Un urlo per l’ambiente: il percorso artistico di Vanda Valente

  • Quando:   26/04/2023 - 15/05/2023
  • evento concluso

Arte contemporaneaMostre a Roma


Un urlo per l’ambiente: il percorso artistico di Vanda Valente

La Sala espositiva del Consiglio “Giuseppe Impastato” del Municipio Roma I Centro ospita dal 26 aprile al 15 maggio 2023 la mostra personale “Un urlo per l’ambiente: il percorso artistico di Vanda Valente”, una retrospettiva che testimonia l’impegno attraverso oltre mezzo secolo di pittura, dedicato alla difesa e al rispetto per la Natura e per il pianeta Terra, inteso come ecosistema integrato tra Uomo, regno animale e vegetale. La formazione di Vanda Valente ha avuto luogo presso l’Accademia di Belle Arti di Napoli, dove fu allieva di celebri maestri quali il futurista Emilio Notte, che la prese sotto la sua egida fin da giovanissima e a cui sono dedicati i due premi da Lei presieduti come Responsabile, e Armando De Stefano. Alla figurazione raffinata di De Stefano però Vanda Valente ha preferito un linguaggio già definito “scabro ed espressionista” per attraversare nella sua ricerca individuale e autonoma i linguaggi espressivi delle avanguardie storiche, delle quali si è nutrita per capacità grafiche e pittoriche di costruzione del volume e dello spazio ma al contempo per rielaborare in uno stile personale stilemi sospesi in bilico tra astrazione e figurazione, cubismo e futurismo, espressionismo e realismo. Dal cubismo ha mutuato la sintesi della solidità plastica, dal futurismo la componentedinamica, dall’espressionismo la valenza d’evocazione  metaforica, dal realismo la concretezza del racconto del vissuto quotidiano. Leit-motiv della produzione artistica di Vanda Valente è appunto la difesa dell’ambiente, come attesta la serie L’Uomo e la distruzione dell’ambiente. Dalla denuncia della deforestazione delle grandi foreste tropicali nei continenti americani e africani, dove i verdi lasciano il posto ai rossi, alla critica della cementificazione, attestate dalle opere La fine delle api, Diserbanti (Le lucciole), Disinfestazione (morte delle farfalle) e Farfalla blu (estinzione dei fiori rosa), unico nutrimento per l’insetto, nelle quali è un’esplosione cromatica di verdi e di gialli. Nella visione dell’artista Uomo e Animale sono protagonisti empaticamente legati ed entrambi vittime della distruzione degli ecosistemi. La sensibilità dell’artista e come madre non poteva rimanere indifferente alle tragedie dei migranti, come testimonia l’opera Mediterraneo, nella quale è drammatica protagonista una madre trovata morta insieme al suo bambino. Il tema della maternità non vede una dicotomia tra umano e animale, come vediamo nell’opera Noi li salviamo, voi li mangiate (Madre che allatta un cerbiatto). I sentimenti tra madre e figlio sono assolutamente paritetici nelle specie animali più diverse, dai primati – così vicini alla sensibilità umana - agli elefanti, quasi a sottolineare la virtù mnemonica simboleggiata dall’indiano dio Ganesh o Ganesha. L’anima animalista di Vanda Valente non poteva ignorare la denuncia delle due opere Uccelli in estinzione, dove l’ampio spiegare delle ali di volatili si librano sopra l’intera superficie o contro la vivisezione nella tela NO (La sperimentazione sugli animali), dove i primati non possono sottrarsi ai guanti bianchi degli scienziati e NO pellicce contro il commercio delle pellicce animali, dove la donna nuda dalla protome leonina non è l’egizia dea Sekhmet ma una novella Crudelia Demon, pronta ad adornarsi con il vello animale. La partecipazione ai più recenti e drammatici eventi della vita collettiva a livello nazionale e internazionale è attestata da opere quali La Pandemia (Carri nella notte a Bergamo) dalle silhouettes gialle dei carri e bianche dei soldati che squarciano il blu della notte, La Guerra, UKRAINA, L’indifferenza (dove l’umanità indifferente alla sofferenza altrui è trasmutata in mannequins), Fermatevi! Di primo acchito Vanda Valente appare come una signora minuta ma il suo aspetto gentile nasconde una personalità forte e volitiva, sempre pronta a denunciare e a testimoniare allo stesso modo solidarietà con le donne attiviste in Iran. La rivolta dei veli neri, così come è stata equiparata per il suo indomito coraggio alla giovanissima fondatrice svedese di Friday for Future, Greta Thumberg. L’artista vagheggia un ritorno al rapporto simbiotico tra Uomo e Natura, non semplicemente pensando al mito del buon selvaggio di un Paul Gauguin in Polinesia ma rifiutando un progresso tecnologico che allontana sempre più l’individuo dal contesto sociale e naturale per proiettarlo nel metaverso, isolandolo dalla partecipazione attiva alla vita politica, al contrario della sua pluridecennale attività di docente di Disegno e Storia dell’Arte, stimolo a restare sempre aggiornata rispetto ai tempi e alla Storia, quale dal 2011 Responsabile dei due premi intitolati al suo Maestro Emilio Notte per i giovani talenti e per gli Over 40. A dispetto dal suo aspetto pacato, Vanda Valente è una combattente, sempre pronta alla denuncia e alla difesa della Natura e per questo l’Umanità deve esserle grata.

