Arte contemporanea‎Mostre a Bologna

Evocations. A Nomadic Exhibition Project

  • Quando:   27/01/2024 - 27/03/2024
Evocations. A Nomadic Exhibition Project

Otto Gallery è lieta di presentare "Evocations. A Nomadic Exhibition Project", un progetto di mostra itinerante in Europa, a cura di Lóránd Hegyi. Dopo le tappe di Budapest, Napoli, Parigi e Salisburgo e prima di quelle previste a Praga, Innsbruck e Sarajevo, all'inizio del 2024 il progetto approda a Bologna alla Otto Gallery, in occasione di Artefiera.

L'inaugurazione è prevista per il 27 gennaio 2024 dalle 18.00 alle 21.00 e l'esposizione, in collaborazione con Aragno Humanities Forum, Cuneo è visitabile fino al 27 marzo 2024.

Gli artisti

Nir Alon, Ruth Barabash, Anya Belyat-Giunta, Luca Caccioni, Melanie Daniel, Gianni Dessì, Elzevir, Andrea Fogli, Aron Gàbor, Ugo Giletta, Marine Joatton, Denica Lehocka, Felice Levini, Lello Lopez, Christoph Mayer, Amir Nave, Marina Paris, Maria Pogorzhelskaya, Maurizio Savini, Fabrice Souvereyns, Marco Tirelli, Soyoung Um, Tinus Vermeersch, Fabien Verschaere, Wang YuPing, Michael Ziegler

"In parte risultato di appassionate discussioni tra artisti, galleristi, curatori, collezionisti, critici e appassionati d'arte, in parte frutto di considerazioni a lungo meditate riguardanti i giorni nostri, dopo la pandemia e i fatti di guerra più recenti e le crisi politiche, osservando gli accadimenti in tutto il mondo e condividendo sensazioni, dubbi, speranze e paure causati dagli eventi, questa idea di mostra itinerante è nata con l'obiettivo di creare un format di presentazione e promozione dell'arte contemporanea facilmente realizzabile. Una forma flessibile di organizzazione espositiva che contribuisca alla collaborazione diretta su basi occasionali tra gallerie e musei e alla creazione di relazioni dirette tra artisti e istituzioni, in modo da rendere più semplici la presentazione e la promozione del lavoro degli artisti invitati in contesti internazionali", spiega Lóránd Hegyi.... leggi il resto dell'articolo»

Evocations è un progetto incentrato sul disegno contemporaneo: nelle gallerie e nei musei delle diverse città coinvolte presenta al pubblico le opere su carta di più di 30 artisti invitati a partecipare, disegni appositamente selezionati che rivelano una profonda sensibilità nei confronti della sfera emozionale e una poetica che si potrebbe definire "dell'intimità, della fragilità". Ogni mostra raccoglie una diversa selezione degli artisti che partecipano al progetto e dà vita a una costellazione di opere diverse che offre versioni in continua mutazione dello stesso messaggio estetico di base.

Al centro di ogni mostra è comunque sempre la condizione umana e la sua interiorità, con le proprie fragilità, esperienze psichiche, sensibilità emozionali e la capacità di creare narrative personali profondamente sofisticate che non hanno la pretesa di riflettere sistemi monumentali e universali di pensiero ma si focalizzano su risorse nascoste di valori. Le opere selezionate "lasciano trasparire la ricchezza di micro-narrazioni che tematizzano un rapporto empatico e sensibile con le realtà umane, senza mai suggerire alcuna tendenza ideologica, alcun rigido sistema di pensiero, al contrario mostrano apertura e sensibilità". (Lóránd Hegyi)

Alla Otto Gallery "Evocations" si snoda in un percorso espositivo in quattro sale, nelle quali vengono presentati quattro diversi aspetti tematici legati a determinate realtà antropologiche e alla profondità delle esperienze e dell'interiorità umane.
Attraverso un impressionante e stimolante pluralismo di metodi, stili e sistemi linguistici 26 artisti di nazionalità diverse esprimono un immaginario altamente soggettivo, estremamente delicato, enigmatico e sensuale. "La capacità allusiva ed evocativa delle immagini, così come la ricchezza psichica e la complessità delle realtà visive create dagli artisti aprono a modi diversi e inaspettati di rivolgere il proprio sguardo alla vita e al tempo, alla natura e alla cultura, alla storia e al destino, ai miti, ai rituali e ai simboli e offrono la possibilità di creare una nuova consapevolezza della realtà umana legata ai giorni nostri". (Lóránd Hegyi)

