomatico residente presso la Villa dal 1937 al 1940.

Villa Lituania è un'installazione multimediale che ruota attorno alla storia dell'edificio omonimo (costruito nel 1912 dagli architetti Pio e Marcello Piacentini e situato a Roma in Via Nomentana 116), che ospitò l'Ambasciata Lituana per pochi anni, dal 1937 al 1940, quando fu confiscata dall'allora Unione a diventando simbolicamente l'ultimo territorio occupato e, dopo il crollo dell'URSS nel 1991, utilizzato come sede dell'Ufficio Consolare dell'Ambasciata di Russia in Italia. Oggi, terminate le contese sull'edificio, esso rimane un contenitore di storie collettive e personali e un punto di partenza per analizzare una storia di liberazione dall'occupazione e il ruolo che vi ha svolto l'arte, in particolare il rapporto tra esseri umani e animali come una possibile via di uscita dal conflitto e dalle sue sedimentazioni.... leggi il resto dell'articolo»

Nomeda & Gediminas Urbonas approcciano questa complessa storia diplomatica da una prospettiva artistica procedendo alla ricerca della verità storica attraverso il recupero di filmati di archivio inediti e intervistando alcuni testimoni, ma anche immaginando azioni che cerchino forme di riparazione dei rapporti tra i due Paesi. Tra queste l'azione portante di tutto il progetto attinge alla tradizione dei piccioni viaggiatori, utilizzati già 3000 anni fa da Egizi e Persiani ma impiegati anche durante i due conflitti mondiali del XX secolo per eludere i sabotaggi delle telecomunicazioni. Nel 2007 gli artisti propongono infatti che il giardino del Consolato Russo ospiti una colombaia che riceva i volatili portatori di un segno di pace provenienti dal Padiglione lituano a Venezia. Al diniego si ipotizza che la base di ritorno possa essere ospitata all'EUR, dove a quel tempo l'architetto italiano di origine lituana Massimiliano Fuksas sta costruendo il Nuovo Centro Congressi, "La Nuvola", e accoglie entusiasticamente l'idea degli artisti di ospitare la base dei colombi nei pressi del cantiere. Nonostante il supporto di molte istituzioni, tra le quali il Municipio IX e l'allora Direzione Generale per l'Architettura e l'Arte Contemporanea del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, anche quella possibilità non si realizza. Urbonas sceglieranno, d'accordo con i molti addestratori con cui sono entrati in contatto in Italia, Lituania e Polonia, di liberare simbolicamente circa mille colombi il giorno dell'apertura del Padiglione lituano a Venezia, che faranno poi ritorno ai loro luoghi d'origine nel mese successivo. A Roma non verrà mai costruita nessuna colombaia, ma l'installazione, che si inaugura nel 2023 al Museo delle Civiltà, riproduce una colombaia con le sembianze di Villa Lituania, disponendo intorno cinque postazioni di proiezione con i vari video prodotti durante il processo, a documentazione degli intrecci di storie che raccontano una vicenda apparentemente immobile nel suo contesto storico ma che si rivela, invece, estremamente attuale nell'immaginare l'arte come uno strumento capace di riscrivere narrazioni e cambiare punti di vista, anche a molti anni di distanza, con dislocazioni spaziali e temporali inaspettate. Questa mostra porta infatti finalmente la colombaia immaginata dagli artisti a Roma, a qualche metro da "La Nuvola" e qualche chilometro da Via Nomentana.

ll Parlamento e il Governo della Lituania hanno proclamato il 2024 come Anno dei Diplomatici Lozoraitis. L'anno 2024 segna il 125° anniversario della nascita di Stasys Lozoraitis Sr, Ministro degli Affari Esteri della Repubblica di Lituania e Capo del Servizio Diplomatico lituano, e il 100° anniversario della nascita di Stasys Lozoraitis Jr, rappresentante diplomatico lituano a Washington DC, che ha contribuito in modo significativo all'istituzione del servizio diplomatico lituano in esilio, il quale ha avuto una particolare rilevanza in riferimento al ripristino dell'indipendenza della Lituania e per la difesa della sovranità statale nel XX secolo. Nel 2024 ricorre infine anche il 95° anniversario della nascita di Kazys Lozoraitis, rappresentante diplomatico della Lituania presso la Santa Sede.

