Arte contemporanea‎Mostre a Bologna

Flesh to Flesh

  • Quando:   31/01/2024 - 03/02/2024
  • evento concluso
Flesh to Flesh

Palazzo Hercolani Bonora a Bologna ospita "Flesh to Flesh", mostra collettiva a cura di Domenico de Chirico dal 31 gennaio al 3 Febbraio 2024, in occasione di ART CITY Bologna.

Il progetto espositivo è realizzato in collaborazione con Silaw - Studio Legale, Bologna – Roma e Zefyro S.r.l.

Gli artisti

Alma Heikkila | Andrea Loi | Beatrice Alici | Carlo Cossignani | Christa Joo Hyun D' Angelo | Diana Orving | Fabio Perino | Ipnose Studio | J&PEG | Mariano Franzetti

Testo di Domenico de Chirico
Siamo fatti di carne in un mondo di carne, corpi in un mondo di corpi, laddove il corpo stesso si fa portavoce da un lato di uguaglianza e unicita e dall'altro di un'ambiguita irriducibile e vulnerabile, di un'intrinseca dicotomia che, al contempo, lo rende sia attore sia spettatore. Trattandosi di una filosofia dell'identita che salva le distanze, le contiguita e le differenze, concepire un mondo fatto di carne vuol dire intendere finanche la pietra di siffatta sostanza, poiché è solo così che l'insieme delle cose appare essere multiforme e complice. Ogni cosa genera, in questo modo, una tensione non riconducibile esclusivamente al mondo organico, essa invade ogni atomo del presente in una danza che odora di sangue. D'altronde, il fare dell'artista non può che dirigersi verso una tale visione onnicomprensiva: e allora, dove finisce il proprio corpo e dove inizia quello dell'altro? Da dove proviene questa forma densa che danza e stilla sudore?... leggi il resto dell'articolo»

La questione dell'alterita si infittisce così tanto da espandersi finanche verso quella della percezione e del rapporto tra l'essere umano e le cose. Il toccare è toccarsi, afferma il filosofo francese Maurice Merleau-Ponty in una nota alla sua ultima e incompiuta opera filosofica "Il visibile e l'invisibile", ed è così che egli intende raffigurare la struttura auto-affettiva del puro sentirsi, sottolineando l'esigenza umana di dover ricorrere continuamente all'esperienza del reciproco toccarsi come metafora dell'intersezione tra il sensibile e il corporeo, spingendosi spedito verso quell'ontologia della carne intesa come dimensione pura, imparziale e originaria. Qui il toccare, inteso metaforicamente come sentire in generale, si sposta verso il concetto di contatto materico. Ciò che ne consegue è un tripudio stupefacente di immagini, talvolta intime talaltra ecumeniche, come frutto della risposta corporea a tutti gli stimoli imponderabili che sovente la vita ci regala o a cui inaspettatamente ci sottopone. Un approccio estremamente sensitivo che eleva l'impeto creativo a materia in cui affondare. Vicendevolmente, l'opera si fa organica e l'organico si fa opera, alla ricerca della linfa che striscia silente e arguta nella densita delle cose dure eppur lievi, indagando quell'invulnerabilita che sfiora la superficie di un oggetto o, in questo caso di un'opera d'arte, laddove l'opera stessa, dal proprio canto, scopre le vene e se ne appropria, si contorce e si distende, procedendo furente verso un'esposizione vera e propria, nuda e cruda, che mormora un'inafferrabile evanescenza della carne.