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso

Evocations. A Nomadic Exhibition Project

Apertura: 27/01/2024

Conclusione: 27/03/2024

Organizzazione: Otto Gallery

Curatore: Lóránd Hegyi

Luogo: Bologna, Otto Gallery

Indirizzo: via d'Azeglio, 55 - 40123 Bologna

Opening: 27 gennaio 2024 dalle 18.00 alle 21.00

Orario: durante artefiera giovedì 1 febbraio, 10.30 - 13.00 e 16.00 - 20.00 | venerdì 2 febbraio, 10.30 - 20.00 | sabato 3 febbraio, 10.30 - 24.00 > ART CITY White Night | domenica 4 febbraio, 10.30 - 20.00

Per info: +39 051. 6449845 | +39 335. 7143209 | info@otto-gallery.it

Sito web per approfondire: https://www.otto-gallery.it/



Altre mostre a Bologna e provincia

Pittura del '600

Guercino nello studio

La Pinacoteca Nazionale di Bologna ospita fino al 25 febbraio 2024 la mostra "Guercino nello studio", curata da Barbara Ghelfi, Raffaella Morselli e dallo staff del museo. leggi»

28/02/2024 - 25/02/2024

Emilia Romagna

Bologna

Altre arti

Stregherie. Iconografia, fatti e scandali sulle sovversive della storia

La mostra "Stregherie. Iconografia, fatti e scandali sulle sovversive della storia" arriva a Bologna, dal 17 febbraio al 16 giugno 2024, nelle splendide sale del quattrocentesco Palazzo Pallavicini. leggi»

17/02/2024 - 17/06/2024

Emilia Romagna

Bologna

Arte moderna Arte contemporanea‎ Fotografia

I preferiti di Marino. Capitolo I

"I Preferiti di Marino. Capitolo I" è la nuova mostra di Fondazione Golinelli, visitabile al Centro Arti e Scienze Golinelli di Bologna, dal 2 febbraio al 2 giugno 2024. leggi»

02/02/2024 - 02/06/2024

Emilia Romagna

Bologna

Ingresso libero

Arte moderna

Mario De Maria. Ombra Cara

Dal 21 marzo al 30 giugno 2024, a cent'anni dalla morte il Museo Ottocento Bologna celebra la figura del pittore simbolista Mario De Maria, noto anche come "Marius Pictor". leggi»

21/03/2024 - 30/06/2024

Emilia Romagna

Bologna

Arte contemporanea‎

Mimmo Paladino. Nel Palazzo del Papa

Nel 50esimo anniversario di Arte Fiera l'artista di fama internazionale Mimmo Paladino torna a Bologna con "Mimmo Paladino. Nel Palazzo del Papa", dal 1 febbraio al 7 aprile 2024. leggi»

01/02/2024 - 07/04/2024

Emilia Romagna

Bologna

Arte contemporanea‎

ARTER/ARTER: Ah beh, si beh...

"Arter/Arter", sei artisti contemporanei a Bologna: Intelligenza artificiale e Generation Art fra le proposte presso la Millenium Gallery di Bologna nell'ambito di Art City-Artefiera. leggi»

25/01/2024 - 24/02/2024

Emilia Romagna

Bologna

Arte contemporanea‎

Sergio Lombardo 1960–1970

Villa delle Rose a Bologna accoglie la retrospettiva "Sergio Lombardo 1960-1970" che si concentra su un decennio decisivo nell'attività dell'artista, protagonista dell'avanguardia Pop. leggi»

28/01/2024 - 24/03/2024

Emilia Romagna

Bologna

Ingresso gratuito

Arte contemporanea‎

Greta Schödl. Il tempo non esiste

Greta Schödl, grande artista e performer austriaca, è la protagonista dell'evento espositivo Il tempo non esiste, promosso dalla Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna. leggi»

26/01/2024 - 17/03/2024

Emilia Romagna

Bologna

Ingresso libero

Fotografia

Mary Ellen Bartley: Morandi's Books

Il Museo Morandi del Settore Musei Civici Bologna è lieto di presentare la mostra Mary Ellen Bartley: MORANDI'S BOOKS, a cura di Alessia Masi, prima personale in Italia della fotografa statunitense. leggi»

31/01/2024 - 07/07/2024

Emilia Romagna

Bologna