Arrigo Minerbi, il “vero ideale” tra liberty e classicismo

  • Quando:   08/07/2023 - 26/12/2023
  • evento concluso

SculturaMostre a Ferrara


Arrigo Minerbi, il “vero ideale” tra liberty e classicismo

Il Castello Estense di Ferrara dall'8 luglio al 26 dicembre 2023 ospita la mostra Arrigo Minerbi: il “vero ideale” tra liberty e classicismo, a cura di Chiara Vorrasi.

Scultore prediletto da Gabriele d’Annunzio, «spirito nervoso, agile, moderno» capace di farsi interprete delle tendenze liberty e del classicismo novecentesco, il ferrarese Arrigo Minerbi ha conosciuto negli anni Venti e Trenta del Novecento una grande notorietà, tanto da essere annoverato dalla critica «tra i maggiori del nostro tempo», «per altezza d’ispirazione, potenza creativa e sapienza tecnica». Nella seconda metà del Novecento il classicismo idealizzato e antimoderno della sua produzione matura ha perso però di interesse e la sua fortuna si è eclissata confinando nell’ombra la sua produzione.

La mostra, organizzata dalla Fondazione Ferrara Arte e dal Servizio Musei d’Arte del Comune di Ferrara, ripercorre per la prima volta l’intero arco della produzione di Minerbi ricollocandolo nel contesto artistico italiano di primo Novecento. L’opera dello scultore ferrarese testimonia un temperamento originale ma perfettamente radicato nel dibattito artistico cha ha accompagnato il passaggio dal modernismo con declinazioni simboliste di inizio secolo al ritorno alla tradizione maturato dopo la prima guerra mondiale, fino al classicismo monumentale dominante negli anni Trenta. Questa parabola viene evocata attraverso una ricca selezione di sculture a cui sono accostate opere pittoriche e plastiche di maestri italiani tra simbolismo, realismo magico e classicismo (tra i quali Gaetano Previati, Leonardo Bistolfi, Adolfo Wildt, Galileo Chini, Ercole Drei, Felice Casorati, Ubaldo Oppi, Mario Sironi, Antonio Maraini, Achille Funi). Le ricerche condotte in preparazione della rassegna hanno infatti permesso di constatare contatti diretti o tangenze con alcuni dei maggiori protagonisti dell’arte e della cultura del suo tempo.

Grazie ai prestiti concessi da importanti musei e collezioni private, la mostra riunisce in Castello Estense circa 80 opere pittoriche e scultoree di formato anche monumentale. La presenza di lavori in gesso, marmo, pietra, bronzo e terracotta, e il confronto tra bozzetti, modelli, opere finite e calchi consente al visitatore di accostarsi al modus operandi dell’autore e al trattamento virtuosistico dei materiali capace di farsi interprete della sintesi lineare delle secessioni, o di emulare il nitore formale dei maestri del Rinascimento con un originale naturalismo purista.

Dal 30 agosto la mostra si arricchisce di una nuova opera: La Primavera di Galileo Chini. La prima retrospettiva dedicata allo scultore ferrarese, il prediletto da Gabriele d'Annunzio, è l'occasione per un inedito approfondimento sul suo apporto alla poetica secessionista e al classicismo. La mostra ricostruisce i suoi contatti con altri importanti autori del tempo, tra i quali ha un ruolo di spicco Galileo Chini. Il celebre e poliedrico interprete contribuì a diffondere anche in Italia il culto della raffinata pittura neobizantina di Gustav Klimt.... leggi il resto dell'articolo»

Tra gli obiettivi del progetto vi è la valorizzazione del patrimonio delle Gallerie d’Arte Moderna e Contemporanea di Ferrara: la mostra consente al pubblico di ammirare una selezione del vasto fondo di opere di Minerbi custodito nelle raccolte civiche museali – in parte inedito – costituitosi con la donazione dell’artista nel 1953 e altri lasciti, che è stato al centro di un’estesa campagna di studio e restauro grazie al patrocinio della Regione Emilia-Romagna.
La mostra è infine un’occasione per riscoprire gli interventi minerbiani disseminati per la città di Ferrara, tra le quali si ricordano opere pubbliche come la Vittoria del Piave nella Torre della Vittoria (1924) e il gruppo allegorico Il Po e i suoi affluenti della fontana dell’Acquedotto (1932), o le affascinanti testimonianze della produzione legata alla committenza privata, da villa Melchiorri in viale Cavour (1904), al monumento funebre di Pico Cavalieri presso
il Cimitero Ebraico (1923) che è stato appena restaurato a cura del Comune di Ferrara in collaborazione con il Ministero della Cultura-Direzione Generale Archeologia Belle Arti e Paesaggio e la Comunità Ebraica.

