Anastasia Moro. Sacre Relazioni

  • Quando:   06/10/2023 - 01/12/2023
  • evento concluso

FotografiaMostre a VicenzaVicenza


Anastasia Moro. Sacre Relazioni
Savre Relazioni, Anastasia Moro

Si è aperta al pubblico la mostra Sacre Relazioni, personale che la Fondazione Vignato per l'Arte di Vicenza dedica all'artista veneta Anastasia Moro, in arte A.MO.

La mostra è inserita all'interno degli eventi del Festival delle Relazioni.

Voluta fortemente per la perfetta adesione del tema al momento storico che stiamo vivendo, e in particolar modo perché in stretta connessione con l'approccio nelle relazioni dei fondatori della Fondazione – i medici odontoiatri Giuseppe e Costantino Vignato – la mostra si è inserita a pieno titolo nel Festival delle Relazioni promosso e organizzato in città da Relazionésimo dal 5 all'8 ottobre 2023.

È evidente che l'imprescindibilità di coltivare relazioni di qualità in ogni sfera della vita sia una necessità sentita in modo sempre più forte, tanto da legare con un fil rouge differenti attori del territorio con l'idea che non si possa più stare a guardare, ma che sia giunto il momento di attivarsi, ciascuno con le proprie risorse e specificità.
Ecco che Sacre Relazioni giunge naturalmente in un momento storico della città in cui il concetto di Relazione è posto sotto la lente di ingrandimento per promuovere una visione in cui è necessario rimettere al centro l'Uomo e il suo benessere, nella convinzione che esso passi necessariamente per un cambio di paradigma volto a riportare armonia tra uomo – ecosistema – società.

Anastasia Moro da tempo si interroga su queste tematiche e lo fa attraverso gli strumenti che le sono propri, quelli dell'arte, in questo caso esplicitando la sua riflessione attraverso il medium fotografico.... leggi il resto dell'articolo»

Ritratti fotografici in bianco e nero scattati dall'artista diventano quindi materia prima per la creazione artigianale di un intreccio, nel più stretto senso del termine, che restituisce un ritratto più emotivo che figurativo, frutto della fusione di due fotografie che simbolicamente rappresentano un legame prezioso.
Ogni gesto dell'artista, a partire dalle attività di ritaglio e paziente intreccio manuale, punta a raccontare il lento e naturale costruirsi delle relazioni, in cui ogni striscia rappresenta un pezzo di vita, un'emozione, una sfaccettatura delle persone che nel fondersi condividono, mescolano esperienze, percorsi, e danno vita a un qualcosa di irripetibile, sacro appunto.

È indicativo che la riflessione della Moro parta dall'ascolto e dal dialogo con i soggetti fotografati che sono invitati a riflettere sulla personale visione delle relazioni e su quale sia la relazione d'elezione, quella connotata da una sacralità profonda, che affonda le radici nelle proprie origini, il proprio essere e non sia prescindibile da sé.
L'accezione Sacra, infatti, è qui intesa quale elemento quasi rituale che funge da atto di cura, protezione e preservazione della relazione stessa.

"È la riflessione riservata dall'artista all'importanza del legame tra individualità che entrano in connessione che ha catturato da subito il nostro interesse – spiega Elisa Paiusco, curatrice della mostra e della Fondazione Vignato – poiché è una questione oggi riemersa con grandissima potenza e urgenza. Poter dare il nostro contributo alla riflessione sul tema delle relazioni ci è sembrato quanto mai necessario, oltre che importante per tracciare la nostra identità sul territorio."
Il tratto distintivo della manualità che A.MO inserisce nelle opere, richiama il lento e antico gesto della tessitura, in cui alla trama e all'ordito in questo caso si conferisce un'identità ben precisa. Qui la progressione della tessitura assurge simbolicamente alla costruzione della relazione che in potenza conserva tutti i possibili sviluppi di un rapporto: l'intreccio più o meno lasco, il possibile sfilacciamento del legame tra vite, l'intersezione di elementi esogeni di condizionamento più o meno profondo – in questo caso rappresentate da sottili strisce specchianti che rimandano alla relazione con lo spettatore che guarderà l'opera.

