FotografiaMostre a Bologna

Francesca Lolli. Come tu mi vuoi

  • Quando:   31/01/2024 - 04/02/2024
  • evento concluso
Francesca Lolli. Come tu mi vuoi
in attesa del giorno, Francesca Loll

Dal 31 gennaio al 4 febbraio 2024, nell'ambito di ART CITY Bologna 2024 in occasione di Arte Fiera la fondazione Carlo Gajani presenta all'interno dei suoi spazi la mostra "Come tu mi vuoi" di Francesca Lolli e curata da Sara Papini.

Il progetto, Come tu mi vuoi, è un lavoro fotografico in essere iniziato nel 2021, composto da una serie di autoritratti dell'artista mirati a indagare gli stereotipi di genere.

Le foto, esposte all'interno degli spazi della fondazione saranno poste in dialogo con la casa e le opere dell'artista Gajani, attraverso una relazione a distanza nel tempo e nello spazio fra i due in un gioco di rimandi intergenerazionali.

"In questo luogo familiare vorrei giocare con la mia presenza – assenza esponendo la serie fotografica sugli stereotipi di genere, Come tu mi vuoi, mimetizzandola con l'ambiente circostante" spiega Francesca Lolli "All'interno della mia ricerca, per lo più fatta di video arte e video performance, la fotografia si pone come un'occasione per sperimentare alcuni dei temi a me cari come il genere e le questioni socio politiche legate ad esso. L'indagine, avviene attraverso un mezzo espressivo a me ancora poco familiare ma necessario, in questo momento, per indagare le varie maschere stereotipate dell'essere umano, principalmente la donna in questo caso, dovute a preconcetti e sovrastrutture socio culturali."

Oltre la parte fotografica, quindi, l'artista andrà ad attuare ulteriori interventi site-specific all'interno della fondazione, portando lo spettatore e la spettatrice ad interagire in prima persona con l'ambiente e le opere, in una vera e propria "caccia all'opera".... leggi il resto dell'articolo»

Capire dove Francesca Lolli avrà apportato modifiche all'interno dello spazio della fondazione potrà essere talvolta evidente ma spesso difficile se non impossibile.Un momento, quindi, artistico ma soprattutto politico. "Il personale è politico" dicevano le femministe degli anni '60 e il lavoro di Francesca Lolli chiaramente lo dimostra.

Come specifica la curatrice Sara Papini: "Da sempre, infatti, la donna è stata relegata a posizioni di inferiorità rispetto all'uomo, soprattutto nel mondo occidentale. Associata a stereotipi sessisti e di genere, ha dovuto faticosamente affermarsi come essere sociale sin dall'800. Non più oggetto, come direbbe Irigaray e neanche soggetto altro come evidenzierebbe De Beauvoir. Ad oggi, nonostante i grandi gruppi femministi che hanno animato il panorama Europeo e Italiano degli anni '60 – '70, persistono alcune problematicità come dimostrano le statistiche dell'ISTAT ogni anno. Le donne sono ancora coloro che perdono più velocemente lavoro, che non riescono quasi mai ad arrivare al vertice delle aziende, rilegate ad accettare spesso lavori part-time al fine di prendersi cura di figli e famiglia e ancora fortemente sessualizzate. Il corpo della donna, come ha sottolineato a più riprese Lorella Zanardo, è ancora un corpo oggetto, un corpo svalutato e mercificato o come direbbe Emanuela Abbatecola nel suo ultimo saggio edito per Feltrinelli, Donna Faber, sessualizzato. Nel lavoro di Francesca Lolli emerge tutto questo e anche di più".

Note biografiche

Nata a Perugia, Francesca Lolli si trasferisce a Milano dopo un breve periodo di studi in filosofia a Perugia. Si diploma alla scuola di Teatro 'Arsenale' come attrice e poco dopo si laurea in scenografia all' Accademia di Belle Arti di Brera (Milano). Durante gli anni dell'Accademia lavora come attrice nella compagnia del Teatro Arsenale e partecipa a numerosi spettacoli ('Il gioco dell'epidemia' di E. Ionesco, 'Il berretto a sonagli' di L. Pirandello, 'Pulp' di C. Bukowski, 'La chiesa' di L. F. Celine, ecc....). Per la tesi decide di girare un documentario su un famoso fotografo newyorkese: Andres Serrano. Dal quel momento decide di cambiare la sua vita e di dedicarsi completamente alla video arte, alla performance e alla regia. Dal 2015 al 2017 frequenta il CFCN (Centro di Formazione Cinematografico Nazionale - Fonderia delle Arti) diplomandosi in Regia Cinematografica. Da sempre interessata a dipingere la condizione femminile la sua ricerca si concentra sulle diversità di genere e le questioni socio-politiche. I suoi lavori sono stati proiettati in numerosi festival nazionali ed internazionali. "Tutta la mia ricerca si può racchiudere in un'unica parola: urgenza. È l'urgenza che porta alla comunicazione, ed i mezzi che ho scelto per fare ciò sono quelli a me più congeniali: il corpo e il video. Attraverso di essi cerco di essere veicolo di emozioni, cerco di sublimare la mia visione della vita e del mondo che mi circonda e molto spesso possiede. L'obiettivo principale della mia ricerca è quello di ricevere ed elaborare il 'qui e ora', di parlare del presente e di poterlo trasporre cercando di renderlo universale. Vorrei che il mio corpo (dal vivo attraverso la performance o filtrato dall'obiettivo) fosse un mezzo pulsante e ricettivo dei mali (e beni) dell'epoca nella quale mi è dato vivere. In fondo La vita è colpa dell'arte (Pierre Restany)".

