L'Ultimo Invitato. Giulio Bensasson & Luca Grimaldi

  • Quando:   07/05/2024
  • evento concluso

Arte contemporaneaMostre a Roma


L'Ultimo Invitato. Giulio Bensasson & Luca Grimaldi

L'Ultimo Invitato, la doppia personale che vede in dialogo le opere pittoriche di Luca Grimaldi (Roma, 1985) con le opere scultoree di Giulio Bensasson (Roma, 1990), è lo spaccato di una società senza tempo, una celebrazione in pompa magna del nulla.
Si è immersi in un'Arcadia dei vinti in cui la natura è ostentata e la fede è riposta ormai altrove, dove il contemporaneo disilluso erige altari votivi a quel che rimane e festeggia come può.

Nelle opere inedite esposte in mostra un decorativismo volutamente eccessivo e grottesco incornicia un'icona, sacralizzandola. Il quotidiano da cui arbitrariamente o inconsciamente allontaniamo lo sguardo viene posto al centro dell'opera acquisendo nuovo significato e forzando lo spettatore al confronto.

Nei dipinti ad olio di Luca Grimaldi la natura morta si ribalta: il fondo della tela si tassella di gradienti fittissimi in una razionalizzazione della macchia che contorna il soggetto principale che viene invece quasi svuotato dalla pittura. Iconico e centrale prende rilevanza il simbolo di ciò che ogni giorno incrocia il nostro occhio senza mai colpirlo davvero; la posizione monumentalmente centrale del soggetto impone di dargli importanza e al contempo le pennellate mancate riconsegnano il suo reale valore.
I dipinti in mostra prendono il riottoso carattere rivoluzionario dei post-impressionisti francesi, assumono la stessa sfacciatezza del Prosciutto di Gauguin al cospetto di critici e accademie, costringono all'interrogazione.

La ricerca di Grimaldi si articola alla maniera di Wayne Thiebaud: i suoi dipinti - soprattutto quelli in cui il fondo si fa incombentemente plumbeo - sono al contempo celebrazione e condanna del consumismo con una retorica articolata sull'American Dream all'Italiana, ben lontana dal Pop newyorkese. La sua tecnica resta - come per Thiebaud - saldamente legata alla tradizione dei grandi maestri della pittura classica.
I cinque nuovi lavori esposti si sviluppano dal progetto SuperVero, presentato dall'artista e dalla galleria 1/9unosunove lo scorso anno.

Le opere scultoree di Giulio Bensasson volumizzano le decorazioni grottesche augustee prima per svuotare quelle rinascimentali poi, caratterizzando la mancanza di quello che c'era o che ci si aspettava ci fosse. Un'opulenza posticcia che fa da sacrario alla polvere, a ciò che resta quando nulla è più. La morte si fa protagonista tra lo sfarzo degli eccessi e del consumismo della mondanità, e le sculture si fanno raffigurazione della Cena di Trimalcione (Petronio, Satyricon, I d.c.) nel momento esatto in cui tra i lauti banchetti e i riccioluti vassoi stracolmi, il padrone di casa - emblema del servo arricchito - declama la "Novella delle Streghe" obbligando i commensali a ragionare sulla morte.
Nella forma le sculture di Bensasson si presentano come motivi architettonici classici ordinati secondo le linee pulite del contemporaneo, seguendo i criteri operativi di Giovanni Da Udine e Giulio Romano nella composizione delle Logge di Villa Madama a Monte Mario.... leggi il resto dell'articolo»

Allo stesso modo, i lavori su carta consolidano la ricerca dell'artista e si presentano come ulteriore evoluzione delle precedenti opere della serie Temo che mi sfugga qualcosa (iniziata nel 2017), sudari di salme di fiori recisi; in queste nuove opere la traccia della morte e della decomposizione si armonizza in motivi a grottesca generando nuova bellezza e accogliendo l'invito di Come Funghi (2017-22; opera vincitrice del Talent Prize 2023), un augurio a trasformare il decadimento in incanto.

Giulia Tornesello

Note biografiche

Luca Grimaldi (Roma, 1985) si forma artisticamente all'estero diplomandosi nel 2009 presso la SMFA della TUFTS University a Boston e ottiene il Master in Fine Arts nel 2016 presso il Frank Mohr Instituut a Groningen (Paesi Bassi). Tornato a Roma, nel 2020 fonda - insieme ad altri artisti - Post-ex, uno spazio artistico condiviso a Centocelle. Dal 2014 ad oggi espone in numerose mostre collettive e personali all'estero (tra cui: 2014, Kronstadt Stories, State Museum of the History of Saint Petersburg, St Petersburg, Russia; 2019, IV, Unit1 Gallery, London, UK; 2021, Ineffable Worlds, Tang Contemporary, Hong Kong; 2021, Gastronomical, 37pk foundation, Haarlem, Netherlands) ed in Italia (tra cui: 2022, Cercasi Personale, Materia Nova, Galleria Comunale d ́Arte Moderna di Roma; 2021, Quello che non ricordi, diventi (bipersonale con Fabio Ranzolin)
White Noise Gallery, Roma; 2022, Pittoresco, L ́Ascensore, Palermo; 2022, Content #2 (bipersonale con Andrea Frosolini), Struttura projectspace, Palazzo Odescalchi, Roma. Nel 2013 partecipa alla residenza NCCA, Kronstadt a St Petersburg, Russia; nel 2019 a Radical Residency IV, Unit1, London, UK; nel 2023 alla seconda edizione di D3cam3ron3 art residency, un progetto di Francesca Cornacchini in collaborazione con Palazzo Lucarini, Trevi. Nel 2023 è finalista al Premio Cairo.
Giulio Bensasson (Roma, 1990) vive e lavora a Roma, dove ha a conseguito il diploma in Pittura e il diploma specialistico in Scultura e nuove tecnologie applicate allo spazio presso l'Accademia di Belle Arti.
La sua pratica artistica si sviluppa principalmente attraverso il linguaggio scultoreo e l'installazione.
Tra i soggetti al centro del lavoro, il tempo è elemento primario presente in molte sue opere, materiale espressivo attraverso il quale indaga il trasformarsi della materia e i processi aleatori che vi si manifestano.