Con il patrocinio di

Regione Emilia-Romagna

MEIS – Museo nazionale dell’Ebraismo Italiano e della Shoah

Da un’idea di Vittorio Sgarbi

Note biografiche

Arrigo Minerbi (Ferrara, 1881 – Padova, 1960) si formò nella scuola d’arte della sua città e, nel 1902, si iscrisse all’Accademia di Belle Arti di Firenze, coltivando lo studio della ceramica e della decorazione, quindi si stabilì a Genova dove rimase fino allo scoppio della prima guerra mondiale. L’iniziale orientamento simbolista è frutto di un’intelligente riflessione sulle poetiche del secessionismo e del modernismo, sull’esempio di Leonardo Bistolfi e di Galileo Chini. Con loro condivide un interesse per le arti decorative, declinate secondo gli stilemi floreali e l’elegante linearismo del gusto liberty, che costituiscono il suo primo ambito di produzione.
Con il trasferimento a Milano, dopo la prima guerra mondiale, Minerbi si accosta alla cifra di Adolfo Wildt soprattutto nell’elaborazione di un’iconografia dell’eroismo patriottico. Nei suoi esiti più originali, la ritrattistica e la produzione a tema sacro e allegorico risentono del clima del realismo magico per la ricerca di essenzialità, la fascinazione per i modelli rinascimentali e la capacità di infondere un’aura sovratemporale al dato reale, in sintonia con le ricerche di Casorati e Funi. Artista prediletto di Gabriele d’Annunzio, Minerbi approdò nella maturità a un linguaggio purista del tutto peculiare nel nitore delle superfici levigate e nel controllo della composizione. Il suo profondo legame con la tradizione italiana e insieme la ricerca di un equilibrio tra naturalismo e idealizzazione iscrivono il suo lavoro nell’alveo del classicismo di matrice novecentista. Gli anni Trenta e Quaranta lo vedono impegnato in commissioni pubbliche e private di prestigio, prevalentemente religiose ma anche laiche, come la Maternità degli Istituti clinici Mangiagalli di Milano (1930) o la porta bronzea del duomo di Milano (1936-48). Il classicismo naturalista della sua produzione matura offre un contributo al rinnovamento dell’iconografia del sacro e alla riflessione sull’arte pubblica che si sviluppa negli anni Trenta.

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso

Mostra: Arrigo Minerbi, il “vero ideale” tra liberty e classicismo

Ferrara - Castello Estense

Apertura: 08/07/2023

Conclusione: 26/12/2023

Organizzazione: Fondazione Ferrara Arte e Servizio Musei d’Arte del Comune di Ferrara

Curatore: Chiara Vorrasi

Indirizzo: Largo Castello, 1 - 44121 Ferrara

Orari di apertura
Dalle 10.00 alle 18.00, chiuso il martedì (la biglietteria chiude 45 minuti prima)

Informazioni e biglietteria
0532 419180
castelloestense@comune.fe.it

Sito web per approfondire: https://www.comune.fe.it/prenotazionemusei



Altre mostre a Ferrara e provincia

Arte contemporaneamostre Ferrara

Barbara Capponi/Babas. Mille innamoramenti

MLB Maria Livia Brunelli Gallery presenta Barbara Capponi/Babas nella mostra "Mille innamoramenti", ispirata all'esposizione di Palazzo dei Diamanti su Escher. leggi»

23/03/2024 - 01/06/2024

Emilia Romagna

Ferrara

Illustrazionemostre Ferrara

Ferrara teatro della città nelle illustrazioni di Claudio Gualandi

Il Teatro Comunale Claudio Abbado di Ferrara celebra i sessant'anni dal restauro con una mostra che racconta la sua storia: "Ferrara teatro della città nelle illustrazioni di Claudio Gualandi". leggi»

18/04/2024 - 15/09/2024

Emilia Romagna

Ferrara

Mostra documentalemostre Ferrara

Ebrei nel Novecento italiano

Ebrei nel Novecento italiano, dal 29 marzo 2024, racconta cento anni di storia italiana, le sfide di un'epoca, le lacerazioni, la rinascita e l'evoluzione del concetto di cittadinanza. leggi»

29/03/2024 - 06/10/2024

Emilia Romagna

Ferrara

Arte modernamostre Ferrara

Escher a Palazzo dei Diamanti

Dal 23 marzo al 21 luglio 2024 Palazzo dei Diamanti di Ferrara ospita una grande mostra dedicata ad Escher, artista geniale e visionario. leggi»

23/03/2024 - 21/07/2024

Emilia Romagna

Ferrara

Pittura del '500mostre Ferrara

Il Cinquecento a Ferrara. Mazzolino, Ortolano, Garofalo, Dosso

Dal 12 ottobre 2024 al 16 febbraio 2025 Palazzo dei Diamanti a Ferrara ospita la mostra "Il Cinquecento a Ferrara. Mazzolino, Ortolano, Garofalo, Dosso" leggi»

12/10/2024 - 16/02/2025

Emilia Romagna

Ferrara