Per l'occasione Anastasia Moro inserisce tre opere inedite nel percorso espositivo per riflettere sull'attività dentale che convive quotidianamente con gli spazi della Fondazione Vignato.
Crocevia di numerose relazioni, lo studio medico rappresenta da sempre uno spazio in cui il percorso di cura richiede necessariamente un'attenzione particolare al rapporto con il paziente che viene preso in carico con tutto il suo portato emotivo.
Rapporto d'elezione è sicuramente quello tra medico e paziente, in cui la fiducia consente l'alleanza terapeutica necessaria alle cure. Non meno importanti sono, tuttavia, il rapporto tra medico e assistente, in funzione di quel senso di accoglienza che si offre all'assistito e della ricerca di una qualità dell'ambiente interno all'azienda, e la relazione di fiducia e affidamento che si instaura tra front office di segreteria e pazienti.

L'intreccio di storie diventa inoltre il pretesto per raccontare aspetti del mondo dentale che si avvicina per certi versi a quello dell'arte, in cui alla necessaria componente relazionale si lega l'aspetto manuale, che riavvicina a quel fare come espressione dell'essere che è e che dunque produce, quel fare che collega mano e cervello.

Anastasia Moro come tessitrice di storie, simbolicamente unite da un titolo che fonde i nomi dei personaggi raffigurati, con il suo lavoro ci invita a soffermarci per riflettere sulla qualità del "tessuto" sul quale innestiamo quotidianamente i rapporti, e sul nostro effettivo ruolo circa l'evoluzione dell'intreccio di trama e ordito.

Lo Sponsor tecnico, Photopiù, storica azienda di Bassano del Grappa, sarà presente con il nuovissimo progetto CartamiLab che per l'occasione si presenterà con una collezione di agende e quaderni a tiratura limitata dedicate alla mostra.

Note biografiche

Anastasia Moro – in arte A.MO. – è artista e docente.
Nasce a Montagnana (PD) nel 1977 dove lavora presso il suo studio.
Si diploma al Liceo Artistico di Padova e consegue con lode il diploma di laurea presso l'Accademia di Belle Arti di Venezia. Ottiene con lode il titolo del Master di I livello in Partnership e Sciamanesimo. Letterature, psicologia e società all'Università degli Studi di Udine. Approfondisce, da tempo e con una costante ricerca, antiche tecniche artistiche, ottenendo così un'ottima conoscenza dei materiali. Ha esposto in numerose mostre, personali e collettive, in Italia, Spagna, Francia e Germania, e ha partecipato a progetti artistici internazionali. L'artista tenta di indagare, attraverso metafore e simbologie, emozioni e sentimenti collettivi e individuali per proporre all'osservatore una personale elaborazione come base di attivazione di un gioco di reciprocità.

Muovendosi, quindi, da una produzione pittorica, A.MO. giunge, nel tempo, a una forma più sintetica di espressione, che sposta l'attenzione dal particolare all'universale, adottando linguaggi diversi, evocati da frasi ermetiche mutuate spesso dalla poesia e dalla letteratura, tuttavia, sempre fortemente connessi all'attualità e all'esigenza di una spiritualità diffusa.

Di seguito alcune mostre degli ultimi anni:

Personali
2022: "Anatomia dell'Anima", a cura di Angela Stefani, in collaborazione con Metamorfosi Gallery, presso MAC Museo d'Arte Contemporanea Dino Formaggio, Teolo, PD

2021: "Soyons Fous", personale all'interno della rassegna internazionale La Rue Des Arts a cura di La Cour Des Arts, presso Le Point G, Tulle, Francia - catalogo

2018: "re-VISIONI" a cura di Angela Stefani, in collaborazione con Metamorfosi Gallery, presso ex chiesa San Rocco, Este, PD - catalogo