Ed è così che prende forma la mostra collettiva "Flesh to Flesh": interrogandosi su cos'è la vita e su cosa significhi essere umani, Alma Heikkilä con le sue opere tenta di rappresentare tutto ciò che non può essere sperimentato attraverso il corpo umano e i suoi sensi, includendo forme di vita microbica, troppo piccole per essere incontrate consapevolmente nella vita di tutti i giorni; la vulnerabilita iconografica, efficientemente catturata e indagata, nelle opere di Andrea Loi, in bilico costante tra signorile compostezza e dolore lacerante eppur elegantemente indossato; la ricerca artistica di Beatrice Alici è legata al tema dell'Eden, inteso come luogo arcaico e senza tempo, costituito da scene notturne in cui figure e paesaggi naturali si fondono l'uno nell'altro, nel tentativo di rappresentare un ritorno ad uno spazio psicologico primordiale; Carlo Cossignani affidandosi al principio di complementarita, costruisce le sue immagini intorno ad un sottile dialogo con il vuoto, inteso come sostanza in divenire, poiché è proprio lì che le forme si definiscono nella loro dualita tra presenza e assenza, organico e inorganico, luce e ombra, pieno e vuoto, sonno e veglia; il nucleo del lavoro di Christa Joo Hyun D'Angelo affronta la paura, la vulnerabilita e ciò che è quindi invisibile. Attingendo a narrazioni personali, esperienze e ricordi, esplora comportamenti osceni e condizioni precarie nel tentativo di ridefinire ciò che è consueto, abbracciando la differenza come fonte di ispirazione e di empowerment per scoprire nuovi mezzi di accettazione e, in definitiva, di guarigione; Diana Orving approfondisce temi come l'origine, la protezione, la memoria e la dissoluzione del sé. Lo stile artistico di Orving è fortemente caratterizzato dalla sua intrinseca fluidita associativa, costantemente in bilico tra il tangibile e l'impalpabile, il corpo e lo spazio, la forma e il movimento, l'emozione e il pensiero. Guidata dalle sue mani, genera sapientemente una coreografia di vene pulsanti grazie alle quali ritrae relazioni, conflitti, paure e desideri. Il suo lavoro cattura delicatamente un profondo senso di interconnessione, sottolineando che non si è un'entita isolata ma piuttosto una piccola parte di un sistema più ampio e complesso; Fabio Perino tra ragione e immaginazione, essenzialmente spogliando tutti gli elementi che compongono il suo lavoro delle loro caratteristiche fisiche, rivolge la sua attenzione all'incoerenza e allo squilibrio della natura umana, che, nella sua ambizione di voler superare l'atto primitivo della creazione è destinato a opporsi a ciò di cui è parte, evidenziando il rapporto tra la tendenza umana al trascendente o all'universale e la realta oggettiva e concreta del dover esistere in questo mondo brutale.

Ipnose Studio è una realta di ricerca artistica in costante connessione tra cinema e arte."Flesh To Flesh" è il titolo del film la cui struttura, ossessiva e immaginifica reiterata, porta lo spettatore in uno stato di vivida percezione di empatia; l'approccio estetico fortemente identitario del duo artistico J&PEG, formato da Antonio Managò e Simone Zecubi, nasce da un riconoscimento del mondo reale attraverso gli occhi della rete, quell'emisfero, quest'ultimo, in cui l'oggetto, fonte di ardente bramosia, diventa protagonista indiscusso e in cui, per dirla con l'intellettuale francese Guy Debord, a proposito del suo saggio intitolato La societa dello spettacolo: «la prima fase del dominio dell'economia sulla vita sociale aveva determinato nella definizione di ogni realizzazione umana un'evidente degradazione dell'essere in avere. La fase presente dell'occupazione totale della vita sociale da parte dei risultati accumulati dell'economia conduce a uno slittamento generalizzato dell'avere nell'apparire, da cui ogni "avere" effettivo deve trarre il suo prestigio immediato e la sua funzione ultima»; appellandosi sia alla dottrina cosiddetta del dualismo sia alla morfologia degli orpelli rinascimentali, la pratica artistica di Mariano Franzetti interpreta l'arte figurativa in maniera irriverente, con soggetti contemporanei appartenenti al mondo reale, allestiti in tableau vivant colmi di simbolismi e allusioni. Un flusso libero che assume le sembianze di figure dalle espressioni e movenze distorte, mai a loro agio né perfettamente collocate nello spazio, soggetti dalle fattezze irregolari, esasperate, a meta tra orrorifico e caricaturale ma, proprio per questo, esemplificative di una bellezza non convenzionale, lontana dai canoni, che ben riflette le polimorfe sfaccettature della realta odierna. "Flesh to Flesh" è quell'infinita vertigine dell'essere carne e del suo divenire nel mondo.

