Duck and Cover. Storia della Guerra Fredda

  • Quando:   04/03/2023 - 17/06/2023
  • evento concluso

FotografiaMostre a Milano


Duck and Cover. Storia della Guerra Fredda
I Big Three a Yalta, nella penisola di Crimea, oggi contesa tra Ucraina e Russia, per decidere le sorti del mondo. Da sinistra a destra, il Primo Ministro britannico Winston Churchill, il Presidente degli Stati Uniti Franklin Delano Roosevelt e il dittatore sovietico Joseph Stalin si sono incontrati per discutere dell’occupazione congiunta della Germania, della guerra nel Pacifico e dei piani per l'Europa del dopoguerra. 9 (?) febbraio 1945, Yalta, Federazione Russa (ex U.R.S.S.), scatto di un fotografo del governo degli Stati Uniti © courtesy U.S. National Archives and Records Administration.

In anteprima assoluta per l’Italia, apre al pubblico il 4 marzo 2023 presso il centro culturale ed espositivo “la Casa di Vetro” di Milano la mostra fotografica “Duck and Cover. Storia della Guerra Fredda”, una selezione di 65 immagini iconiche provenienti in gran parte dagli Archivi di Stato americani, inclusi quelli della CIA, che ripercorre il lungo conflitto semi-armato che ha contrapposto le democrazie liberali alle dittature comuniste capitanate dall’URSS (Unione delle Repubbliche Socialiste Sovietiche, oggi Federazione Russa) e dalla Repubblica Popolare Cinese.

Un periodo storico, in cui in parte ci ha riproiettato l’invasione dell’Ucraina da parte della Federazione Russa nel febbraio del 2022, caratterizzato da un’atmosfera opprimente di incombente disastro e contraddistinto dal terrore di un’imminente guerra nucleare su scala planetaria. Un clima interpretato dal titolo della mostra - in italiano “Accucciati e Copriti”, in primis sotto il banco se sei uno studente - tratto da quello di un famoso documentario statunitense del 1952 in cui veniva insegnato ai ragazzini delle scuole americane cosa fare in caso di attacco atomico.

Nel 2023 ricorrono il 75° del blocco di Berlino, il 75° della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani approvata all’Onu, il 70° della fine della Guerra di Corea, il 50° del ritiro degli Stati Uniti dalla Guerra del Vietnam, il 50° del golpe di Pinochet in Cile: tutti eventi che hanno segnato - dal punto di vista ideologico, politico, culturale e materiale - il lungo scontro tra due concezioni alternative e in antitesi della società e del mondo.

In programma fino al 17 giugno 2023, curata da Alessandro Luigi Perna, giornalista pubblicista specializzato in storia contemporanea ed esperto di fotografia, e prodotta da Eff&Ci - Facciamo Cose per il progetto History & Photography - la Storia raccontata dalla Fotografia, la mostra è articolata in un innovativo formato espositivo che propone fotografie di grande impatto iconografico e ampli testi di approfondimento.

Nella sua narrazione, concepita sia per un pubblico adulto che per gli studenti di scuole e università, il curatore non solo ripercorre i principali fatti dell’epoca ma cerca anche di proporre una prospettiva laica su un pezzo della Storia contemporanea ancora raccontato e deformato attraverso la propaganda e le ideologie delle parti contrapposte, protagoniste ancora oggi, nelle loro versioni aggiornate, del dibattito ideologico, politico e culturale delle democrazie liberali e delle autocrazie sparse per il pianeta.... leggi il resto dell'articolo»

Una Guerra Civile Trasversale e Globale

È un’operazione difficile quella di raccontare la Guerra Fredda, perché non fu solo un conflitto globale tra alleanze di nazioni ma fu, anche, una permanente guerra civile sia ideologica che di classe altrettanto semi-armata all’interno degli Stati coinvolti, cioè in pratica tutti quelli del pianeta. Chi era sotto la dittatura, non importa se rossa o nera o di altro colore, e voleva rovesciarla si confrontava con chi all’interno del proprio paese invece la supportava in nome dell’ideologia o delle posizioni di rendita raggiunte all’interno del regime di cui era complice o suddito.

Chi invece era cittadino delle democrazie liberali e credeva nei suoi principi si confrontava con chi le voleva proprio soppiantare – a colpi di maggioranza o attraverso insurrezioni, colpi di Stato o rivoluzioni - con una dittatura fascista o marxista o semplicemente militare. In Paesi come Francia, Italia e Germania, la guerra civile strisciante portò negli anni Settanta e Ottanta del Novecento alla nascita di numerose formazioni armate di estrema destra ed estrema sinistra, spesso sospettate di essere eterodirette da stati terzi, che diedero vita a quelli che nel nostro Paese furono definiti gli Anni di Piombo.