2016: "Arborescenza" a cura di Gaetano Salerno, in collaborazione con Segnoperenne e Circolo Culturale Scorzè, presso Villa Orsini Scorzè, Venezia

2014:
- "Anima Mundi" a cura di Barbara Codogno, patrocinata dal Comune di Padova, presso Amsterdam Cafè Padova
- "Avatar" Extramoenia Project, a cura di Adolfina De Stefani e Gaetano Salerno, presso 3D Gallery, Mestre, VE - catalogo

2013:
- "I Pensieri fanno Rumore", a cura di Gaetano Salerno e Gianfranco Zaffanella, presso Villa Manin Cantarella, Noventa Vicentina, VI, con il Patrocinio del Comune di Noventa Vicentina, Provincia di Vicenza, Regione Veneto
- "Talequale" a cura di Gaetano Salerno, presso Spazio Espositivo Pescheria Vecchia. Este, PD, con il patrocinio del Comune di Este, Assessorato alla Cultura

2012: "I Pensieri fanno Rumore" a cura di Giovanna Borrillo, presso Spazio Interiors, Vicenza

Collettive
2023:
- "Human Gardening, Seeds for the Future" mostra internazionale Kunststrasse a cura di Kunstverein, presso Q Galerie Fur Kunst e KV67 Galerie des Kunstvereins, Schorndorf, Germania
- "Un' Estate in Arte" a cura e presso Galleria Sgallari Arte, Bologna
- "Oltre le parole" a cura di Metamorfosi Gallery, presso Palazzo Pisani, Lonigo, VI, all'interno del Festival letterario Caratteri Mobili
- "The Queen, Caterina Cornaro e le altre" a cura di Valeria Bertesina, presso Palazzo Beltramini, Asolo, Treviso - catalogo
- "Interstizi" a cura di Bianca Marta Imbriani, presso Circuiti Dinamici, Milano (dal 12 al 24 marzo) - catalogo

2022:
- "Savoir Faire" Paratissima Art Fair sezione N.I.C.E., presso Cavallerizza Reale, Torino - catalogo
- "INK Oltre le parole" a cura di Metamorfosi Gallery per la VII edizione di Profumo di Carta, presso Villa Cerchiari, Isola Vicentina - catalogo

2021:
- "IV Edizione Oggetto Libro" a cura di Susanna Valbona, presso ADI Design Museum, Milano
- "Soyons Fous" mostra internazionale e workshop La Rue Des Arts a cura di La Cour Des Arts, presso Marc La Tour, Francia - catalogo

2020: "Needs" Paratissima Art Fair, presso ex Magazzini Romagnoli, Bologna - catalogo

2019:
- "Di questo mondo e di altri" Paratissima Art Fair sezione N.I.C.E., presso Ex Accademia Artiglieria, Torino - catalogo
- "Ponti/Die Brucken" mostra internazionale Kunststrasse a cura di Kunstverein, presso Galleria Q, Schorndorf, Germania – catalogo
- "Expeausition" Paratissima Art Fair, presso ex Magazzini Romagnoli, Bologna - catalogo

2018:
- "III Edizione Oggetto Libro" a cura di Susanna Valbona, presso Biblioteca Nazionale Braidense, Brera, Milano - catalogo
- "Feeling Different" Paratissima Art Fair, presso Caserma La Marmora Torino - catalogo
- "War - quello che rimane" a cura di Metamorfosi Gallery, circuito Poetry Vicenza; presso Spazio Hands, Vicenza - catalogo
- "Animali Notturni- The Dark Side of Life" Paratissima Art Fair, presso IAAD Bologna - catalogo

2017:
- "Mientras la barca aguante" a cura di Vernice Contemporanea, presso Centro Civico Las Sirenas, Sevilla Spagna - catalogo
- "Veritas", mostra internazionale Strada dell'Arte a cura di Metamorfosi Gallery, presso Villa Monza Dueville (VI), Spazio Hands e Spazio D Vicenza - catalogo
- "L'Eleganza è Frigida" a cura di Metamorfosi Gallery, circuito Poetry Vicenza, presso Spazio Hands, Vicenza - catalogo
- SETUP Contemporary Art Fair Bologna - catalogo

