Arte modernaMostre a Roma

Pippo Rizzo. Palermo / Roma andata e ritorno

  • Quando:   30/11/2023 - 04/02/2024
  • evento concluso
Pippo Rizzo. Palermo / Roma andata e ritorno

Galleria Nazionale d'Arte Moderna e Contemporanea, a partire da giovedì 30 novembre, presenta la mostra Pippo Rizzo. Palermo / Roma andata e ritorno, a cura di Nicoletta Boschiero e Giulia Gueci.

La mostra racconta il percorso dinamico di Pippo Rizzo (Corleone 1897 – Palermo 1964), artista versatile e, per sua stessa definizione, 'irrequieto', cge trovò nel cambiamento la propria coerenza, ovvero, l'essenza della propria cifra stilistica.

Attraverso il materiale d'archivio – documenti, libri e fotografie inedite del Fondo Pippo Rizzo, recentemente donato alla Galleria Nazionale d'Arte Moderna e Contemporanea – e grazie al dialogo con le opere di altri artisti del Novecento a lui affini, l'iter espositivo fa emergere la centralità dell'asse Palermo/Roma nella definizione del linguaggio di Rizzo. La mostra mette infatti in evidenza come i costanti spostamenti da una città all'altra – dalla primissima formazione alla fine degli anni Dieci fino agli ultimi anni della sua vita in qualità direttore dell'Accademia di Belle Arti – abbiamo determinato non soltanto ispirazioni e sollecitazioni creative nell'artista, ma anche un vero e proprio network relazionale, che risulterà cruciale per l'atmosfera culturale del tempo, permettendo la diffusione in Sicilia prima del Futurismo e poi della corrente del Novecento. Pippo Rizzo è stato di fatto il fulcro, teorico e pratico, di tale network ponendosi come ponte di raccordo fra la Sicilia e il resto d'Italia, come stimolatore di connessioni e scambi culturali.

L'impianto di mostra ha l'intento di mettere in evidenza l'attività di Pippo Rizzo in primis come leader del Futurismo in Sicilia, connettendo la sua esperienza ad una dimensione nazionale più ampia, ponendo cioè l'attenzione sulle analogie delle coeve sperimentazioni degli altri protagonisti del Movimento, da Balla a Depero, da Prampolini a Bragaglia. Raccontare, altresì, i "suoi" anni Trenta tra la capitale e Palermo, ovvero il suo approdo alla corrente del Novecento, in particolare i legami con la Sarfatti e le affinità con Carlo Carrà, ma anche il suo impegno come critico, intellettuale e promotore culturale di quegli anni, dalla collaborazione con il giornale "L'Ora" al ruolo di Segretario del Sindacato fascista degli artisti siciliani.

E infine, come un cerchio che si chiude, l'esposizione propone un focus sulla sua ultima, meno conosciuta, fase stilistica: la serie dei cosiddetti Omaggi, realizzati da Rizzo dal secondo Dopoguerra in poi, e la produzione scultorea, per la prima volta esposta e frutto dei suoi ultimissimi anni di produzione.... leggi il resto dell'articolo»

Gli Omaggi, in particolare, sono dipinti in cui il citazionismo di opere di arte contemporanea si intreccia ad una dimensione intima, domestica, e si alterna alle suggestioni dell'Opera dei Pupi siciliani. In quegli anni, quella ironia sempre presente in filigrana nel lavoro di Rizzo emerge con prepotenza determinando un surreale crossover fra i grandi capolavori del XX secolo (da Picasso a Matisse, da Mondriaan a Capogrossi), le gesta dei paladini di Francia e un insolito pubblico di carabinieri in alta uniforme, giovani marinai e silenziose suorine.

Le opere, provenienti da collezioni private e prestigiose istituzioni, oltre al significativo nucleo di opere appartenente alla collezione della Galleria Nazionale stessa, arrivano principalmente da Palermo, sia dalla Fondazione Sicilia che dalla GAM-Galleria d'Arte moderna, ma anche dalla Galleria d'Arte Moderna di Roma e di Latina, dalla Venaria Reale di Torino e per quello che concerne i compagni di viaggio di Rizzo, come Depero, dal Mart di Rovereto.

In mostra sono quindi esposti i celebri Treno in corsa già presente nel 1926 alla Mostra regionale d'arte presso villa Gallidoro a Palermo e nella sala futurista della IV Biennale di Reggio Calabria, e Lampi (1926) col quale Rizzo partecipò per la prima volta alla Biennale di Venezia e alla mostra "Die Abstrakten" di Berlino. E ancora, I Mobili e il Salottino futurista "volutamente scomodo per visite brevi", per citare le stesse parole dell'artista, realizzati per la sua Casa d'arte insieme ad altri pezzi di arredo come il tappeto Fioritura di un garofano (1925) e I portatori d'uva (1927).