Un periodo terribile in cui nelle strade gli scontri violenti a colpi di spranghe e bastoni tra studenti con opposti orientamenti ideali e politici si alternavano a quelli tra ragazzi di ogni fazione contro la Polizia. E in cui erano all’ordine del giorno pestaggi, rapimenti, gambizzazioni e assassinii commessi da bande rivoluzionarie armate con mille sigle diverse anche quando contigue dal punto di vista ideologico.

Le vittime erano scelte per la loro presunta responsabilità personale in atti professionali (era il caso di giornalisti, sindacalisti o manager di aziende) o perché simboli istituzionali e politici da colpire (come era nel caso di giudici, forze dell’ordine, esponenti politici). A tutto questo, in Italia, si aggiungevano gli attentati fatti a colpi di bombe in luoghi pubblici che non erano rivendicati da nessuno e perciò non avevano una chiara matrice. Anni dopo saranno attribuiti a forze neofasciste, infiltrate nelle istituzioni nazionali e interessate a mantenere un clima di terrore in una logica definita Strategia della Tensione.

Nel racconto della Guerra Fredda, Alessandro Luigi Perna suggerisce una riflessione sugli effetti della real politik portata alle sue estreme conseguenze, affrontando anche la questione terribile, per il fronte democratico, di tutte le dittature di destra che vennero supportate, per quanto sanguinarie e feroci, per contrastare l’espansione nel mondo delle dittature di sinistra in versione leninista, trozkista, stalinista o maoista. Il curatore lo fa a partire dagli interventi americani in Sudamerica che portarono spesso al comando, in funzione anticomunista, gruppi di potere sostenuti da militari che misero in atto politiche di repressione violentissime e sanguinarie. Il loro comportamento gettò un totale discredito sulla reputazione degli Stati Uniti e dei loro alleati democratici, visti da una parte rilevante delle opinioni pubbliche internazionali come ipocriti complici di assassini feroci e senza scrupoli.

Infine approfondisce un aspetto poco considerato in genere dai commentatori: come l’instaurazione, provocata e sostenuta dall’Unione Sovietica nella logica della Guerra Fredda, di regimi di ispirazione comunista o socialista (declinati spesso in versione nazionalista e anticolonialista) nei Paesi islamici abbia migliorato la condizione femminile a livello locale e diffuso in ogni strato della società quei valori laici che hanno permesso alla popolazione di uscire da una condizione permanente di oscurantismo religioso e di eterno feudalesimo medievale.

Alessandro Luigi Perna cerca infine di affrontare i tanti paradossi di quell’epoca: come, per esempio, quello dei giovani appartenenti a classi sociali benestanti all’interno delle democrazie liberali che inneggiavano, in nome di un supposto mondo nuovo più libero e giusto, ai leader delle dittature comuniste mentre all’interno delle dittature comuniste i loro coetanei invece si ribellavano e scendevano in piazza a protestare, e spesso a farsi ammazzare, proprio in nome dei valori delle democrazie liberali.

Si sofferma inoltre su quanto sia stato assente all’interno del dibattito pubblico, in particolare nelle democrazie liberali, la riflessione su chi avesse torto o ragione all’epoca, tanto che molti di coloro che erano stati dalla parte sbagliata, a destra come a sinistra, oggi sono leader di schieramenti politici che sostengono la necessità di mantenere un sistema laico e democratico ma stentano a condannare il loro passato e a riconoscere i loro errori ideologici, etici, morali e politici.

Una questione lontana dall’essere risolta visto che la spaccatura tra Paesi che sono stati sotto il dominio sovietico e quelli che non lo sono stati è fortissima in seno all’Unione Europea. Un problema che viene sempre alla ribalta quando i primi cercano di far proibire l’esistenza di partiti comunisti marxisti pretendendo che siano paragonati a quelli di ispirazione fascista o nazista e i secondi vi si oppongono, non riconoscendo nel marxismo in sé una fonte di delegittimazione della democrazia liberale o di ispirazione a combatterla e rovesciarla con la violenza, sebbene proprio al suo interno ci siano i fondamenti che hanno portato all’instaurazione di dittature comuniste.

Il dibattito, lungi dall’essere risolto, è ancora in corso dal punto di vista politico, morale, filosofico e storico.

