Arte grafica DisegnoMostre a Brescia

Majid Bita. Il canto del dolore

  • Quando:   13/12/2023 - 28/01/2024
  • evento concluso
Majid Bita. Il canto del dolore
Majid Bita, Untitled, Militanza, Courtesy Majid Bita

A un mese dell'apertura di Finché non saremo libere, mostra dedicata alla condizione femminile nel mondo con un focus sull'Iran, mercoledì 13 dicembre alle ore 18.30, il Museo di Santa Giulia arricchisce l'esposizione di un nuovo capitolo: "Il canto del dolore", instant display dell'artista iraniano Majid Bita, creatore di immagini, fumettista, graphic designer e illustratore, da tempo residente in Italia. L'esposizione è visitabile dal 13 dicembre 2023 al 28 gennaio 2024.

Risultato di un intenso scambio iniziato in occasione dell'apertura della mostra tra l'artista, la curatrice della mostra Ilaria Bernardi, il pubblico e l'artista iraniana Zoya Shokoohi, già coinvolta nell'esposizione, questo progetto è una creazione artistica partecipativa che presenta 40 racconti per immagini realizzati con acquerelli e china.

Il Comune di Brescia e la Fondazione Brescia Musei con Alleanza Cultura, promotori di questo nuovo progetto, ne hanno affidato la curatela alla stessa Shokoohi che ha scelto di allestire le opere in un abaco visivo di cinque storie, dando voce ai protagonisti delle sue straordinarie immagini, in un flusso narrativo che parla di propaganda, guerra, ribellione e militanza.

"Il canto del dolore" viene presentato al pubblico mercoledì 13 dicembre alle 18.30 al Museo di Santa Giulia, con un tra talk in cui Majid Bita e Zoya Shokoohi, dialogheranno nel cuore dello spazio espositivo.

Il 28 gennaio 2024, al termine dell'esposizione, l'instant display entrerà a far parte del portfolio di travelling exhibition con cui Fondazione Brescia Musei valorizza e promuove il proprio patrimonio culturale.... leggi il resto dell'articolo»

Majid Bita nasce nel 1985 in Iran, dove trascorre i suoi primi anni di apprendistato studiando grafica d'arte. Nel 2014 si trasferisce in Italia per dedicarsi alla pittura e poi ai linguaggi del fumetto, frequentando l'Accademia di Belle Arti di Bologna, città in cui tutt'oggi vive e lavora. Illustratore e animatore freelance, si occupa in prevalenza di illustrazione editoriale, storyboard per film, video clip musicali e di film d'animazione per vari progetti cinematografici. Ha sempre mantenuto un legame forte con la comunità iraniana in esilio in diverse nazioni, rinforzando un rapporto di scambio culturale e artistico e riconoscendo nel disegno un atto di dissidenza e di impegno politico quotidiano, come ben testimonia anche il graphic novel "Nato in Iran" (Canicola, 2023).

Zoya Shokoohi è un'artista, performer e ricercatrice iraniana, nata a Isfahan che attualmente risiede a Firenze. Dopo una formazione in ambito scientifico, ha studiato arti visive, specializzandosi in seguito in antropologia museale e dell'arte. La sua ricerca artistica si concentra sugli aspetti paradossali della vita contemporanea nel contesto del mondo globalizzato. Nei suoi progetti ricorre a differenti medium in base alle necessità delle ricerche e dei processi, mantenendo come costante il tentativo di far diventare il corpo dello spettatore parte attiva di esperienze al contempo collettive e autoriflessive. Tra gli ambiti indagati ci sono le micro-utopie, la realtà del sistema dell'arte contemporanea e dei sistemi culturali. Ha esposto in varie gallerie e musei tra cui: Motorkhoone e Aknoon (Shiraze/Isfahan, 2020), Museo Novecento di Firenze (2019), Maggio musicale Fiorentino (2019), Palazzo Scuderie Ducali di Atri per la rassegna "Stills of Peace"  (2019), Giardino dei Semplici, spazio no-profit La Portineria, area dell'ex-manicomio San Salvi e MAD (Firenze, tra il 2019 e il 2023), Spazio Matta di Pescara  per il Fla festival  (2022), festival Effetto Venezia di Livorno (2022), Casa degli Artisti e Mia Foto Fair (Milano, 2023).
Le sue opere sono state acquisite, tra le altre, dalle collezioni del Museo Novecento di Firenze e dalla Fondazione Sandretto Re Rebaudengo.