Antonio E.M. Giordano

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso

Mostra: Un urlo per l’ambiente: il percorso artistico di Vanda Valente

Roma - Municipio Roma - Centro 

Apertura: 26/04/2023

Conclusione: 15/05/2023

Organizzazione: Associazione Emilio Notte

Curatore: Antonio E.M. Giordano

Indirizzo: via della Greca 5 - Roma

Orari: da lunedì a venerdì 9-17.30; sabato e domenica chiuso

Ingresso gratuito

Info: +39 3497905270 (ore 15-20) - vandavalente@libero.it



Altre mostre a Roma e provincia

Grandi Personaggimostre Roma

Giacomo Matteotti. Vita e morte di un padre della democrazia

Nel centenario della scomparsa, il percorso umano e politico di Giacomo Matteotti viene celebrato da una grande mostra, ospitata dal 1° marzo al 16 giugno al Museo di Roma a Palazzo Braschi. leggi»

01/03/2024 - 16/06/2024

Lazio

Roma

Arte contemporaneamostre Roma

Nessun dorma. Omaggio a Giacomo Puccini

In occasione del centenario della scomparsa del Maestro Giacomo Puccini, La linea arte contemporanea ospita la mostra collettiva "Nessun dorma", dal 12 al 26 giugno a Roma. leggi»

12/06/2024 - 26/06/2024

Lazio

Roma

Arte contemporaneamostre Roma

Chiara Pirovano & Ewa Thorslund | I am the whole shapes the world takes

A partire da lunedì 10 giugno 2024 bar.lina è lieta di ospitare la doppia personale di Chiara Pirovano e Ewa Thorslund dal titolo "I am the whole shapes the world takes". leggi»

10/06/2024 - 13/06/2024

Lazio

Roma

Arte contemporaneamostre Roma

Andrea Barzini. Camerun

Dal 12 al 19 giugno 2024, il rinomato regista, scrittore e artista Andrea Barzini presenterà la sua nuova mostra dal titolo "CAMERUN" allestita presso la Galleria Mo.C.A. di Roma. leggi»

12/06/2024 - 19/06/2024

Lazio

Roma

Arte contemporaneamostre Roma

Nessun dorma | Mostra collettiva in omaggio a Giacomo Puccini

LA__LINEA artecontemporanea inaugura, in occasione del centenario della scomparsa del Maestro Giacomo Puccini (1924-2024), negli spazi dell'associazione culturale. leggi»

12/06/2024 - 26/06/2024

Lazio

Roma

Arte contemporaneamostre Roma

Tanek. Ensueños

Al bar.lina il Pride si declina in Pink, il sesto appuntamento è con "Ensueños", personale del giovane artista Tanek, dal 14 al 30 giugno 2024 a Roma. leggi»

14/06/2024 - 30/06/2024

Lazio

Roma

Arte contemporaneamostre Roma

Maria Rita Onofri. Creatività da vendere

"Creatività da vendere" è la personale della pittrice, scultrice e orafa Maria Rita Onofri presso il Complesso Monumentale della Pontificia Facoltà Teologica "San Bonaventura" Seraphicum. leggi»

22/06/2024 - 31/07/2024

Lazio

Roma

Fotografiamostre Roma

Nuove avventure sotterranee

Un progetto espositivo e una pubblicazione che raccontano di viaggi attraverso il paesaggio, le suggestioni del sottosuolo, la fotografia italiana contemporanea. leggi»

14/06/2024 - 25/09/2024

Lazio

Roma

Arte contemporaneamostre Roma

Flavia Bigi. Come As You Are

Carlo Gallerati è lieto di presentare Come As You Are, una mostra personale di Flavia Bigi a cura di Nicoletta Provenzano. leggi»

11/06/2024 - 10/09/2024

Lazio

Roma