La fine dellaGuerra Fredda di ieri è solo un prologo ai conflitti di oggi

La Guerra Fredda si conclude con la vittoria delle Nazioni democratiche negli anni Ottanta che, grazie al rilancio della corsa agli armamenti nello spazio da parte degli Stati Uniti di Ronald Reagan, ottengono un vantaggio strategico militare che l’Unione Sovietica non riesce a colmare. Il suo impegno nel tentativo di eguagliare militarmente i suoi avversari la trascina sull’orlo del fallimento economico. Un ottimo motivo per la dirigenza comunista di Mosca per porre fine al confronto con gli Stati democratici liberali prima del crollo totale e per cercare di riformare un sistema che stava ormai collassando dall’interno anche dal punto di vista politico, sociale e culturale.

Sebbene i tentativi fatti da Gorbaciov, l’ultimo leader dell’URSS, di mantenerlo in vita dandogli una forma nuova con gli strumenti della Glasnost’ (trasparenza) e della Perestròjca (ricostruzione), la dissoluzione dell’impero del socialismo reale dell’Unione Sovietica in Europa e Asia Centrale diventa inarrestabile. Neppure l’uso della forza riesce ad arginare il desiderio di libertà non solo di quelle Nazioni con una storia statale e di indipendenza remota (vedi i paesi dell’Europa Centrale e Orientale) ma anche di quelle che per secoli erano state considerate parte integrante della Russia imperiale e zarista (vedi per esempio i Paesi Baltici e soprattutto l’Ucraina). L’ultimo e finale capitolo della storia dell’Unione Sovietica è nell’estate del 1991 con il fallito golpe di Mosca, in cui le forze comuniste reazionarie sostenute da una parte dell’esercito sono sconfitte e viene instaurata di lì a pochi mesi una repubblica democratica.

Il confronto con l’URSS si è concluso certamente con la sua caduta, ma quello con la Russia e le sue ambizioni imperiali secolari, non importa la forma di governo che la regge, ha avuto solo una temporanea battuta d’arresto. A prezzo di grandi sacrifici per la popolazione russa, l’integrazione di Mosca con l’Occidente ha infatti alla fine funzionato dal punto di vista economico ma non da quello ideale e politico. A dimostrarlo il progressivo scivolamento del paese in una dittatura mascherata da democrazia e l’invasione dell’Ucraina del febbraio 2022 in nome di un neo imperialismo di stampo zarista che ha rigettato il mondo nel terrore di una guerra totale combattuta non solo con armi convenzionali ma anche atomiche.

Con la fine della Guerra Fredda non è finito neppure il confronto con la Repubblica Popolare Cinese. L’Occidente ha infatti sperato, coinvolgendola nel commercio internazionale e nel mondo contemporaneo, in una sua evoluzione democratica, se non per convinzione almeno per osmosi. Il regime cinese ha risposto approfittando delle nuove circostanze per diventare più potente e minaccioso, rivestendo la sua mano di ferro in un guanto di raffinato velluto, ma non ha cambiato di una virgola la sua prospettiva ideologica e politica dimostrando che il capitalismo può prosperare in una società comunista ma non è affatto motore di per se stesso di democrazia.

Oggi la Repubblica Popolare Cinese è alleata della Federazione Russa e l’appoggia di fatto nella sua invasione dell’Ucraina anche se in pubblico sembra criticarla. Di sicuro a sua volta mostra il suo volto più autoritario e minaccioso sia con Hong Kong, reprimendo il desiderio di democrazia dell’ex colonia inglese rientrata nell’alveo della nazione madre, sia con Taiwan, l’isola cinese su cui si rifugiarono gli sconfitti di centro e di destra della guerra civile, oggi repubblica democratica guidata da una donna dopo aver avuto un passato ormai lontano di governi militari autoritari di stampo nazionalista. La minaccia di una sua invasione da parte di Pechino incombe da anni sebbene la protezione occidentale di cui gode. Passa soprattutto da lì il confronto contemporaneo tra la più grande dittatura del pianeta, ancora connotata di comunismo, e l’alleanza dei paesi democratici liberali.

L’offerta Education e Home Vision

A Scuole e Università (vedi https://www.history-and-photography.com/education) sono proposte anche visite guidate e foto-proiezioni commentate dal curatore (in presenza o in remoto) della mostra. Queste ultime sono offerte sia presso la sede espositiva che nelle classi e negli spazi dei vari istituti. Nella sua versione digitale History & Photography offre anche la possibilità di visionare le immagini e i testi via Internet in slideshow manuale. Una soluzione innovativa che permette ai privati (vedi: https://www.history-and-photography.com/home-vision) di vedere le mostre senza muoversi da casa, ai professori di utilizzarle per fare lezione in classe tramite le lavagne digitali e agli studenti di studiare la Storia con un media, quello fotografico, entrato nella loro quotidianità attraverso social e dispositivi mobili e perciò molto più in sintonia con il loro immaginario.

