Arte contemporanea‎Mostre a Napoli

Philip Colbert. House of the Lobster

  • Quando:   26/01/2024 - 01/04/2024
Philip Colbert. House of the Lobster
Philip Colbert in mostra al MANN di Napoli. Foto di ©Ivan Romano / Getty Images

MANN, Museo Nazionale Archeologico di Napoli ospita il progetto site specific dell'artista britannico Philip Colbert, "House of the Lobster", in programma dal 26 gennaio 2024 fino al 1 aprile 2024.

Con questo progetto site specific, l'artista britannico noto come l'erede di Andy Warhol, torna in città dopo il successo dell'istallazione nella storica piazza Largo San Martino, il suo "Lobster Empire", l'installazione di sculture aragoste di grandi dimensioni.

Colbert è uno degli artisti più innovatori dello scenario contemporaneo, un pioniere del metaverso. Congiuntamente ai suoi dipinti storici dal carattere hyper pop, egli ha creato un seguito globale per il suo personaggio, nonché alter ego, con l'aspetto di un'aragosta che sembra un cartone animato. Colbert attraversa con disinvoltura la pittura dei maestri della storia dell'arte, il digitale, la Pop art, con un gusto satirico e provocatorio che gli è valso la consacrazione nel firmamento dell'arte internazionale come "figlioccio di Andy Warhol".

Al MANN, i visitatori saranno immersi nella serie di sculture in marmo e bronzo di Colbert, oltre che in dipinti a olio di grandi dimensioni, ispirati dalla sua prima visita al Museo. L'artista ha tratto profonda ispirazione soprattutto dai mosaici del museo, ed è rimasto colpito dall'influenza che questi gioielli dell'arte antica questo hanno avuto su artisti come Rubens.

Con HOUSE OF THE LOBSTER, Colbert rende omaggio alle radici della mitologia dell'aragosta attraverso un'affascinante serie di opere ispirate alla collezione di mosaici del museo provenienti dalla Casa del Fauno di Pompei, rinvenuti tra il 1830 e il 1832. La mostra non si limita a illustrare il significato dell'aragosta attraverso la storia dell'arte, ma contempla anche i temi più ampi della mortalità, del conflitto e della natura ciclica dell'esistenza.... leggi il resto dell'articolo»

La mostra

Al centro della mostra c'è un mosaico marino, proveniente da Pompei VIII, 2 16, con al centro una battaglia tra un'aragosta, una murena e un polpo. Per Colbert, il significato profondo di questo conflitto intrappolato ha portato l'artista a produrre le scene di battaglia sottomarina nelle 'Pompeii Series' (2023 – presente) qui esposte. Colbert esplora la lotta senza tempo simboleggiata nel mosaico dall'aragosta, dall'anguilla e dal polpo, tessendo una narrazione di conflitto perpetuo.

Man mano che la mia passione per le aragoste si sviluppava, tracciando il loro simbolismo attraverso la cultura pop e oltre, mi riportava inevitabilmente ai mosaici di Pompei, dove erano tra le prime raffigurazioni. Per me, la collocazione dell'aragosta al centro dell'immagine, intrappolata in questo triangolo della morte, come lo interpreto io, accanto al polpo e all'anguilla, è una potente metafora visiva che ho voluto sviluppare nel mio lavoro, infondendola con una narrazione che trascende il tempo e si connette con lo spettatore a livello viscerale. Il motivo della battaglia non è semplicemente una rappresentazione del conflitto ma un riflesso delle nostre lotte interne, dei conflitti sociali e della danza perpetua tra forze opposte nella vita. Afferma l'artista.

Il lavoro di Colbert si confronta con la mitologia classica e funge anche da tela per un ricco simbolismo, riflettendo il suo dialogo continuo con la storia dell'arte e l'esperienza umana più ampia. Colbert, ispirandosi alla mitologia dell'antica Grecia e di Roma, fa riferimento a molte figure come il Ponto, spesso raffigurato con corna a forma di chela di granchio che gli spuntano dalla testa, il Minotauro, una creatura mitologica con corpo umano e testa di toro, così come altri figure duali come l'ippocampo, con la parte superiore del corpo di un cavallo e la parte inferiore del corpo di un pesce.

Colbert fa risalire ulteriormente il significato simbolico dell'aragosta alle antiche anfore e alla pittura su vasi rossi dell'Attica, facendo riferimento in particolare a "La Classe delle Sette Chele di Aragosta" di Beazley. La raffigurazione delle aragoste nella fabbricazione di vasi antichi allude al culto delle aragoste e alla sua potenziale associazione con un potere superiore. In mostra sono due anfore progettate in un'estetica neo-pop. Prove di aragoste si possono trovare anche in monete antiche e affreschi nel corso dei secoli.

