Arte contemporanea‎Mostre a Firenze

Afran. Vestis

  • Quando:   10/01/2024 - 15/02/2024
  • evento concluso
Afran. Vestis

Il Museo De'Medici di Firenze presenta "Vestis" la mostra personale di Afran, artista contemporaneo che lavora con materiali tessili e dipinge le loro caratteristiche stilistiche ed estetiche, a cura di Matteo Chincarini, visitabile dal 10 gennaio al 15 febbraio 2024. 

In occasione di Pitti Immagine Uomo, il Museo fiorentino apre le sue porte ad un evento espositivo che coniuga la rappresentazione artistica, tanto cara alla nobile famiglia, e alla valorizzazione dei tessuti, tema inerente alla kermesse legata alla moda, e in collaborazione con la Fondazione Arte della Seta Lisio di Firenze.
Dichiara il direttore: "I Medici, meglio di chiunque altro, hanno saputo rappresentare il potere attraverso l'effimero, l'arte e la moda. Le opere di Afran si collocano nel solco della ritrattistica di corte, stravolgendone tuttavia il paradigma encomiastico che sottende a questa pratica. I grandiosi simulacri in esposizione sono infatti modellati in "democratico" tessuto denim, antitesi dei canonici marmo e bronzo. Un punto d'incontro tra moda, arte, eterno e corrotto, assolutismo e consumismo." Samuele Lastrucci, direttore del Museo de'Medici.

Testo critico
L'uomo da sempre ha cercato di rappresentare se stesso in termini plastici sia per rendere immortale una persona o per descriverne l'importanza. Se agli albori della storia le raffigurazioni erano simboliche mettendo in evidenza tratti fisici in modo schematico, con lo sviluppo della manualità siamo arrivati a quell'incredibile periodo ellenistico che andava oltre la rappresentazione naturalistica, inserendo pathos e sentimento.

Ogni statua nella successiva storia dell'arte cerca quindi di mettere in risalto il potere, la bellezza e la classe sociale della persona rappresentata, avere un busto era un grande privilegio, oltre che simbolo di prestigio che andava a tramandare l'immagine, l'identità e la storia del soggetto.

Afferma l'artista: " La mia ricerca tramite il tessile e il cucito vorrebbe mettere in evidenza il cambio di passo, da una parte celebrazioni unanime, lente ma perenni mediante il marmo e dall'altra parte auto celebrazioni su misura ma evanescenti mediante il vestito. Il vestito che in realtà è per me metafora dell'apparire, elemento particolarmente protagonista nella nostra contemporaneità. Come non fare il parallelo fra l'abilità nel tessere, nel cucire e la capacità a creare contenuti o identità virtuali? I vestiti odierni sono profili, pagine, account, status, post, stories..."
Oggi, salvo alcuni sporadici esempi, si è persa la volontà di indagare l'uomo tramite la raffigurazione statuaria e volendo indagare in termini filosofici questo fenomeno sembra che l'uomo contemporaneo non abbia più la volontà e l'ispirazione di divenire immortale e di rimanere indelebile nel tempo facendo prevalere il sentimento di inadeguatezza.... leggi il resto dell'articolo»

Il lavoro dell'artista Afran vuole indagare l'evoluzione della rappresentazione umana tramite la realizzazione di busti e opere pittoriche realizzate sia con un prodotto simbolo della contemporaneità come il Denim, sia con la rappresentazione di esso come nuovo elemento.

Quando si parla di questo materiale l'immaginario va subito su temi underground alternativi o sociali ma in realtà il jeans rappresenta a pieno il nostro tempo in quanto prodotto dell'avanguardia, sinonimo di globalizzazione e simbolo di democrazia. Per l'artista il Denim non è soltanto un tessuto con cui vestire o rivestire l'opera ma è materia plastica viva che prende forma, concreta e duttile per creare forme ed espressioni. Jeans come creta per modellare il nostro tempo che diventa concreto, fisico e corporeo. Il busto antico, riproposto dall'artista, intrinseco della sua bellezza classica, entra in relazione col veloce mondo moderno, andando a creare un equilibrio che si rispecchia proprio nei volti antichi, simbolo della nostra identità.

Note biografiche

Afran, Francis Nathan Abiamba, nasce a Bidjap, in Camerun nel 1987. Dopo aver frequentato l'Istituto di Formazione Artistica di Mbalmayo, si diploma in ceramica. Coltiva la pittura, sua grande passione, presso gli atelier dei più grandi pittori camerunesi e congolesi. Nel 2006 si apre all'arte contemporanea grazie a Salvatore Falci, professore di arti visive all'Accademia di Belle Arti di Carrara (Bg). Dopo numerosi concorsi ed esposizioni collettive, nel 2008 presenta la sua prima personale al Centro Culturale Spagnolo di Bata, in Guinea Equatoriale e questa mostra apre lo ad una serie di esposizioni personali e collettive tra Guinea Equatoriale, Camerun, America, Spagna e Italia, dove ora risiede.