HISTORY & PHOTOGRAPHY

La Fotografia ritrae e racconta la realtà ormai da quasi due secoli. È partendo da questo presupposto che nasce History & Photography, un progetto che si pone tre obiettivi principali: realizzare e promuovere esposizioni che raccontino la Storia contemporanea con la Fotografia (e che raccontino anche la Storia della Fotografia); riscoprire e rendere fruibili al grande pubblico e ai più giovani i tantissimi archivi fotografici storici - italiani e stranieri, pubblici e privati - esaltando sia la funzione narrativa e documentale delle immagini che il loro valore estetico; supportare digitalmente l’insegnamento in Scuole e Università con foto-proiezioni di immagini storiche strutturate in percorsi di circa 50-70 immagini, offerte sia dal vivo che tramite connessione web (da utilizzare direttamente in classe in slide show dai professori durante le lezioni in completa autonomia), proponendo così a studenti e docenti lo strumento della Fotografia, e il punto di vista del fotoreportage in particolare, per approfondire la Storia delle società contemporanee. Le immagini sono spesso dotate di testi di approfondimento che affrontano i diversi argomenti storici con un taglio giornalistico e documentaristico.

Il curatore

Alessandro Luigi Perna è un giornalista pubblicista, un consulente (editoria, fotografia, eventi, comunicazione, ufficio stampa) e un curatore e organizzatore di iniziative con la fotografia sia contemporanea che storica, sia rivolte al grande pubblico che a scuole e università. È specializzato inoltre nella valorizzazione e promozione di archivi di fotografi, agenzie, case editrici, musei, aziende. Fornisce servizi di consulenza a fotografi (progettualità, comunicazione, cura e organizzazione) e gallerie espositive (direzione artistica, organizzazione, gestione spazi, comunicazione).

In curriculum ha moltissimi articoli di fotografia, numerose interviste a grandi fotografi internazionali, alcuni volumi fotografici, decine di mostre realizzate con enti pubblici e privati, la cura e co-cura di tre festival. È stato infatti co-ideatore e co-curatore delle prime tre edizioni di Memorandum – Festival della Fotografia Storica di Biella e Torino, co-curatore della sezione fotografica del festival Urbana di Biella e ideatore, curatore e co-produttore di All you need is photography! Unlimited Edition Photo Festival di Milano.

Ha curato mostre in Triennale, Fondazione Stelline di Milano, Casa dei Tre Oci di Venezia, Museo di Arte Contemporanea di Lucca, Museo delle Scienze di Torino, etc. Ha realizzato mostre o foto-proiezioni con gli archivi fotografici di Fiat, Alenia, Pirelli, Olivetti, Unione Industriali Torino, L’Europeo - RCS, Touring Club, Società Geografica Italiana, Museo del Risorgimento di Torino, Musei Civici di Pavia, Università degli Studi di Torino – Museo della Facoltà di Antropologia, Museo del Calcio di Coverciano, etc. Ha curato mostre e foto-proiezioni inoltre con numerosi archivi internazionali pubblici e privati tra cui, tra gli altri, quelli dei Musei di Londra, degli US National Archives, della Library of Congress, della US Navy, del US Marine Corp, del Ministerio de Educación, Cultura y Deporte di Madrid, etc.

Ha curato esposizioni di numerosi fotografi, viventi e non, tra cui Michel Comte, Cesare Colombo, Romano Cagnoni, Giovanni Porzio, Giancolombo, Frank Hurley, Gianfranco Moroldo, Santi Visalli, Guido Alberto Rossi, Roberto Polillo, etc. Ha promosso, supervisionato e coordinato mostre di: Werner Bischof (Magnum), Magnum (collettiva), Bruno Barbey (Magnum), Herman Leonard, Pino Ninfa, etc. Dal 2011 con il progetto History & Photography, realizzato in partnership con Eff&Ci – Facciamo Cose di Federica Candela, racconta anche la storia della fotografia e del mondo contemporaneo sia al grande pubblico che ai ragazzi delle scuole con mostre e foto-proiezioni.