Tra le mostre personali: Sediamoci qui, con un testo di Saverio Verini, Divario Space, Roma, 2023; LOSING CONTROL, a cura di Francesca Ceccherini, Fondazione Pastificio Cerere, Roma 2021; Unique, a cura di Saverio Verini, SpazioSERRA, Milano 2021; In corpore mortali, a cura di Ovidio Leuce, Friche space, Cluj Napoca 2021.
Tra le mostre collettive: Imagina, Biennale di Gubbio 2023, a cura di Spazio taverna, Gubbio, 2023; Fou Rire, a cura di Angelica Gatto e Simone Zacchini, 1/9unosunove, Roma, 2023; D3cam3ron3, un progetto di Francesca Cornacchini, Palazzo Lucarini, Trevi, 2023; Life lines, a cura di Roger M. Buergel e Francesca Ceccherini, Johann Jacobs Museum, Zurigo 2021; Now and forward pt.II, emerging artists in Rome, an expanding field, a cura di Shara Wasserman e Tiziana Musi, Temple Gallery, Roma 2019; Mirabilum archiva, a cura di Giorgia Gastaldon, Castello di San Vito al Tagliamento 2017-2018.
Nel 2022 vince il primo Premio CONAI e nel 2023 vince la XVI edizione del Talent Prize.

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso

Mostra: L'Ultimo Invitato. Giulio Bensasson & Luca Grimaldi

Roma - 1/9unosunove arte contemporanea

Apertura: 07/05/2024

Conclusione: 07/05/2024

Organizzazione: 1/9unosunove arte contemporanea

Curatore: Giulia Tornesello

Indirizzo: Via degli specchi, 20 - Roma

Inaugurazione: 7 Maggio 2024, h.18-21



Altre mostre a Roma e provincia

Arte contemporaneamostre Roma

Dialoghi silenziosi – incontri tra uomo, città e natura

La galleria Arte Borgo Gallery, venerdì 24 maggio, inaugura “Dialoghi silenziosi – incontri tra uomo, città e natura”, la mostra collettiva del Gruppo realtà e forma. leggi»

24/05/2024 - 31/05/2024

Lazio

Roma

Arte contemporaneamostre Roma

Adriana Pignataro. Argento Vivo

La personale dell'artista Adriana Pignataro dal titolo "Argento Vivo", dal prossimo 29 maggio al 12 giugno 2024, avrà luogo presso la Galleria Vittoria a Roma. leggi»

29/05/2024 - 12/06/2024

Lazio

Roma

Arte contemporaneamostre Roma

Andrea Barzini. Camerun

"Camerun" di Andrea Barzini, regista, scrittore e artista, apre alla Galleria MO.C.A. di Roma, a sostegno della scuola di musica del Maestro africano As’a Telong, dal 12 al 19 giugno 2024. leggi»

12/06/2024 - 19/06/2024

Lazio

Roma

Ingresso gratuito

Mostre multimedialimostre Roma

OxidAction. Relocating film decay

Dal 7 giugno al 31 luglio a Roma nell'ambito di Archivissima 2024, il percorso visuale e sensoriale "OxidAction / Relocating film decay" in cui il linguaggio fotografico e filmico creano nuovi immaginari. leggi»

07/06/2024 - 31/07/2024

Lazio

Roma

Arte contemporaneamostre Roma

Marco Crispano. Il volo dell'albatros

Atelier Montez è lieto di presentare "Il volo dell'albatros", una nuova mostra personale dell'artista Marco Crispano, in programma dal 31 Maggio al 14 Giugno. leggi»

31/05/2024 - 14/06/2024

Lazio

Roma

Arte contemporaneamostre Roma

Spectrum

Dal 7 al 10 giugno 2024 bar.lina è orgogliosa di ospitare "Spectrum" del fotografo Alberto Branca che amplificare le voci e la visibilità delle sfide di salute mentale che la comunità LGBTQI+ affronta. leggi»

07/06/2024 - 10/06/2024

Lazio

Roma

Arte contemporaneamostre Roma

Intus 2024

Intus 2024: dal 23 maggio 2024 al 22 gennaio 2025 Thomas Berra, Andrea Mariconti, Monica Mazzone e Silvia Negrini espongono presso la sede romana di Regione Lombardia. leggi»

23/05/2024 - 22/01/2025

Lazio

Roma

Ingresso gratuito, previa registrazione

Arte contemporaneamostre Roma

Giulietta Cavallotti. Viaggio nello spazio

A Roma, dal 25 al 28 maggio 2024, la mostra 'Viaggio nello spazio' della pittrice Giulietta Cavallotti, vincitrice del Premio Borgo 2023, apre presso La Scala d'Oro. leggi»

25/05/2024 - 28/05/2024

Lazio

Roma

Fotografiamostre Roma

Emiliano Bartolucci. Mozart

Dal 18 maggio al 31 luglio, il Teatro Portaportese di Roma ospita nel foyer un'esposizione fotografica inedita di Emiliano Bartolucci, dedicata ad una leggenda della pallacanestro. leggi»

18/05/2024 - 31/07/2024

Lazio

Roma