2016:
- "Micro Metamorfosi- Trame De Soi" a cura di Metamorfosi Gallery, presso Spazio Hands, Vicenza
- "La Ronda dell'Arte", un Km di installazioni sculture, a cura di Gaetano Salerno e Segnoperenne, presso Forte Mezzacapo, Zelarino, Venezia
- "Apostoli", a cura di Metamorfosi Gallery, presso Spazio Hands, Vicenza
- "Trame de Soi, La Rue des Arts", mostra internazionale a cura de La Cour des Arts, presso la Chiesa di St Pierre, Tulle, Francia - catalogo

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso

Mostra: Anastasia Moro. Sacre Relazioni

Vicenza - Fondazione Vignato per l'Arte

Apertura: 06/10/2023

Conclusione: 01/12/2023

Organizzazione: Fondazione Vignato per l'Arte

Curatore: Elisa Paiusco

Indirizzo: Contrà Torretti 48 - 36100 Vicenza

Orario: dal lunedì al venerdì | 8.30-19.00 | i sabati 14 e 18 ottobre, 11 e 25 novembre dalle ore 9.00 alle ore 13.00

Per info: Tel: 0444.301519 | info@fondazionevignato.it | Tel. 3394192269 | anastasia.art@libero.it

Sito web per approfondire: https://fondazionevignato.it/



Altre mostre a Vicenza e provincia

Illustrazionemostre Vicenza

Illustri festival

Illustri Festival torna a colorare Vicenza dal 28 giugno al 29 settembre 2024, trasformando ancora una volta la città nella capitale italiana dell'illustrazione. leggi»

28/06/2024 - 29/09/2024

Veneto

Vicenza

Arte contemporaneaFotografiaSculturamostre Vicenza

Dieci piccole personali

La mostra "Dieci piccole personali", allestita nella palladiana Villa Pojana, si articola tra pittura scultura e fotografia, riunite dal titolo e dal fascino dell'architettura. leggi»

29/06/2024 - 31/07/2024

Veneto

Vicenza

Arte contemporaneamostre Vicenza

HM, HE, HA | Prima parte: Pesce Khete e Michele Tocca

La Fondazione Coppola è lieta di presentare negli spazi del Torrione di Porta Castello la mostra in due parti HM, HE, HA a cura di Elena Volpato e Davide Ferri.
 leggi»

02/06/2024 - 14/09/2024

Veneto

Vicenza

Arte contemporaneamostre Vicenza

POP/BEAT – Italia 1960-1979. Liberi di Sognare

"POP/BEAT – Italia 1960-1979. Liberi di Sognare", la grande mostra in Basilica Palladiana a VIcenza celebra la libertà, i sogni e la bella rivoluzione dal 2 marzo al 28 luglio 2024. leggi»

02/03/2024 - 28/07/2024

Veneto

Vicenza

Arte modernamostre Vicenza

Opere di Mario Mirko Vucetich. La donazione Breganze

La mostra "Opere di Mario Mirko Vucetich. La donazione Breganze" ripercorre le tappe più significative della vita e della carriera professionale dell'artista. leggi»

21/12/2023 - 29/09/2024

Veneto

Vicenza

Ingresso libero

Arte contemporaneamostre Vicenza

Piero Fogliati. La città Fantastica

Atipografia presenta "La città fantastica", personale dedicata a Piero Fogliati aperta al pubblico dal 25 maggio al 14 settembre 2024 ad Arzignano. leggi»

25/05/2024 - 14/09/2024

Veneto

Vicenza

Arte anticamostre Vicenza

Argilla. Storie di incontri

Prosegue fino al 9 settembre 2024 a Vicenza la mostra "Argilla. Storie di incontri", preziosa testimonianza della cultura della Grecia d'Occidente. leggi»

12/10/2023 - 08/09/2024

Veneto

Vicenza