Tra i premi ricevuti citiamo il Premio Arti visive San Fedele e il premio Liliana Nocera della Permanente di Milano. Ha al suo attivo molti progetti ed esposizioni, tra le ultime ricordiamo: Denim – stylish, practical, timeless. Blue fabric with a history, Spielzeug Welten Museum di Basilea; Pei's world. A brief history of a Chinese Gallery in Italy, a cura di Luca Beatrice, Arsenale di Venezia, Spazio Thetis. Nelle sue performance, le interazioni fra vari linguaggi artistici rappresentano una opportunità per raccontare le complessità a cui fa fronte la contemporaneità. Afran è tra gli artisti che hanno rappresentato il Padiglione Nazionale del Camerun alla Biennale di Venezia del 2022.

Collaborazioni

La Fondazione Arte della Seta Lisio Firenze nasce nel 1971 ad opera di Fidalma Lisio. Erede della manifattura fondata da Giuseppe Lisio nel 1906, è un'istituzione culturale e manifatturiera che ha lo scopo istituzionale di mantenere in vita e tramandare l'arte della tessitura a mano in seta, oro e argento, attraverso la produzione tessile per la vendita, le attività didattiche e culturali.
Per questa occasione espositiva la Fondazione collaborerà con l'artista Afran per la creazione di alcune opere che avranno come dettaglio proprio i preziosi tessuti fiorentini.

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso

Afran. Vestis

Apertura: 10/01/2024

Conclusione: 15/02/2024

Curatore: Matteo Chincarini

Luogo: Firenze, Museo de'Medici

Indirizzo: Rotonda del Brunelleschi - 50122 Firenze

Inaugurazione: mercoledì 10 gennaio 2024, ore 18,30, ingresso libero

Orario: 10:00 – 18:00

Ingresso: Intero 10,00€ | ridotto: 5,00€

Per info: museodemedici@gmail.com | info@chincarinieventi.it

Sito web per approfondire: https://www.museodemedici.org/



Altre mostre a Firenze e provincia

Arte contemporanea‎

André Butzer. Liebe, Glaube und Hoffnung

Il Museo Novecento è lieto di annunciare due grandi progetti espositivi dedicati all'artista tedesco André Butzer (Stoccarda, 1973). leggi»

01/03/2024 - 09/06/2024

Toscana

Firenze

Fotografia

Yutaka Yamamoto. Peonia in Garden

Sabato 2 Marzo Villa Fantastic Garden di Sesto Fiorentino inaugura la mostra del famoso artista giapponese Yutaka Yamamoto. leggi»

02/03/2024 - 02/04/2024

Toscana

Firenze

Illustrazione

Roberto Innocenti. Illustrare il tempo

Fino al 26 maggio 2024 Palazzo Medici Riccardi celebra l'opera dell'illustratore fiorentino Roberto Innocenti con una bellissima mostra dal titolo "Illustrare il tempo". leggi»

22/02/2024 - 26/05/2024

Toscana

Firenze

Pittura del '500

Pier Francesco Foschi (1502-1567). Pittore fiorentino

La Galleria dell'Accademia di Firenze presenta la mostra "Pier Francesco Foschi (1502-1567). Pittore fiorentino", dal 28 Novembre 2023 al 10 Marzo 2024. leggi»

28/11/2023 - 10/03/2024

Toscana

Firenze

Fotografia

Beauty and Desire. Mapplethorpe / Von Gloeden

"Mapplethorpe / Von Gloeden. Beauty and Desire", prorogata fino al 6 marzo 2024 presso il Museo Novecento di Firenze. leggi»

23/10/2023 - 06/03/2024

Toscana

Firenze

Arte contemporanea‎

Emily Jones. The Muddy Choir

The Muddy Choir, una mostra personale di Emily Jones, sarà inaugurata il 23 febbraio, nella sede di VEDA in Via delle Cascine 35. leggi»

23/02/2024 - 27/04/2024

Toscana

Firenze

Fotografia

Alessandra Ferrini. Unsettling Genealogies

Il Museo Novecento è lieto di presentare dal 17 febbraio al 28 aprile 2024 la mostra "Unsettling Genealogies" dell'artista Alessandra Ferrini. leggi»

17/02/2024 - 28/04/2024

Toscana

Firenze

Arte contemporanea‎

Onirica - tra sogno e realtà

Onirica - tra sogno e realtà, arriva a Firenze a Palazzo Pegaso. Nata da un'idea di Antonio Possenti e Claudio Giannini, si tratta di una mostra collettiva. leggi»

21/02/2024 - 05/03/2024

Toscana

Firenze

Arte contemporanea‎

Leonardo Moretti. Love Project

La Lorenzo de' Medici Gallery di Firenze ospita "Love Project". La mostra dell'artista toscano Leonardo Moretti invita alla riflessione sull'amore e i social media. leggi»

29/02/2024 - 31/03/2024

Toscana

Firenze