Fondazione Brescia Musei è una fondazione di partecipazione pubblico-privata presieduta da Francesca Bazoli e diretta da Stefano Karadjov. Fanno parte di Fondazione Brescia Musei Brixia. Parco archeologico di Brescia romana, Museo di Santa Giulia, Pinacoteca Tosio Martinengo, Museo delle Armi Luigi Marzoli, Museo del Risorgimento Leonessa d'Italia, Castello di Brescia Falcone d'Italia e Cinema Nuovo Eden. Fondazione Brescia Musei è, con Pinacoteca Tosio Martinengo e Museo del Risorgimento Leonessa d'Italia, ente capofila della Rete dell'800 Lombardo. I Musei Civici di Brescia sono inclusi nell'offerta di Associazione Abbonamento Musei.

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso

Majid Bita. Il canto del dolore

Apertura: 13/12/2023

Conclusione: 28/01/2024

Organizzazione: Fondazione Brescia Musei

Curatore: Zoya Shokoohi

Luogo: Brescia, Museo di Santa Giulia

Indirizzo: Via dei Musei 81, 25121 Brescia

Inaugurazione: mercoledì 13 dicembre, ore 18.30, Presentazione dell'opera e talk con l'artista Majid Bita e la curatrice Zoya Shokoohi

Orario: martedì-domenica ore 10.00-19.00 |  lunedì chiuso

Per info e prenotazioni: cup@bresciamusei.com | +39 030.2977833/34



Altre mostre a Brescia e provincia

Arte contemporanea‎

Il Novecento di Catarsini. Dalla macchia alla macchina

Il pittore e scrittore Alfredo Catarsini (Viareggio 1899-1993) è protagonista di una nuova mostra antologica negli spazi di Villa Mirabella al Vittoriale degli Italiani. leggi»

09/03/2024 - 08/09/2024

Lombardia

Brescia

Arte contemporanea‎

Mario García Torres. Gettare la spugna

Dal 24 febbraio all'8 maggio 2024 Massimo Minini presenta la prima personale di Mario Garcia Torres, artista messicano appartenente alla tradizione concettuaei e neo-concettuale. leggi»

24/02/2024 - 08/05/2024

Lombardia

Brescia

Arte moderna

Il Surrealismo. The infinite madness of dreams

Nel centenario del "Manifesto del Surrealismo" dal 23 marzo al 2 giugno 2024 il Castello di Desenzano ospita la mostra "Il Surrealismo. The infinite madness of dreams". leggi»

23/03/2024 - 02/06/2024

Lombardia

Brescia

Arte contemporanea‎

Five at Five. Spazio15

Dal 17 febbraio al 16 marzo 2024 Spazio15 presenta "Five at five" la collettiva dedicata a cinque artisti emergenti: Bislacchi, Giorgio Mattia, Valentino Russo, Edoardo Sessa, Francesca Vanoli. leggi»

17/02/2024 - 16/03/2024

Lombardia

Brescia

Pittura del '800

I Macchiaioli

Dal 20 gennaio 2024 al 9 giugno la grande mostra sui macchiaioli a Brescia. Oltre 100 capolavori di Fattori, Lega, Signorini, Cabianca e altri ancora. leggi»

20/01/2024 - 09/06/2024

Lombardia

Brescia

Scultura Arte del gioiello

Umberto Mastroianni. Come un oro caldo e fluido

Fino all'8 marzo il Vittoriale degli Italiani ospita "Come un oro caldo e fluido. Gli ori di Umberto Mastroianni": dialogo intenso tra gioielli e sculture nelle creazioni del Maestro. leggi»

30/12/2023 - 08/03/2024

Lombardia

Brescia