Partner ufficiali della mostra Cantiere Bologna, la rassegna annuale di Videoart Yearbook, Ibrida Festival delle arti intermediali e Juliet Art Magazine.

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso

Francesca Lolli. Come tu mi vuoi

Apertura: 31/01/2024

Conclusione: 04/02/2024

Organizzazione: Fondazione Carlo Gajani

Curatore: Sara Papini

Luogo: Bologna, Fondazione Carlo Gajani

Indirizzo: Via dè Castagnoli, 14 - 40126 Bologna

Vernissage: 31 gennaio 2024, ore 18.30

Orario: dall'1 al 4 febbraio dalle ore 16.00 alle 22.00 | 3 febbraio dalle ore 15.00 alle 24.00

Per info: info@fondazionecarlogajani.it | saratraumer23@gmail.com

Sito web per approfondire: https://fondazionecarlogajani.it/



Altre mostre a Bologna e provincia

Altre arti

Stregherie. Iconografia, fatti e scandali sulle sovversive della storia

La mostra "Stregherie. Iconografia, fatti e scandali sulle sovversive della storia" arriva a Bologna, dal 17 febbraio al 16 giugno 2024, nelle splendide sale del quattrocentesco Palazzo Pallavicini. leggi»

17/02/2024 - 17/06/2024

Emilia Romagna

Bologna

Arte moderna Arte contemporanea‎ Fotografia

I preferiti di Marino. Capitolo I

"I Preferiti di Marino. Capitolo I" è la nuova mostra di Fondazione Golinelli, visitabile al Centro Arti e Scienze Golinelli di Bologna, dal 2 febbraio al 2 giugno 2024. leggi»

02/02/2024 - 02/06/2024

Emilia Romagna

Bologna

Ingresso libero

Arte moderna

Mario De Maria. Ombra Cara

Dal 21 marzo al 30 giugno 2024, a cent'anni dalla morte il Museo Ottocento Bologna celebra la figura del pittore simbolista Mario De Maria, noto anche come "Marius Pictor". leggi»

21/03/2024 - 30/06/2024

Emilia Romagna

Bologna

Arte contemporanea‎

Mimmo Paladino. Nel Palazzo del Papa

Nel 50esimo anniversario di Arte Fiera l'artista di fama internazionale Mimmo Paladino torna a Bologna con "Mimmo Paladino. Nel Palazzo del Papa", dal 1 febbraio al 7 aprile 2024. leggi»

01/02/2024 - 07/04/2024

Emilia Romagna

Bologna

Arte contemporanea‎

Sergio Lombardo 1960–1970

Villa delle Rose a Bologna accoglie la retrospettiva "Sergio Lombardo 1960-1970" che si concentra su un decennio decisivo nell'attività dell'artista, protagonista dell'avanguardia Pop. leggi»

28/01/2024 - 24/03/2024

Emilia Romagna

Bologna

Ingresso gratuito

Arte contemporanea‎

Greta Schödl. Il tempo non esiste

Greta Schödl, grande artista e performer austriaca, è la protagonista dell'evento espositivo Il tempo non esiste, promosso dalla Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna. leggi»

26/01/2024 - 17/03/2024

Emilia Romagna

Bologna

Ingresso libero

Fotografia

Mary Ellen Bartley: Morandi's Books

Il Museo Morandi del Settore Musei Civici Bologna è lieto di presentare la mostra Mary Ellen Bartley: MORANDI'S BOOKS, a cura di Alessia Masi, prima personale in Italia della fotografa statunitense. leggi»

31/01/2024 - 07/07/2024

Emilia Romagna

Bologna

Arte contemporanea‎

Gianni Emilio Simonetti. Windows on Analogy, Finestre sull'Analogia

AF Gallery di Bologna presenta Gianni Emilio Simonetti cone "Windows in Analogy, Finestre sull'Analogia" dal 25 gennaio al 23 marzo 2024. leggi»

25/01/2024 - 23/03/2024

Emilia Romagna

Bologna

Ingresso libero in orario di apertura

Arte contemporanea‎

Sostanziale-Super-Sostanziale. Mattia Barbieri / Monica Mazzone

Dal 1 febbraio al 9 marzo 2024 Studio la Linea Verticale a Bologna presenta la mostra bi-personale "Sostanziale-Super-Sostanziale", di Mattia Barbieri e Monica Mazzone. leggi»

02/02/2024 - 09/03/2024

Emilia Romagna

Bologna