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso

Flesh to Flesh

Apertura: 31/01/2024

Conclusione: 03/02/2024

Organizzazione: Silaw Studio Legale, Zefyro S.r.l.

Curatore: Domenico de Chirico

Luogo: Bologna, Palazzo Hercolani Bonora

Indirizzo: Via Santo Stefano 30 - 40125 Bologna

Vernissage: 2 febbraio 2024  h: 18:00 - 21:00

Aperta al pubblico: 3 febbraio 2024 h: 17:00 - 24:00



Altre mostre a Bologna e provincia

Altre arti

Stregherie. Iconografia, fatti e scandali sulle sovversive della storia

La mostra "Stregherie. Iconografia, fatti e scandali sulle sovversive della storia" arriva a Bologna, dal 17 febbraio al 16 giugno 2024, nelle splendide sale del quattrocentesco Palazzo Pallavicini. leggi»

17/02/2024 - 17/06/2024

Emilia Romagna

Bologna

Arte moderna Arte contemporanea‎ Fotografia

I preferiti di Marino. Capitolo I

"I Preferiti di Marino. Capitolo I" è la nuova mostra di Fondazione Golinelli, visitabile al Centro Arti e Scienze Golinelli di Bologna, dal 2 febbraio al 2 giugno 2024. leggi»

02/02/2024 - 02/06/2024

Emilia Romagna

Bologna

Ingresso libero

Arte moderna

Mario De Maria. Ombra Cara

Dal 21 marzo al 30 giugno 2024, a cent'anni dalla morte il Museo Ottocento Bologna celebra la figura del pittore simbolista Mario De Maria, noto anche come "Marius Pictor". leggi»

21/03/2024 - 30/06/2024

Emilia Romagna

Bologna

Arte contemporanea‎

Mimmo Paladino. Nel Palazzo del Papa

Nel 50esimo anniversario di Arte Fiera l'artista di fama internazionale Mimmo Paladino torna a Bologna con "Mimmo Paladino. Nel Palazzo del Papa", dal 1 febbraio al 7 aprile 2024. leggi»

01/02/2024 - 07/04/2024

Emilia Romagna

Bologna

Arte contemporanea‎

Sergio Lombardo 1960–1970

Villa delle Rose a Bologna accoglie la retrospettiva "Sergio Lombardo 1960-1970" che si concentra su un decennio decisivo nell'attività dell'artista, protagonista dell'avanguardia Pop. leggi»

28/01/2024 - 24/03/2024

Emilia Romagna

Bologna

Ingresso gratuito

Arte contemporanea‎

Greta Schödl. Il tempo non esiste

Greta Schödl, grande artista e performer austriaca, è la protagonista dell'evento espositivo Il tempo non esiste, promosso dalla Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna. leggi»

26/01/2024 - 17/03/2024

Emilia Romagna

Bologna

Ingresso libero

Fotografia

Mary Ellen Bartley: Morandi's Books

Il Museo Morandi del Settore Musei Civici Bologna è lieto di presentare la mostra Mary Ellen Bartley: MORANDI'S BOOKS, a cura di Alessia Masi, prima personale in Italia della fotografa statunitense. leggi»

31/01/2024 - 07/07/2024

Emilia Romagna

Bologna

Arte contemporanea‎

Gianni Emilio Simonetti. Windows on Analogy, Finestre sull'Analogia

AF Gallery di Bologna presenta Gianni Emilio Simonetti cone "Windows in Analogy, Finestre sull'Analogia" dal 25 gennaio al 23 marzo 2024. leggi»

25/01/2024 - 23/03/2024

Emilia Romagna

Bologna

Ingresso libero in orario di apertura

Arte contemporanea‎

Sostanziale-Super-Sostanziale. Mattia Barbieri / Monica Mazzone

Dal 1 febbraio al 9 marzo 2024 Studio la Linea Verticale a Bologna presenta la mostra bi-personale "Sostanziale-Super-Sostanziale", di Mattia Barbieri e Monica Mazzone. leggi»

02/02/2024 - 09/03/2024

Emilia Romagna

Bologna