L'importanza di questa antica scena di battaglia, realizzata migliaia di anni fa, gioca un ruolo fondamentale nella pratica di Colbert. Nel suo lavoro intitolato "After Battle of Issus Mosaic", Colbert prende la composizione e la trapianta nel paesaggio surreale e apocalittico del suo mondo retro-futuristico delle aragoste. In tal modo, Colbert invita gli spettatori a riconsiderare l'impatto duraturo dell'arte storica nel contesto del nostro panorama culturale in rapida evoluzione.

Durante la mia prima visita al MANN rimasi stupefatto dal mosaico. Dopo aver studiato per molti anni dipinti storici con scene di battaglia, sono rimasto improvvisamente colpito dalla profonda influenza che mosaici come questo hanno avuto su artisti come Rubens. La sua scala epica ha ripristinato la mia comprensione del grande dipinto di battaglia. La sfida era rappresentata da un lavoro di grandi dimensioni, complesso nella composizione e squisito nei dettagli. L'assenza di alcuni elementi, perduti con il passare del tempo, ha permeato l'opera d'arte di un senso di mistero, lasciando spazio all'immaginazione per colmare le lacune.

 

Note biografiche

Philip Colbert è nato in Scozia nel 1979, vive e lavora a Londra e si è laureato con un master in filosofia presso l'Università di St. Andrews. La sua ricerca artistica è stata sostenuta da figure del mondo dell'arte come Charles Saatchi e Simon De Pury. Le sue opere sono state esposte nei principali musei internazionali, tra cui: Hunan Province Museum (Hunan, Cina; 2022), Times Art Museum (Chongqing; 2021), Sejong Art Center (Seoul; 2021), Modern Art Museum (Shanghai; 2020), Saatchi Gallery (Londra; 2020), Multimedia Art Museum (Mosca; 2020), Tate Modern (London, 2015), The Van Gogh Museum (Amsterdam, 2015). Recentemente il suo lavoro è orientato verso le grandi installazioni di sculture all'aperto, tra le quali si ricordano: The floating Lobster sul Canal Grande, evento collaterale alla Biennale d'Arte di Venezia (Venezia; 2022) e The Lobster Empire, Via Veneto (Roma; 2022 - 2023).

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso

Philip Colbert. House of the Lobster

Apertura: 26/01/2024

Conclusione: 01/04/2024

Organizzazione: MANN, Museo Nazionale Archeologico di Napoli

Luogo: Napoli, Museo Archeologico

Indirizzo: Piazza Museo, 18/19 - 80135 Napoli

Per info: man-na@cultura.gov.it

Sito web per approfondire: https://mann-napoli.it/



Altre mostre a Napoli e provincia

Arte contemporanea‎

Fabrizio Cotognini. Phtongos

Dal 22 febbraio al 30 marzo la Fondazione Morra Greco presenta a Napoli "Phtongos", una personale di Fabrizio Cotognini. leggi»

22/02/2024 - 30/03/2024

Campania

Napoli

Ingresso gratuito

Arte contemporanea‎

Richard Wathen. Unfolding the moon

Dal 16 febbraio al 19 aprile 2024 Solito - Galleria S3 di Napoli presenta Richard Wathen con "Unfolding the moon". leggi»

16/02/2024 - 19/04/2024

Campania

Napoli

Illustrazione

Haravec. Gli esperimenti del principe di Sansevero nelle illustrazioni di Daniela Pergreffi

Il Museo Cappella Sansevero e Off Gallery a Napoli presentano la mostra "Haravec", gli esperimenti del principe di Sansevero nelle illustrazioni di Daniela Pergreffi, dal 31 gennaio al 4 marzo 2024. leggi»

31/01/2024 - 04/03/2024

Campania

Napoli

Arte contemporanea‎

Eugenio Tibaldi. Why a Fable?

Dal 20 gennaio al 20 aprile 2024 la Galleria Umberto Di Marino ospita "Why a Fable?", mostra personale di Eugenio Tibaldi, leggi»

20/01/2024 - 20/04/2024

Campania

Napoli

Arte moderna Arte contemporanea‎

Vitalità del Tempo

Le Gallerie d'Italia - Napoli di Intesa Sanpaolo aprono al pubblico il rinnovato percorso espositivo dedicato alle opere del Novecento delle collezioni del Gruppo: "Vitalità del Tempo". leggi»

21/12/2023 - 21/06/2024

Campania

Napoli

Pittura del '800

Napoli al tempo di Napoleone. Rebell e la luce del Golfo

Intesa Sanpaolo apre al pubblico dal 23 novembre 2023 al 7 aprile 2024 alle Gallerie d'Italia a Napoli, la mostra Napoli al tempo di Napoleone. Rebell e la luce del Golfo, dedicata a Joseph Rebell. leggi»

23/11/2023 - 07/04/2024

Campania

Napoli