Il produttore

Eff&Ci - Facciamo Cose fornisce servizi a chi opera nella cultura e nel sociale come enti pubblici e associazioni e propone agli artisti dal supporto alle loro esigenze espositive fino alla progettazione, cura, allestimento, esposizione e promozione delle loro mostre. Nel corso di questi anni ha organizzato presso “la Casa di Vetro” di Milano diverse iniziative espositive - personali e collettive di fotografia, pittura e scultura di artisti italiani e stranieri. Nell’ambito del progetto History & Photography ha prodotto numerose mostre di fotografia storica.

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso

Mostra: Duck and Cover. Storia della Guerra Fredda

Milano - la Casa di Vetro

Apertura: 04/03/2023

Conclusione: 17/06/2023

Curatore: Alessandro Luigi Perna

Indirizzo: via Luisa Sanfelice, 3 - Milano

Biglietti di Ingresso
Ingresso - € 5,00
Visite guidate su appuntamento (minimo 4 persone): € 15,00
Foto-proiezioni commentate su appuntamento (minimo 10 persone): € 15,00

Il biglietto di ingresso permette:
• di tornare a visitare la mostra tutte le volte che si vuole presentando la ricevuta
• di visionare la mostra nella versione on line per una settimana a partire dal lunedì successivo

Attenzione:
Non sono previste riduzioni per nessuna categoria di visitatori

HOME VISION
Una settimana (da lunedì a domenica): € 12,50

Info per il pubblico: Tel. 02.3943.839

Sito web per approfondire: https://www.history-and-photography.com/



Altre mostre a Milano e provincia

Arte contemporaneamostre Milano

Sidsel Meineche Hansen. Metal Works

Ordet è lieta di presentare Metal Works, la prima mostra dedicata esclusivamente alla produzione in metallo di Sidsel Meineche Hansen. leggi»

25/06/2024 - 28/09/2024

Lombardia

Milano

Arte contemporaneamostre Milano

Emilio Tadini. Tra archeologia e metafisica

Galleria Gracis è lieta di presentare la prossima mostra allestita negli spazi di Piazza Castello 16 dedicata al lavoro dell'artista milanese Emilio Tadini. leggi»

09/05/2024 - 09/07/2024

Lombardia

Milano

Arte contemporaneamostre Milano

Emanuele Scilleri. Overlays

Dal 27 giugno al 15 luglio 2024, la Fabbrica del Vapore di Milano (Spazio Alveare Culturale) ospita la personale del fotografo e artista Emanuele Scilleri, con il progetto inedito "Overlays". leggi»

27/06/2024 - 15/07/2024

Lombardia

Milano

Ingresso gratuito

Fotografiamostre Milano

Martin Parr. Short & Sweet

E' stata prorogata al 28 luglio 2024 la grande mostra fotografica "Martin Parr. Short and Sweet" al Mudec di Milano. leggi»

10/02/2024 - 28/07/2024

Lombardia

Milano

DesignFotografiamostre Milano

Ballo&Ballo. Fotografia e design a Milano, 1956-2005

Dal 14 giugno al 3 novembre 2024 il Castello Sforzesco ospita una grande mostra sullo Studio Ballo+Ballo, centro della spinta culturale che portò il design italiano sulla scena internazionale. leggi»

14/06/2024 - 03/11/2024

Lombardia

Milano

Arte contemporaneamostre Milano

Valerio Adami. Pittore di Idee

Palazzo Reale celebra i sessantacinque anni di carriera di Valerio Adami, tra i maggiori artisti italiani del Dopoguerra, con un'antologica, dal 17 luglio al 22 settembre 2024 a Milano. leggi»

17/07/2024 - 22/09/2024

Lombardia

Milano

Ingresso libero

Arte contemporaneamostre Milano

Aldo Sergio. Guardare negli occhi un coniglio

"Guardare negli occhi un coniglio" è la prima mostra personale di Aldo Sergio, presso la galleria Tommaso Calabro a Milano dal 27 giugno al 14 settembre 2024. leggi»

28/06/2024 - 14/09/2024

Lombardia

Milano

Arte contemporaneamostre Milano

Carlos Alvarez Las Heras. Echi della foresta: Serenità selvaggia

Wizard Gallery presenta la personale di Carlos Alvarez Las Heras "Echi della foresta: serenità selvaggia", a Milano dal 20 giugno al 20 luglio 2024. leggi»

20/06/2024 - 20/07/2024

Lombardia

Milano

Arte contemporaneamostre Milano

I Feel Good

Studio Gariboldi ha il piacere di presentare I Feel Good, una mostra pensata per raccontare come le icone della cultura pop siano entrate nelle opere di una ventina di grandi artisti. leggi»

09/05/2024 - 26/07/2024

Lombardia

Milano