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso

Nomeda & Gediminas Urbonas: Villa Lituania

Apertura: 20/12/2023

Conclusione: 04/02/2024

Organizzazione: Museo delle Civiltà

Curatore: Matteo Lucchetti

Luogo: Roma, Museo delle Civiltà

Indirizzo: Piazza Guglielmo Marconi 8 - 00144 Roma

Per info: mu-civ.comunicazione@cultura.gov.it

Sito web per approfondire: https://www.museodellecivilta.it/



Altre mostre a Roma e provincia

Arte contemporanea‎

Lina Passalacqua. Io... e il mare

Dal 1al 16 marzo 2024 Plus Arte Puls, di Roma presenta "Io... e il mare", personale di Lina Passalacqua. leggi»

01/03/2024 - 16/03/2024

Lazio

Roma

Arte contemporanea‎

Enrico Accatino. Riquadrare la storia

Dal 22 marzo al 15 maggio 2024 Sala 1-Centro Internazionale d'Arte Contemporanea di Roma presenta "Riquadrare la storia", retrospettiva dedicata ad Enrico Accatino. leggi»

22/03/2024 - 15/05/2024

Lazio

Roma

Fotografia

Ingar Krauss. Deep Blossom

Dal 22 febbraio al 24 luglio 2024 Gaggenau porta a Roma "Deep Blossom - È solo un fiore?", la prima personale di Ingar Krauss, maestro tedesco della fotografia. leggi»

22/02/2024 - 24/07/2024

Lazio

Roma

Arte contemporanea‎

Marco Crispano. Bab Souika

Pro Loco San Lorenzo è lieta di presentare la mostra "Bab Souika" mostra personale di Marco Crispano. L'esposizione si terrà in data unica sabato 2 Marzo dalle 19 alle 23. leggi»

02/03/2024

Lazio

Roma

Ingresso gratuito

Arte contemporanea‎

Peach Vibration

Dal 20 febbraio al 14 marzo 2024 Pavart gallery presenta la collettiva "Peach Vibration" curata da Velia Littera, un dialogo tra artisti ispirati dal colore dell'anno 2024, il rosa pesca (peach fuzz). leggi»

20/02/2024 - 14/03/2024

Lazio

Roma

Arte moderna Arte grafica

Escher a Palazzo Bonaparte

Prorogata fino al 5 maggio 2024, Palazzo Bonaparte di Roma ospita la più grande mostra di Escher mai realizzata sinora, con circa 300 opere, nuove scoperte e grandi novità. leggi»

31/10/2023 - 05/05/2024

Lazio

Roma

Arte contemporanea‎

Francesco Impellizzeri. Rewind

Dal 20 febbraio al 22 marzo 2024 Francesco Impellizzeri presenta a Roma "Rewind", progetto espositivo che raccoglie i suoi lavori eseguiti tra la metà degli anni ottanta e il novanta. leggi»

20/02/2024 - 22/03/2024

Lazio

Roma

Arte contemporanea‎

Annamaria Russo Aruss. Attraverso...il tempo

La Direzione Musei Statali della città di Roma omaggia i sessant'anni di carriera di Annamaria Russo Aruss con un percorso espositivo in due spazi museali, fino al 17 marzo 2024. leggi»

20/02/2024 - 17/03/2024

Lazio

Roma

Fotografia Video art

Guido van der Werve. Nummer eenentwintig. Palpable Futility

Dal 17 febbraio al 22 marzo 2024 Galleria Monitor di Roma presenta "Nummer eenentwintig - Palpable Futility", personale di Guido van der Werve con fotografie e video. leggi»

17/02/2024 - 22/03/2024

Lazio

Roma