Molto significativi alcuni ritratti e paesaggi della sua produzione novecentesca degli anni Trenta e Quaranta, come ad esempio Purosangue del 1930, che fu esposto a Buenos Aires nel '30 nella grande mostra organizzata da Margherita Sarfatti (in cui Rizzo è l'unico siciliano insieme a Bevilacqua), e Dipartita, dello stesso anno, esposto alla I Quadriennale di Roma, organizzata da Cipriano Efisio Oppo. Diversi sono infine i lavori della serie degli Omaggi come Omaggio a Capogrossi del '57 e Omaggio a Carrà del '62.

In occasione dell'inaugurazione della mostra il fondo archivistico Rizzo, catalogato e digitalizzato nel corso degli scorsi mesi, sarà reso fruibile e pubblicato nel sito dell'OPAC (Online Public Access Catalogue).

In linea con le istanze dell'Archivio Pippo Rizzo, ovvero quelle di favorire attività di studio e ricerca del fondo al fine di assicurarne, oltre che la corretta conservazione e tutela, un'adeguata valorizzazione, nel settembre 2022 è infatti stato siglato un accordo di donazione fra gli eredi Rizzo – Riccardo Gueci e Sergio Amorello, rispettivamente presidente e vicepresidente dell'Archivio Pippo Rizzo –, con La Galleria Nazionale che, oltre ad ospitare la mostra in oggetto, pubblicherà un catalogo realizzato in collaborazione con l'Archivio stesso.

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso

Pippo Rizzo. Palermo / Roma andata e ritorno

Apertura: 30/11/2023

Conclusione: 04/02/2024

Organizzazione: Galleria Nazionale d'Arte Moderna e Contemporanea

Curatore: Nicoletta Boschiero e Giulia Gueci

Luogo: Roma, Galleria Nazionale d'Arte Moderna e Contemporanea

Indirizzo: Viale Belle Arti, 131 - 00196 Roma

Opening: 30 novembre 2023 ore 18.00

Sala Aldrovandi



Altre mostre a Roma e provincia

Arte contemporanea‎

Luana Perilli. Amata

Domenica 10 marzo 2024 alle ore 12.00, nelle sale espositive del Casale dei Cedrati, si inaugura la mostra Amata di Luana Perilli. leggi»

10/03/2024 - 15/04/2024

Lazio

Roma

Arte contemporanea‎

Cent'anni di Carla Accardi

A 10 anni dalla morte e a 100 dalla nascita, Roma dedica una grande mostra antologica a Carla Accardi, dal 6 marzo al 9 giugno. leggi»

06/03/2024 - 09/06/2024

Lazio

Roma

Arte contemporanea‎

Fluttuazioni del Visibile

Fino al 9 marzo 2024 la Galleria d'Arte Marchetti di Roma ospita "Fluttuazioni del Visibile – Artisti fra immagine e figura" 12 artisti di diverse generazioni fra gli anni '10 e gli anni '50 del Novecento. leggi»

25/01/2024 - 09/03/2024

Lazio

Roma

Ingresso libero

Fotografia

Luce, memoria, apparenze. L’Ara Pacis interpretata da sette giovani fotografi

Al Museo dell'Ara Pacis a Roma prosegue fino al 10 marzo 2024 la mostra "Luce, memoria, apparenze. L'Ara Pacis interpretata da sette giovani fotografi". leggi»

10/01/2024 - 10/03/2024

Lazio

Roma

Ingresso gratuito per la sola mostra

Arte contemporanea‎

Monica Giovinazzi. Into the Deep Blue

BLU Spazio delle Arti, via di Torpignattara 142, a Roma inaugura venerdì 15 marzo 2024, INTO THE DEEP BLUE, un progetto espositivo di Monica Giovinazzi, a cura di Barbara Pavan. leggi»

15/03/2024 - 24/03/2024

Lazio

Roma

Arte contemporanea‎

Elisabetta Diamanti. Impronte temporali

Elisabetta Diamanti protagonista con "Impronte temporali" a cura di Penelope Filacchione, dal 16 marzo al 6 aprile 2024. leggi»

16/03/2024 - 06/04/2024

Lazio

Roma

Fotografia

Mariangela Caturano. Miraggi

"Miraggi", con il sottotitolo la Strada dei Feudi, è la mostra fotografica di Mariangela Caturano che lo Studio Aperto della Fondazione Marco Besso ETS presenta dal 6 al 22 marzo a Roma. leggi»

06/03/2024 - 22/03/2024

Lazio

Roma

Arte contemporanea‎

Elvira Salonia. Vista Mare

Dal 4 Marzo al 18 marzo 2024, Galleria dei Miracoli a Roma ospita la prima mostra personale della pittrice ragusana Elvira Salonia dal titolo "Vista Mare". leggi»

04/03/2024 - 18/03/2024

Lazio

Roma

Ingresso libero

Fotografia

Antonio Romano e Simone Proietti Marcellini. In Ucraina

Fino al 5 Maggio Drugstore Museum di Roma ospita "In Ucraina. Irpin', storie di guerra e di resilienza", mostra sul reportage fotografico di Simone Proietti Marcellini e Antonio Romano. leggi»

23/02/2024 - 05/05/2024

Lazio

Roma

ingresso gratuito